Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
KEN HENSLEY
My Book of Answers

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Hån - Breathing the Void
17/02/2021
( 695 letture )
Gli svizzeri Hån sono fra i nuovi esponenti della scena black metal grezza che condivide tratti comuni con la nicchia più depressive, fatta da ritmiche moderatamente up-tempo con riff basati su tremolo ripetitivi ricordano tanto Burzum, Darkthrone o i primi Nargaroth. Perlomeno, questa era l’impressione ascoltando il loro album di debutto del 2016, Facilis Descensus Averni. L’album aveva dalla sua un’aura oscura rinforzata dalla produzione e dall’uso sapiente di armoniche sovrapposte fra gli arrangiamenti, ma peccava di originalità e di profondità, avendo l’impressione di essere un compito ben svolto che aggiungeva ben poco alla scena contemporanea. Già da allora, comunque, il gruppo aveva cambiato un batterista ed un chitarrista nella formazione.

Dopo un’intro strumentale composto da poche note di chitarra acustica immerse nel riverbero, la titletrack apre le danze con un blast beat moderato a base di due chitare armonizzate tra loro che descrivono melodie orecchiabili e che starebbero bene in uno dei primi due album dei Dissection. Dalla terza traccia in poi, Olethrus, diventa chiaro che l’album pecca di ripetizione degli stessi stilemi presenti nel debutto. Le impressioni vengono confermate nei pezzi seguenti, Enter an Eternal World e Goatman, che ripropongono gli stessi ritmi e lo stesso martellamento in doppia cassa e riff melodici leggermente più vari e meno stereotipati. Le quattro tracce successive si susseguono l’una dietro l’altra senza nessuno stravolgimento, tra cui si segnalano come momenti di nota solo alcuni passaggi intermedi di Asterion e della conclusiva Lost Souls: quest’ultima, tra l’altro, si presta al pezzo più orecchiabile del disco, a giudicare dl riff iniziale. Un altro punto a sfavore giace nella produzione, che paragonata al debutto, risulta privata delle armoniche acute del basso a favore di un approccio più compresso, asciutto, e, considerando le dinamiche, drammaticamente piatto, con gli arrangiamenti sparati a mille per tutta la durata senza dare segni né di cedimento né di variazione d’atmosfera. Nonostante i dodici anni di attività, gli Hån complice anche il poco materiale registrato, danno ancora la sensazione di essere un gruppo debuttante. Questo secondo album in studio ha tutta l’aria di essere stato scritto e registrato frettolosamente, segno, forse, che l’ergonomia del gruppo è stata penalizzata dalla presenza di side project tra alcuni membri (in particolare i Guignol Noir, che proprio lo scorso hanno debuttato con Mantric Malediction).

Non sappiamo se gli Hån pubblicheranno altro materiale in studio in futuro: quel che è certo è che quanto abbiamo sentito finora è una proposta ben eseguita che però lascia trasparire poca fiducia nel progetto e nella propria attività, cosa che smorzerebbe non poco gli entusiasmi per chi volesse alternative ai conterranei Ungfell.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
54.3 su 10 voti [ VOTA]
Voivod
Mercoledì 24 Febbraio 2021, 20.33.54
5
Dalla copertina avrei pensato facessero aor...
LUCIO 77
Sabato 20 Febbraio 2021, 14.35.53
4
Album che scorre gradevolmente.. Come piace a Me.. Senza tanti rallentamenti e sempre con un fondo melodico.. Penso ormai di aver appreso i parametri di giudizio di Transcendence quindi il Voto è buono.. Se posso permettermi; dando 65 a questo, secondo Me il 63 dato all'ultimo degli Auòn è basso in confronto..
VICTORY
Venerdì 19 Febbraio 2021, 13.02.02
3
Dare 65 a questo disco è un reato. E' da novembre che lo ascolto ripetutamente. Addirittura superiore al precedente. Chiaro che non inventa nulla di nuovo ma è del classico black metal fortemente melodico di netta matrice finlandese/tedesca.
Carmine
Giovedì 18 Febbraio 2021, 17.00.26
2
Penso sia un problema informatico. È accaduto un paio di volte anche a me ma si è sempre risolto automaticamente. Scialli.
Tino
Giovedì 18 Febbraio 2021, 16.54.47
1
In che senso? Cit verdone
INFORMAZIONI
2021
Northern Silence Productions
Black
Tracklist
1. Intro
2. Breathing the Void
3. Olethrus
4. Enter an Eternal World
5. Goatman
6. Asterion
7. Dissent
8. Lost Souls
9. Salvation
Line Up
Gnist (Voce)
Lodur (Chitarra)
Kryptos (Chitarra)
Grevling (Basso)
Jehoruan (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]