Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
ARKHERON THODOL
Rituals of the Sovereign Heart

30/10/20
CURIMUS
Garden of Eden

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

30/10/20
STALKER
Black Majik Terror

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Christopher Lee - Charlemagne - By the Sword and the Cross
( 6745 letture )
Annunciatissimo e attesissimo, sul progetto Charlemagne si apre finalmente il sipario. È tempo di giudicare, anche se potrebbe far male: chi in fondo non stima Christopher Lee, imprescindibile pilastro del cinema e del teatro mondiale? La prima impressione che questo By the Sword and the Cross offre è incredibilmente pacchiana, tuttavia piacevole per la minuzia dei particolari. Non ci riferiamo ovviamente agli agghiaccianti video promozionali comparsi in rete, ma alla musica, più vicina alla colonna sonora che a un album symphonic come siamo abituati a sentirlo. L’Opera è ben strutturata, divisa in cinque atti, ognuno dei quali composto da un’Intro e da una scena vera e propria: e la passione traspare da ogni solco. La passione di chi, come Christopher Lee, scopre ad ottantotto anni di essere “metal”, e vuole onorare con un prodotto maestoso i suoi antenati (è discendente di Re Carlo da parte di madre, nota modella per quadri del primo Novecento), e di chi lo sostiene ad occhi chiusi.

L’Ouverture è ovviamente sinfonica, e porta con delicatezza l’ascoltatore indietro nel tempo; l’Intro del primo atto è narrata, e sfocia in King of the Franks, dove Lee canta la fierezza del re dei Franchi duettando con gli altri personaggi. Inutile soffermarsi sulla trama, eccessivamente indulgente sulla figura di Carlo, del quale viene offerto un ritratto con molto bianco e troppo poco nero, nonostante gli ovvi chiaroscuri della vita del Re. Più utile precisare come le prime chitarre compaiano in The Iron Crown of Lombardy, rimanendo comunque in secondo piano rispetto alle cattedrali sinfoniche erette intorno al timbro basso ed epico di Lee. Curioso inoltre come gli altri cantanti si trovino in difficoltà a replicare i bassi dell’attore inglese, che di fatto li costringe ad acrobazie armoniche non di poco conto. Le narrazioni, affidate alla di lui figlia Christina, in realtà tolgono ritmo ed intensità al platter, che per il resto si muove su coordinate di rara raffinatezza compositiva, pur essendo necessarie per tirare le fila di una storia lunga e complessa. Di certo però i dialoghi cantati (se fossimo all’Opera si direbbero recitati) sono di livello stellare –sentire i fraseggi di The Bloody Verdict of Verden per credere e sognare. Christopher Lee insinua la gloria della battaglia, lo spargimento di sangue sassone, nelle orecchie, nelle menti di chi ascolta rapito: le doti recitative –e questo serva a tutti i cantanti– sono una delle parti fondamentali nella riuscita di un album. Lee è Carlo Magno, lo incarna con tutto lo spirito, e dona anima e vita ad un disco già di per sé ben fatto. Starlight -con Finale sinfonico annesso– conclude l’Opera vera e propria, un tripudio di emozioni e sensazioni, un film musicale senza pari e paragoni. Si riescono quasi a vedere i titoli di cosa scorrere, l’adrenalina da film scendere, le gambe protestare per la scomodità della poltroncina, le luci che si accendono e la sala che si svuota. L’appendice di Iberia, ancora più caratterizzata teatralmente per descrivere l’immensa campagna contro i Mori, e la versione strumentale di The Bloody Verdict of Verden favoriscono il rilassamento, ma sono un corollario poco significativo.

Una delle più grosse sorprese dell’anno, un disco solido, stentoreo per forza espressiva e vitalità, un grande prodotto artistico fatto di coraggio e voglia di fare. Applausi a Christopher Lee, genio artistico del Novecento in grado di stupire e di incantare.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
49.78 su 41 voti [ VOTA]
Gahalad
Giovedì 8 Settembre 2011, 18.08.21
17
@Warty Ascoltato stamattina e mi è piaciuto moltissimo, anche se dovrei dargli qualche ascoltino in più. Christopher Lee è davver grande. Citando un commento letto su YouTube tempo fa: "Quando si morirà e si andrà in paradiso, Dio avrà la voce di Christopher Lee". Chi avrà la voce di Christopher? Non insultiamo egli ormai è un dio pagano venerato da molti. Egli è IMMORTALE
Filippo Festuccia
Giovedì 17 Giugno 2010, 14.46.24
16
Sì, serve un libretto con le battute dei personaggi. Io non ce l'avevo, non l'ho mai cercato ma effettivamente serve.
AdemaFilth
Giovedì 17 Giugno 2010, 14.33.54
15
Devo trovare le liriche altrimenti non ci capirò niente .-.
Warty
Domenica 6 Giugno 2010, 18.22.07
14
Ascoltato stamattina e mi è piaciuto moltissimo, anche se dovrei dargli qualche ascoltino in più. Christopher Lee è davver grande. Citando un commento letto su YouTube tempo fa: "Quando si morirà e si andrà in paradiso, Dio avrà la voce di Christopher Lee". Complimenti anche per la bellissima rece Zara!
Bone Pupkin
Mercoledì 24 Marzo 2010, 14.33.45
13
Mi accodo a Renaz ... progetto interessante e divertente!!! Però ha delle mancanze ... devo ascoltarlo meglio, ma in questo momento non mi ha comvinto particolarmente!! Stiamo a vedere se con l'ascolto aumenta il piacere )
frankiss
Martedì 23 Marzo 2010, 17.59.14
12
Concordo con te Filippo...sicuramente Lee non ha bisogno di soldi, un maestro indiscusso e riconosciuto...parlo di chi ha partorito e pianificato a tavolino il progetto....andiamo oltre l'apparenza e il prodotto indubbiamente di qualità...e troveremo scaltri manager dai denti aguzzi che cavano sangue dalla sabbia del Sahara...
ixo
Martedì 23 Marzo 2010, 17.29.32
11
al quarto atto ho decretato il mio verdetto: bocciato mi pare un tantino pacchianotto..
Filippo Festuccia
Martedì 23 Marzo 2010, 13.35.40
10
@Frankiss: non è che Lee abbia sto bisogno di soldi tale da spingerlo a mettersi in gioco così clamorosamente... @Nightblast: ma se può darci emozioni anche così... @Renaz: divertente in che senso? @Stefano: è anche la mia idea
Renaz
Martedì 23 Marzo 2010, 11.54.02
9
Dal poco che ho sentito l'ho trovato un progetto molto divertente, concordo...
stefano
Martedì 23 Marzo 2010, 11.45.34
8
Io appartengo alla categoria di chi lo sostiene ad occhi chiusi xò vogliamo mettere, Christopher Lee?! Album sinfonico su Carlomagno?!! Ma cosa si può volere di più?! tanto di cappello ad una icona del cinema e dello spettacolo che anche a questa età è pronta a mettersi in gioco e non rinuncia mai a fare spettacolo, a stupire e a proclamare a gran voce le proprie passioni!!!
andrea
Martedì 23 Marzo 2010, 10.51.57
7
io lo trovo un progetto quantomeno divertente e sicuramente non meno interessante di molti altri "symphonic acts". lo ascolterò di sicuro! e anzi, ho in mente di regalarlo per un compleanno...
Metal 73
Martedì 23 Marzo 2010, 8.01.59
6
E' solo un opera sinfonica che con il metal non ha nulla a che fare , se non per l'atmosfera epica ricreata. Mah! Sicuramente a qualcuno piacerà.
frank
Martedì 23 Marzo 2010, 0.57.27
5
che schifo!!!
Frankiss
Martedì 23 Marzo 2010, 0.47.15
4
bella recensione...ma a me questo progetto sa di pura "sola" commerciale...
Nightblast
Lunedì 22 Marzo 2010, 23.17.18
3
Bah...che cosa inutile. Che faccia l'attore.
Ghenes
Lunedì 22 Marzo 2010, 23.02.22
2
interessante! vedrò di ascoltarlo...
Filippo Festuccia
Lunedì 22 Marzo 2010, 17.17.37
1
comincio subito col dire che non ho trovato da nessuna parte i dati dell'orchestra e della band di supporto. se qualcuno li ha, me li faccia notare e li inserirò. grazie mille e scusatemi.
INFORMAZIONI
2010
Charlemagne Productions
Symphonic Metal
Tracklist
1. Ouverture
2. Act I – Intro
3. Act I – King of the Franks
4. Act II – Intro
5. Act II – The Iron Crown of Lombardy
6. Act III – Intro
7. Act III – The Bloody Verdict of Verden
8. Act IV – Intro
9. Act IV – The Age of Oneness out of Diversity
10. Act V – Intro
11. Act V – Starlight
12. Finale
13. Hiberia
14. The Bloody Verdict of Verden (Instrumental)
Line Up
Christopher Lee – Charlemagne
Christina Lee – Narrator
Phil SP – Pippin the Short
Mauro Conti – Pope Hadrian
Vincent Ricciardi – Young Charlemagne
Lydia Salnikova – Hildegard
Christi Ebenhoch – Storytelling Singer
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]