Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ihsahn
Arktis.
Demo

Mastemey
Mastemey
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/07/16
MIRRORMAZE
Break the Horizon

08/07/16
VANNA
All Hell

08/07/16
LORD OF WAR
Suffer

08/07/16
MAGNUS ROSÉN
The World Changes

08/07/16
DIABOLICAL
Umbra

08/07/16
WOLVERINE
Machina Viva

08/07/16
ILLDISPOSED
Grey Sky Over Black Town

15/07/16
THE EMBODIED
Ravengod

15/07/16
SCOUR
Scour

22/07/16
PSYCHOPRISM
Creation

CONCERTI

02/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

02/07/16
VASTONHATE FEST (day 2)
PUB XXIII - CALTANISSETTA

03/07/16
BRUCE SPRINGSTEEN
STADIO SAN SIRO - MILANO

03/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

04/07/16
SLAYER + CARCASS + BEHEMOTH
MARKET SOUND - MILANO

07/07/16
DAVID GILMOUR
ANFITEATRO DEGLI SCAVI - POMPEI (NA)

08/07/16
DAVID GILMOUR
ANFITEATRO DEGLI SCAVI - POMPEI (NA)

08/07/16
DISSONANCE FESTIVAL
LAND OF FREEDOM - LEGNAGO (MI)

09/07/16
RUSSKAJA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

09/07/16
THE DARKNESS + HANGARVAIN + NOISE POLLUTION + DOUBLE MALT
KIMERA ROCK - AVEZZANO (AQ)

Aneurysm - Shades
( 1490 letture )
Una decade di attività, una discreta nomea ed una buona perizia tecnica, questo il biglietto da visita del combo Veronese. Se a ciò si aggiunge che il nuovo CD reca, oltre ad una buona produzione ed una certa dose di innovazione, la presenza del Sig. Kursch Hansi quale special guest su una traccia, si intuisce che interessarsi a “Shades” può anche rappresentare un valido impiego del proprio tempo. Dal punto di vista stilistico il genere del gruppo è difficilmente inquadrabile, inglobando elementi Techno/Death, Tharash, forse anche vagamente prog, risultando accostabili, in linea di massima , ai Meshuggah. Il connotato principale del disco è costituito dall’uso accorto dell’elettronica, (che generalmente, da buon residuato degli anni 80, non apprezzo molto), che non soffoca la struttura “pesante” ed oppressiva delle canzoni, ma anzi, spesso contribuisce a valorizzarle. Un mixaggio abbastanza “allineato” delle chitarre, - in grado di regalare anche alcuni buoni soli - che costituiscono un unico muro sonico, sezione ritmica più di una volta in contro-tempo con interessanti prove fornite da bassista e batterista, e cantato incisivo e ben mixato, anche se il risultato è più performante sulle tonalità medio-basse che su quelle medio-alte sono gli altri ingredienti di “Shades”. Discreti i testi e l’artwork. Il limite di questa realizzazione stà probabilmente nel fatto che , essendo poco incline al compromesso e puntando su atmosfere poco immediate, l’ascolto può risultare un po’ affaticante nonostante non manchino breaks e variazioni sul tema, e se non si è perfettamente in linea col mood del disco si rischia di arrivare già a metà ascolto col fiato corto, un po’ “sovraccaricati”, rendendo quindi “Shades” pco fruibile per taluni. Al di là di questa considerazione personale rimane il fatto che si tratta di un buon lavoro, anche a causa di una mai trascurata vena melodica che attraversa tutte le composizioni, tuttavia non sono molto sicuro della sua longevità. In ogni caso un risultato positivo, in grado di farli conoscere anche all’estero. Da ascoltare.


VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
28 su 21 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2007
Old Ones Records
Industrial / Thrash
Tracklist
Shade One: Introspection
Under Grey Skies
Quagmire
Shade Two: War Of Fragments
Black Narrow Eyes
Reflection
Shade Three: Into The Golden Fields
My Reward
Inquietudo Animi
Shade Four: Point Of Contact
Proud
Shade Five: Desper-Hate
Release
Real Ease
Shade Six: ...Shades



Line Up
Gianmaria Carneri Vocals, Guitars
Peter Calmasini Guitars
Ivano Dalla Brea Bass
Stefano Torregrossa Keyboards, Programming
Marco Piran Drums

 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]