Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
BRAVE THE COLD
Scarcity

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
BON JOVI
2020

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Mercyful Fate - Don’t Break The Oath
( 9797 letture )
Siamo nel 1984, ed i Mercyful Fate, gruppo molto promettente nel panorama mondiale heavy metal dopo aver positivamente colpito pubblico e critica col debutto intitolato Melissa, danno alle stampe il secondo full-lenght: Don’t Break The Oath. Da sempre considerato, a ragione, il loro apice, l’album è -effettivamente- una pietra miliare per l’heavy metal, forse troppo poco considerata al giorno d’oggi. La band, tecnicamente di valore assoluto, seppe coniugare quanto di meglio fatto dalla nwobhm -abbastanza evidenti, a tal proposito le influenze dei Judas Priest-, rielaborando il tutto secondo canoni ed influenze personali, facilmente riconducibili ad atmosfere gotiche e vagamente black. Il valore aggiunto della band era, ed è tutt’ora, certamente King Diamond, all’anagrafe Kim Bendix Petersen, iconico frontman di cui ogni band di un certo calibro avrebbe bisogno. La sua presenza scenica, le sue trovate anticonvenzionali -facepainting incluso-, la sua voce cacofonicamente fastidiosa, sono vera e propria oasi nel deserto per schiere di metal head. Dando tutto il merito al Re Diamante però, faremmo -indubbiamente- un torto gravissimo al resto della band che si esprime su livelli altissimi per tutto il disco. La coppia di asce composta da Hank Shermann e Michael Denner è autrice di una prestazione praticamente perfetta: mai una nota che sembri fuori luogo, mai un assolo che non risulti fondamentale per la struttura dei pezzi, mai un riffing che sembri derivativo o poco ispirato; insomma, pur se influenzati dalla premiata coppia Tipton-Downing, i due dimostrarono davvero di saperci fare. Stesso discorso per la sezione ritmica della band, vero e proprio cuore pulsante del quintetto: Timi Hansen e Kim Ruzz erano perfettamente integrati nell’economia della band, riuscendo a ritagliarsi sprazzi da prima donna, specialmente Hansen in stile Steve Harris.

Parlare delle singole canzoni mi pare sia cosa del tutto superflua, visto che ognuno che si professi ascoltatore di heavy metal dovrebbe conoscere ogni pezzo a memoria. Tuttavia, il valore elevatissimo delle canzoni, c’impone di spendere qualche parola sui singoli pezzi. L’opener A Dangerous Meeting avverte l’ascoltatore su cosa troverà tra i solchi di questo cd: tanto, ma proprio tanto heavy metal nudo e crudo. Basso e batteria aprono la successiva Nightmare, assolutamente dominata dalla prestazione vocale del Re, che tocca, con i vocalizzi nella parte finale del pezzo, il punto più alto dell’intero disco. Una prova da applausi. Come non parlare di Desecration Of Souls? Come non accennare alla sua carica corrosiva? Il lavoro delle due asce rasenta la perfezione come il resto della band, d’altronde. Ancora su queste coordinate di metallo viaggia la successiva Night of The Unborn. The Oath è sicuramente il pezzo più rappresentativo dell’album. Atmosfere cupe e sulfuree accompagnano l’ingresso dell’organo, fino all’irrompere violento del resto della band. Diversi cambi di tempo, e d’atmosfera, il tutto sotto la voce malata e schizoide del re, cantore perfetto e mortifero. Un pezzo da dieci e lode. Si prosegue con la buona ma non trascendentale Gypsy, per passare per l’altrettanto apprezzabile Welcome Princess of Hell, costruita su un ritmo meno martellante rispetto ai pezzi precedenti. To One Far Away è una bell’intro che introduce l’ultimo pezzo, la divina Come To The Sabbath. Un’adunata di metallari che nel pieno degli anni ottanta vivevano -forse mai come allora- pienamente la dimensione live del concerto; questo l’invito che i Mercyful Fate facevano ai propri fan, al termine di un disco strepitoso.

Senza ombra di dubbio con Don’t Break The Oath parliamo dell’apice dei Mercyful Fate, a volte schiacciati -nel giudizio della critica- dalla presenza di King Diamond, un frontman a metà tra Rob Halford e Ozzy Osbourne. Basta sprecare altre parole ragazzi, inserite il cd nello stereo e intraprendete questo viaggio agli Inferi accompagnati dal Re Diamante.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
88.40 su 154 voti [ VOTA]
The Cowboy
Giovedì 13 Agosto 2020, 11.24.35
85
Allora, non si comincia mai con allora: allora allora se King non fosse il cantante di d.b.t.o. l'album non sarebbe il classico che ancora oggi e' e sara'. Se togli i break adrenalinici al fulmicotone di Hank di comprovata fede nwobhm su cui si dipanano le istrioniche linee di King e cade la struttura di base. In altre parole metti un Coverdale a cantare questo disco e sarebbe soltanto un buon disco di hard rock.
Argo
Venerdì 10 Luglio 2020, 22.38.28
84
Vabè dai...
Tino
Venerdì 10 Luglio 2020, 22.22.35
83
Cioè king diamond avrebbe potuto scegliere un cantante e trovarsi un altro ruolo? King diamond è il cantante. Ma ci pensate prima di scrivere certe sciocchezze. Mi scuso per il tono ma a volte mi sembra che a cercare di mettere pezze e peggio che lasciare il buco.
Argo
Venerdì 10 Luglio 2020, 22.07.24
82
Non intendevo di certo scatenare le ire degli appassionati, questa band mi piace da tempo, ho visto King Diamond dal vivo e per capirci essere chiari domani mi arrivano Melissa e Don't break the oath nella nuova versione digipack col cd fatto a lp. Il mio discorso era proprio sul fatto del falsetto che lo reputo odioso, lo trovo poco "elaborato", monotono, sembra basato su un'unica tonalità, non so spiegarmi bene; la musica invece è immensa e coinvolgente, e mi basta quella, anzi, ben venga, li amo per le schitarrate e i cambi di tempo, e le atmosfere. Visto che comunque King è parte integrante delle composizioni, magari poteva scegliere un altro ruolo e trovare il cantante... Se vogliamo fare un paragone, direi che le parti non in falsetto di King assomigliano molto al tipico modo di cantare di Dave Mustaine, che non ha una bella voce ma ha trovato un bel modo per usarla.
The Sinner
Venerdì 10 Luglio 2020, 21.00.20
81
Va ricordato che Diamond è stato il primo ad usare sulla voce la tecnica del multi-tracking. Nel 1984, avresti dovuto cercare fuori dal genere metal per riuscire a trovare un multi-tracking vocale alla pari con quelli che sperimentava in pezzi come "The oath" o in "Desecration of souls", elaborando strani effetti sulle melodie vocali ed abbinandole nota per nota. . . Che poi il falsetto possa risultare a volte fastidioso e' tutta un altra storia ma King Diamond e' un artista a tutto tondo e non esiste la sparata alla "fanculo" che hai scritto....I Mercyful Fate sono diventati tali grazie anche e soprattutto all'originalita' della sua timbrica vocale che possa piacere o no...Pensa che io ancora sto a bestemmiare per la dipartita di Paul Di Anno dai Maiden ma me ne sono fatto una ragione e siccome non sopporto Dickinson semplicemente non li ascolto piu'...fai cosi' pure te..ciao !!
Silvia
Venerdì 10 Luglio 2020, 20.58.36
80
@Tino penso anch'io che la parte musicale sia notevole a prescindere dalla voce ma penso che non sarebbero lavori cosi' particolari
Tino
Venerdì 10 Luglio 2020, 20.35.31
79
Sarebbero belli lo stesso perché i.pezzi sono pazzeschi ma chi ama alla follia i mercyful li ama proprio per l'alchimia che si crea con la voce che come ho detto non accetta via di mezzo o si ama o si odia. Tra l'altro nonostante king sia uno dei miei artisti preferiti dagli anni 80, non l'ho mai messo tra i.miei cantanti preferiti, come tate o Dickinson
Shock
Venerdì 10 Luglio 2020, 20.20.49
78
@Tino: non si può avere ovviamente la controprova ma bisognerebbe vedere se con un altro cantante o perlomeno senza falsetto come suonerebbero questi dischi e se avrebbero lo stesso successo. Comunque Halford e soprattutto Tate nel loro periodo migliore sono stati tra i migliori di sempre, King molto lontano.
Silvia
Venerdì 10 Luglio 2020, 20.04.13
77
Si' in effetti e' una voce particolare che puo' non piacere o non essere apprezzata subito. Di sicuro tutti i vari registri che usa il King sono importantissimi a sottolineare le diverse atmosfere delle storie che racconta. Io di solito non amo il falsetto x nessun cantante, ma riconosco che senza il timbro particolare del King questi dischi avrebbero forse meno fascino
Tino
Venerdì 10 Luglio 2020, 19.11.56
76
Non è obbligatorio riconoscere un capolavoro. È una voce di rottura che non mette tutti d'accordo, c'era gente negli anni 80 che mi prendeva per il culo, metallari del mio giro. Non è un Geoff tate o un Rob halford che mette tutti d'accordo e questo è il motivo per cui questi dischi sono speciali
Shock
Venerdì 10 Luglio 2020, 19.05.51
75
Io invece mi trovo d'accordo con Argo: il falsetto di King lo reggo un paio di minuti🤣
Tino
Venerdì 10 Luglio 2020, 18.49.19
74
Comincio io. Se avessero avuto un cantante normale non mi sarebbero piaciuti così tanto
Lizard
Venerdì 10 Luglio 2020, 18.16.32
73
@Argo: ti sei messo in un ginepraio mica male
Argo
Venerdì 10 Luglio 2020, 15.38.00
72
A volte, anzi, ogni volta che metto su un cd di questo gruppo, penso a quanto 1000 volte più bello sarebbe stato se avessero trovato un vero cantante.
The Sinner
Domenica 28 Giugno 2020, 14.47.49
71
Un icona assoluta !! Un album che non conosce barriere temporali....Band in stato di grazia ed una tracklist tramandata ai posteri....Nel "Gotha" del metallo nero siede "Don't break the oath" !!!
Kiodo 74
Sabato 28 Marzo 2020, 22.42.32
70
Uaho ragazzi che spettacolo.... Mi sto trastullando in salotto con questo lavoro in vinile....sempre e per sempre meraviglioso il tutto..... Dalla copertina all'ultimo acuto del King.....è il mio preferito dei danesi, più di Melissa, mi manda in subbuglio....mostruso. Ossequi!
angus71
Mercoledì 8 Gennaio 2020, 10.20.28
69
90 tondo tondo per un disco che adoro ed una grandissima band.
Maurizio
Mercoledì 8 Gennaio 2020, 6.37.24
68
Ricordo quando da adolescente lo ascoltai per la prima volta: una sensazione mai provata con altri album. Un'inquietudine al limite della paura. Opera d'arte assoluta. Valore inestimabile.
Luka2112
Mercoledì 4 Dicembre 2019, 22.26.05
67
A mio avviso leggermente al di sotto del precedente album, ma comunque un capolavoro, Non sono d’accordo sul fatto che i Mercyfull fate siano ( Soltanto) King Diamond, per quanto carismatico personalissimo nella vocalità, il risultato complessivo è vada ascrivere alla band nella sua totalità, vorrei citare ad esempio il drummiing del sottovalutato kim Ruzz molto più di un innesto funzionale, tecnicamente preparato è capace di intuizioni che all’ epoca non erano usuali. A parte questo, quando la band originale inizio’ a sfaldarsi i risultati dei primi dischi non furono più replicati.
Luka2112
Mercoledì 4 Dicembre 2019, 22.25.54
66
A mio avviso leggermente al di sotto del precedente album, ma comunque un capolavoro, Non sono d’accordo sul fatto che i Mercyfull fate siano ( Soltanto) King Diamond, per quanto carismatico personalissimo nella vocalità, il risultato complessivo è vada ascrivere alla band nella sua totalità, vorrei citare ad esempio il drummiing del sottovalutato kim Ruzz molto più di un innesto funzionale, tecnicamente preparato è capace di intuizioni che all’ epoca non erano usuali. A parte questo, quando la band originale inizio’ a sfaldarsi i risultati dei primi dischi non furono più replicati.
Luka2112
Mercoledì 4 Dicembre 2019, 22.25.46
65
A mio avviso leggermente al di sotto del precedente album, ma comunque un capolavoro, Non sono d’accordo sul fatto che i Mercyfull fate siano ( Soltanto) King Diamond, per quanto carismatico personalissimo nella vocalità, il risultato complessivo è vada ascrivere alla band nella sua totalità, vorrei citare ad esempio il drummiing del sottovalutato kim Ruzz molto più di un innesto funzionale, tecnicamente preparato è capace di intuizioni che all’ epoca non erano usuali. A parte questo, quando la band originale inizio’ a sfaldarsi i risultati dei primi dischi non furono più replicati.
David D.
Giovedì 21 Novembre 2019, 21.23.22
64
Capolavoro dalla prima all'ultima nota, ha quell'aura maligna ed oscura che assieme al precedente album dovrebbe essere insegnata a scuola. Per un ogni ascoltatore di metal che si rispetti, a mia opinione, questo e Melissa devono essere obbligatoriamente ascoltati. 100 e lode.
lisablack
Domenica 4 Agosto 2019, 22.06.08
63
Capolavoro che secondo me non e' sotto nemmeno ai primi eccellenti album di Iron e Sabbath..
legalisedrugsandmurder
Domenica 4 Agosto 2019, 15.34.15
62
Questo è un capolavoro senza tempo, giusto un pelo sotto quelli di Maiden o Sabbath. 100..
Holy diver
Domenica 16 Giugno 2019, 22.03.34
61
Immancabile x ogni serio fan del metal 100
LexLutor
Lunedì 15 Aprile 2019, 21.58.56
60
Lo riascolto proprio adesso. Nella mia personale top ten di sempre. 32 anni che lo ascolto e non mi stanca mai. Che album... Porca puttana che album.
Mirkorock
Sabato 23 Febbraio 2019, 20.22.55
59
Versione con bonus in cd penso sia una ristampa
thrasher
Domenica 17 Febbraio 2019, 19.45.25
58
Originale o ristampa?
Mirkorock
Domenica 17 Febbraio 2019, 18.58.15
57
Finalmente trovato al mercatino di Cremona puro metallo grandi m f
gionniboi
Martedì 13 Marzo 2018, 22.39.56
56
@LexLutor: perdonami, ma ciò che dici non ha molto senso. Il modo di cantare di King Diamond è semplicemente il mezzo attraverso cui far passare il suo messaggio, non c'è nulla da capire. C'è chi usa il falsetto, chi il growl, chi il pulito, eccetera. Se non piace, non piace.
Mauri66
Giovedì 25 Gennaio 2018, 23.09.09
55
Pochissimo sotto Melissa, ma proprio pochissimo, è un altro incredibile capolavoro dei MF! Certo che questi 2 album sono tra i migliori dischi metal di sempre. Tra i primi 10 sicuro!
rik bay area thrash
Domenica 5 Novembre 2017, 20.25.05
54
È molto interessante leggere i vari post e comprendere in quanti modi viene sentita, percepita, assimilata e quante suggestioni crea in chi l'ascolta . I mercyful fate avevano (hanno) il merito di avere un suono unico e di essere riconoscibili subito, ovviamente anche per diamond. La sua voce è un trademark. È parte integrante dei mercyful. Certo può anche non piacere, ci mancherebbe. I mercyful riuscivano a mettere e a trasmettere nella musica e nelle song tutto l'immaginario horror del re diamante creando un'atmosfera malsana e malevole, quasi da poter toccare. Album di imprescindibile qualità. Insieme al mini e a melisaa un trittico 'infernale' da possedere . (Imho)
LexLutor
Domenica 5 Novembre 2017, 20.01.18
53
La voce di KD è un dogma intoccabile. Chi la critica o la disprezza non potrà mai ma proprio mai capire l'intensità concettuale delle liriche ancorché il messaggio veicolato attraverso l'immagine grottesca e carismatica del leader. DBTO è un matrimonio felice e perfetto di ogni singolo elemento da cui saetta una musica fantastica, stellare, satanica, divina. A Re Diamante!! Splendido signore delle tenebre e della luce più potente che esista : l' heavy metal in nero!!!!
Mulo
Venerdì 8 Settembre 2017, 21.08.08
52
Per me è il secondo disco di hm classico di sempre,il primo resta Melissa..... 2 capolavori stellari (o infernali?!)
lisablack
Venerdì 8 Settembre 2017, 20.56.50
51
Lo stavo riascoltando ora...non c'è parole, forse il miglior album heavy di sempre..ne sono sempre più convinta, nemmeno i primi capolavori dei Maiden (che adoro) per me superano questo e anche Melissa..
Salvatore
Sabato 24 Giugno 2017, 2.08.00
50
Era quello che dicevo su Melissa,anche qui concordo che l influenze Priestiane piuttosto palesi della band si facevano sentire, enfatizzandone il lato gotico fanta/horror e con intramezzi prog.l accoppiata chitarrista in stile G.Tipton/Kk Downing. Dell duo svedese e' magnifica; echi di NWHOBHM evidenti,.....altro grande album di classico metal darkeggiante e sinistro! Voto 95
Silvia
Mercoledì 31 Maggio 2017, 20.52.09
49
@Argo condivido il tuo post 48. Neanche a me piace tanto la voce ma non posso neppure pensare ad un altro cantate che non sia il King sui suoi album e sui Mercyful Fate
Argo
Mercoledì 31 Maggio 2017, 20.39.00
48
Quindi no, ormai la frittata è fatta da anni, ma tutto avrebbe potuto essere più digeribile. Possiedo in totale 6 cd di questo personaggio, quindi non è che sto sputando sul piatto che mangio, ma il suo falsetto a volte risulta veramente indigesto... certo che ho fatto proprio una bella metafora culinaria...
nonchalance
Mercoledì 31 Maggio 2017, 19.52.52
47
Quindi, fuori King Diamond..?!
Argo
Mercoledì 31 Maggio 2017, 19.43.59
46
Continuo a pensare che la voce rovini gli ottimi album sfornati da questa band e da King Diamond.
NihilisT
Mercoledì 31 Maggio 2017, 11.45.55
45
The Oath è uno dei miei pezzi preferiti of all times!!discone!!!!!cazzo lo risento ora e mi tornano in mente le scuole superiori...la vecchiaia è brutta!
Johnny Cash
Mercoledì 31 Maggio 2017, 10.52.44
44
Non so cosa c'era in quegli anni, ma sul serio doveva esserci una magia(nera) nell'aria...questo è un disco di quelli irripetibili, concordo con chi afferma che ormai di dischi così non se ne fan più...purtroppo qualcuno malgrado il monito del diavolo in copertina il patto l'ha rotto...
LexLutor
Sabato 11 Febbraio 2017, 8.23.44
43
Un album che ha un posto speciale nel mio cuore. Un inchino a Sua Maestà.
HERMANN 60
Sabato 4 Giugno 2016, 18.13.48
42
Uno dei più bei dischi Metal della storia con tutti i riff di questo disco un altro gruppo inciderebbe 5 albums. poi vogliamo parlare della performance di King Diamond ?
terzo menati
Sabato 7 Maggio 2016, 14.39.20
41
Io ne ho tre copie. Una comprata nel 1984 e consumata dagli ascolti, un altra ricomprata nel 1991 da Michael denner e autografata da lui, l'ultima più recente comprata in cd. Uno dei miei album preferiti di tutti i tempi. Voto 100 e lode
rik bay area thrash
Sabato 7 Maggio 2016, 14.27.52
40
Acquistato in vinile (1984) appena resosi disponibile. Partendo dalla cover, beh la si potrebbe incorniciare e farci un quadro. Per quanto mi concerne è forse una delle più belle copertine di heavy metal in assoluto ( imho). È vero, c'è ne sono moltissime altre in campo hard and heavy altrettanto valide, ma questa ha un fascino tutto suo. Il contenuto musicale non si discute : è mercyful fate allo stato dell ' arte. Riff bellissimi che si uniscono alla voce del re diamante, sempre camaleontica e malefica. La produzione è spettacolare (imho) chitarre ruvide che sembrano registrate in presa diretta. Peccato che dopo non sarà più lo stesso, split i futuri king diamond, ma questa è un'altra storia ... comunque i primi tre capitoli (il mini lp e i primi due album) sono parte della storia dell' heavy metal ....
lisablack
Giovedì 28 Maggio 2015, 17.49.56
39
Questo album è davvero bellissimo, un vero capolavoro, non ne fanno più così..
clem70
Lunedì 11 Agosto 2014, 10.11.13
38
Ciao a tutti, D.B.t.O. secondo me è meglio di Melissa. gusti personali, comumque in ogni caso grande re Diamante !!!
Philosopher3815
Domenica 3 Agosto 2014, 22.48.55
37
Capolavoro pari pari,a Melissa..anzi forse piu' violento e cupo..ottimo il lavoro delle due chitarre,King Diamond in stato di grazia.The oath e welcome princess of hell,sono da infarto;una miscela di priest,maiden e black sabbath,sembra facile,ma non si contano le band che hanno preso lezione da i padri,ma senza risultati esaltanti,ma non è il caso dei mercyful fate che si guadagnano un posto nell'olimpo del metallo con album di questo livello.
Diego
Martedì 28 Maggio 2013, 17.56.07
36
Grandissimo album (come il suo predecessore), ma King Diamond sfornerà, in seguito, dischi ancora migliori!
Andy \\\'71
Martedì 28 Maggio 2013, 17.21.54
35
Pietra miliare!Uno dei miei dischi preferiti di sempre voto 90!
1983Riky
Martedì 28 Maggio 2013, 16.35.52
34
Sicuramente uno dei miei 5 album preferiti di tutti i tempi.
vecchio peccatore
Mercoledì 6 Marzo 2013, 10.32.05
33
Leggermente inferiore a "Melissa", si merita comunque il 96. Eccezionale.
dario
Domenica 3 Febbraio 2013, 3.42.07
32
Non avevo mai ascoltato i Mercyful Fate , poi qualche giorno fa , grazie a una dritta di Nightcomer ho iniziato ad ascoltare questo album. Beh...meraviglioso giusto il voto 93 ci sta tutto. ciao
Babbo Warrior
Martedì 25 Dicembre 2012, 12.23.03
31
Lo sto ascoltando ora , mamma mia che album , 95 pieno .
il vichingo
Giovedì 2 Agosto 2012, 14.21.51
30
Penso che Undercover nel commento 8 abbia ragione da vendere. Ogni parola, di fronte a questo sublime capolavoro, è inutile.... 100/100 con tanto di lode per rendere giustizia ad uno dei migliori dischi metal DI SEMPRE.
herr julius
Giovedì 2 Agosto 2012, 12.43.49
29
Come per altri album ho scoperto quello che per me è il miglior album di tutti i tempi semplicemente perché affascinato dall’opera d’arte della copertina in bella mostra nella vetrina del negozio di dischi. Ci ho girato attorno per settimane, lo prendevo,lo guardavo affascinato dalle foto lugubri, amavo la copertina interna (la foto di king all’interno è per me un’icona religiosa), quindi lo mettevo regolarmente via e me ne andavo. Poi un giorno presi coraggio e chiesi alla negoziante di farmelo ascoltare, mi ricordo l’impatto emotivo che suscitò in me la voce di king, indescrivibile…il cantato in falsetto mischiato al vocione anni 80 mi attirava e ma una parte di me lo respingeva perché ancora intimorito. Un giorno lo portai a casa e mi esplose dentro una marea di emozioni. Ancora oggi lo posseggo in diverse versioni, ne ho addirittura una autografata da M.Denner nel 1990 comprata nel suo negozio di Copenhagen. Lo feci sentire ad un mio amico neofita (e di chiesa) e mi disse: cazzo ma alla fine i satanisti sono veramente i migliori di tutti!! (aveva appena scoperto hell awaits). Che tempi e che ricordi, cazzo avevo 14 anni e i dischi te li sudavi. Ora c’è tutto, troppo, subito, non si desidera più nulla e ormai io sono come l’asino di buridano che fra due mucchi di fieno non sa quale scegliere e muore di fame (non mi attira più nulla e in mezzo al tutto di youtube quasi sempre finisco per non guardare nulla) Oscuro, tecnico, blasfemo, cattivo. Il massimo
Daniele
Sabato 30 Giugno 2012, 13.59.23
28
La title-track è un capolavoro
freedom
Lunedì 28 Novembre 2011, 16.57.54
27
Band magnifica, album stupendo. Questo, Melissa e Into the Unknown sono da avere assolutamente. Meritavano molto di più.
The Nightcomer
Lunedì 28 Novembre 2011, 16.32.32
26
P.S. Scusate gli errori di battitura...
The Nightcomer
Lunedì 28 Novembre 2011, 16.31.12
25
Condivido la sintesi di Lizard nei commenti... Non sono l'unico a ritenere questa band una delle migliori in assoluto in campo metal! In Melissa e Dont' Brak The Oath c'è un amalgama equilibrato a molto efficace di ingredienti ed atmosfere, che conferiscono al gruppo un'espressività particolare ed un'identità inconfondibile. King Diamond, per quanto carismatico e grande, non è il solo a meritare una menzione: la ricordata tutta la band. Gli assoli dei Mercyful Fate sono tra i più espressivi ed intensi che abbia sentito da quando ho iniziato ad ascoltare metal, nel 1984. Ci sono pochi albums che secondo me meritano di essere definiti un capolavoro, ma questo, pur ritenendolo di pochissimo inferiore a Melissa, ci va molto vicino.
roberto 70
Sabato 1 Ottobre 2011, 12.48.03
24
Perche' il cd nello stereo.....io ho i vinili originali dell' epoca ahahahahahahah. Questa band e poi King solista sono dei miei miti li adoro....mamma sembrano discorsi da adolescente ma e' così.
Nik93
Lunedì 19 Settembre 2011, 18.28.40
23
Il Re è sempre il Re, disco capolavoro,ineccepibile e maleficoo! Vi porterà in un mondo senza uscita!
Luke_Skywalker_666
Domenica 29 Maggio 2011, 22.02.06
22
Nel 1984 avevo 16 anni e volevo assolutamente l'intro ossianico-malefico all'inizio: cosi' mi sono sempre rifiutato di ascoltare questo disco dal verso giusto, per me si parte dalla title-track e si chiude con "Come To The Sabbath" ...adoro ogni singola nota contenuto in questo malefico vinile (è un delitto ascoltarlo in cd ragazzi !!!) anche se "Melissa" è decisamente superiore a livello coesivo e di amalgama nello susseguirsi delle canzoni e pure a livello di impatto !!! Onore ai Mercyful Fate ora e sempre....
PIP
Domenica 29 Maggio 2011, 21.33.41
21
Era il lontano 1986 quando un amico mi ha preatato l'album in questione. Il mio amore per il Re crescieva dopo ogni nuovo ascolto , scoprendo ogni volta nuovi sublimi dettagli e melodie . Da allora ho collezionato avidamente ogni loro Album , e posso dire che questo senz'altro è un'assoluta pietra miliare nella storia dell' Heavy metal. Impareggiabile, inimitabile, unico
jek
Domenica 29 Maggio 2011, 18.49.19
20
Come ho ho avuto modo di dire in altri frangenti ho avuto la fortuna di vedere i mercyful nel tour di promozione di Don’t Break The Oath da allora ho una devozione per questa band, che non si limita al re ma è un'amalgama perfetta, come detto nelll'ottima recensione. Questo disco lo metto nei migliori album della storia dell'heavy metal (anche se allora era identificato come black metal ma come detta dal Trucido nel forum si può identificare come metal).
Echoes
Domenica 29 Maggio 2011, 11.16.29
19
Grandissimo album. me lo passò un mio amico dicendomi che era Black Metal (nessuno di noi 2 sapeva bene cosa era il Black Metal). Sono veramente rimasto impressionato dalla voce che defiirei "strana" di King Diamond con i vari cambi dal falsetto al non che si impasta alla perfezione con le atmosfere del disco. Poi sicuramente il resto del gruppo ed il songwriting sono al livello dei migliori gruppi heavy di sempre. Per me sono indubbiamente il miglior gruppo heavy non inglese e il migliore della cosiddetta First Wave Of Black Metal e questo album è il loro apice (anche meglio di mellissa)
Electric Warrior
Domenica 29 Maggio 2011, 9.32.49
18
Buona recensione. Disco stupendo ma non un capolavoro.
Gouthi
Sabato 28 Maggio 2011, 19.14.20
17
Album stupendo, anche se ritengo Melissa un po' superiore. E pensare che ho iniziato ad ascoltarli proprio grazie al forum di Metallized Voto 95. Ps: Già 1247 visualizzazioni in meno di 12 ore oppure un piccolo bug? ò_ò
king-igor-diamond
Sabato 28 Maggio 2011, 17.04.28
16
disco allucinante... ho il vinile preso nel 1985 all eta' di 16 anni .. che tempi , ragazzi..
Frankiss
Sabato 28 Maggio 2011, 16.26.23
15
proprio da qui parte la favola nera di K. Diamond.....un album cult....gia nei primi anni 90!!!!
Flag Of Hate
Sabato 28 Maggio 2011, 16.13.41
14
@Lizard: ci mancherebbe E poi sono tutti pezzi da 90, uno deve pur avere delle preferenze!
Lizard
Sabato 28 Maggio 2011, 15.02.39
13
@Flag: lo so che li adori e... Non sei il solo, ovviamente!! Ma... E' un mio trademark, ne sono convinto da anni e anni... Non ce n'è per nessuno... Anche se, ovviamente, è pura opinione personale!
Barry
Sabato 28 Maggio 2011, 14.56.53
12
Spettacolo puro, album da 100
Flag Of Hate
Sabato 28 Maggio 2011, 14.16.19
11
Bellissimo disco, malvagio, potente, magico, tutti aggettivi che si sprecano tentando di spiegare questo capolavoro. Una delle prove migliori di tutta la carriera del Re, insieme a "Melissa" e "Abigail". Spettacolari anche le chitarre. In due parole: acquisto obbligatorio. 98/100 @Lizard: e i Dio dove li mettiamo o_0 ?
Nightblast
Sabato 28 Maggio 2011, 14.02.34
10
Niente parole. Genuflessione.
Lizard
Sabato 28 Maggio 2011, 12.14.42
9
Capolavoro assoluto, disco senza eguali, come il precedente Melissa... King Diamond comincia ad insidiare un po' lo strapotere compositivo di Shermann con alcune delle sue più belle canzoni in assoluto... Forse Melissa aveva un fascino maggiore, ma a livello complessivo Don't Break The Oath è semplicemente fantastico. L'ho detto e lo ripeto: dopo -o assieme- ai Maiden negli anni '80 ci sono solo i Mercyful Fate in ambito heavy.
Undercover
Sabato 28 Maggio 2011, 11.29.12
8
Non si commenta, si adora e stop.
Radamanthis
Sabato 28 Maggio 2011, 11.23.21
7
Azzz, 11.15 la segnalazione e in un batter d'occhio la correzione...non siete mica lì a pettinare i cammelli...grande redazione di Metallized!
Khaine
Sabato 28 Maggio 2011, 11.22.24
6
LOL siamo una squadra 8-)
Er Trucido
Sabato 28 Maggio 2011, 11.20.30
5
C'ha pensato il buon Khaine ancora più al volo
Er Trucido
Sabato 28 Maggio 2011, 11.20.01
4
è ovviamente un refuso, correggo al volo
Khaine
Sabato 28 Maggio 2011, 11.19.49
3
Ha! BEccato! Volevo vedere se stavi attento 8-)
Radamanthis
Sabato 28 Maggio 2011, 11.17.17
2
Comunque album epocale...alla pari di Melissa! Log live the King...Diamond
Radamanthis
Sabato 28 Maggio 2011, 11.15.49
1
Mhmm sbaglio o il disco non è di King Diamond ma dei Mercyful fate? Perchè mi sa che il titolo è sbagliato...
INFORMAZIONI
1984
Roadrunner Records
Heavy
Tracklist
1. A Dangerous Meeting
2. Nightmare
3. Desecration of Souls
4. Night of The Unborn
5. The Oath
6. Gypsy
7. Welcome Princess of Hell
8. To One Far Away
9. Come to the Sabbath
Line Up
King Diamond - voce
Hank Shermann - chitarra
Michael Denner - chitarra
Timi Grabber Hansen - basso
Kim Ruzz - batteria
 
RECENSIONI
86
80
93
94
83
ARTICOLI
17/08/2019
Articolo
MERCYFUL FATE
Il giuramento di Melissa
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]