Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

Electrocution - Inside The Unreal (20th Anniversary Limited Edition)
( 5189 letture )
Il 1993 per il death metal fu un anno di grandissimi dischi: i Death con Individual Thought Patterns, i Morbid Angel con Covenant, i Dismember con Indecent & Obscene oppure gli Atheist con Element o i Cynic con Focus, e la lista potrebbe continuare. Grossi nomi e dischi fondamentali per questo violentissimo genere che conosceva allora, a cavallo tra i due decenni, uno dei suoi picchi massimi. E l’Italia? Beh in Italia usciva un signor disco come Above the Light dei Sadist. Disco relativamente famoso, anche tra chi magari non è appassionato nello specifico di death metal. E poi? Beh poi ci sono gli Electrocution. Chi? Gli Electro-cosa?

Signore e signori, deathster ed extreme metalhead in generale, per chi di voi rispondesse così alla domanda “li conosci gli Electrocution?”, fareste bene a correre nel vostro negozietto di musica preferito, oppure su di un qualche sito e ordinare una copia di questo gioiello, questa pietra miliare, questo capolavoro di death nostrano. Non vi preoccupate per la disponibilità, la Goregore Records (sub-label della italiana Aural Music, etichetta nel cui roster figurano band come Rain e Theatres Des Vampires) ha avuto oggi la sacrosanta idea di pubblicare una versione rimasterizzata e con un nuovo artwork in formato digipack di questo imprescindibile capolavoro di metal estremo, a vent’anni dalla sua pubblicazione.

Ma veniamo al dunque, chi sono gli Electrocution? La band si formò a Bologna nel lontano 1990. Dopo tre demo pubblicò questo Inside the Unreal, all’epoca per Contempo Records, etichetta italiana ormai defunta che pubblicò alcuni dischi di Death SS ed Extrema. La band girò in tour di supporto a vari grossi nomi del panorama death mondiale (tra cui i Carcass nel ’94) e poi si sciolse nel ’97 con all’attivo un solo album e un paio di Ep. Oggi la sezione ritmica degli Elctrocution fa parte degli Idols Are Dead, band melo-thrash nostrana. Curiosità: il chitarrista Alex Guadagnoli partecipò ad una selezione della Roadrunner Record per i papabili sostituti di Max Cavalera nei Sepultura, ma la sua prova vocale non piacque all’etichetta statunitense.

Inside the Unreal è puro US Death Metal, suonato divinamente, dal suono sporco, grezzo, che profuma di sudore. Questa, signori miei, è una fiorentina al sangue.
Se vogliamo fare nomi conosciuti per inquadrare il sound della superba band bolognese, li possiamo accostare ad un mix di Morbid Angel e Atheist. Tuttavia è ozioso star qui a far paragoni: ascoltatelo e basta. Scapocciate come dei piccioni al’assalto trascinante della opening track, Preamature Burial. Il growl di Mick Montaguti è qualcosa di profondo e cavernoso, in una parola micidiale.
Maciulla in pochi minuti la miriade di noiosissimi cantanti deathcore odierni. La successiva Rising of Infection mostra il lato più tecnico e virtuoso della band (la componente diciamo, Atheist del sound), senza perdere un minimo l’impatto grezzo e devastante. La successiva They Died Without a Cross continua con questo mix rudezza-tecnica pigiando però di più sull’acceleratore fino più o meno al terzo minuto, dopo il quale inizia una cupa digressione, per poi terminare con un martellamento annichilente. Growing Into the Flesh non rallenta quasi mai, compito lasciato alla successiva, convulsa Body’s Decay. Ghost of Past è il pezzo più lungo del lotto (quasi sei minuti contro la media di tre e mezzo del resto del disco). In questo bellissimo pezzo gli Electrocution si esibiscono in una serie di cambi di tempo passando da uptempo indiavolati squisitamente death, riff doom e breakdown da spaccarsi il collo. Tra accelerazioni e rallentamenti e piacevolissimi tecnicismi Ghost of Past si candida ad essere la punta di diamante di questo... diamante, appunto, del death metal. I pezzi successivi continuano sullo stesso tenore della prima parte del disco: Under the Wings Only Remains ricorda un po’ i Death nel riff principale, mentre Behind the Truth è un blast beat continuo che mozza il fiato con un lungo velocissimo assolo di Alex Guadagnoli. Conclude la bella Bells Of The End, altra micidiale mazzata sui denti che termina tuttavia con cupe note di pianoforte. Alla fine, mi sanguinano le orecchie: che goduria.

Un disco eccezionale. Bellissimo e perfetto, cui la nuova edizione rende giustizia. L’artwork è moderno pur non distaccandosi totalmente dall’originale. La nuova produzione pulisce leggermente il sound, definendolo meglio, senza snaturarlo, senza plastificarlo, rendendone appieno la potenza, la violenza annichilente. Mezz'ora di genuina e pura devastazione sonora che vale la pena di riscoprire, mangiandoci le mani per una band stratosferica stata troppo a lungo nel dimenticatoio.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
79.66 su 54 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Martedì 23 Gennaio 2018, 0.47.47
19
è giusto ristamparlo, anche perchè l'originale del 93 è raro e poco reperibile e io lo custodisco gelosamente
Robi
Lunedì 22 Gennaio 2018, 20.11.55
18
Io possiedo ancor oggi gelosamente la cassetta originale! Gran bel disco!
ian
Martedì 20 Giugno 2017, 16.54.18
17
Vendo LP Inside The Unreal prima stampa
LAMBRUSCORE
Sabato 8 Giugno 2013, 13.05.04
16
Gran disco e gran concerto , un po' di tempo dopo -forse era il '94- , di supporto ai Carcass.
gratz
Giovedì 12 Aprile 2012, 16.59.23
15
Capolavoro! Ho la tape, io prenderò il vinile appena esce, viene ristampato pure su vinile
Alcibiade il Maialino
Sabato 7 Aprile 2012, 18.08.51
14
Che balzo indietro nel tempo che fa fare questo disco.....pretesto per riascoltarlo nuovamente.
EdoCFH
Venerdì 6 Aprile 2012, 13.38.19
13
Bel cd ma mi pare una esaltazione all'Italiana, cioè, la stessa roba era "già stata scritta" dai Morbid Angel/Possessed, è un bel ma no n ha niente di equiparabile al capolavoro....un bel cd death old school come tanti...
legion666
Giovedì 5 Aprile 2012, 21.07.39
12
Trovai questo cd vent'anni or sono in un negozio di noleggio film in mezzo a cd che non c'entravano niente! internet non esisteva ancora....mi ritrovai qualche tempo dopo al primo concerto della mia vita a vedere i Benediction e indovina chi c'era a mia insaputa come gruppo spalla??proprio loro....che spettacolo!!!!!!!!
enri sixx
Giovedì 5 Aprile 2012, 11.55.27
11
bell' album lo comprai nel 1993 che tempi.
wangel
Giovedì 5 Aprile 2012, 10.59.41
10
Grandi!!
Blackout
Giovedì 5 Aprile 2012, 10.34.48
9
Uno dei migliori dischi italiani metal di sempre.
Electro
Giovedì 5 Aprile 2012, 8.30.04
8
Mi ricordo come fossi ieri quando ho comprato questo album in cassetta attirato dall'artwork. Rimasi a bocca aperta, primo perché ero abbastanza neofito al death al tempo; secondo perché scoprii dopo averlo ascoltato che erano italianissimi; terzo perché lo trovai al negozio del mio paesello che quando gli chiedevo se avessero questo o quell'altro album di tizio o caio mi guardavano come se gli avessi chiestto un etto di mortadella . Gran disco.
Nightblast
Giovedì 5 Aprile 2012, 8.25.27
7
Fu il secondo disco di estremo che acquistai...il primo fu il capolavoro Chaos A.D. Che tempi meravigliosi, ed avevo soltanto 13 anni. Ricordo che oltre questa grande band, nello stesso periodo (o giù di lì) usci anche il secondo album degli Alligator che acquistai immediatamente...
DIMMONIU73
Giovedì 5 Aprile 2012, 8.17.57
6
Ottimo prodotto da un'ottima band nostrana, che inspiegabilmente si è persa quasi subito...misteri del music business!
Enrico
Giovedì 5 Aprile 2012, 7.26.00
5
Fu un disco molto buono. Per me valeva e vale 80. Posseggo il vinile e me ne frego del digipack Se siete giovani, non fatevelo scappare.
xutij
Mercoledì 4 Aprile 2012, 23.33.01
4
Ma è gia uscito? Cavolo, DEVO averlo : D
Maiden1976
Mercoledì 4 Aprile 2012, 23.02.39
3
anche la ristampa sarà mia!
Er Trucido
Mercoledì 4 Aprile 2012, 22.47.11
2
Direi che queste sono ristampe più sensate ed interessanti
Undercover
Mercoledì 4 Aprile 2012, 22.39.43
1
Già preso.
INFORMAZIONI
2012
Goregore Records
Death
Tracklist
1. Premature Burial
2. Rising The Infection
3. They Died Without Crosses
4. Growing into the Flesh (Bleed to Death)
5. Body's Decay
6. Ghost of the Past
7. Under the Wings Only Remains
8. Back to the Leprosy Death
9. Behind the Truth
10. Bells of the End
Line Up
Mick Montaguti (Vocals, Guitars)
Alex Guadagnoli (Guitars)
Max Canali (Bass)
Luca Canali (Drums)
 
RECENSIONI
90
ARTICOLI
03/12/2015
Live Report
ELECTROCUTION + PATH OF SORROW
L'Angelo Azzurro Club, Genova (GE) , 27/11/2015
13/06/2014
Intervista
ELECTROCUTION
Return to the unreal
04/04/2014
Live Report
BRIXIA DEATH FEST: HAIL OF BULLETS + INTERMENT + ELECTROCUTION + GUEST
Circolo Colony, Brescia, 29/03/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]