Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VENOM
In Nomine Satanas (boxset)

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
GRIFFON/DARKENHOLD
Atra Musica

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
KALEIDOBOLT
Bitter

31/05/19
TRYGLAV
Night Of Whispering Souls

CONCERTI

26/05/19
JAG PANZER
JAILBREAK LIVE CLUB - ROMA

26/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 3)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Fire Trails - Third Moon
( 7530 letture )
Quando intervistai Pino e Steve immediatamente prima del rilascio di Third Moon, dissi che mi aspettavo il solito buon vecchio disco di Hard Rock di alto livello, senza rivoluzioni, ma Scotto mi rispose che forse sarei rimasto stupito di questa prima vera realizzazione dei Fire Trails e devo ammettere che aveva ragione. Intendiamoci, il passato non stato affatto rinnegato, anzi tutto il buono che la decade dei '70 ha prodotto ancora presente in questo CD, ma gli orizzonti sono stati allargati al versante prog del rock, probabilmente per merito di Larsen Premoli che oltre ad essere validissimo strumentista, mi sembra decisamente affascinato da atmosfere ascrivibili a gruppi dellarea Dream Theater, ed anche in alcuni passaggi allamalgama con Steve Angarthal il quale responsabile anche delle architetture di attitudine sinfonica che infarciscono il lavoro elevando notevolmente il tasso tecnico del disco; in linea con le aspettative la rocciosa sezione ritmica. In generale il suono si presenta svecchiato rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare, e non mancano episodi di puro heavy che interesseranno senzaltro anche ascoltatori under 30. Limpatto positivo sin dalla cover, a dispetto della sua apparente semplicit, ed gi rappresentativa dellatmosfera che si respirer ascoltando le varie tracce; vi poi un altro must da segnalare, Third Moon un concept album, e questo lo pone in diretta relazione con il filone prog dei 70s quando era abbastanza comune che gruppi composti da grandi musicisti prendessero un concetto e lo sviluppassero per lintera durata di un LP, raccontando delle storie spesso di livello importante, mi vengono in mente ad esempio i Gentle Giant e il Balletto di Bronzo, ma anche molti cantautori si sono avventurati su questi terreni (De Andr fra gli altri). Nel nostro caso si parla del percorso dellessere umano nella sua evoluzione, ed in un settore in cui limpegno nei testi non merce a buon mercato cosa da segnalare; nel dettaglio la cover ispirata ad un sogno ricorrente dello stesso Pino. Coraggiosa ma indovinata la scelta di aprire lalbum con un pezzo non allarma bianca come la title-track, spicca subito la voce pi arrochita del solito di Scotto; saranno forse le Lucky Strike in quantit industriale, ovviamente da non consigliare, ma a me pare migliorata e sempre pi bluesy, un brano di grande atmosfera che rimane subito in mente. Spaces And Sleeping Stones affonda decisa, grande Steve, notevole la sua prestazione in questo brano. Fighter non lascia respiro, e lascia poi spazio ad un mid-tempo come Brave Heart, ascoltate il duo Larsen/Angarthal dare respiro al pezzo con virtuosismi tecnici di grande effetto. Sailor And Mermaid propone spunti epic che pochi avrebbero ascritto al combo capitanato da Pino, un altro must per lascoltatore. E per in Reaching For The Sky che i musicisti danno libero sfogo al loro estro compositivo ed esecutivo, comprendendo in ci anche la sezione ritmica, fin qui poco citata, ma in grado di assecondare compiutamente i deliri solistici degli altri due. Silent Heroes dedicata ai giudici Falcone e Borsellino, e musicalmente tra le pi moderne di Third Moon, risultando senzaltro gradevole ai gi citati under 30. Toni epic anche per God Of Souls, con un Pino davvero in forma. Stronghold e Freedom Tribes tengono botta, tra svisi e armonie ariose della ditta Premoli/Angarthal; va aggiunto che le armonie definite ed ariose sono sparse un po ovunque nel lavoro. Wise Man Tale chiude degnamente le ostilit. Una critica potrebbe forse essere mossa alla produzione che potremmo definire perfettibile, ma non mi sento di dare addosso alla Valery, che come tutte le piccole etichette deve fare i conti con le limitazioni al budget. Un lavoro che va sostenuto, sia perch Pino va sostenuto comunque per quello che rappresenta, ma soprattutto perch lo merita, risultando piacevole e variegato, in grado di interessare una fascia di ascoltatori det molto variabile (io lo ascolto spesso con mio figlio diciassettenne e piace a tutti e due) e perch composto da musicisti veri. A questo proposito vi consiglio di connettervi al sito www.firetrails.it e poi accedere ai siti personali di Steve e Larsen, capirete con chi avete a che fare. Inoltre il fatto che esistano linee melodiche cos variegate e ben costruite forse potrebbe far riflettere molti cosiddetti musicisti che vanno per la maggiore. Compratelo, perch chi produce roba del genere in Italia va sostenuto, non masterizzatelo se potete, aiuterete a sostenere chi lo merita davvero.


VOTO RECENSORE
86
VOTO LETTORI
49.03 su 62 voti [ VOTA]
Vecchio Sunko
Venerd 28 Dicembre 2012, 16.11.53
10
Il "Personaggio" Pino scotto pu stare simpatico o antipatico, fatto sta che Third Moon un lavoro di ottima caratura. Voto: 85 Pieno
PINO SCOTTO
Gioved 29 Novembre 2012, 20.45.34
9
DATEVI FUOCO!!!!
Joey
Sabato 20 Agosto 2011, 17.00.20
8
Penso che sia un capolavoro hard'n heavy,uno dei migliori dischi che ho ascoltato negli ultimi anni.
Raven
Venerd 7 Agosto 2009, 20.45.03
7
Secono me Pino che vuole stuzzicare i commenti sul Cd
Nikolas
Venerd 7 Agosto 2009, 17.35.03
6
Notevole esposizione della propria tesi appoggiata da un'argomentazione molto convincente. O forse sei solo un anti-scotto?
Tarja
Venerd 7 Agosto 2009, 17.18.15
5
il cd fa veramente cagare
Strat
Gioved 14 Dicembre 2006, 23.21.41
4
francesco basta kiederlo! io sono molto under 25! 92. cmq il cd un buon lavoro e il progetto FIRE TRAILS continua bene. Pino e Steve sn grandi! ma anke Larsen e gli altri nn skerzano! il pi bel pezzo del disco di sicuro SPACES AND SLEEPING STONES ma anke gli altri vanno forte! il grandissimo e stramiticissimo (non ke compaesano) Pino c s messo proprio d'impegno! diciamo ke dopo il TRIBUTO AI VANADIUM questo album pu essere ritenuto un ottimo sequel!
francesco gallina
Sabato 3 Dicembre 2005, 9.11.10
3
Mi piacerebbe sapere l'et dei 2 commentatori se possibile. Inoltre vorrei sentire quanti under 25 hanno qualcosa da dire su questa uscita, 2 commenti su un disco cosi' sono pochini.
HMAN
Venerd 2 Dicembre 2005, 16.07.43
2
Questo uno dei pochi dischi che si possono acquistare ad occhi chiusi.. perch un vero capolavoro. ed pure un gruppo italiano !!! alla faccia dei cosidetti GODS esteri..
fuck the sistem
Gioved 1 Dicembre 2005, 16.48.13
1
il cd molto bello, ma sopratutto molto hard rock! continuate cosi pino & co. siete i veri pionieri del rock in italia!
INFORMAZIONI
2005
Valery Records
Hard Rock
Tracklist
1. Third Moon
2. Spaces And Sleeping Stones
3. Fighter
4. Brave Heart
5. Sailor And Mermaid
6. Reaching For The Sky
7. Silent Heroes
8. God Of Souls
9. Freedom Tribes
10. Stronghold
11. Wise Man Tale
Line Up
Pino Scotto (Vocals)
Steve Angarthal (Guitars)
Larsen Premoli (Keyboards)
Frank Coppolino (Bass)
Mario Riso (Drums on 1-2-4-5-11)
Tato (Drums on 3-6-7-8-9-10)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
30/08/2005
Intervista
FIRE TRAILS
Parlano Pino Scotto e Steve Angarthal
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]