Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
MYSTERY BLUE
8red

20/09/19
MONOLORD
No Comfort

20/09/19
KADAVAR
For the Dead Travel Fast

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
KOBRA AND THE LOTUS
Evolution

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

The Pixies - Surfer Rosa
08/09/2019
( 638 letture )
Difficile trovare una band che abbia influenzato più generi all’interno del recinto del rock come i Pixies. Agendo su una base garage rock, hanno attinto (in parte stravolgendoli) da alcuni canoni che coprono un range enorme, dalla new wave al pop passando per tutto ciò che si trova in mezzo ed oltre, influenzando così una marea di gruppi. Ad esempio quei Nirvana che raccoglieranno enorme successo saccheggiando a piene mani dal loro stile per comporre Smells Like Teen Spirit, Bowie e innumerevoli altri.

Coagulatisi a Boston per iniziativa di Joey Santiago e Black Francis - ai quali di uniranno poi Kim Deal e David Lovering - i Pixies generarono con Surfer Rosa un’autentica scossa elettrica che attraverserà il mondo dei College americani, per poi propagarsi ovunque. Prodotto dal grande Steve Albini e divenuto in un tempo relativamente breve anche un fenomeno da classifica indie, Surfer Rosa si rese riferimento post-punk in grado di essere inserito nella programmazione dei locali più "Off", come di arrivare nelle stanze degli studenti universitari dei Campus e nelle case delle tranquille periferie. Includendo molti degli insegnamenti degli anni 60 e mettendo sul mercato un ibrido tanto semplice, quanto isterico e dissonante, la band mise insieme un lotto di pezzi quasi tutti brevi come il punk più immediato prescriveva, acidi e dissonanti, ma capaci di parlare a tutti. Nonostante, o forse anche per merito di testi irriverenti, sgangherati e gergali che molti ragazzi del tempo trovarono perfettamente adeguati al proprio linguaggio. Lungo la scaletta troviamo quindi l’incalzare ossessivo di Bone Machine e la pseudo-sigla da cartoon freak di Tony's Theme; l’allegria acida e melodica simile a quella di un certo synth-pop anni 80 di River Euphrates e la ripresa allucinata dello ska di Something Against You; la follia di Oh My Golly ed il punk schizzato ed alcolico di Broken Face; pezzi come Cactus e Break My Body, con il primo che arrangiato e prodotto in modo adeguato potrebbe tranquillamente essere un anthem metal e il secondo a chiarire ancora perché Kobain li ammirasse tanto. I due brani principali, però, restano la simil-ballad Gigantic, probabilmente il pezzo più noto del lavoro e Where Is My Mind?, forse la canzone che meglio sintetizza l’album e quel momento dei Pixies.

Uscito dopo l’EP Come On Pilgrim, l’album Surfer Rosa rimane insieme a Doolittle una delle poche pietre miliari di una certa scena debitrice verso quanto venuto prima in maniera assolutamente trasversale – dagli artisti made in U.S.A. più alternativi del passato ai Violent Femmes, giusto per dare un paio di riferimenti generici – anche per merito del suono. Il lavoro non convenzionale di Albini, il quale operò nei dieci giorni delle registrazioni (in realtà ne sarebbero bastati meno, ma si decise appunto di sperimentare qualcosa di diverso), utilizzando per esempio il bagno dello studio in luogo della sala per Where Is My Mind? e Gigantic. Surfer Rosa resta a tutt’oggi un nuovo modo di declinare il Rock che insieme forse solo a certe cose dei Sonic Youth ha cambiato davvero tutto e non è un caso che la fama della band crebbe in maniera esponenziale dopo lo scioglimento, quando lo scorrere del tempo mise in luce quante e quali band si siano ispirate direttamente o indirettamente a loro. Il ritorno coronato da enorme successo che continua anche dopo l’entrata di Paz Lenchantin (A Perfect Circle; Zwan) al basso in luogo di Kim Deal, è solo un riconoscimento dovuto dopo che altri hanno preso meriti non completamente loro.

"Stavo cercando di scrivere per i Nirvana la canzone pop definitiva. In realtà devo ammettere che stavo derubando i Pixies. Quando li ho sentiti per la prima volta mi sono immedesimato subito. Ho pensato che avrei voluto suonare con loro, o almeno essere in una cover band dei Pixies. Abbiamo usato il loro stesso tipo di dinamica sonora: prima morbidi e tranquilli, poi rumorosi e duri".
Kurt Cobain



VOTO RECENSORE
91
VOTO LETTORI
86.2 su 5 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Sabato 14 Settembre 2019, 11.10.08
15
Mi sono preso una settimana di ascolti per poter rispondere a @Galilee. La definizione che ho letto in un libro che definisce l'album "pop-noise" è perfetta. Ed è il motivo che mi piace di più l'EP "Come on pilgrim" perché la componente pop prevale su quella noise. Poi siam d'accordo che Where is mi mind? (ottimo il rimando al Fight club) è uno dei capolavori degli anni '90. Peccato che sia stata pubblicata due anni prima. A conferma della suo essere autenticamente fondamentale per tutto un certo modo di concepire il rock. Tra i pregi di Surfer Rosa vi è sicuramente quello di durare poco più di mezzora in modo da consentire molteplici ascolti. E poi, dai...cos'è tutto questo sbrodolarsi per Kim Deal, volete mettere sua sorella Kelley? (a distanza di 25 anni devo ancora capire chi è chi nel video di Cannonball dei The Breeders)
L'ImBONItore
Lunedì 9 Settembre 2019, 17.50.07
14
Eeeeee opeva incvedibile Eeeeee opeva museale Eeeeee opeva clamovosa Eeeeee opeva concettualmente sublime Eeeeee opeva che si insevisce eeeee di diritto tra i gvandi protagonisti del '900 Eeeeee opeva stupefascente Eeeeee opeva che si insevisce idealmente tra un Andy Warhol eeee un Bonalumi
duke
Lunedì 9 Settembre 2019, 14.56.14
13
...una band davvero interessante...il loro disco piu' bello...voto giusto....
Stagger Lee
Lunedì 9 Settembre 2019, 13.16.29
12
anche per me un capolavoro!
Raven
Lunedì 9 Settembre 2019, 10.52.04
11
Era un copia-incolla della citazione. La cosa conferma come si deva sempre controllare tutto e non fidarsi di nulla e di nessuno. Grazie per la segnalazione
No Fun
Lunedì 9 Settembre 2019, 10.43.08
10
ehm @Raven, Cobain con la C, non con la K
Tito
Lunedì 9 Settembre 2019, 4.20.34
9
Dico solo una parola Capolavoro.
Testamatta ride
Domenica 8 Settembre 2019, 22.27.52
8
La scena finale di Fight Club che sfuma sulle note di Where is my mind? e' una delle più grandi congiunture astrali tra cinema e musica.
Galilee
Domenica 8 Settembre 2019, 21.39.28
7
Eh eh.... ma non l'ho citato a caso difatti. È che questo disco è un po' una Bibbia di tutto ciò che sarà.
No Fun
Domenica 8 Settembre 2019, 21.34.56
6
@Gal non so se ho voglia di dedicarci tutto sto tempo! Comunque se mi citate (come Raven) i Sonic Youth e pure Safe as Milk cioè uno dei miei gruppi e uno dei miei dischi preferiti giocate sporco eh... @Rob invece io ho sbavato per i Sonic Youth, tra l'altro visti mi sembra nel 95 al Vox fu una delle serate più divertenti dei miei Nineties (maledetto Metallized che rivanga e rivanga...)
Galilee
Domenica 8 Settembre 2019, 21.19.25
5
Dal mio punto di vista è un disco che necessita sicuramente molti più ascolti di quanto non lo richieda un album dei Tool. Vista ls sua disomogeneità. Cito i Tool perché sono comunque una band impegnativa e se nesta parlando in questi giorni.
Galilee
Domenica 8 Settembre 2019, 21.15.06
4
Questo disco non ha una fruibilità alla Nevermind comunque. E risulta più ostico di tuttal a loro discografia. Diciamo che assomiglia più a qualcosa dei Sonic Youth pre experiment jet set. L.alternanza qua è schizofrenica sempre. Per non parlare delle sonorita che sono tra le piu svariate. Nei grandi e lunghi dischi l'alternanza è una necessità. Dal White album a Phisical Graffiti ad un SaFe as milk per citarne tre a caso. Riascoltatelo bene. Un disco di tale caratura non può e non deve non piacere. A meno che odiate tutto il rock nato dal post punk fino a fine anni 90. Raven impeccabile come sempre. Ma avrei dato 95.
Rob Fleming
Domenica 8 Settembre 2019, 21.11.09
3
Caro @No Fun, siamo in due. Diligentemente lo presi perché nelle discoteche alternative Where Is My Mind era un passaggio obbligato - ed è bella - ma non mi ha mai detto molto (come del resto i Sonic Youth). L'ho riascoltato oggi sull'onda dell'entusiasmo della recensione, ma il giudizio non cambia.
No Fun
Domenica 8 Settembre 2019, 20.45.34
2
Raven che recensisce i Pixies o.O citando pure i Sonic Youth e pure Kurt (2 volte) o.O ah ah scherzo. Comunque a riprova che non capisco niente di musica a me questo album non è mai piaciuto molto e il motivo è quello di cui parla Kurt, la dinamica sonora morbidezza - durezza, che infatti mi fa apprezzare molto meno Nevermind rispetto a Bleach o a Incesticide. Inoltre un giorno ero con una tipa, mette su un cd, e io: "cosa sono, i Muse?" (dei quali conosco mezza canzone). La tipa mi guarda con aria schifata: "cazzo dici, sono i Pixies!!" Figura di merda. Bah, fanc... lei, i Muse e i Pixies. Ecco. Scherzi a parte me lo riascolterò, prima o poi la finirete di rivangare i Nineties
Galilee
Domenica 8 Settembre 2019, 19.44.25
1
Un disco della madonna. Ci sono già tutti gli anni 90 e siamo nel 88. Un disco da imparare a memoria.
INFORMAZIONI
1988
4AD/Rough Trade
Rock
Tracklist
1. Bone Machine
2. Break My Body
3. Something Against you
4. Broken Face
5. Gigantic
6. River Euphrates
7. Where Is My Mind
8. Cactus
9. Tony’s Theme
10. Oh My Golly!
11. Vamos
12. I’m Amazed
13. Brick Is Red
14. Caribou *

* versione europea
Line Up
Black Francis (Voce, Chitarra)
Joey Santiago (Chitarra)
Kim Deal (Basso, Voce)
David Lovering (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]