Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/02/19
WITCHERS CREED
Awakened From The Tomb…

22/02/19
TORA TORA
Bastards Of Beale

22/02/19
VISIONS OF ATLANTIS
The Deep & The Dark Live @ Symphonic Metal Nights

22/02/19
MIKAEL ERLANDSSON
Capricorn Sin

22/02/19
BLOOD RED SAINTS
Pulse

22/02/19
TRAVELER
Traveler

22/02/19
LAST IN LINE
II

22/02/19
SPIRITS OF FIRE
Spirits Of Fire

22/02/19
NASHEIM
Jord Och Aska

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

CONCERTI

22/02/19
MARK BOALS + THE HOLY DIVERS
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

22/02/19
OPERATION MINDCRIME
BORDERLINE - PISA

22/02/19
DARKEND + SHADOWTHRONE + HERUKA
FUCKSIA - ROMA

22/02/19
STAGE OF REALITY + 17 CRASH
KILLJOY - ROMA

22/02/19
OPERA IX + ASHEN FIELDS
CIRCOLO ARCI ZIGGY - TORINO

22/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
ROCK OUT - BRESCIA

22/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

22/02/19
ADVERSOR + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

Sandstone - Cultural Dissonance
( 1740 letture )
Un’occasione mancata. Si potrebbe tranquillamente classificare così quest’ultimo lavoro dei Sandstone, band progressive-power metal irlandese con evidenti riferimenti a Iron Maiden e Queensryche.

Cultural Dissonance segue il debut album Tides Of Opinion e soprattutto Purging The Past, disco che si è fatto notare anche per il commento del leggendario cantante degli Iron Maiden Bruce Dickinson (che ha descritto il secondo album dei Sandstone come “the most impressive album to come out of Ireland for years”). Cosa è cambiato da allora?

La sterzata verso sonorità più pesanti è evidente ed è aiutata anche dall’introduzione della seconda chitarra affidata alle mani del cantante Sean McBay, ricordando effettivamente band con percorsi simili come i Pagan’s Mind o gli ultimi Symphony X. La differenza è che sembra che i Sandstone non sappiano bene come si faccia. L’impressione che gli irlandesi non sappiano esattamente dove si trovino emerge fin dalla prima canzone dell’album, Reckless Thought, che parte molto bene con possenti sferzate di batteria è una chitarra che sembra voler prendere in mano le redini del gioco, ma fin troppo presto entra in campo la voce stridula di Sean McBay (che riesce a brillare meglio all’interno del bridge) e la canzone va perdendo di efficacia ed incisività, nonostante gli altri strumentisti (e soprattutto la chitarra solista) svolgano un lavoro interessante. I punti deboli appena notati si possono riscontare lungo tutto il full-lenght.

Non è tanto l’abilità dei musicisti o la qualità del songwriting a lasciare perplessi, quanto la fondamentale mancanza di sostanza e l’incapacità di seguire fino in fondo il sentiero intrapreso. La ricerca melodica è buona ma oscurata dalla ricerca di una cattiveria che è praticamente impalpabile; la ripresa dei modelli (vedi Silent Suicide, che profuma di Queensryche) sfiora l’emulazione sterile e fine a sé stessa. Mi dispiace poi dire che il cantato di Sean McBay appare del tutto inappropriato alla situazione attuale della band.

La band, insomma, dimostra di essere piuttosto confusa sul da farsi, oltre che a peccare molto di personalità. I quasi cinquanta minuti complessivi dell’album sembrano non passare mai ed alla fine risulta davvero difficile trovare motivi per ascoltare nuovamente questo Cultural Dissonance. È davvero un peccato, perché le potenzialità sembrerebbero non mancare.




VOTO RECENSORE
51
VOTO LETTORI
31.18 su 22 voti [ VOTA]
Metal Maniac
Domenica 14 Luglio 2013, 23.42.37
3
il motivo è presto detto: prima si poteva dare un voto anche inferiore al 30...
q
Domenica 14 Luglio 2013, 23.38.06
2
Opzione vota: da 30 a 99. Voto lettori: 27,6. (lol?)
RedIlRusso
Martedì 15 Novembre 2011, 20.54.20
1
Disco abbastanza tedioso, x qualche motvio sono calati parecchio rispetto alle altre uscite in cui non erano così boriosi...
INFORMAZIONI
2011
Limb Music
Power/Prog
Tracklist
01. Reckless Thought
02. Little Forgeries
03. Fading
04. Leaning On An Arrow
05. Carefree Moment
06. Silent Suicide
07. Black Skies
08. No More
09. Sleep
10. Trick Of Mind
Line Up
David McLaughlin - bass
Stevie McLaughlin - guitar
Sean McBay - vocals & guitar
Dan Lafford - drums
 
RECENSIONI
51
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]