Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Antipope
Denial / Survival
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/04/18
ENDARKEN
Tvoj Je Hram u Srcu Mom

20/04/18
ADZALAAN
Into Vermilion Mirrors

20/04/18
STRYPER
God Damn Evil

20/04/18
TESSERACT
Sonder

20/04/18
BLACK STONE CHERRY
Family Tree

20/04/18
ROBESPIERRE
Garden of Hell

20/04/18
Melvins
Pinkus Abortion Technician

20/04/18
SENSE OF FEAR
As The Ages Passing Byů

20/04/18
CELEB CAR CRASH
CCCover

20/04/18
PERFECT PLAN
All Rise

CONCERTI

20/04/18
HANDFUL OF HATE + GUESTS
EXENZIA - PRATO

20/04/18
WITCHES OF DOOM + RED SOUTH RISING
JAILBREAK - ROMA

20/04/18
UNDERGROUNDS UNDERSTARS (DAY 1)
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

21/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

21/04/18
KRASHAH + PROLIFERHATE + IN-DIGNITY
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

21/04/18
EXUMER
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

21/04/18
ACCIAIO ITALIANO FESTIVAL
ARCI TOM - MANTOVA

21/04/18
UNDERGROUNDS UNDERSTARS (DAY 2)
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

21/04/18
OLIVER/DAWSON SAXON + GUESTS
CLUBHOUSE - FOGGIA

21/04/18
TRICK OR TREAT
TRAFFIC CLUB - ROMA

Draugsol - Vola­a land
24/04/2017
( 482 letture )
Direttamente dalle gelide lande islandesi, arrivano i semi-sconosciuti Draugsˇl con il loro debutto Vola­a land, in cui non trovate altro che sano black metal con piacevoli (si fa per dire) influenze provenienti dal death metal e interessanti accenni di neo folk, seppur relegati a pochi istanti. Il platter, edito dai portoghesi della Signal Rex, giÓ in passato al lavoro con i polacchi Graveland, giusto per fare qualche nome (nel 2015 si occuparono persino della ristampa su cassetta del mitico demo In the Glare of Burning Churches, con una nuova copertina) concede un ascolto abbastanza eterogeneo nei suoi 37 minuti di durata, sapendo giÓ raccolto giudizi positivi dal critica specializzata e pubblico.

Pi¨ del vocalism gutturale di A.J, che deve sicuramente pi¨ di qualcosa alla scuola death, cosý come il violento ed azzeccatissimo drumming dell'instancabile K.J, infarcito di blast-beat e doppia cassa, e pi¨ anche delle linee di basso pulito di Gretarsson, in grado di spiccare ogni tanto fuori dall'amalgama sonoro, a risaltare davvero in tutto l'album Ŕ il guitar work della coppia d'asce formata da M.K e Oddur, anch'essa debitrice di alcune soluzioni tipicamente death metal (vedasi riff in palm muting), che riesce a sfornare una gamma di soluzioni sia a livello di riffing che di solistica davvero notevole e che non manca di mettere velatamente in mostra una certa tecnica.
FormŠling, preceduta da unĺintro caotica e sulfurea, colpisce l'ascoltatore in pieno viso ed insieme alla successiva Bˇt e­ur vi­sjß vi­ illu a­kasti forma una doppietta in cui la batteria tiene sempre i ritmi altissimi, pur non mantenendo un tempo necessariamente costante, mentre le chitarre si destreggiano tra riff assassini che si contrappongono ad assoli abbastanza melodici, spesso in tremolo, creando melodie oscure ed opprimenti. A rendere l'atmosfera ancor pi¨ irrespirabile c'Ŕ la voce quasi costantemente in growl di A.J che interpreta bene i testi rigorosamente in lingua madre. Nelle seguenti Spßfarir og ˙tisetur e Vßbo­ans vals fanno la loro comparsa per qualche istante delle chitarre acustiche dal sapore tipicamente nordico, ma Ŕ solo una momentanea illusione: presto tutta la furia del combo si abbatte nuovamente sull'ascoltatore con la solita violenza. Nella finale Holdleysa vengono a galla anche le sonoritÓ pi¨ ôpaganö, per cosý dire, della formazione, sotto forma di oscuri e arcani cori maschili: sonoritÓ che sinceramente mi aspettavo pi¨ presenti, vista la provenienza geografica del gruppo e anche dopo aver dato uno sguardo al bell'artwork, che pu˛ dare l'impressione di trovarsi di fronte ad un disco a tinte maggiormente viking.

Dunque, giÓ da un primo ascolto di questo Vola­a land, pur essendo percepibili, ad esempio, sonoritÓ che rimandano a qualcosa degli Enslaved (quelli di Below the Lights, per intenderci, nonostante qui di progressive non ci sia nulla), ci si rende conto di trovarsi davanti ad un disco monolitico, duro e freddo, ma anche sicuramente ben suonato. Non sarÓ magari un capolavoro, ma indubbiamente questa produzione dei Draugsˇl (attualmente divenuti un trio) Ŕ un disco che pu˛ dare qualche soddisfazione agli amanti del black nelle sue forme pi¨ estreme e senza compromessi.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
79.5 su 2 voti [ VOTA]
MarcoMarco
Mercoledý 26 Aprile 2017, 19.09.01
2
Bello bello! A un primo acchito mi prende parecchio. Oscuro, potente, con delle belle sventagliate di metallo caldo. Un p˛ epico come retrogusto. Bravi
freedom
Martedý 25 Aprile 2017, 15.26.32
1
Mi ricorda il debutto di un'altra ottima band black metal, cioŔ The Frozen Moon of Erebath dei canadesi Cell. Sporchi, mal registrati, ma ugualmente affascinanti entrambi.
INFORMAZIONI
2017
Signal Rex
Black
Tracklist
1. Vola­a land
2. FormŠling
3. Bˇt e­ur vi­sjß vi­ illu a­kasti
4. Spßfarir og ˙tisetur
5. Vßbo­ans vals
6. Holdleysa
Line Up
A.J (Voce)
M.K (Chitarra)
Oddur (Chitarra)
Hannar Sindri Gretarsson (Basso)
K.J (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]