IN EVIDENZA
Album

Panopticon
The Rime of Memory
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/24
ENSLAVED
Heimdal (Deluxe)

01/03/24
BLIND CHANNEL
Exit Emotions

01/03/24
BIG BIG TRAIN
The Likes of Us

01/03/24
ROSS VALORY
All of the Above

01/03/24
HAUNT
Dreamers

01/03/24
DAVID REECE:
Baptized by Fire

01/03/24
DORO
Conqueress - Extended (EP)

01/03/24
HANDS OF GORO
Hands of Goro

01/03/24
SULDUSK
Anthesis

01/03/24
BRUCE DICKINSON
The Mandrake Project

CONCERTI

01/03/24
DAVID ELLEFSON + TBA
DRUSO - RANICA (BG)

01/03/24
ADAM BOMB + I GLAM?AM!
PUB AMERICA, PIAZZA STEFENELLI - FONDO (TN)

01/03/24
PONTE DEL DIAVOLO + SHORES OF NULL
ZIGGY CLUB, VIA MADAMA CRISTINA 66 - TORINO

01/03/24
MODENA CITY RAMBLERS
LIVE MUSIC CLUB, VIA GIUSEPPE MAZZINI, 58 - TREZZO SULL\'ADDA (MI)

01/03/24
N*O*Y*S*E
BLOOM, VIA CURIEL 39 - MEZZAGO (MB)

01/03/24
TAURUS INFERNO + WEIRDREAM
CIRCUS ROCK CLUB, VIA DELLA TRECCIA 35/3 - FIRENZE

01/03/24
NOISE WAGON VOL. 11
BINARIO 9, DOPOLAVOROFERROVIARIO, VIALE MIRAMARE 51 (TRIESTE)

01/03/24
ROSSOMETILE + HANA BI
METROPOLIS LIVE CLUB, VIA CALATAFIMI - PIEDIMONTE SAN GERMANO (FR)

01/03/24
THE PRETTY FACE
ARCI BELLEZZA, VIA GIOVANNI BELLEZZA 16/A - MILANO

02/03/24
DAVID ELLEFSON + TBA
IL GIARDINO - LUGAGNANO (VR)

Saturnus - The Storm Within
14/10/2023
( 1205 letture )
Embrace the darkness, embrace the pain
The things we fear are the ones we must face
Haunted by a past I cannot change
Tormented forever by the storm within


Il growl terribilmente cavernoso, lugubre, quasi spaventoso, riconoscibilissimo, che nasce dalle viscere di un dolore trattenuto, maturato, che poi esplode all 'improvviso. Thomas Jensen, caposaldo e certezza dei nostri Saturnus, fa da contraltare alla bellezza evocativa e delicata, rarefatta con cui si apre il nuovo album dei danesi, a undici anni di distanza da Saturn In Ascension. Come undici sono i minuti di durata dei due primi brani monolitici e allo stesso tempo carezzevoli di The Storm Within, attesissimi, ascoltati con le lacrime agli occhi -seppure Chasing Ghosts anticipato come singolo-, per la tanta attesa e la quasi persa speranza di ascoltare materiale nuovo dalla storica band, maestra del doom più cupo, unito a un gusto per la melodia sopraffino e delicatissimo.

Di melodia in questa ultima sentitissima fatica, ce n'è davvero molta e i brani sono impregnati di tastiere e piano, che prendono vita direttamente dall'umidità di tempeste estive, tempeste autunnali, spiagge solitarie, oscure e osano dilatare i tempi e i brani, bilanciando la pesantezza che scaturisce dalla sofferenza interiore, che esplode quando growl, chitarre e batteria scansano la bellezza per impersonificare il più spaventoso sublime.

I Saturnus ci raccontano i vissuti e le tempeste attraversate in questi lunghi undici anni, a cominciare da importanti cambi di formazione e ritorni. Di componenti storici sono rimasti solo il pilastro, l'inconfondibile Thomas Jensen e il bassista Brian Hansen, seppure con un lungo abbandono dopo la pubblicazione del secondo album Martyre; due chitarristi nuovi di zecca Indee Regal-Sagoo e Julio Fernandez hanno preso le redini della situazione, mentre alle tastiere abbiamo il gradito ritorno di Mika Filborne, che come abbiamo detto in questo lavoro ha un ruolo fondamentale.

E infatti dopo un suono di temporale e pioggia e un arpeggio di chitarra sono proprio le tastiere a prendere le redini della prima traccia e titletrack dell'album, prendendoci per mano e conducendoci dolcemente dentro questa tempesta che lentamente scoppia, dei colpi secchi di batteria ed esplode il fortunale, esplode il growl di Jensen che dopo averci sbattuto in faccia letteralmente la sua bile nera, ritenuta in antichità responsabile del temperamento malinconico, si calma e ci rilassa con suo recitato in voce pulita che si alterna ad altri scoppi neri, che rendono il pezzo perfettamente duplice, atmosferico, dilatato, ma con intermezzi terribilmente feroci e tormentosi.
La medicina antica attribuiva all'influsso pianeta del Saturno la responsabilità del temperamento malinconico, ma Saturno era anche il dio Romano dell'agricoltura dell'abbondanza, della prosperità, della creazione, da questa dualità nasce il contrasto arte/creatività e malinconia.
Chasing Ghosts aumenta e rallenta il ritmo fino a farci ascoltare i battiti del cuore di una battaglia che sembra senza speranza, con le chitarre espressive che straziano e allungano questo meraviglioso logorio interno:

I never be silenced
By the ghosts in me
I will never be hidind
For the demons I cannot see


The Calling uscito come primo singolo anticipatore di The Storm Within, è insieme a Breath New Life, fra i brani più brevi e orecchiabili del lotto, con il growl di Thomas che si erge maestoso sul riff di chitarra melodico e incisivo.
La pioggia incessante che permea il brano, di quasi sette minuti di durata, sfocia dopo una pausa, in un incontro accorato fra la voce recitata, il basso e le chitarre che si accendono nel momento più concitato del lavoro.

This is the calling? This is my calling?

La romanticissima, sontuosamente gotica Even Tide, è una perla candida, retta magnificamente soltanto dal pianoforte e dal dialogare dalle splendide voci pulite di Jansen e dell'ospite d'eccezione, Paul Kuhr dei Novembers Doom. La marea che si ritira lascia come ricordo fallimenti, tristezza e solitudine.

It seems lives failures haunt me
And I just may deserve to be alone

I wonder why...
This long I've survived
Every time I try to go
The waves bring me home


Arrivati al giro di boa di The Storm Within, un nostalgico e toccante intro di piano apre Closing the Circle, che mette una pietra su tutto ciò che è stato in modo da poter tornare a respirare nuova vita…

But the pain moves slowly…

Breathing New Life è il secondo brano più breve dopo The Calling anch'esso, come già avevamo accennato, più compatto e orecchiabile rispetto al resto dell'album, con il growl di Jansen e un riff deciso che ci invitano a considerare l'eternità di tempo trascorsa, sperando sia abbastanza per augurarsi la pace

Long since my heart has broken
All pain has passed leading to hope
Never knowing if peace comes at last
As I breath new life


La conclusiva Truth dopo un lungo intro di piano e tastiere, ci regala un recitato solenne e commovente, ma di nuovo il growl nerissimo ci scrolla dal torpore sognante, ricordandoci la precarietà e mutevolezza della natura umana e delle emozioni:

A feeling of desire
A lust without eyes
Emotions filled with lies
Even when I speak the truth

Nothing comes as it should.
No truth…


I Saturnus delicati ed eterei, che ti sconvolgono a tradimento con la pesantezza, che ti fanna piombare dentro e tu non puoi far altro che soffrire insieme a loro. Vanno ascoltati soltanto quando davvero si sente il bisogno di allinearsi col loro sentire, e farsi quel giusto male che occorre per elevarsi ad uno stato di percezione superiore, che alle volte può sembrare infinita, prolissa e ripetitiva, ma che è necessaria come una preghiera purificatrice. Sono tornati dopo tutti questi anni con un album che ha soddisfatto a pieno tutte le nostre più rosee aspettative e il loro caratteristico e inconfondibile sound non è stato intaccato minimamente, nonostante l'innesto dei due nuovi chitarristi. The Storm Within è un disco che parla di tormento interiore, ma soprattutto di un percorso di cambiamento inevitabile e ci accompagna mano nella mano in questo percorso, tanto che, dopo averlo ascoltato, interiorizzato e fatto nostro, non si può più essere gli stessi. Questo è il grandissimo pregio dei Saturnus, descrivere sensazioni come davvero pochi, prima che scrivere meravigliosa musica.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
90.72 su 11 voti [ VOTA]
TheMask66
Domenica 3 Dicembre 2023, 16.54.58
3
Even Tide su tutte!
GT_Oro
Lunedì 16 Ottobre 2023, 16.24.19
2
Con questi non si sbaglia mai
Un Lettore
Lunedì 16 Ottobre 2023, 14.35.42
1
Maestri.
INFORMAZIONI
2023
Prophecy Productions
Doom
Tracklist
1. The Storm Within
2. Chasing Ghosts
3. The Calling
4. Even Tide
5. Closing The Circle
6. Breathing New Life
7. Truth
Line Up
Thomas Akim Grønbæk Jensen (Voce)
Indee Regal-Sagoo (Chitarra)
Julio Fernandez (Chitarra)
Mika Filborne (Tastiera, Piano)
Brian Pomy Hansen (Basso)
Henrik Glass (Batteria)

Musicisti Ospiti
Paul Kuhr (Traccia 4)
 
RECENSIONI
84
88
88
92
ARTICOLI
25/09/2015
Live Report
SATURNUS + HELEVORN
Padiglione 14, Collegno (TO) 20/09/2015
15/01/2014
Live Report
SATURNUS + DOOMRAISER + THE FORESHADOWING + SHORE OF NULL + (ECHO)
Circolo Colony, Brescia, 11/01/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]