Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Dynamic Lights - Shape
( 6215 letture )
Prendete la raffinatezza e l’estro dei Dream Theater, prendete il gusto della melodia dei Fates Warning, e infine la fantasia e lo stile variegato dei Pain of Salvation. Qua e là versate un po’ della calda intimità degli Opeth. Quello che vi potrebbe risultare non va molto lontano da questo splendido “Shape”, già ora di sicuro una delle migliori uscite del 2005. Avviso preliminare: i Dynamic Shape sono al loro primo full length. Inoltre, sono italiani, quindi scusatemi se sarò un po’ di parte.
Il primo giudizio è senz’altro più che positivo! Infatti questo disco è un lampante esempio di completezza, sotto ogni punto di vista: tecnicamente maturo, passionale, ineccepibile e di gran gusto, suonato con classe, sudato dal primo all’ultimo secondo e curato nei minimi dettagli. Davvero non ci si crede che dietro a tutto questo ci sia una band agli esordi, e per giunta della nostra terra! I 55 minuti dell’album deliziano innanzitutto con il sapore teatrale di “In the hands of a siren”. Successivamente, si arriva ad omaggiare le sonorità dei Pain of Salvation con “Between two parallels”, che prosegue esplorando strutture del tutto originali e ispirate. C’è poi “Remebrances”, decisa e quasi epica in alcuni tratti, seguita da un intenso e sofferto intermezzo al pianoforte (“Density”). Si prosegue con “Going to nowhere”, forse la più prog dell’album, che mescola apparenti dissonanze a melodie istintive e disperate. La successiva “One thousand nothing” è una delle migliori dell’album: lunga, elaborata, piena di impeccabili e straordinari cambi di ritmo, capace di abbracciare sonorità pesanti e melodie orecchiabili, di congiungere senza alcuna difficoltà divagazioni musical-intelletuali a momenti di maggiore quiete e semplicità, il tutto senza perdere mai neppure per un attimo l’identità dell’intera canzone. Strepitoso! Infine, ultimo intermezzo acustico chitarra-e-voce (“Connecting”), per poi tuffarsi nella traccia conclusiva, “The big show”, malinconica e riflessiva che termina però con un velo di conforto diluito dall’elettronica.
E’ “tutto qua” il percorso musicale di questo capolavoro. Ogni membro della band ha saputo portare all’interno dell’album un contributo personale, distinguibile ma al contempo perfettamente in sintonia col tutto. Invidiabile la batteria di Del Pivo, capace di condire con carattere ogni minimo istante, in maniera importante, originale ed elegante, e sfornando qua e là dei grandiosi controtempi. Emozionante, nel comparto tastiere, il pianoforte, un elemento aggiunto che ha saputo infondere profondità e intensità. Calda ed espressiva la voce di Infante. Insomma, un album da godersi per bene, per il quale probabilmente le parole sono quasi superflue.
Ah, vi avevo avvisato del rischio di imparzialità del mio giudizio… Beh, non c’è stato alcun bisogno di ricorrere a favoritismi patriottici. Non mi resta quindi che augurarvi un buon ascolto!



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
23.51 su 31 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2005
DVS Records
Prog Metal
Tracklist
01. In The Hands Of A Siren
02. Between Two Parallels
03. Remembrances
04. Density
05. Going To Nowhere
06. One Thousand Nothing
07. Connecting
08. The Big Show
Line Up
Matteo Infante (vocals)
Marco Poderi (guitar)
Raffaele Mariotti (bass)
Giovanni Bedetti (keyboards)
Simone Del Pivo (drums)
Additional vocals by Jamina Jansson (ex Wolverine)
 
RECENSIONI
s.v.
ARTICOLI
19/05/2005
Intervista
DYNAMIC LIGHTS
Parla Marco Poderi
02/06/2003
Intervista
DYNAMIC LIGHTS
Parla Marco Poderi
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]