Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Witchwood
Before the Winter
Demo

Bleakheart
Dream Griever
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

04/12/20
RAMMSTEIN
Herzeleid (XXV Anniversary Edition - Remastered)

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
ANGEL
A Womans Diary The Hidden Chapter

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
PROFANITY
Fragments of Solace

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

04/12/20
IRON SAVIOR
Skycrest

04/12/20
NEAL MORSE
Jesus Christ The Exorcist (Live At Morsefest 2018)

CONCERTI

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

06/12/20
BORKNAGAR + SAOR + CAN BARDD
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

11/12/20
NANOWAR OF STEEL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

18/12/20
DESTRUCTION + GUESTS (ANNULLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

19/12/20
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

14/01/21
THE BLACK DAHLIA MURDER + RINGS OF SATURN + VISCERA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Lonewolf - Raised on Metal
10/11/2017
( 1343 letture )
Parlando dei Lonewolf una cosa balza immediatamente all’occhio: dopo una carriera partita nel 2002 con March Into the Arena e giunta adesso al nono capitolo con Raised on Metal, non hanno mai davvero spiccato il volo. Non oltre l’area franco-tedesca, almeno. Negli ultimi anni, poi, hanno vissuto una situazione di stasi che ha confinato la band nel limbo dei gruppi minori, pur potenzialmente dotati.

L’uscita di Raised on Metal non fa che confermare questa tendenza dato che, nonostante la registrazione affidata a Xavier Sindt, il mixaggio e la masterizzazione messi nelle mani di Charles Greywolf (Gloryful, MessengeR, Kambrium, etc.) e la copertina realizzata da Peter Sallai (Sabaton, W.A.S.P., Powerwolf, Satyricon, Kreator etc.), non colpisce nel segno nemmeno questa volta. Il motivo, comunque, è sempre lo stesso: nonostante l’impegno profuso ed una leggera virata verso suoni un po’ più oscuri -probabile merito del nuovo chitarrista Michael Hellström- a mancare è la base, dato che i dodici pezzi in scaletta (bonus track comprese) sono come al solito scontati, se non proprio mediocri o poco più. La ricetta proposta dai Lonewolf è sempre la stessa, ossia un heavy metal tradizionale con molti passaggi ispirati ai Grave Digger ed agli Accept, ma in cui il “sistema operativo” maideniano viene fuori in modo cristallino, irrobustito il giusto in sede di produzione e poi caratterizzato dalla voce abrasiva e poco duttile del chitarrista Jens Börner, croce e delizia del gruppo. Questa, pur molto distinguibile e quindi capace di rendere la band più riconoscibile -una qualità importante in un panorama iper affollato come quello odierno- nei pezzi in cui sono richieste doti interpretative oltre la sufficienza, evidenzia limiti palesi che abbassano l’impatto finale. L’album contiene pezzi relativamente vari, passando dai tempi medi di Evil e No God, No Master a quelli veloci di Unleash the Wolf, Raised on Metal e Skinless Smile, ma non lesina di certo i classici cori catchy nei quali emergono riferimenti all’operato di Chris Boltendahl ed accenti epici qua e là. A mancare, comunque, è come sempre la personalità.

La dozzina di canzoni in programma scorre via in maniera a volte piacevole, a volte anonima, raramente con qualche spunto in grado di destare il nostro interesse, ma quando l’arpeggio finale di Demon’s Call termina, non viene certo la voglia di risentire il disco ed a restare in mente sono principalmente le canzoni ed i gruppi che sono stati fonti di ispirazione per i Lonewolf e non i Lonewolf stessi. Non esattamente la situazione in cui dovrebbe trovarsi una band attiva da così tanto tempo ed in possesso sia dell’esperienza che dei mezzi tecnici per fare qualcosa di più significativo. Che in sostanza, coinciderebbe semplicemente con qualcosa in grado di segnalarli per meriti propri e non perché ricordano realtà più famose.



VOTO RECENSORE
59
VOTO LETTORI
98 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Massacre Records
Heavy
Tracklist
1. Unleash the Wolf
2. Souls of Black
3. Through Fire, Ice and Blood
4. Raised on Metal
5. Flight 19
6. Extinction of the Stars
7. Evil
8. Skinless Smile
9. No God, No Master
10. Dark World Order
11. Swansong *
12. Demon’s Call*

* Digipak Bonus Track
Line Up
Jens Börner (Voce, Chitarra)
Michael Hellström (Chitarra)
Rikki Mannhard (Basso)
Bubu Brunner (Batteria)
 
RECENSIONI
52
55
56
60
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]