Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Philip H. Anselmo & The Illegals - Walk Through Exits Only
( 6345 letture )
Registrato nel 2011 presso lo studio Nodferatu’s Lair di New Orleans, Walk Through Exits Only è il primo lavoro solista in carriera del singer Philip H. Anselmo. L’album, mixato da Mike Thompson e masterizzato da Scott Hull, è stato anticipato dal brano Bedridden e pubblicato dall’etichetta discografica Housecore Records, di proprietà dello stesso artista.

L’inquietante cover già la dice lunga sulla tipologia di musica a cui andrà incontro il malcapitato ascoltatore affrontando le otto tracce che compongono il disco; il volto scuro e torvo di Phil, una delle icone del metal moderno, non fa di certo da apripista a ballate romantiche! D’altronde lo stesso Anselmo ha espressamente dichiarato che in questo platter con i suoi The Illegals ha voluto far esplodere come non mai tutta la dirompente rabbia primordiale racchiusa nel suo animo e, sotto tale aspetto, non c’è nulla da eccepire perché il full length è violentissimo, energico e scevro di qualsivoglia momento di pacatezza. Siamo al cospetto di una proposta arcigna e granitica nella quale vengono miscelate le molteplici (forse troppe) esperienze maturate negli anni dal vocalist: il thrash/groove dei Pantera, il fangoso sludge metal dei Down e gli elementi hardcore degli Superjoint Ritual. Il problema di fondo, però, è che Walk Through Exits Only, peraltro magistralmente registrato, risulta esageratamente disomogeneo, caotico, compatto e, in definitiva, del tutto indigesto. Vi assicuro che si fa davvero fatica ad arrivare al termine e mi riesce piuttosto difficile trovare spunti positivi da un’opera del genere così, diciamola tutta, malriuscita. Si ha l’impressione che il controverso lunatico Philip H. Anselmo abbia le idee un po’ confuse e che i numerosi progetti post Pantera alla fine potrebbero averlo disorientato. Nonostante molteplici ed attenti ascolti non si riesce proprio a dare un senso a questa prova; encomiabile l’idea di non voler sottostare a compromessi permanendo con pervicacia su direttrici permanentemente ostiche, ma il problema reale è che il livello del songwriting risulta oggettivamente scevro di dinamismo, ossessivo all’inverosimile e perennemente aggrovigliato su se stesso, tutti aspetti che costituiscono il vero tallone d’Achille di Walk Through Exits Only. Escludendo il trittico conclusivo composto dalla grooveggiante Bedroom Destroyer, dalla citata Bedridden -l’assolo alla sei corde è di slayeriana memoria- e la conclusiva lunga Irrelevant Walls and Computer Screens che si fa apprezzare per una bella parte strumentale finale dai contorni industrial, il resto lascia sinceramente il tempo che trova e delude in pieno le aspettative.

Ad un certo punto mi è venuto pure il dubbio che la vera intenzione fosse quella di propinare un prodotto volutamente insopportabile per la grande utenza da idolatrare, di contro, solamente da pochi eletti (sordi?). Sarà effettivamente così? Non so dare una risposta certa, posso solo dire che la musica di qualsiasi genere essa appartenga deve possedere la magia di emozionare e, sebbene sia un appassionato di heavy metal da ormai quarant’anni avvezzo ad ogni tipo di sonorità, Walk Through Exits Only non è in grado di suscitarmi alcuna sensazione se non una, fastidiosa, di noia.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
67.14 su 54 voti [ VOTA]
Legalizedrugsandmurder
Domenica 8 Dicembre 2019, 17.07.17
43
Phil è un grande frontman, bravo scrittore di liriche, grande carisma e gran personaggio. Ma non è un gran compositore. A parte i Down (ma li ci sono eccelsi compositori come Keenan e Windstein), i suoi album fuori dai Pantera sono dal mediocre al pessimo e se non ci fosse lui non li recensirebbero nemmeno. La recente mossa di fare concerti con i soli brani dei Pantera è bieco sciacallaggio e ammissione di carriera ormai bollita.
andrea
Lunedì 27 Ottobre 2014, 17.04.02
42
a me piace perchè trita ogni cosa
geppo
Lunedì 18 Agosto 2014, 0.19.37
41
Lavoro ostico e non facile, lontano anni luce dai Down e anche dai superjoint ritual, suonato da dio e con tutta la potenza di cui Anselmo è capace. Alla fine un OTTIMO disco che a mio parere dimostra l'integrità di Anselmo e la sua voglia di andare oltre tutto quello che di grande aveva già fatto in precedenza. Un disco che molti rivaluteranno tra qualche annetto.
cris83
Martedì 15 Luglio 2014, 16.48.24
40
ho ascoltato miriadi di album ma questo è il più brutto che abbia mai ascoltato...peccato!!!
Steelminded
Martedì 27 Maggio 2014, 22.28.19
39
Porca troia, ma che è sta roba? Dopo aver sentito due pezzi sono basito: orripilante. Girano sul tubo di questo project in cui lui suona davanti a poche decine di persone... ma non sarebbe meglio fare tour di soli brani Pantera?
patrik
Mercoledì 15 Gennaio 2014, 18.52.04
38
se questo disco l'avesse fatto una band emergente l'avrebbero sicuramente distrutta, ma visto che l'ha fatta il signor phil possiamo anche soprassedere , come se fosse un merito alla carriera , il fatto che si sia bruciato nervi e corde vocali , è dato sicuramente dallo stile di vita ma anche da un modo di cantare innaturale ma stupendo, in pratica era uno dei pochi che riusciva ad intonare anche le urla, (faccio un esempio parallelo con un altro cantante che aveva voce favolosa ma innaturale: cris cornell ) peccato , comunque come disse qualcuno: meglio bruciare alla svelta piuttosto che appassire nella mediocrità di una vita senza scintille di passione. Phil era una miccia sempre accesa (a fucking firestarter) ora è praticamente carismatico ma castrato da tutti sti fattori
Reyals
Domenica 1 Dicembre 2013, 19.28.18
37
Purtroppo devo dire che Phil ha realizzato un disco pessimo, veramente brutto. Voto bassissimo e mi spiace veramente tanto.
SV
Lunedì 5 Agosto 2013, 20.24.16
36
Avete visto il video di Bedridden. I commenti sono entusiastici sotto...Quasi tutti.
Sambalzalzal
Lunedì 5 Agosto 2013, 18.54.18
35
SV@ quando l'ho visto la prima volta ultimamente dopo parecchio tempo, devo dirti che mi ha fatto un misto di impressione e tenerezza perché effettivamente come ricordi pure tu,non lo vedevo messo così male dai tempi dell'ultimo periodo con i Pantera quando se non sbaglio venne anche dato per morto a seguito di un'overdose. Penso che il suo problema sia proprio il tuo dubbio... e cioè che magari si è pure disintossicato dalle droghe pesanti ma ha compensato con alcolici e oppiacei. Mi pare che lessi tempo fa in un'intervista che facesse uso degli ultimi per lenire il dolore alla schiena di cui soffre in maniera cronica dopo un'operazione... la sua fortuna è che ha sempre fatto allenamento, questo di sicuro lo ha salvato da morte quasi certa. Altra botta dagli effetti devastanti, se non fossero bastati un matrimonio andato male e la morte di DD è poi stata la morte di Peter Steele dei Type 0 Negative di cui era grandissimo amico. Se cerchi in un'intervista su youtube mentre ne parla si mette anche a piangere... Concordo sul discorso Superjoint R ed anche sui Down che non sono mai riuscito a digerire più di tanto... di pezzi belli ne hanno ma boh, non li ho mai vissuti in maniera tanto coinvolta. Continuerò ad ascoltarlo appena posso dallo stereo di casa con più attenzione e vediamo se riesco ad entrare nell'ottica Se ti piace l'attitudine rabbiosa di Anselmo ti consiglio una band oramai sciolta, tedesca, i Warpath... ecco, secondo me quella sarebbe la formula giusta per lui. Su youtube trovi parecchi pezzi!
Trivellao
Lunedì 5 Agosto 2013, 18.50.43
34
All inizio mi ha sconcertato, ma una volta entrato nell'atmosfera giusta...ora mi intrippa e anzi mi stupisce l'eccitamento che provo nonostante le OBBIETTIVE lacune del disco durante l'ascolto! Nel suo essere ostico mi ha fatto ripensare a quando comprai ordo ad chao dei mayhem...ma poi comunque ragazzi è anselmo, poche seghe, se uno conosce BENE il personaggio sa cosa aspettarsi e cosa è da lui/cosa no...per il resto mi trovo molto daccordo con SV. Ah poi a phil lasciategliela godere dai, joints se ne spaccherà sempre...i periodi heavy heavy credo se li sia proprio lasciati indietro...!!
SV
Lunedì 5 Agosto 2013, 18.33.47
33
Scusate ho scritto da cani, fretta maledetta...
SV
Lunedì 5 Agosto 2013, 18.32.13
32
Sambalzalzal: e pensa che leggendo qualche rivista tipo Rock Hard lui dice che si è disintossicato...Anche secondo em sta messo male, non so se sia solo alcol e cannabis, ma se per lui smettere con eroina e cocaina equivale a imbottirsi di alcolici e canne dalla mattina alla sera...beh tanto lucido non potrà mai essere. Anche perchè è da quando ha poco più di venti anni che fa abusi e ora ne ha 45. Comunque cercti le interviste comprese tra il periodo 1996-2003, c'è veramente da chiedersi guardandole come faccia a essere ancora vivo, e tutto sommato come aspetto se li porta bene gli anni. Davvero, ora è oro rispetto quegli anni! Sul disco che dire, se lo ascolto al pc mi stanca subito, ma se lo spari a volume killer mentre ti fai un po' di pesi funziona alla grande ahahah! A parte tutto, è vero anche quello che dici, cioè che finiti i Pantera non è + riuscito a fare quello che davvero voleva, sebbene io credo che coi Superjoint Ritual abbia fatto due ottimi dischi. E' che i Down, per quanto buoni, non sono tagliati per Anselmo. Lui è un animale rabbioso e ha cercato di ribadirlo con questo album. Poteva andare molto meglio è vero, ma un disco così anticommerciale merita comunque rispetto. Poi va un po' sviscerato perchè sembra povero ma non lo è affatto. E' ricco di cambi di tempo, di groove, di riff strani e dissonanze. E' un boccne indigesto, ma potrebbe avere il suo perchè! IMHO.
Undercover
Lunedì 5 Agosto 2013, 14.27.24
31
Il primo non è disco, bensì discorso
Undercover
Lunedì 5 Agosto 2013, 14.26.53
30
Io concordo con il disco di S.V. quando dice che lui fa ciò che vuole, l'ha sempre fatto e amo l'artista per questo, però non riesco a non ritenere scadente un disco senza capo né coda come questo.
Sambalzalzal
Lunedì 5 Agosto 2013, 14.21.02
29
SV@ ecco sarei più d'accordo sul discorso del non voto, visto che questo disco, almeno secondo me, è inclassificabile. Lo sto ascoltando via pc anche in questo momento ma veramente non riesco a farmelo piacere è come se Anselmo in testa avesse una confusione pazzesca. tante idee ma messe a fuoco male e non inquadrate in una linea logica. Magari uno dovrebbe ascoltarlo con un'ottica diversa, e ci sto provando, considerandolo come uno sfogo per tutte quelle situazioni che lo hanno assillato per anni oramai. Ci sta anche il discorso che fai che lui fa come vuole però a mio avviso dovrebbe esserci un limite a tutto se pensiamo che lui va avanti come musicista grazie ai suoi fans. Io quando era con i Pantera l'ho sempre apprezzato però spezzata quell'atmosfera secondo me non è riuscito più a fare ciò che realmente avrebbe voluto. L'ho visto anche in parecchi clips ultimamente e non sta messo benissimo. Visibilmente sotto stupefacenti tanto da nemmeno riuscire a parlare correttamente, secondo me questo album è il risultato della sua condotta di vita degli ultimi tempi e gli auguro veramente di rimettersi in sesto perché così durerà poco!
SV
Domenica 4 Agosto 2013, 23.41.58
28
Un disco che poteva fare chiunque...Mah, ci sarebbe da discutere. Io onestamente in giro sento la rabbia sempre incastonata in generi, ma che spesso mi sa di prefabbricata. Deat, grind, hard-core, sludge, thrash...ma alla fine non ho sentito molto spesso un disco così anticommerciale e bastardo. Ovviamente ognuno dà la valutazione che si sente a questo disco, ma secondo me, senza falsa modestia, molti non capiscono un disco del genere. Ciò non vuol dire che sto dicendo che è bello, ma solo che ho la sensazione che la gente non lo comprenda. E' tutto dannatamente compresso, anti-melodico, schizzato, ma lo è a modo suo, non come qualcos'altro. Per me è un 65/100 circa, ma anche un senza voto potrebbe starci, troppo particolare come album, fuori da ogni logica di mercato. E questo vuol dire coraggio comunque. Avesse voluto clonare i Pantera l'avrebbe potuto fare quando voleva. D'altronde i Damageplan di Darrell erano dei cloni dei Pantera annacquati alla fine...Credo che anche un disco panteroso un po' annebbiato col suo nome sopra sarebbe stato un compito facile e che avrebbe riscosso pareri migliori di quasto album. Io la vedo in maniera diversa, che lui è uno degli ultimi che fa quello che gli va di fare. E' un disco che alcuni rivaluteranno col tempo per me.
Sambalzalzal
Domenica 4 Agosto 2013, 19.33.05
27
SV@ secondo me mister Anselmo con questo disco non ha fatto altro che coprire una totale mancanza di idee ed ispirazione con la carta della musica senza compromessi. Voglio dire, quando si può definire veramente un disco come "brutto" o "geniale"? Il confine a mio parere è ben delineato. Se voglio ascoltarmi veramente musica scevra da compromessi o implicazioni commerciali di sorta, di certo non vado alla compera di uno che è un big della musica, di una musica che è molto mainstream. I Pantera, che a me piacevano parecchio, se li ascoltavano pure i sassi. Anselmo ha fatto carriera perché ex frontman dei Pantera, quindi a lui come personaggio senza compromessi, specie dopo le ultime suppliche e lamentazioni a Vinnie Paul per farsi rimettere in mezzo ad un discorso più grande e remunerativo, ci credo veramente poco. Uno da un personaggio del genere si aspetta prodotti di tutt'altro tipo, mi dispiace. Questo è un disco che poteva fare chiunque, non un musicista che sta in giro da 30 anni!
SV
Domenica 4 Agosto 2013, 14.28.14
26
Questione di gusti anche...Chiaro che se uno si aspettava un disco come le sue band principali rimane deluso. Del resto anche io all'inizio, ma credo che sia invece una onesta dimostrazione di furia, ed è vero che a volte sembra sconnessa, perchè rasenta la follia, quella rabbia incontrollabile che ogni tanto si prova, dove si vuole spaccare tutto quello che si ha intorno. In quelle situazioni non c'è un piano di distruzione, si agisce per istinto e basta. Questo disco è così a mio avviso, piaccia o non piaccia.
Radamanthis
Domenica 4 Agosto 2013, 14.17.01
25
Io invece dopo la delusione dei primi ascolti e l'accantonamento per qualche giorno l'ho riascoltato e devo dire che anche peggio di come me l'ero ricordato...mi sembra tanto rumore, tano baccano, tanto chaos, urli qua e là senza senso e connessione...no, proprio non ci siamo, ora lo accantonerò definitivamente. Di questo disco non salvo nulla, dall'inizio alla fine. Ribadisco, con dispiacere, VOTO 30
SV
Domenica 4 Agosto 2013, 12.39.19
24
Io invece sto rivalutando il disco. Come scrissi per me non si può valutarlo se non lo si ascolta un po' di volte. Occorre farlo perchè si entra nel giusto mood claustrofobico e nichilista del disco, nonchè si cominciano ad assimiilare i vari cambi di tempo ecc presenti. Non è un disco facile e non c'è una canzone che puoi cantare come succedeva nei 3 gruppi principali di Anselmo (Pantera, Down, Superjoin r.). Però dategli qualche chance in più. Per meè un dei dischi più onesti, terremotanti e scomodi che il metal abbia partorito da tanti anni in qua. Per me un quasi 70/100 ora come ora.
hm is the law
Sabato 3 Agosto 2013, 13.58.53
23
@ xXx:
xXx
Sabato 3 Agosto 2013, 13.07.44
22
@hm is the law: visto che prima o poi concordavamo!!!??? sono pienamente d'accordo con la tua recensione, hai usato parole adeguate per descrivere questo obrobrio assoluto. c'è ben poco da salvare se non la slayeriana Bedridden. Il resto è proprio una merda assoluta! Non concordo solo con il voto ma ho già visto che hai già risposto in merito al 50 che hai dato. Il mio voto è invece 40, credo sia più appropriato! Una delusione assoluta!
precision88
Giovedì 1 Agosto 2013, 9.29.52
21
ho vinto una birra per essere riuscito a sentire due tracce... Non l'ho sentito tutto, ma qualità di qui pezzi è veramente infima.
SV
Mercoledì 31 Luglio 2013, 18.44.12
20
Deludente ma non così merda come si scrive. Consiglio una decina di ascolti per capire un po' di più di questo disco. In ogni caso per me la musica è sufficiente e il che per un fan sfegatato di Anselmo è poco, ma un tale magma di nervosismo e rabbia difficilmente si trova in giro.
Mitra 65
Mercoledì 31 Luglio 2013, 15.04.45
19
Per me vale la sufficienza come accreditata anche dai lettori
Undercover
Mercoledì 31 Luglio 2013, 14.20.21
18
Votando col cuore darei 10 altro che 30, obbiettivamente la recensione di Fabio questo 50 l'ha giustificato (perdonami non mi viene altro termine al momento) in maniera corretta, la delusione è di quelle che fanno male, veramente male, bruttissima botta.
hm is the law
Mercoledì 31 Luglio 2013, 14.16.11
17
Il discoi da te citato mi deluse molto quando usci (e so rincoglionito)
hm is the law
Mercoledì 31 Luglio 2013, 14.14.35
16
@ Radamanthis: non sono d'accordo circa la questione della qualità della registrazione, ci sono ciofeche immonde in giro e, pertnato, se la registrazione merita va premiata. Per il resto ti dirò che troppo spesso ci si sofferma sul voto del recensore e poco sul contenuto della recensione. A suo tempo proposi anche di eliminare completamente il voto anche per il discorso che fai tu sull'uniformità di giudizio, ma le cose sono rimaste così. I dischi da te citatai mi delusero molto quando uscirono, forse avrei dato 40 se la recensione l'avessi fatta io.
Radamanthis
Mercoledì 31 Luglio 2013, 13.09.48
15
Beh, il fatto che non dai mai voti inferiori al 40 ci può stare come motivazione anche se una maggiore omogeneità nei voti all'interno di tutto il sito renderebbe più chiara (a mio avviso, sia chiaro) la valutazione di un disco rispetto ad un altro [mi viene in mente il 30 schiaffato da Nagash al disco dei Morbid Angel Illud Divinum Insanus del 2011] al di là del fatto che sia recensito da uno o dall'altro. L'elevato livello di registrazione non può essere, nel 2013, un motivo di alzare l'asticella del voto anche perchè la qualità sonora la ottengono anche bands amatoriali per i demo ormai quindi su questo non concordo. Il trittico finale (per chi ha la forza di arrivarci...) può essere una motivazione a mio parere valida ma forse non tanto per raggiungere il 50, o meglio, forse non abbastanza! Grazie della solerte risposta!
hm is the law
Mercoledì 31 Luglio 2013, 12.58.06
14
@ Radamanthis: non do mai voti inferiori a 40 e tenuto conto dell'elevato livello di registrazione e del trittico concluisivoi passabile 50 è il voto giusto per i miei canoni di riferimento.
Radamanthis
Mercoledì 31 Luglio 2013, 12.52.32
13
Un quesito per il recensore...io sono pienamente e totalmente d'accordo con te in ogni parola che hai scritto e mi complimento per la recensione che hai fatto (come del resto molte tue recensioni mi trovano pienamente d'accordo). Ma un prodotto che (citando tue parole): "risulta esageratamente disomogeneo, caotico, compatto e, in definitiva, del tutto indigesto. Vi assicuro che si fa davvero fatica ad arrivare al termine e mi riesce piuttosto difficile trovare spunti positivi da un’opera del genere così, diciamola tutta, malriuscita" / "lascia sinceramente il tempo che trova e delude in pieno le aspettative" / "propinare un prodotto volutamente insopportabile" e infine " Walk Through Exits Only non è in grado di suscitarmi alcuna sensazione se non una, fastidiosa, di noia" come fa a prendere 50 e non 30 o giù di lì??? L'annosa questione del voto è sempre dietro l'angolo...Scherzi a parte, non c'è alcuna connessione tra il voto (5 è insufficiente ma non una merda) e le parole (che fan passare, giustamente, il disco come una merda)!
Vitadathrasher
Mercoledì 31 Luglio 2013, 10.31.31
12
Effettivamente ascoltarlo per intero è un boccone indigesto e da certi personaggi, che hanno la possibilità di creare la propria musica con tanti mezzi a disposizione, ci si aspetta e si pretende il massimo. Qui siamo a livelli mediocri e criptici, un frullato di marciume (forse voluto).
Enrico
Mercoledì 31 Luglio 2013, 10.28.35
11
Non sono riuscito a superare la prima traccia. ORRENDO.
Sambalzalzal
Mercoledì 31 Luglio 2013, 9.42.48
10
Disco ignobile. Probabilmente il peggiore che abbia mai ascoltato da un nome grande assieme al progetto solista di Steve Harris. Una vera presa per il culo per chi fa musica seriamente e per chi vuole ascoltare buona musica. Anselmo che la smettesse con le droghe, basta con le cazzate.
freedom
Mercoledì 31 Luglio 2013, 2.57.01
9
Mi aveva incuriosito all'inizio, ma poi mi ha stancato alla grande. Voto 60 per la voglia di fanculizzare il mondo.
Undercover
Mercoledì 31 Luglio 2013, 1.38.27
8
Dai ci sta coglioneggiando, non è vero... non ci voglio credere...
Witchcraft
Mercoledì 31 Luglio 2013, 1.22.27
7
pensavo fosse uno scherzo quando ho acceso lo stereo...
Barry
Mercoledì 31 Luglio 2013, 0.28.46
6
Disco senza capo né coda, davvero un peccato
Radamanthis
Mercoledì 31 Luglio 2013, 0.07.24
5
Ascoltato solo per rendere onore a Phil ma non posso (con dispiacere rimembrando i bei tempi dei Pantera) che dire RACCAPRICCIANTE. Voto 30, purtroppo....
waste of air
Mercoledì 31 Luglio 2013, 0.04.17
4
ho sentito un paio di pezzi e ho trovato le linee vocali particolarmente raccapriccianti; se tutto il disco è così non resta che quotare la recensione.
Heresy78
Martedì 30 Luglio 2013, 23.03.55
3
Concordo in pieno col recensore e aggiungo "pessimo"
Almetallo
Martedì 30 Luglio 2013, 21.52.39
2
Veramente pessimo bella la recensione dove si cerca di trovare del buono , anche io ci ho provato ma non ce una buona canzone in tutto l' album voto 30
stevjoker
Martedì 30 Luglio 2013, 21.43.02
1
Orrendo
INFORMAZIONI
2013
Housecore Records (Megaforce MRI)
Sludge
Tracklist
1. Music Media Is My Whore
2. Battalion of Zero
3. Betrayed
4. Usurper Bastard's Rant
5. Walk Through Exits Only
6. Bedroom Destroyer
7. Bedridden
8. Irrelevant Walls and Computer Screens
Line Up
Philip H. Anselmo (Voce)
Marzi Montazeri (Chitarra)
Bennett Bartley (Basso)
Jose Manuel Gonzales (Batteria)
 
RECENSIONI
50
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]