Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
ZOMBI
2020

17/07/20
RUMAHOY
Time II: Party

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
THE DEAD DAISIES
The Lockdown Sessions (EP)

17/07/20
EMBR
1823

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

CONCERTI

17/07/20
SILENZIO PROFONDO + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Future Is Tomorrow - Fit For Die
( 2489 letture )
Power progressive metal dalle Venezie: è l’ambizioso progetto dei Future Is Tomorrow, combo nato nel 2003 e che giunge finalmente al suo disco d’esordio grazie ad una passione e ad una determinazione che non sempre pagano, nel Paese di Vasco e della Pausini. Fit For Die è, nelle parole stesse della band, una storia che parla della morte nella società moderna, raccontata con potenti riffs di chitarra, vocals emozionanti e arrangiamenti alla tastiera che conferiscono alle sonorità della formazione italiana un’ambientazione ancor più cupa e operistica. La band apre il disco con Dead, un riff duro e una determinata sezione batteristica, linee presto ammorbidite dalla voce di Max Bottiglieri, intrisa di epica malinconia. Piacevole nel ritornello e in tutto il suo incedere, la song lascia capire che la melodia è la caratteristica principale del platter, che nelle linee chitarristiche ricorda una volta in più l’eterna lezione dei classici, impostandola con una struttura a tratti più progressiva. La successiva Another Soul è introdotta da cori mistici che creano l’atmosfera di una buia cattedrale con dei monaci raccolti in preghiera, e da un bel riff, anche se precede meno esaltante dell’opener. Le situazioni altamente emotive impregnano l’intero disco, con ritornelli suggestivi e ‘aperti’, anche se talvolta le canzoni potrebbero sembrare poco diverse l’una dall’altra. In Awakening The Ghosts appaiono persino un growl fulmineo e un graffio di tastiera, strumento che –ancora assieme ai cori - apre anche All For You. Assolutamente godibili sono le vocals, epiche, rilassate e profonde, incastonate in refrain piacevoli e talvolta accattivanti come nel pezzo in questione. O come in tutto il delinearsi dell’emozionante ‘Stories To Tell’: la convinzione è che il disco ‘cresce’ ascolto dopo ascolto, com’è naturale che sia. Il primo approccio, con i relativi dubbi in questione, lascerà spazio ad un maggior feeling introspettivo con l’album stesso, permettendo alle sinfonie di ritagliarsi uno spazio considerevole senza dover ricorrere alla potenza fuori dalle righe. Stupende, una volta di più, le linee vocali di Fit To Die, mentre in Save Us, Source Of Mercy rifà capolino un breve growl: il pezzo è cantato in latino, il che dà un ulteriore tocco di classe e misticità all’aurea già lucente di questa band davvero in gamba. La conclusiva e lunghissima The Day Of Retribution (quasi undici minuti) si ravviva e velocizza nella sua seconda parte, smentendo chi si immaginava già lo scivolone finale dei ‘Future…’. L’idea complessiva che la band dà di sé è quella di una metal ‘orchestra’ perfetta, una macchina che non sbaglia nulla e non vuole strafare. Le chitarre di Michael Snidaro e Paolo Furlanis tracciano melodie appaganti senza prendersi mai tutto il palco per sé con allucinazioni fuori dal comune, capaci di estraniarsi dal contesto della canzone per la loro straordinarietà: tutto è ingranaggio di un meccanismo preciso, dalla batteria compatta e mai trasgressiva di Fabio Tomba alla voce toccante di Max. Talvolta, se non sempre, le ‘etichette’ sono strette e imprecise, e non rendono bene l’idea di ciò che si tenta di descrivere. Così bollare i Future Is Tomorrow come una band di power progressive metal diventa un po’ irreale: del power hanno certe sonorità (che potrebbero anche essere semplicemente definite come di stampo classic heavy) e un taglio abbastanza ‘epico’, ma non di certo la potenza a briglie sciolte o la pomposità da capogiro! Allo stesso tempo, dal progressive attingono una certa elaborazione delle strutture (lunghezza, articolazione, atmosfera sognante e non eccesivamente aggressiva) ma senza spingersi a livelli tecnici disumani. Il risultato, Fit To Die, è gradevolissimo e apprezzabile, e permette alla band italiana di porre basi interessanti per il proseguio di carriera.


VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
55.25 su 36 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2009
Autoprodotto
Prog Metal
Tracklist
1.Dead
2.Another Soul
3.Awakening The Ghosts
4.All For You
5.Stories To Tell
6.Fit To Die
7.Save Us, Source Of Mercy
8.The Day Of Retribution
Line Up
Gadjet (Michael Snidaro) - Guitar
Grave (Fabio Tomba) - Drums
Field (Matteo Campo Dall'Orto) - Bass
Pablic (Paolo Furlanis) - Guitar
Max (Massimo Bottiglieri) - Vocals
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]