Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Avenged Sevenfold
The Stage
Demo

Chiral
Gazing Light Eternity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/12/16
LUCIFERIAN LIGHT ORCHESTRA
Black

09/12/16
CIRCLE OF DUST
Machines of Our Disgrace

09/12/16
NASH B.C.
Burning Babylon

09/12/16
GNAW THEIR TONGUES
Hymns For The Broken, Swollen And Silen

09/12/16
SACRIFICIO
Guerra Eterna

09/12/16
NIGHTWISH
Vehicle of Spirit

09/12/16
LUCA TURILLI`S RHAPSODY
Prometheus, Symphonia Ignis Divinus (missato in Dolby Atmos)

09/12/16
SHAPE OF DESPAIR
Alone in the Mist

09/12/16
VENEFIXION
Armorican Deathrites

12/12/16
DER ELEFANT
Elefante

CONCERTI

08/12/16
RAGE + guests
MIDIAN LIVE - CREMONA

08/12/16
DESTRAGE + LOGICAL TERROR
LA TENDA - MODENA

08/12/16
NOGRAVITY METAL NIGHT
BARRIO`S CAFE` - MILANO

08/12/16
KLIMT 1918
QUIRINETTA - ROMA

09/12/16
ALTER BRIDGE + GOJIRA + LIKE A STORM
UNIPOL ARENA - CASALECCHIO DI RENO (BO)

09/12/16
DESTRAGE
CYCLE - CALENZANO (FI)

09/12/16
TECH DEATH ALLEGIANCE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

09/12/16
NECROMASS + BANNED FROM HELL
EXENZIA - PRATO

09/12/16
AIRBOURNE
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

09/12/16
BARON SAMEDI + STONEDRIFT
ARCI TOM - MANTOVA

30 Seconds To Mars - A Beautiful Lie
( 9332 letture )
Le mode uccidono. Anche a posteriori.
E A Beautiful Lie degli americani 30 Seconds to Mars ne è forse una delle prove più bizzarre. Il gruppo capitanato dai fratelli Shannon & Jared Leto (quest'ultimo discreto attore hollywoodiano - ricordiamo le sue partecipazioni in Fight Club, American Psycho, Panic Room e nel colossal Alexander) viene spesso catalogato dagli addetti ai lavori tra i maggiori esponenti del filone EMO, alla stregua dei vari Tokyo Hotel, My Chemical Romance, Cinema Bizarre e figli più o meno (ig)noti. Niente di più sbagliato. Tant'è che mentre gli act che oggi impazzano tra le ragazzine erano ancora infanti, i 30STM uscivano nel 2005 con il loro secondo album, A Beautiful Lie, passato quasi inosservato alla critica in quegli anni, salvo poi essere ripescato grazie all'esplosione commerciale della teen generation del nuovo millennio. Nonostante abbiano già alle spalle dieci anni di attività, sei produzioni studio, tour da headliner e milioni di album venduti in tutto il mondo, si parla di loro come di una novità e il fruitore medio di rock/metal è spesso prevenuto nei confronti della loro proposta, complice il più delle volte un'immagine certamente non avulsa ai clichè del momentum.

Se però si ha la fortuna - oserei dire il coraggio - di guardare in profondità, scopriremo un'onesta band le cui influenze giocano a nascondino tra le pieghe della loro musica: non farete fatica a riconoscere l'approccio alternative di band come The Smashing Pumpkins, Weezer e Puddle of Mud, le sonorità cupe dei primi Nirvana e dei Silverchair, o come per loro stessa amissione, la grandiosità dei Pink Floyd e l'energia dei The Sex Pistols. Sebbene quest'ultimo sembri più un azzardo che altro, è innegabile che i 30STM si distinguano per capacità compositive e comunicative dai loro colleghi ascesi alla gloria di miti moderni. Va riconosciuta alla band dei Leto la capacità di andare dritti al centro con i loro pezzi, spesso caratterizzati da una struttura strofa-ritornello accattivante ed orecchiabile anche per chi ha i timpani abituati a martellamenti ben più pesanti, e di comunicare a chi ascolta quel feeling che nessuno dei loro "rivali" sembra in grado di trasporre oltre il muro della banalità.

A Beautiful Lie si apre con Attack, incalzante e dalle spiccate reminiscenze grunge, per passare alla title track, un pezzo sostenuto da una volitiva sezione ritmica e dall'interpretazione di Jared Leto, che farà del suo ottimo screaming una costante di tutto l'album. Da rimarcare inoltre l'impegno nel sociale dei 30STM, che proprio con il lancio del videoclip di A Beautiful Lie hanno inaugurato una loro campagna a sostegno dell'informazione e della ricerca sul tema del riscaldamento terrestre, in appoggio all’impegno politico dell'ex vice presidente USA Al Gore (www.abeautifullie.org). The Kill ripropone le tematiche musicali dell'opener, e si fa notare per l'apertura melodica del ritornello, che non disdegna un tuffo a piene mani nella discografia dei Foo Fighters. Was It A Dream è forse l'esempio più probante della capacità dei 30STM di tramutare in musica emozioni contrastanti - possiamo trovare nella voce di Jared la dimensione onirica del ricordo che presto vira verso un aggancio più che concreto alla realtà dell'abbandono e della fine di una relazione, tematiche sviscerate con inaspettata eleganza nel testo. The Fantasy sembra una rivisitazione in chiave alternative degli esordi dei Police, con i suoi continui passaggi ritmici in un crescendo sonoro figlio dell'ottimo amalgama tra voce e chitarra. Savoir è forse uno dei pezzi più riusciti dell'album, le cui sonorità rappresentano il vero trademark della band. Sebbene siano forti i richiami ai primi A Perfect Circle, i Leto & Co. riescono a dare quell'unità e quella concretezza alla loro musica riscontrabili anche nella successiva From Yesterday, il pezzo forse più famoso della band, in cui sicuramente si ritrovano gli espedienti tipici di una produzione market-oriented alla major americana, ma che è comunque sostenuta da una buona credibilità musicale del pezzo. The Story è forse l'episodio meno comprensibile dell'album, troppo sperimentale nella sua ricerca sonora. Si trascina senza mordente, scivolando via senza infamia e senza lode. La discesa che porta al traguardo prende forza nella convincente R-Evolve, che con il suo refrain the evolution is coming... a Revolution has begun ancora una volta sintetizza appieno la formula della band, quel compromesso spesso vincente tra melodia ed energia, tra razionalità ed impulso. A Modern Myth chiude con un pizzico di malizia (come non leggere una critica nemmeno troppo velata alla mitizzazione degli artisti contemporanei) ricordando molto da vicino nello sviluppo melodico i Nirvana di Something In The Way, ma che a differenza di questa cresce assieme alla passionalità cruda e travolgente della voce di Jared Leto.

A Beautiful Lie è un disco da ascoltare ad occhi chiusi e mente sgombra da pregiudizi di sorta. Cercate di dimenticare MTV e la sua continua tempesta mediatica, e lasciatevi trascinare verso l’alto da Mithra, la fenice logo del gruppo. Provehito in Altum, appunto, e se come me avete qualche anno di militanza grunge ed alternative alle spalle, potrebbe rivelarsi un piacevole tuffo nei ricordi.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
46.20 su 43 voti [ VOTA]
Nattramn
Mercoledì 3 Giugno 2015, 15.58.12
34
ALLAUH AKBAR
bs990
Mercoledì 3 Giugno 2015, 15.55.37
33
Non sono metal assolutamente. Probabilmente in qualche tratto assumono qualche sfumatura rock. Comunque buon disco apprezzabile anche da chi non pratica il genere. Alcune canzoni sono anche coinvolgenti.
mjk
Giovedì 23 Ottobre 2014, 21.23.29
32
La voce del cantante mi irrita da morire. Urla abbastanza bene ma il cantato pulito mi fa vomitare
boh
Martedì 16 Settembre 2014, 16.42.06
31
Perche avete recensito questi e non i three days grace che almeno sono alt-metal?
VomitSelf
Martedì 9 Settembre 2014, 20.32.45
30
Pure crap. Detto in italiano: merda colata
Beta
Martedì 9 Settembre 2014, 19.06.09
29
A me quest'album piace. Niente metal, ma onesto rock anche piuttosto accattivante. concordo con la recensione, bisogna tralasciare i pregiudizi e ascoltarlo partendo da zero (purtroppo è stata una band rovinata da adolescenti in calore che ascoltavano questa band per il testosterone e non per la musica e non hanno mai capito una ceppa del significato dei brani)
Nu Metal Head
Martedì 9 Settembre 2014, 18.31.38
28
penso che il post di brutal metalhead sia fortemente ironico...
ma stiamo scherziamo
Martedì 9 Settembre 2014, 14.07.51
27
@brutal metalhead: spero che tu sia un troll, se pensi che qualche urlo renda metal questi tizi allora non hai capito una sega di metal
Nu Metal Head
Giovedì 4 Settembre 2014, 19.21.41
26
beh nel primo album c'era una gran bella canzone come "capricorn (a brand new name)", anche se a dire il vero le altre non mi sembravano dello stesso livello... all'interno del panorama nu metal era pressoché un gruppuncolo...
brutal metalhead
Giovedì 4 Settembre 2014, 13.21.17
25
Ma questo è metal!!!! Anche più degli iron maiden, metallica, slayer ecc... Infatti ci sono degli urli, a differenza dei gruppi citati che sono solo poser!
Ingo Fly Free
Giovedì 4 Settembre 2014, 12.44.35
24
Non ha senso comunque recensire questo e non il primo, che amleno aveva delle influenze nu metal (ed era molto migliore imho)
Antonio Giorgio"REAL"
Venerdì 8 Agosto 2014, 23.06.01
23
Ancora una volta non sono io ragazzi,c'è qualcuno che si sta spacciando per me cercando d'imitare(inutilmente e goffamente,anche se è divertente da un certo punto di vista e il tipo ha afferrato alcune mie direzioni"stilistiche"a livello di gusti)la mia "prosa". L'unico vero sono io e non ho tempo per mettermi a fare commenti del genere sul lavoro altrui. Divertente ripeto,ma al tipo direi di darci un taglio. AG
Enrideath
Domenica 13 Gennaio 2013, 0.47.20
22
Non capisco perché recensire album del genere su una webzine metal, a mio parere l'unico degno di essere recensito qui sarebbe l'omonimo del 2002, che mostrava quantomeno un barlume di personalità, che hanno perso totalmente, soprattutto riguardo alle chitarre...
Mithra
Martedì 8 Gennaio 2013, 15.41.10
21
Che i pareri sian soggettivi non ci piove, influenzati dal gusto e dalle sensibilità di ognuno. Sul fatto del “profondo oblio” però ci andrei cauto – oblio commerciale? Lo dubito fortemente, diversamente non avrebbe senso per etichetta e management investire con mesi di anticipo su di un tour europeo fatto di festival e open air. Oblio artistico? Credo che nel panorama rock-indie abbiano molto da dire, e che molto sia già stato detto. Tendo sempre a diffidare di chi distribuisce “morte professionale” con estrema disinvoltura… ricordiamo sempre che i cosidetti “esperti” avevano già celebrato svariati funerali di una band come gli Alice in Chains, e mi pare invece che siano vivi, vegeti e ancora avanti anni luce rispetto al panorama musicale odierno. I 30STM non saranno certo dei pionieri, ma sanno il fatto loro. Detto questo, come scrivevo qualche riga più su, i gusti son gusti – l’importante è non foderarsi l’udito del banale pregiudizio secondo il quale un gruppo che piace alle ragazzine dev’essere per forza una patacca colossale.
BILLOROCK fci.
Martedì 8 Gennaio 2013, 7.25.51
20
Caro Antonio, sarebbe l'ora di piantarla con i cannoni, specialmente in ambito musicale, per il resto sono pareri tuoi soggettivi, definire quest album un "opera" è esagerato, questa band è pronta a tornare nel suo profondo oblio...
Antonio Giorgio Golden Metal
Martedì 8 Gennaio 2013, 1.48.21
19
Disco di raro splendore capace di regalare emozioni a profusione,tutti i musicisti sono estremamente competenti e molto preparati ma il vero protagonista è Jared Leto,singer che,oltre ad essere fisicamente un bellissimo ragazzo(e l'eyeliner contribuisce ad accentuare i suoi magnifici occhi carichi di pathos),è capace di trasmettere un feeling intenso che rimanda all'emotività di Geoff Tate e alla teatralità di David DeFeis,con testi di profondo spessore che richiamano a livello di contenuti le opere di John Milton e Oscar Wilde.Capolavoro ineguagliabile.
Holy Smoke
Lunedì 8 Ottobre 2012, 15.55.33
18
CAOLAVORO !!
JokAR
Lunedì 8 Ottobre 2012, 15.48.58
17
L omonimo album 30 seconds to mars è veramente ottimo, piano piano si sono commercializzati purtroppo... Senza di loro però non avrei mai iniziato ad ascoltare quella che si può chiamare "Musica", non li ringrazierò mai abbastanza... Provehito in altum
Delirious Nomad
Lunedì 8 Ottobre 2012, 15.16.19
16
Un buon disco, piacevole, alcuni momenti estremamente coinvolgenti. Un tassello dei miei anni B.M. (before metal)
Ubik
Sabato 4 Agosto 2012, 16.14.23
15
Ascoltabili ma la voce non mi piace proprio... Vabbè che esagerazione billo xD
freedom
Sabato 4 Agosto 2012, 15.41.35
14
Hai tutto il mio appoggio Billo.
il vichingo
Sabato 4 Agosto 2012, 15.35.19
13
Billoooo... che ti succede??
BILLOROCK Fci.
Sabato 4 Agosto 2012, 15.34.42
12
bip-_--_-_---_--- Biiiip----------
BILLOROCK Fci.
Sabato 4 Agosto 2012, 15.32.24
11
pant... pant... anf...anf... O-o' av...avete recesito questi?? oddioooo Oddioooo..... a questo punto dovete recensire max pezzali... anf .. oddio.. la pressione.... aaaahh...
BILLOROCK Fci.
Sabato 4 Agosto 2012, 15.30.46
10
ARRRGGGGGGHH!!
Nu Metal Head
Sabato 14 Luglio 2012, 17.18.12
9
attack è un bel pezzo, ma io piuttosto citerei l'album omonimo del 2002... lì ancora si parlava di nu metal, anche se a dire il vero loro non sono mai stati un gruppo nu metal vero e proprio... comunque un brano come capricorn (a brand new name) era molto accattivante.
30 seconds to jared
Sabato 26 Marzo 2011, 17.33.58
8
gli avrei dato 85,amo i 30 seconds to mars
MegaSimo
Giovedì 11 Febbraio 2010, 20.05.32
7
I primi due album sono davvero ottimi! l'ultimo francamente lo trovo sottotono e sottoritmo... a parte Kings and queens...
Emiliano
Lunedì 16 Novembre 2009, 20.17.01
6
Mi ritrovo pienamente nella recensione,o quasi..ottimo disco,dalle forti reminiscenze a perfect circle e dredg,nelle parti piu' intime e malinconiche..sicuramente la miglior band dell'intero movimento alternative,di emo sinceramente nn ci trovo proprio nulla,per fortuna..e nemmeno dei the sex pistols sinceramente..nei lavori dei 30 seconds to mars aleggia sempre quell'alone malinconico,anche nei pezzi piu' energici.. 75 il mio voto..l'album precedente ed omonimo era piu' ispirato..vedremo il prossimo..sicuramente ci dirà se i 30 seconds to mars meritano davvero qsto successo..il nuovo singolo kings and queens,cmq, ci lascia ben sperare..stupenda..
NoRemorse
Mercoledì 21 Ottobre 2009, 20.40.54
5
Ottimo album e bellissime canzoni...fossere tutti così gli album commerciali...
Element
Martedì 21 Luglio 2009, 9.13.48
4
Appare anche in " Lord Of War" come fratello di Nicholas Cage.... Cmq bella recensione. Possono andare più che bene nei momenti in cui si vuole ascoltare qualcosa di più easy...
mithra
Giovedì 9 Aprile 2009, 20.41.00
3
grassie a tutti e due, troppo buoni... caro Nikolas, mi vedrò questo Requiem allora! per quanto riguarda il disco, merita se ti piace/piaceva il genere, poi ognuno ha le sue idee e va bene così... io sono sempre per il provare, poi al limite se non piace pazienza, hai perso 40 minuti della tua vita...
Nikolas
Mercoledì 8 Aprile 2009, 20.48.03
2
Benvenuto FIlippo! Onestamente la band non mi dice nulla ma sostanzialmente perchè non li conosco quasi se non per i pezzi da MTV (appunto), comunque ottima recensione in quanto a stile PS Jared Leto è un buon attore, è anche in Requiem For A Dream (film stupendo)
Khaine
Mercoledì 8 Aprile 2009, 19.13.40
1
Recensione favolosa, punto! Benvenuto Filippo
INFORMAZIONI
2005
Virgin
Post Grunge
Tracklist
1. Attack (03:09)
2. A Beautiful Lie (04:05)
3. The Kill (03:51)
4. Was it a Dream? (04:15)
5. The Fantasy (04:29)
6. Savior (03:24)
7. From Yesterday (04:08)
8. The Story (03:55)
9. R-Evolve (03:59)
10. A Modern Myth (+ Praying for a Riot) (14:14)
Line Up
- Tomo Milicevic - chitarra
- Jared Leto - chitarra, voce
- Shannon Leto - batteria
- Matt Wachter - basso
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]