Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Psychotic Waltz
The God-Shaped Void
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

20/02/20
SKYFOREST
A New Dawn

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

21/02/20
H.E.A.T
H.E.A.T

21/02/20
HEATHEN FORAY
Weltenwandel

21/02/20
VERIKALPA
Tuoppitanssi

21/02/20
OZZY OSBOURNE
Ordinary Man

21/02/20
PRIMEVAL MASS
Nine Altars

21/02/20
RE-MACHINED
Wheels Of Time

21/02/20
SECRET RULE
Against

CONCERTI

20/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
DRUSO - RANICA (BG)

20/02/20
PAPA ROACH + GUESTS
ALCATRAZ - MILANO

20/02/20
NANOWAR OF STEEL
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/02/20
DEWFALL + GUESTS
EQUINOX CLUB - VEROLI (FR)

21/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/02/20
NANOWAR OF STEEL
VOX CLUB - NONANTOLA (MO)

21/02/20
ASPHODELIA + GUESTS
EXTREME FOVEA ATTACK - FOGGIA

21/02/20
WICKED ASYLUM + VIOLAFUEL
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

22/02/20
STIGE FEST
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/02/20
UNEARTH + PRONG + DUST BOLT
LEGEND CLUB - MILANO

A Total Wall - Soundtrack for Your Honeymoon
( 889 letture )
Gli A Total Wall si formano a Milano nel marzo 2009 dall'idea di Umberto e Davide, i quali con passione cercano di comporre una musica tecnica con varie influenze dovute alle esperienze diverse dei due musicisti. Nel 2010 esce il primo EP True Fear, mentre l'anno seguente arriva anche Incide. In pratica entrambi gli EP sono composti dal duo con l'aiuto di amici per le parti di basso.
Nel 2012 finalmente, arrivano rispettivamente Daniele alla voce e Riccardo al basso e con questa formazione la band trova una certa stabilità; in questo modo arrivano i primi live e le composizioni si fanno più complesse e più vicine ad un djent math-groove metal fino ad arrivare alla pubblicazione (autoprodotta anch'essa) del presente Soundtrack for Your Honeymoon nel quale però le parti vocali sono a cura di Davide.

La prima sensazione è quella di trovarci davanti ad un prodotto dove la maggiore influenza è quella dei Meshuggah, ovviamente con le dovute proporzioni. Dopo l'intro parte il primo brano Sentence: la produzione di questo nuovo EP è decisamente superiore ai due precedenti, le linee di basso di Riccardo danno più corpo alla composizione, con un incedere tipico del genere e la voce in un growl discreto. Il brano si sviluppa su metriche sincopate ma che non trovano uno sbocco in alcuna soluzione anzi, l'ultimo minuto è snervante per la ''lunghezza'' e la ripetitività. La quarta canzone Pure Brand è decisamente più tecnica, con inserti addirittura elettronici nascosti nel magma sonoro del quartetto per poi stupire con un'aria acustica che è un po' forzata all'interno del brano, il quale poi torna sul classico “elastico” musicale, riscontrabile nelle produzioni djent-groove.
Gli A Total Wall non nascondono le influenze succitate, nonostante il loro background sia alquanto distante da queste sonorità, però non è facile creare un reale interesse attorno ad un genere dove la tecnica musicale deve essere veramente a livelli ineccepibili, perché al contrario diventa molto semplice cadere nel tranello della trama musicale fine a se stessa, intricandosi ed inseguendosi in un puzzle senza soluzioni di sorta. Avventurarsi nei percorsi musicali tracciati da band come i già citati Meshuggah e in alcuni tratti i Gojira (come nell'ultimo brano We Love Everybody) non è per niente facile, proprio a causa alle complessità intrinseche nel genere.

Tutto sommato gli A Total Wall non sono insufficienti, anche perché il loro percorso non è fin qui semplice, con una instabilità a livello di formazione che inevitabilmente ha reso difficile la loro maturazione compositiva. Inoltre sembrerebbe che attualmente siano alla ricerca di un cantante, quindi per questi ragazzi di Milano la strada si presenta nuovamente in salita; certamente la voglia di suonare è tangibile nella loro perseveranza dopo cinque anni dalla loro formazione e da allora sono stati fatti dei passi avanti, però cercare di variare il loro modo di comporre non potrà far altro che bene. Da segnalare che questo EP è scaricabile gratuitamente dal sito della band.



VOTO RECENSORE
64
VOTO LETTORI
73.85 su 7 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2014
Autoprodotto
Djent
Tracklist
1. Intro
2. Sentence
3. Scarf
4. Pure Brand
5. YWAH 2.0
6. We Love Everybody
Line Up
Umberto Chiroli (Chitarra)
Riccardo Maffioli (Basso)
Davide Bertolini (Batteria, Voce)
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]