Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kirk Windstein
Dream In Motion
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/02/20
BENEATH THE MASSACRE
Fearmonger

28/02/20
JESSE DAMON
Damons Rage

28/02/20
NEAERA
Neaera

28/02/20
FLUISTERAARS
Bloem

28/02/20
SHAFT OF STEEL
Steel Heartbeat

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
AUDREY HORNE
Waiting For The Night

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

28/02/20
LACASTA
Æternvm

28/02/20
THE NIGHT FLIGHT ORCHESTRA
Aeromantic

CONCERTI

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR (POSTICIPATO)
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS (ANNULLATO)
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA (POSTICIPATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION (ANNULLATO)
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI (ANNULLATO)
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/02/20
EXTREMA (POSTICIPATO)
PIPPO FOODCHILLSTAGE - BOLZANO

01/03/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
NEW AGE - RONCADE (TV)

01/03/20
DESTRUCTION + LEGION OF THE DAMNED + SUICIDAL ANGELS + FINAL BREATH (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

03/03/20
MYRATH + ELEINE
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

The Jesus Lizard - Head
22/06/2019
( 511 letture )
Era il 1990 quando i Jesus Lizard con l’etichetta indipendente Touch and Go Records pubblicavano il loro primo album, Head, seguito del primo rudimentale EP Pure. In questo disco la formazione trova un nuovo assetto, completandosi con l’arrivo di un batterista: insieme al cantante David Yow e al bassista David Wm. Sims, entrambi ex Scratch Acid, troviamo Duane Denison alla chitarra e Mac McNeilly alla batteria, che andrà quindi a sostituire la drum machine utilizzata in Pure. Il quartetto è forte, dotato di una grande tecnica e di estro, sempre considerato il genere, un rock alternativo, noise, con influenze hardcore-punk. La produzione è affidata a Steve Albini, musicista e produttore fondamentale nella storia del rock alternativo americano, che per l’appunto ha lavorato con Nirvana, Sonic Youth e un’infinità di altri nomi più o meno conosciuti.

Su Head si può trovare qualcosa in comune al noise dei Sonic Youth, ma il tutto è molto più potente ed energico. Si ha che fare con un vero capolavoro del genere, un disco in cui per tutta la sua durata si preme sull’acceleratore: nelle dieci tracce (per un totale di trenta minuti di musica) non ci sono praticamente mai momenti in cui i ritmi calano, in cui i suoni si addolciscano facendo uscire un lato troppo melodico, dei suoni più rilassati. Questo stile carico di aggressività, concitato, oltre che per una questione di genere e di stile musicale a cui Head è legato è rafforzato dal cantato del frontman David Yow, che si approccia ai brani a modo suo, calandosi nella furia e nel degrado contenuti nei testi, urlando, gridando versi, cercando di restituire una performance vocalmente non troppo canonica ma vibrante e viva, pienamente adeguata al contesto.
Dalla prima canzone, One Evening, si capisce già tutto, si possono riscontrare subito le considerazioni appena fatte e si può intuire di essere dinnanzi a un piccolo capolavoro, termine difficile da usare per album così, spesso simili tra loro, che non emergono per elementi convenzionali e più immediati da valutare, quali un bel canto o banalmente un ottimo assolo. Non è un problema perché con Head siamo ai massimi livelli per il genere: il sound è marcio e frastornante, come si può ben sentire nel caso di S.D.B.J., My Own Urine, If You Had Lips (ma il discorso vale per ogni altro singolo secondo di musica di Head), i riff di chitarra sono macigni, così come lo sono le ritmiche, le linee di basso e la batteria. Un suono così convincente vale già il disco, ma poi c’è da considerare la “scorrevolezza” dell’album, che grazie alla sua durata non eccessiva, a brani brevi, riesce ad essere a suo modo immediato, riascoltabile: ogni cosa risulta ottimale per gli equilibri e per la struttura del disco.
C’è spazio per un rock meno caotico, con distorsioni meno “impastate”, ma sempre carico di energia con 7 vs. 8 così come c’è spazio per Pastoral, canzone malinconica, dalle sonorità quasi in stile Joy Division, che con il suo arpeggio pulito che spacca a metà il disco, creando uno strano contrasto. Si riparte subito con Waxeater, Good Thing e Tight 'n Shiny, brani brevissimi, che si susseguono impetuosamente fino a giungere a Killer McHann, che chiude il disco, dando ancora un po’ di spazio alle urla sgraziate di Yow e al sound travolgente dei suoi Jesus Lizard.

Non ci sono considerazioni aggiuntive da fare: Head è un capolavoro per il suo suono sporco e malato, per l’equilibrio della tracklist, per lo scorrere delle canzoni, per lo stile con cui i musicisti suonano, sfornando infiniti riff e idee degne di nota, per la vocalità di Yow, che lavora con personalità ma inserendosi perfettamente in ogni canzone, esagerando con urla e versi insani, senza mai risultare fuori luogo. Non ci sono veri difetti a minare il lavoro dei Jesus Lizard, che al massimo può lasciare indifferenti coloro che non apprezzano questo genere musicale, ma per il resto composizioni e produzione funzionano e sono tuttora apprezzabili.

Head è un’opera seminale, grezza ma incredibilmente coinvolgente, godibile e riuscita. Si tratta ovviamente di un disco abbastanza di nicchia, non da tutti. Gli appassionati del genere avranno avuto modo di apprezzarlo alla sua uscita o nel corso degli anni (che non hanno per nulla compromesso l’effetto di Head) e di conoscere la band (magari per il successivo e più iconico Goat, uscito nel 1991), ma tutti coloro che sono nuovi al noise, al rock alternativo possono prendere Head come opera di riferimento (rispetta tutti i requisiti per poter essere considerato tale) per affacciarsi a queste sonorità, a questo stile.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
99 su 2 voti [ VOTA]
Alessandro bevivino
Domenica 4 Agosto 2019, 8.45.12
4
Album fantastico.
DEEP BLUE
Lunedì 24 Giugno 2019, 22.49.08
3
Capolavoro
InvictuSteele
Domenica 23 Giugno 2019, 21.39.21
2
Band immensa, tra le più geniali degli anni 90
Alex Cavani
Sabato 22 Giugno 2019, 16.59.20
1
Disco capace di scartavetrare anche gli spazi dove lo si rimette dopo averlo ascoltato. Bomba!
INFORMAZIONI
1990
Touch and Go Records
Noise
Tracklist
1. One Evening
2. S.D.B.J.
3. My Own Urine
4. In You Had Lips
5. 7 vs. 8
6. Pastoral
7. Waxeater
8. Good Thing
9. Tight N Shiny
10. Killer McHann
Line Up
David Yow (Voce)
Duane Denison (Chitarra)
David Wm. Sims (Basso)
Mac McNeilly (Batteria)
 
RECENSIONI
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]