Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/21
WARRIOR PATH
The Mad King

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
SKOLD
Dies Irae

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

CONCERTI

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

Necrophagia - Holocausto de la Morte
21/04/2018
( 1222 letture )
Questo scritto è almeno simbolicamente dedicato a Frank Killjoy, prematuramente scomparso poche settimane fa.

I meriti dei Necrophagia nella musica estrema sono tanti, ma celebrati poco e molto silenziosamente: sebbene spesso citati come influenza principale da gruppi ben noti nel panorama death metal e limitrofo per il loro innegabile ruolo di pionieri del genere, sono spesso ingiustamente dimenticati quando si tratta di elencare i "padri" del genere, e nemmeno il massiccio revival old school è riuscito a dare loro una più meritata visibilità. Non ne farò una questione di date, ma effettivamente si può davvero dire che questa sia stata la prima band death metal di sempre, o almeno la prima ad arrivare ad un approccio musicale così estremo senza soltanto passare per un’estremizzazione del thrash. Nei primissimi Necrophagia l’impronta hardcore, l’influenza massiccia di Hellhammer e Celtic Frost e l’ossessione per l’orrore e l’estetica annessa diedero una indubbia caratterizzazione a quello che da lì a pochi anni sarebbe stato considerato un sottogenere vero e proprio, con (più o meno) precisi connotati stilistici.

Quello di cui però voglio parlare non è uno dei primi lavori della band, bensì il primo dopo la reunion di fine anni Novanta che seguì un decennio di inattività del gruppo (dal 1987), forse da riconoscersi come uno dei motivi del limitato riconoscimento dei Necrophagia. Ritengo infatti che Holocausto de la Morte sia da individuare come il capolavoro del gruppo in termini di definizione di un sound personale ed immediatamente riconoscibile: c’è ogni elemento che caratterizzava la band nella propria prima incarnazione, e anche un insight su quello che la band sarebbe diventata negli anni successivi, ed è reso ancor più unico dalla massiccia dose di sludge/hardcore, reminiscente della scena di New Orleans, insito nello stile chitarristico dell’axeman Anton Crowley, che altri non è che Phil Anselmo (Pantera, Down, se servisse specificare) che compare - quasi sbalorditivamente - in questa seconda incarnazione del gruppo.

Lo stile di questo album è veramente claustrofobico, oscuro, soffocante, forte di un’alchimia davvero rara tra ciascuna delle parti che ne definiscono carattere e identità: riff, linee vocali, percussioni e arrangiamenti, atmosfere e incisività. Chitarristicamente parlando, non si può nemmeno dire che Holocausto de la Morte si allinei al 100% al death metal, ma si spinge oltre mescolando in parti uguali Autopsy, doom e hardcore con melodie chitarristiche che accoppiate al registro vocale molto acuto e acido di Killjoy fanno quasi pensare ai primi gruppi dell’era demo-tape del black metal europeo (l’opener Blood Freak è un esempio lampante). La voce stessa rende l’album impagabile: pur risultando così spontanea non posso che pensare che siano riusciti a trovare la take perfetta per ciascuna delle linee vocali, che per lo più sembrano confabulazioni compulsive di un uomo posseduto. La band non teme di spingere sull’acceleratore, ma è il più delle volte assestata su sezioni mid-tempo morbose, spesso e volentieri ossessive ma assolutamente mai tediose. C’è molto punk nell’approccio batteristico, e ancora una volta una forte scuola Celtic Frost, assieme a tutta la scena black/speed dei primi anni ’80.

Aggiungo pure che nessuno ha mai usato sample horror (cinematografici, rumoristici o sezioni recitate/spoken words che siano) tanto bene quanto su questo album, in cui spesso giocano un ruolo fondamentale nel definire strofe e atmosfera, con risultati da far raggelare il sangue - tutt’altro rispetto al puntuale minuto di noia a inizio pezzo di chi ha pedissequamente plagiato gli Impetigo. Qua ogni scelta risulta funzionale al disco, ed è per questo che ritengo Holocausto de la Morte il capolavoro dei Necrophagia: la scelta dei suoni e della produzione suggella infine perfettamente il desiderio di creare qualcosa di veramente malsano, tormentato. La voce è portata in primo piano, in un ruolo di protagonismo quasi recitativo, mentre le chitarre hanno un suono acido e molto "fuzzy" che lascia spazio al basso, il quale scava la sua nicchia nelle medio-basse rendendo questo disco corposo e intenso senza che gli sia levata quella patina lo-fi che lo rende così affascinante - come una pellicola horror d’annata.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
70.33 su 3 voti [ VOTA]
Galilee
Martedì 24 Aprile 2018, 11.36.50
2
Gran disco. Uno dei migliori dei Necrophagia.
Pacino
Domenica 22 Aprile 2018, 12.20.45
1
Ottimo prodotto dei Necrophagia , con un buon apporto di Mr Anselmo. Non si inventa nulla, ma si picchia bene! Voto 83
INFORMAZIONI
1998
Red Stream, Inc.
Death
Tracklist
1. Blood Freak
2. Embalmed Yet I Breath
3. The Cross Burns Black
4. Deep Inside, I Plant the Devil’s Seed
5. Burning Moon Sickness
6. Cadaverous Screams of My Deceased Lover
7. Children of the Vortex
8. Hymns of Divine Genocide
Line Up
Frank Killjoy Pucci (Voce)
Phil Anselmo (Chitarra)
Dustin Havnen (Basso)
Wayne Fabra (Batteria)
 
RECENSIONI
88
87
ARTICOLI
06/06/2017
Live Report
I AM MORBID + NECROPHAGIA
Revolver Club, San Donà di Piave (VE) - 02/06/17
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]