Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kirk Windstein
Dream In Motion
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

28/02/20
OUTLAWS
Dixie Highway

28/02/20
ABHOMINE
Proselyte Parasite Plague

28/02/20
GAME ZERO
W.A.R. - We Are Right

28/02/20
AEVANGELIST
Nightmarecatcher

28/02/20
JESSE DAMON
Damons Rage

28/02/20
INNO
The Rain Under

28/02/20
AUDREY HORNE
Waiting For The Night

28/02/20
THE NIGHT FLIGHT ORCHESTRA
Aeromantic

28/02/20
INFIRMUM
Walls of Sorrow

28/02/20
SHAKRA
Mad World

CONCERTI

25/02/20
TESTAMENT + EXODUS + DEATH ANGEL (POSTICIPATO)
LIVE MUSIC CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON (ANNULLATO)
ORION - ROMA

26/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON (ANNULLATO)
VIPER THEATRE - FIRENZE

28/02/20
EXTREMA + BULLET-PROOF + LOGICAL TERROR (POSTICIPATO)
ARCI TOM - MANTOVA

28/02/20
AIRBORN + EVILIZERS (ANNULLATO)
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

29/02/20
ALCEST + BIRDS IN ROW + KÆLAN MIKLA (POSTICIPATO)
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

29/02/20
RIVERSIDE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

29/02/20
MELLOWTOY + DEVOTION (ANNULLATO)
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

29/02/20
GLI ATROCI (ANNULLATO)
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/02/20
EXTREMA (POSTICIPATO)
PIPPO FOODCHILLSTAGE - BOLZANO

Vendetta (GER) - Feed the Extermination
( 2325 letture )
Il movimento thrash della vecchia Germania si è sempre mosso, a livello underground, producendo delle ottime realtà, le quali -pur non raggiungendo mai l’alone di santità della celebre triade- si sono sempre distinte per una musica potente, massiccia, veloce e grezza quanto basta per soddisfare i palati dei metallers d’annata più intransigenti; tra questi innumerevoli protagonisti di secondo livello vi erano i Vendetta, provenienti dalla Baviera e formatisi nel lontano 1984, attivi negli eighties con releases apprezzate come Go and Live... Stay and Die (1987) o il masterpiece Brain Damage, rilasciato nel 1988; di ben altro livello, purtroppo, è stato quanto prodotto nel periodo post-reunion, ovvero a partire dal 2002: il disco Hate, uscito nel 2007, ed il nuovissimo Feed the Extermination, infatti, non sembrano affatto all’altezza della tradizione di questo cult-moniker mitteleuropeo. I cinquanta minuti editi dalla Massacre Records, infatti, si riveleranno un prodotto affatto convincente e che, come vedremo, presterà il fianco a svariate critiche.

Il disco si apre mostrando un riffato secco e pesante, anche se il brano introduttivo, la titletrack, non appare né velocissimo né particolarmente trascinante dal punto di vista delle linee vocali: per lo più il brano poggia su un discreto ritmo tambureggiante, a tratti anche piacevole, ma lascia presagire la presenza in tracklist di episodi decisamente discutibili. Le classiche e tanto attese ritmiche thrashy a rincorsa, quelle martellanti ed imperterrite, fanno la loro comparsa in Tremendous Brutality, pezzo finalmente veloce; purtroppo, a difettare è la scelta di refrain vocali quasi fastidiosi nella melodia e nella timbrica di Mario Vogel, cantante aggregatosi alla formazione teutonica in occasione della reunion: aspra e non sufficientemente rabbiosa per il genere, la performance del singer si rivelerà uno dei grandi limiti dell’opera. Neppure la sezione solista sembra essere appagante, eccessivamente morbida e rallentata: i ritmi innocui ed orecchiabili della titletrack si ripresentano in Cancer, lasciando filtrare solo a sprazzi -come in tutto il disco- qualche buona scintilla, prevalentemente ad opera del drummer, Thomas Krames; il complesso sonoro suona assai banale e le vocals continuano a zoppicare, peggio di quanto potrebbero fare dei pischelli inesperti piuttosto che una band con ventotto anni di carriera sulle spalle. La stessa Ovulation Bitch, che sembra godere di un maggior tiro, viene affossata dall’ennesimo chorus scadente, caratteristica che si ripresenta sistematicamente anche in Dog in the Manger o Storage of Anger (quest’ultima pur dotata di alcune belle accelerazioni ed un assolo efficace, uno dei migliori del lotto, senza troppi fronzoli).

Canzoni come De-Organ-Izer lasciano intravedere bagliori di speranza -in questo caso, un riffery corposo e aggressivo- ma restano frangenti troppo sparuti ed isolati per convincere, peraltro eccessivamente scoordinati tra loro, anche e soprattutto perché la band continua ad infarcire le canzoni di tempi medi, affatto coinvolgenti, limitando spesso e volentieri le classiche sfuriate a momenti circoscritti, troppo brevi per quanto incoraggianti. Non si capisce perché la band non abbia puntato di più su queste efficaci serrate ritmiche col piede pestato sull’acceleratore, che costituirebbero l’essenza primaria di un genere come il thrash, andando invece a complicarsi la vita con un lentone deprimente e privo di nerbo (Abuse, della durata sproporzionata: sette minuti e mezzo). A conti fatti, la traccia migliore è Trust in God, sia per il riffing e la ritmica battente che per la performance vocale, finalmente gradevole; punto forte della composizione è la sezione centrale, in cui un riff esplosivo innesca una bella sgroppata fast’n’furious, con tutti i crismi del caso. Decisamente poco per valere al disco in oggetto una promozione anche solo risicata: va bene, nessuno si aspetta un lavoro degno dei Kreator, però la qualità e l’impatto di questo Feed the Extermination è veramente deludente, senza mezze misure.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
24.38 su 21 voti [ VOTA]
nerchiopiteco
Mercoledì 8 Febbraio 2012, 18.01.47
10
@Cuordipietra: il 6 aprile lo scopriremo. Speriamo bene, non so quanti altri colpi al cuore potrò sopportare. Ma che finaccia per i Metal warriors with crashing iron.....
Cuordipietra
Mercoledì 8 Febbraio 2012, 16.37.06
9
Ai primi ascolti mi piaceva parecchio, ma decresceva di volta in volta, purtroppo. Oggi lo trovo moscio e senza idee. Occasione persa, e io che speravo in una seconda giovinezza... bah. Spero che la reunion degli Exumer non sia un sacchetto della Coop gonfiato con una scoreggia come questo disco qua.
LAMBRUSCORE
Martedì 7 Febbraio 2012, 18.54.19
8
Come già detto da altri, Brain damage rimane un classico di tutto il movimento, ma anche il primo Go and live....stay and die, non scherza, è da avere per forza. I due album dopo la reunion sono evitabili, sicuramente.
BILLOROCK fci.
Martedì 7 Febbraio 2012, 17.39.43
7
Titolo aggressivo, ma disco molle ?? !!
Flag Of Hate
Martedì 7 Febbraio 2012, 14.39.33
6
Peccato...
DIMMONIU73
Martedì 7 Febbraio 2012, 13.44.50
5
Muahahahahah, noto con piacere quanto fossi stato troppo buono col voto...concordo con Nerchipiteco, qualche spunto interessante c'è eccome, ma il loro nome ormai gli pesa sulla schiena come un macigno!
nerchiopiteco
Martedì 7 Febbraio 2012, 11.33.38
4
Ai Vendetta ormai è rimasto solo il nome, non c'è più nessuno salvo Ulrich e soprattutto di Thrash teutonico manco l'ombra...a voler cercare di copiare i vari Metallica e Megadeth degli ultimi anni è uscito fuori questo. Trovo anche spunti interessanti all'interno dell'album e non lo trovo così malvagio ma da chi porta il nome Vendetta e soprattutto da chi pretende di fare Thrash ci si aspetta molto di più!!
PaulThrash
Martedì 7 Febbraio 2012, 9.49.28
3
Non l'ho ancora sentito, quindi inutile votare... dico solo che per quanto mi riguarda, da strenuo difensore della Bay Area più che della teutonicità fatta a thrash, ho sempre messo sul piedistallo Vendetta, Deathrow e Paradox piuttosto che Sodom, Destruction e Kreator, considerato come i primi 3 si sono sempre affacciati maggiormente dall'altra parte dell'oceano come sonorità... certo è che i Vendetta non avevano raccolto quanto seminato da "Brain Damage" già col precedente "Hate", album ascoltabile ma non encomiabile!
DIMMONIU73
Martedì 7 Febbraio 2012, 8.24.23
2
Recensione perfetta, caro Rino hai centrato tutti i punti deboli di un disco loffio come pochi!
a luci spente (ex luci di ferro)
Lunedì 6 Febbraio 2012, 23.45.32
1
Un consiglio a tutti '' procuratevi immediatamente Brain Damage Capolavoro Assoluto del thrash, ma quello di classe da vendere!!!!!! Anche ai nomi più blasonati'' fatelo vostro, se la gioca quasi alla pari con i capolavori anni ottanta
INFORMAZIONI
2011
Massacre Records
Thrash
Tracklist
1. Feed the Extermination
2. Tremendous Brutality
3. Cancer
4. Ovulation Bitch
5. Storage of Anger
6. Dog in the Manger
7. De-Organ-Izer
8. Abuse
9. Trust in God
10. Til I’m Dead
Line Up
Mario Vogel (Voce)
Frank Scholch (Chitarra)
Klaus Ulrich (Basso)
Thomas Krames (Batteria)
 
RECENSIONI
58
80
86
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]