IN EVIDENZA
Album

Freedom Call
Silver Romance
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/05/24
THE WARNING
Keep Me Fed

31/05/24
WITHERFall
Sounds of the Forgotten

31/05/24
VICOLO INFERNO
Circles

31/05/24
BLACK SABBATH
Anno Domini 1989-1995

31/05/24
RELIQA
Secrets of the Future

31/05/24
THE HOPE COSPIRACY
Tools Of Oppression / Rule By Deception

31/05/24
VERZAUBER
Frankincense & Vitriol

31/05/24
NESTOR
Teenage Rebel

31/05/24
THE TROOPS OF DOOM
A Mass to the Grotesque

31/05/24
HALCYON WAY
Night Crawling (EP)

CONCERTI

27/05/24
THE BLACK CROWES
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/05/24
METALLICA + GUESTS
IPPODROMO LA MURA - MILANO

31/05/24
VICIOUS RUMORS + CRYING STEEL + TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

31/05/24
SECOND IMPACT FEST (day 1)
ASSOCIAZIONE EKIDNA, VIA LIVORNO 09 - SAN MARTINO SCUOLE CARPI (MODENA)

31/05/24
GRINDING FRIDAY
CIRCOLO DEV , VIA CAPO DI LUCCA 29/3G - BOLOGNA

31/05/24
HOUR OF PENANCE + GORY BLISTER + HADDAH
CENTRALE ROCK PUB, VIA CASCINA CALIFORNIA 5 - ERBA (CO)

31/05/24
ROSKO\'S
HEADBANGERS PUB, VIA TITO LIVIO 33A - MILANO

31/05/24
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

31/05/24
ROCK CAMP (day 1)
FRAZIONE PREPOTTO, 10D, 34011 DUINO AURISINA (TS)

31/05/24
DEROZER + GLI IMPOSSIBILI
PARCO TITTONI - DESIO (MB)

Hour of Penance - Devotion
22/04/2024
( 816 letture )
Fortunatamente, una pandemia ed un cambio di line-up piuttosto importante non hanno minimamente scalfito le coordinate stilistiche e le brutali sfilettate dei nostri Hour Of Penance, che danno alle stampe il loro nono full-lenght: Devotion, edito da Agonia Records e composto da dieci nuove composizioni, per poco meno di quaranta minuti di musica. Come già anticipato i romani si muovono su strade certe, strade fatte di death, brutal e di influenze black, senza stravolgere la loro natura in fondo ma offrendo una concreta certezza, per i seguaci della band o comunque per gli addetti ai lavori è il classico album sul quale si può star certi anche a scatola chiusa.

Devotion beneficia di un mixaggio e di un mastering fatto agli Hertz Studio e pertanto porta con sé un suono “polacco” (Behemoth-Vader per intenderci) fatto di basse e medie frequenze grandiose, batteria e voce in primissimo piano a discapito di un ottimo lavoro di basso e chitarra: a tratti il riffing generale si perde ed è un peccato, ma a beneficiar di tale contesto sonoro è sicuramente il mood generale che evoca in ogni singolo istante oscure e potentissime ondate distruttive, mood che va a ricercare e ricalcare quelle che sono sostanzialmente le produzioni brutal degli ultimi tempi.

I brani hanno un filo di tensione continua grazie ad un ispirato e copioso lavoro di riffing che ben si lega ad un continuo groove ritmico. Musicisti navigati e tecnicamente abilissimi, gli Hour Of Penance sanno incastrare perfettamente ogni tassello per far funzionare al meglio Devotion. La tracklist al contrario dei suoi predecessori non offre una (o più) vere e proprie hit ma attenzione ciò non significa che i quattro si siano adagiati su loro stessi o che ci sia un calo di ispirazione o efferata brutalità. Al contrario le chitarre di Pieri e Moschini, avvalorati ancor più dal neo entrato Torti alla batteria, danno sempre spunti di interesse notevoli, dalla opener Devotion for Tyranny a Retaliate, la prima parte del disco è un concentrato di estremismo, sotto ogni singolo punto di vista. Ad alzar ulteriormente i toni e le velocità ci pensano le centrali Breathe the Dust of Their Dead e The Morality of Warfare, “core” di supporto perfetto e di ipertrofica possanza per questo disco. Nella seconda parte del disco posta quasi in chiusura colpisce The Ravenous Herald soprattutto per la sua parte centrale composta da un ottimo solo di chitarra seguita da un apertura epica, tetra e corale davvero d’effetto; ecco se a forza si vuole estrapolare un brano su tutti questa è la candidata numero uno.

Nonostante la mole di ferocia e di brutalità Devotion scorre piacevole e veloce: va ricordato sempre e comunque che si è di fronte ad un lavoro estremo sotto ogni aspetto e quindi un lavoro non per tutti i palati o meglio per tutte le orecchie. Un concentrato di esperienza, di tanta tecnica mai fine a se stessa, di un’abilità compositiva assoluta, di coerenza e di costanza, gli Hour Of Penance incastonano un'altra perla oscura alla loro corona, sedendo sempre nell’empireo dei grandi del genere. Una certezza.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
90.5 su 8 voti [ VOTA]
PROF
Domenica 19 Maggio 2024, 21.15.17
4
Appena visti in concerto, un album compatto e che cresce con gli ascolti. Voto 95.
LAMBRUSCORE
Martedì 23 Aprile 2024, 9.43.01
3
D\'accordo con la Lisablack, tra le band estreme migliori al mondo.
lisablack
Martedì 23 Aprile 2024, 9.03.01
2
Una delle migliori band estreme del mondo, non solo in Italia, album devastante. Io sono di parte, li adoro alzo il voto a 85
dariomet
Lunedì 22 Aprile 2024, 18.00.25
1
Ed eccola qui la seconda bomba death metal tutta italiana. Album spettacolare che fomenta non poco
INFORMAZIONI
2024
Agonia Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. Devotion for Tyranny
2. Parasitic Chain of Command
3. Birthright Abolished
4. Retaliate
5. Breathe the Dust of Their Dead
6. The Morality of Warfare
7. Severance
8. The Ravenous Heralds
9. A Desert Called Peace
10. Spiralling Into Decline
Line Up
Paolo Pieri (Voce, Chitarra)
Giulio Moschini (Chitarra)
Marco Mastrobuono (Basso)
Giacomo Torti (Batteria)
 
RECENSIONI
78
75
82
83
90
80
75
75
ARTICOLI
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
06/06/2011
Live Report
STORMLORD + HOUR OF PENANCE + ROSAE CRUCIS + AIRLINES OF TERROR
Roma Delenda Est, Blackout Club, Roma, 04/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]