IN EVIDENZA
Album

Freedom Call
Silver Romance
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/05/24
THE WARNING
Keep Me Fed

31/05/24
WITHERFall
Sounds of the Forgotten

31/05/24
VICOLO INFERNO
Circles

31/05/24
BLACK SABBATH
Anno Domini 1989-1995

31/05/24
RELIQA
Secrets of the Future

31/05/24
THE HOPE COSPIRACY
Tools Of Oppression / Rule By Deception

31/05/24
VERZAUBER
Frankincense & Vitriol

31/05/24
NESTOR
Teenage Rebel

31/05/24
THE TROOPS OF DOOM
A Mass to the Grotesque

31/05/24
HALCYON WAY
Night Crawling (EP)

CONCERTI

27/05/24
THE BLACK CROWES
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/05/24
METALLICA + GUESTS
IPPODROMO LA MURA - MILANO

31/05/24
VICIOUS RUMORS + CRYING STEEL + TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

31/05/24
SECOND IMPACT FEST (day 1)
ASSOCIAZIONE EKIDNA, VIA LIVORNO 09 - SAN MARTINO SCUOLE CARPI (MODENA)

31/05/24
GRINDING FRIDAY
CIRCOLO DEV , VIA CAPO DI LUCCA 29/3G - BOLOGNA

31/05/24
HOUR OF PENANCE + GORY BLISTER + HADDAH
CENTRALE ROCK PUB, VIA CASCINA CALIFORNIA 5 - ERBA (CO)

31/05/24
ROSKO\'S
HEADBANGERS PUB, VIA TITO LIVIO 33A - MILANO

31/05/24
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

31/05/24
ROCK CAMP (day 1)
FRAZIONE PREPOTTO, 10D, 34011 DUINO AURISINA (TS)

31/05/24
DEROZER + GLI IMPOSSIBILI
PARCO TITTONI - DESIO (MB)

Skylark - Divine Gates Part III: The Last Gate
( 3544 letture )
Ho cercato di ascoltare veramente parecchio questo The last Gate – Part III, terza parte della trilogia che era stata precedentemente accantonata, perché ho avuto abbastanza difficoltà a digerirlo, ed anche ora che ne scrivo rimango un po’ in mezzo al guado. Spesso e volentieri in passato la band era stata criticata, anche pesantemente , per la produzione poco efficace (cosa vera, ma ogni tanto bisognerebbe ricordare che certi risultati si possono ottenere solo con un budget adeguato, che ben pochi gruppi Italiani possono avere a disposizione), ed il sapere che il tutto, mixaggio compreso, questa volta era stato affidato a Tommy Hansen, mentre il mastering a George Marino, che lo ha effettuato presso gli Sterling Sound Studios di NY, faceva sperare per il meglio. Il risultato sperato è stato allora ottenuto? Indubbiamente rispetto alle prove precedenti, specialmente quelle made in Scarlet Records, i miglioramenti ci sono, specialmente nelle ritmiche, quello che non mi convince molto è il suono (e sottolineo il suono, non l’esecuzione) delle tastiere, qui però è necessario aprire una parentesi: credo che questo sia in fondo il marchio di fabbrica degli Skylark, e più che difetto produttivo si dovrebbe quindi parlare di cifra stilistica, prendere o lasciare. Personalmente avrei gradito sicuramente un qualcosa di più aggressivo da questo punto di vista, ma ripeto, credo che questo suono sia quello cercato dal gruppo e li rende anche riconoscibili, allora… Musicalmente, dopo l’abbandono di Fabio Dozzo, le parti vocali sono affidate alla sola Kiara (qualche intervento di Bob Grain e alcune parti recitate dagli altri) la quale mi sembra più a suo agio nei passaggi dalle tonalità più acute rispetto a quelle medie, ed in possesso di un timbro che ben si amalgama con le tastiere, in linea con le atmosfere Skylark. Di buon livello le prestazioni degli altri, compreso il guest che suona la batteria, Alejandro V. Cortez. Quello che non mi convince sono alcuni cali di tensione che smorzano troppo un’atmosfera che, per i miei gusti, avrebbe invece bisogno di essere un po’ più “in tiro”, episodi come Time e A Story Not to Tell sono in questo senso paradigmatici. Un disco che in Giappone sta andando fortissimo, che soddisferà i loro fan, smorzerà forse qualche critica facile, ma che sarebbe stato meglio rendere forse un po’ più sintetico.
Ps – Occhio ai furti di cover, vedi Messiah’s Kiss.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
59.42 su 56 voti [ VOTA]
Legalisedrugsandmurder
Lunedì 22 Aprile 2024, 19.20.45
10
Quando mi voglio fare male sento due minuti di questi. Inoltre basta leggere i titoli per capire il livello. Fantasy di serie Z.
Grifo
Lunedì 22 Aprile 2024, 18.55.15
9
Un mio amico mi fa \"questi devi proprio sentirli\" con fare sarcastico, quindi già sapevo a cosa andavo incontro. Ho trovato sul tubo il video di Dying Inside: beh, che dire, mi aspettavo qualcosa di estremamente scadente degno della fama di gruppo zimbello che questi hanno, ma qua andiamo pure oltre, non solo la qualità musicale è infima, ma siamo a livelli demenziali per quanto riguarda soprattutto il videoclip e la cantante, stonata con una pronuncia imbarazzante e pure una brutta voce. Inoltre ho visto il video di Belzebù, un live fintissimo spacciato miseramente come esibizione dal vivo, non credevo ai miei occhi, un obbrobrio simile non l\'avevo mai visto in tanti anni... Mi chiedo con che coraggio oggigiorno si possa produrre una monnezza simile ed esporsi a figure così misere...
Legalizedrugsandmurder
Venerdì 7 Febbraio 2020, 7.54.53
8
Non ho niente contro le voci femminili, anzi, ma questa è stonata come una campana e neanche tanto gradevole esteticamente. Distrugge anche i rari Momenti che, in un momento di grande magnanimità, potrebbero sembrare carini. E poi su questo sito leggiamo di gente che fa le pulci a Anneke. Andiamo bene.
Reek
Martedì 11 Giugno 2019, 17.34.08
7
Sicuramente, la roba più vomitosa che abbia mai sentito in vita mia. Qui lo dico e qua lo nego, ma preferisco Young Signorino a uno schifo simile.
The Sentinel
Mercoledì 20 Agosto 2014, 23.40.41
6
I migliori titoli del gruppo non sono recensiti, a partire dal secondo (o primo dopo un'autoproduzione e/o mini, ora non ricordo bene) del '97, tantissime idee, rispetto soprattutto alla media del genere per band underground o al debutto al tempo e ancora di più rispetto al livello medio negli anni successivi in cui si inflazionò ovviamente subito quella scena, purtroppo rovinato nella resa da una produzione scarsa, veramente amatoriale soprattutto per le chitarre e la batteria finta (programmata cmq alla grande, molto varia, forse in certi passaggi troppo spinta, cioè furono fatte cose probabilmente impossibili da risuonare anche per un batterista di livello), e un certo scollamento quindi tra le parti orchestrali e il resto, e anche da un cantante non proprio fulmine di guerra, anzi. Ma se avessero catturato l'interesse, come i Rhapsody, di certi produttori/arrangiatori e studi tedeschi di livello assoluto stile Sasha Paeth e compagnia, la storia sarebbe andata molto diversamente, non si sarebbero nemmeno posti i famosi problemi di denunce ecc. dopo certe stroncature legittime o meno, perché il risultato appunto sia sonoro che musicale sarebbe stato ben diverso e nessuno credo li avrebbe stroncati in un certo modo.
Raven
Mercoledì 29 Maggio 2013, 20.33.11
5
Può darsi....
fabriziomagno
Mercoledì 29 Maggio 2013, 18.46.01
4
la copertina mi ricorda un brutto disco...eehhmm... forse chi l'ha fatta l'ha venduta a più gruppi?
il Rocker di Correggio
Mercoledì 29 Maggio 2013, 16.16.20
3
Un gruppo che potrebbe vincere a mani basse il titolo di peggior band del mondo, non vorrei passare per quello che spara a zero sulla scena italiana ma certi gruppi sono motivo di vergogna più che di vanto per la musica tricolore. Mi chiedo inoltre, come si faccia nel 2007 a produrre e mixare un disco in maniera tanto dilettantesca, per non parlare del pietoso video di Dying Inside, roba che gia' negli anni 80 sarebbe risultata pacchiana, a maggior ragione se il gruppo in questione si pavoneggia di aver scalato le classifiche giapponesi con milioni di copie vendute. La cantante Kiara poi è una delle peggiori interpreti esistenti, un qualcosa di vergognosamente ignobile, solo ai karaoke improvvisati il sabato sera al ristorante si può assistere a simili stupri all'antica arte del canto, tuttavia non è difficile intuire per quale motivo abbia ricoperto il ruolo di lead singer del gruppo, e si può tranquillamente escludere la sua abilità canora.
Stefano
Venerdì 3 Agosto 2007, 19.24.21
2
Ma questi qui non sono quelli che se li critichi ti mandano contro gli avvocati?... che sfigati!
Rob
Lunedì 23 Luglio 2007, 20.30.12
1
E' vero, quello dei Messiah's Kiss è stato un plagio...
INFORMAZIONI
2007
Underground Symphony
Power
Tracklist
1. Intro
2. The Scream
3. Soul of the Warrior
4. Dying Inside
5. Hurricane
6. Believe In Love
7. All Is Wrong
8. Time
9. The Heaven Church
10. A Story Not to Tell
11. Mt. Fuji (2006 Version)
12. Mt. Fuji (Revisited Version)
Line Up
Kiara (Voce)
Eddy Antonini (Piano, Tastiera)
Fabrizio Romani (Chitarra)
Roberto Potenti (Basso, Chitarra)

Musicisti Ospiti
Alejandro V. Cortez (Batteria)
 
RECENSIONI
70
49
70
77
76
ARTICOLI
18/09/07
Intervista
SKYLARK
Parla Kiara
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]