Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
DOUBLE CRUSH SYNDROME
Death To Pop

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
NIGHTGLOW
Rage of a Bleedin’ Society

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
DICTATED
Phobos

CONCERTI

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

S.O.D. - Speak English or Die
( 4797 letture )
Cosa si può ottenere mischiando due membri degli Anthrax, il loro ex bassista, un corpulento cantante hardcore (roadie sempre degli Anthrax), del tempo libero ed una massiccia dose di umorismo di vario tipo?
Semplicemente gli Stormtroopers Of Death!
Leggenda vuole che Scott Ian, al termine delle registrazioni di Spreading The Disease, si sia trovato con del tempo libero da dover impiegare in qualche modo e che, dopo aver creato il personaggio fumettistico Sargent D, abbia deciso di mettere su un progetto che avesse proprio lui come mascotte.
Così, arruolati gli amici Charlie Benante alla batteria, Dan Lilker al basso e Billy Milano alla voce, gli S.O.D. erano pronti ad iniziare il divertimento.
Divertimento in senso letterale, dato che appunto questo side-project è nato solo per quello, oltre che per suonare un ibrido tra il thrash metal e l'hardcore

Quello che nessuno di loro sapeva era che Speak English Or Die, risultato di "ben" tre giorni di lavoro, sarebbe stato più di un side-project, ma bensì uno dei dischi simbolo del crossover-thrash o thrashcore, quando ancora al suffisso core non si associavano ciuffi e dilatatori.
È furia sincera quella presente, che in alcuni casi anticipa il grindcore (basta ascoltare la folle scheggia impazzita Anti-Procrastination Song) che nel frattempo, dall'altra parte dell'oceano, ha già gettato i semi di ciò che sarà la rivoluzione estrema di fine anni Ottanta. D'altronde la radice hardcore è comune ad entrambe le correnti ed è normale trovare dei punti di contatto nelle proposte.
I trenta minuti scarsi dell'album scorrono veloci, dipanandosi a rotta di collo tra pezzi sviluppati in maniera thrash più canonica come Freddy Krueger (la più lunga della tracklist con i suoi due minuti e trentatrè secondi), anthem irresistibili come United Forces o i cazzeggi da sala prove di What's That Noise. Il tutto condito dall'umorismo nero, crasso e politicamente scorretto dei testi di Billy Milano, accusato di razzismo per quelli della titletrack o di Fuck The Middle East, scritti apposta per provocare o per ridere nella maniera più sguaiata, come nel caso di Pre-Menstrual Princess Blues.
Da notare anche la presenza della prima "ballad" della loro carriera, in questo caso dedicata a Jimi Hendrix, composta dal riff iniziale di Purple Haze e dalla frase He's Dead, per un totale di sette secondi. La cosa verrà poi ripresa dal vivo per confezionare varie "ballad" dedicate a vari artisti deceduti, da Freddie Mercury a Kurt Cobain.

La produzione è scarna ed asciutta, con i riff di Scott Ian doppiati dal basso leggermente distorto di Dan Lilker che forma con Charlie Benante una sezione ritmica devastante nelle accelerazioni e trascinante nei momenti più ritmati. Un Benante troppe volte dimenticato dal gotha del batterismo thrash, ma che nell'approccio allo strumento alla fine degli anni Ottanta non aveva niente da invidiare ai vari Lombardo o Bostaph, anche in un disco tecnicamente "semplice" come questo nel quale lo spirito e l'attitudine contano più del resto. Tra inni al pogo -incoraggiato dal vivo assieme allo stage diving- ed alla colazione, Speak English Or Die è un disco che non si fa fatica ad ascoltare e che assieme a quelli di D.R.I., Wehrmacht e Cryptic Slaughter (giusto per fare qualche nome) rappresenta la direzione forse più estrema ed in un certo senso "pura" presa dal thrash degli anni Ottanta.

Al contrario delle band citate, gli S.O.D. non erano un gruppo nato o destinato ad andare avanti negli anni, ma solo un progetto spontaneo e genuino così, una volta suonati alcuni live e chiusa questa parentesi, Ian e Benante tornarono ai loro Anthrax in procinto di fare il botto (e con i quali riproporranno Chromatic Death e Milk su Attack Of The Killer B's, in maniera però meno furiosa); Lilker dal canto suo aveva i suoi Nuclear Assault, con i quali l'anno dopo pubblicherà un altro lavoro seminale per il genere, ovvero Game Over.
E Billy Milano?
Lui era l'unico a non avere un gruppo a cui tornare e così metterà su i Methods Of Destruction (abbreviato M.O.D.) per portare avanti il verbo del thrash-core più becero già con l'esordio U.S.A. For M.O.D., composto dal titolo ed alcuni brani pensati inizialmente per il secondo album dei S.O.D.

Della band non si sentirà parlare per un po', fino alla pubblicazione del Live At Budokan del 1992 (nel quale è presente il mitico stage diving di Billy Milano dall'alto degli amplificatori) ed alla reunion del 1999 con Bigger Than The Devil, disco buono che però possiede solamente in parte la genuinità e la spontaneità di Speak English Or Die, caratteristiche che ad oggi personalmente vorrei rivedere anche nei lavori in studio degli Anthrax.
Un album adatto per chi vuole prendersi mezz'ora di divertimento ed headbanging, senza alcun impegno se non quello di avere i brevi testi davanti agli occhi, a patto di non essere dei moralisti scandalizzati dal contenuto caustico di essi.
Anche perché in quel caso:

He'll make you wish that you didn't exist
Cause Sargent D is coming, and you're on his list


Io vi ho avvertito.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
98.81 su 216 voti [ VOTA]
Area
Martedì 11 Giugno 2019, 13.28.43
53
Disco Ironico e super ignorante fatto in realtà da dei musicisti preparatissimi e da un cantante hardcore (come si diceva)... non lo ascolto da un eternità! La cosa divertente é che sto disco lo feci ascoltare a parecchi conoscenti anni fa che ascoltavano o suonavano in gruppi Hardcore Punk e non era piaciuto a nessuno di loro... in realtà il Crossover Thrash non é così amato dai fruitori di Hardcore Punk o comunque c'è un netta divisione riguardo ciò.
thrasher
Venerdì 7 Settembre 2018, 21.54.34
52
Non ho ancora commentato quest album.... che dire... voto 100... un classico senza tempo... all epoca i riffs di scott Ian insieme alla sezione ritmica di benante fecero scuola... lo incisero e fecero tutto in tre giorni e il risultato fu scioccante... grandissimi
rik bay area thrash
Venerdì 7 Settembre 2018, 18.17.06
51
Non so se all'epoca della sua pubblicazione erano in voga i side project e collaborazioni varie come sta accadendo ultimamente, proprio non ricordo. Però se come narrano le cronache è nato per 'gioco', beh si deve ammettere che il 'gioco' è ben riuscito. Quello che è notevole in questo album sono i riff che non sono mai monotoni e di facile presa, cioè li memorizzi subito, come le song d'altronde. Album notevole, che come già scritto nella review ha fatto scuola .... ehm il famoso tuffo di milano ... beh poveri spettatori (imho)
paju
Venerdì 7 Settembre 2018, 16.26.02
50
100 e lode... Incapibile per chi non cera in quel momento che è uscito. qui inizia il crossover. old school rules e fanculo ragazzini nuove leve e giornalisti buchi dii culo che inventano ogni giorno nuove definizioni alla musica. andate a cagare teste du kazzo!
Silvia
Mercoledì 9 Agosto 2017, 14.22.21
49
Ah, e lo dico con convinzione, non x essere politicamente corretta, a proposito di S.O.D., hahaha!
Silvia
Mercoledì 9 Agosto 2017, 14.19.01
48
Verissimo, Charlie e' sempre stato un grandissimo batterista (oggi ancora meglio!) ma x il mio gusto non sceglie dei bei suoni e non ha la precisione ne' il tiro di Dave Lombardo (che viene citato nella recensione e rimane il mio preferito). Ripeto, mio gusto personale, perche' secondo me quelli citati, inclusi Tom Hunting, Gene Hoglan e Igor Cavalera (e sicuramente dimentico qualcuno!) sono tutti allo stesso livello x competenza e professionalita'
ian
Mercoledì 9 Agosto 2017, 14.00.17
47
Concordo con il recensore, in particolar modo sul mitico Charlie, un batterista che negli ´80/´90 non aveva niente da invidiare a molti suoi, piü blasonati colleghi.
lisablack
Mercoledì 9 Agosto 2017, 13.57.45
46
Giusto, album che è storia ormai, 90 ultra meritato.
Silvia
Mercoledì 9 Agosto 2017, 13.23.29
45
Un capolavoro spaziale, se preso nel verso e nel contesto giusto. Uno scherzo che fa fatto storia, ma proprio perche' scherzo tutti quelli che l'hanno copiato (prendendolo sul serio) hanno fallito
HERMANN 60
Giovedì 2 Giugno 2016, 15.16.28
44
uno spettacolo, fatto per scherzo e copiatissimo ancora adesso
vanduc
Mercoledì 28 Ottobre 2015, 18.46.47
43
E questo è il terzo disco che ha illuminato il mio, personale 1985 (con Hell Awaits e To Mega Therion). Che dire? Semplicemente una bomba. Il voto, calcolando la sua importanza storica/musicale, è minimo un 95.
matteo38
Domenica 18 Maggio 2014, 10.44.44
42
facilmente scambiale per spreading the disease se non entrasse la voce diversa ogni tanto, merita senz'altro la stessa considerazione degli album storici di suicidal tendencies e dri
Nu Metal Head
Venerdì 4 Ottobre 2013, 21.49.23
41
@post 13: che per caso ce l'hai con me?!?
jek
Venerdì 4 Ottobre 2013, 21.14.26
40
Cazzarola se è tosto sto disco. Dopo la recensione del Trucido il commento del Lambru non avevo dubbi disco pazzesco.
Ra
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 22.19.16
39
Con Core si intende il centro, il nucleo, in questo caso direi l' anima. Hardcore anima dura, niente a che vedere con Hard di HardRock. In thrashcore è semplicemente l' unione dei due generi. Quello che hai miei tempi era crossover.
Elluis
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 20.45.21
38
La recensione e' sul disco dei SOD perché si sta parlando di Excel, Ludichrist e altre band che non c'entrano niente ??
The Nightcomer
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 19.00.45
37
Mi fa piacere che sia stato ripescato questo album storico. L'ottima recensione di Diego sottolinea tutti gli aspetti salienti relativi ad autori, proposta musicale e periodo di riferimento. Condivido pure le considerazioni sull'influenza che ha esercitato questo gruppo.
herr julius
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 16.30.06
36
ps. altra band e disco pazzesco del genere secondo me molto sottovalutati sono gli Excel con the joke's on you. Hanno anche fatto una bellisima cover dei police , message in a bottle. All'epoca erono conosciuti perchè molti personaggi + famosi indossavano le loro T shirts (dan lilker su survive, per esempio)
herr julius
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 16.24.56
35
Confermo la qualità eccelsa degli album dei MOD in particolare Gross Misconduct e surfin mod. Erano di fatto una sorta di superband con membri del calibro di Lou Svitek, John monte e Tim Mallare. Ho detto tutto.
Galilee
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 15.05.09
34
Beh dire che gli MOD abbiano fatto solo dischi superflui mi sembra esagerato. I primi 4 secondo me sono dei dischi della madonna. Thrash, Mosh Groove e pugni in faccia. Don't feed the fucking bears!! E tra l'altro anche il secondo degli SOD è un gran bel disco, sottovalutato alla grande, invece ha delle perle al suo interno davvero fenomenali.
alessio
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 14.21.06
33
è si il primo dei leeway sarebbe da recensire prima o poi perché è valido ed era uscito in un periodo in cui si iniziavano a affacciare altri gruppi che poi avrebbero sfornato altri dischi e stili. comunque mi considero sculato dato che trovai il primo dei leeway e il secondo in edizione digipak a 5 euro, mammamia ebbi un brivido dietro la schiena!!
LAMBRUSCORE
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 13.29.21
32
Sono stati citati i Ludichrist, tranquillo, in passato, però giusto ricordarli ogni tanto.....forse manca il primo dei Leeway, ecco...
herr julius
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 9.45.56
31
bellissimo soprattutto per chi come me lo ha vissuto all'epoca. Comunque per i più giovani , siccome nessuno li ha citati, propongo l'ascolto di due capolavori del genere e quasi mai osannati ma a mio avviso avanti ancora ora: i primi due album dei Ludichrist: Immaculate deception e Powertrip. Sono letteralmente fantastici.
Elluis
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 9.22.00
30
@hellowaaanno premesso che questo disco l'ho sempre considerato hardcore e basta, il termine "core" (radice) penso possa essere considerato un rafforzativo, cioè "thrash o hard fin dalla radice", quindi più potente di un disco thrash classico o punk.
S.V.
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 0.02.22
29
fenomenale e davvero avanti coi tempi!
alessio
Martedì 1 Ottobre 2013, 16.05.12
28
semplicemente che quello che viene chiamato thrash core ha più influenze hardcore punk rispetto al thrash classico. poi puoi essere chiamato in molti modi crossover thrash o punk metal. ad un certo punto molti gruppi hardcore punk hanno iniziato ad essere influenzati anche dal metal e più precisamente dal thrash e viceversa molti gruppi metal incorporarono influenze hardcore e da queste unioni e miscugli nascono i vari crossover punk metal tra cui quello che viene chiamato thrash core
Hellowaaanno
Martedì 1 Ottobre 2013, 15.46.21
27
Saró ignorante io...ma non ho mai capito che significa "core" dopo le hard e thrash...cosa si intende per thrashcore? Che differenza c'è tra questo e il thrash normale?
d.r.i.
Martedì 1 Ottobre 2013, 13.24.13
26
Bellissimo! Punto e basta!!
alessio
Martedì 1 Ottobre 2013, 12.43.36
25
ma comunque ad essere un imitazione dei sod non erano solo i mod ma proprio tutta quella schiera di gruppi che erano sbucati fuori dopo questo disco , purtroppo poi in america cercavano tutti di copiare i sod e i dri e alla fine suonavano tutti uguali. ecco c'erano altri gruppi hardcore thrash tipo suicidal ,Excel ,uncle slam che avevano una loro personalità (sopratutto i suicidal) ma verso la fine degli 80 era uscita gente che copiava pure loro.
Elluis
Martedì 1 Ottobre 2013, 10.09.36
24
Semplicemente spettacolare: il disco, la formazione, il mitico Sargent D, il periodo storico, tutto perfetto !! Non c'e' altro da dire !! L'unico che mi è sempre stato un po' sulle palle era Billy Milano che di fatto ha vissuto l'apice della sua carriera solo con i SOD. I MOD mi hanno sempre fatto un po cagare; dopo il primo album, solo una pallida imitazione dei SOD ma tutto sommato carino, tutto il resto e' abbastanza evitabile.
LAMBRUSCORE
Lunedì 30 Settembre 2013, 18.59.15
23
D'accordo con Andrea, Scott Ian grandissimo chitarrista ritmico, anche dal vivo, una garanzia.
Andrea
Lunedì 30 Settembre 2013, 15.09.57
22
che disco mostruoso! una vera e propria enciclopedia del riff che incorona un periodo di particolare stato di grazia creativa di Scott Ian, uno che merita indiscutibilmente di stare nel pantheon dei chitarristi ritmici dell'intera storia del metal. e il fatto che SEOD sia stato concepito in tre giorni per me è solo un'ennesima nota di merito rispetto a gente che magari passa in sudio i mesi o gli anni e non ci si avvicina nemmeno a questi livelli!
HIGHVOLTAGE68
Lunedì 30 Settembre 2013, 14.26.02
21
Quando vedo riemergere certi prodotti non posso non intervenire e aggiungere il commento di chi ha vissuto in pieno quel meraviglioso periodo ! Thrash furioso e hardcore contaminante ...gruppi come Suicidal Tendencies - D.R.I. - C.O.C. - Agnostic Front diedero peso e sostanza ai riff punk e immediatezza e spontanità al thrash. RIcordo ancora con invidia la maglietta bianca con il teschio di speak english or die di quelllo che girava a disfunzioni musicali di Roma !!!
CESARIONE
Lunedì 30 Settembre 2013, 13.34.00
20
Grande disco ... e basta!!!!! MILANO MOSH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Galilee
Domenica 29 Settembre 2013, 22.11.41
19
Sono d'accordo, questo è un disco che ha lasciato un segno indelebile nella storia del Metal. Un sacco di generi gli sono debitori.
LAMBRUSCORE
Domenica 29 Settembre 2013, 21.43.58
18
@Danny boy, molto d'accordo con te, disco da paura ancora oggi ineguagliabile, per chi ha vissuto l'epoca...
danny boy
Domenica 29 Settembre 2013, 21.22.31
17
questo è molto più di un disco. E' un inno generazionale!!! stupido, ignorante e rozzo allo stesso tempo maledettamente cazzuto. TUTTO il Thrash metal dagli '80 fino ad oggi gli è debitore. Una sorta di "balck sabbath" del tharshcore. Pezzi così sono semplicemente irresistibili per ogni giovanotto con tanta voglia di spaccare il mondo. Gli SOD erano un gruppo marginale ma con questo disco sono stati più importante di tutta la scena thrash del periodo. Secondo solo a reign in blood e master of puppets.
Galilee
Domenica 29 Settembre 2013, 21.00.15
16
Capolavoro.
LAMBRUSCORE
Domenica 29 Settembre 2013, 20.49.21
15
Ovvio che io faccia della polemica da stadio...o come si dice...rispetto i gusti degli altri, qua all'epoca si parlava di thrashcore, crossover, ecco...
Er Trucido
Domenica 29 Settembre 2013, 20.09.58
14
Nono, ci mancherebbe
LAMBRUSCORE
Domenica 29 Settembre 2013, 19.43.10
13
STORIA e basta...che qualcuno nn mi caghi i maroni col nu metal o roba del genere, eh???
LUCI DI FERRO
Sabato 28 Settembre 2013, 20.50.35
12
DA AVERE ASSOLUTAMENTE ANCHE ,___ Nuclear Assault - 1986 Game Over - 1988 Survive - 1989 Handle With Care ___ D.R.I. - 1988 4 of a Kind - 1989 Thrash Zone____ Cro-Mags - 1986 The Age of Quarrel - 1989 Best Wishes____ Suicidal Tendencies - Lights Camera Revolution (1990) - How Will I Laugh Tomorrow When I Can't Even Smile Today (1988) -The Art of Rebellion (1992)___ Prong - Beg to Differ (1990) - Prove You Wrong (1991)____ downset. - downset. 1994 - Check Your People 2000_____Mordred - 1989 Fool's Game - 1991 In This Life, fateli vostri questi album IMMENSI__!!!!!!!!!!!
N.I.B.
Sabato 28 Settembre 2013, 16.05.39
11
Album S T U P E N D O ...!!!
therox68
Sabato 28 Settembre 2013, 14.06.19
10
Alessio: a quello che hai appena detto si può aggiungere anche il fatto che questo disco all'epoca venisse considerato "grind" da quasi tutta la stampa specializzata.
Greatest_Tiz
Sabato 28 Settembre 2013, 14.00.45
9
Bellissimo!
AndreA
Sabato 28 Settembre 2013, 13.49.23
8
Da un punto di vista "storico" l'ho sempre valutato come un lavoro fondamentale,adatto sia a chi stava cominciando ad infatuarsi al thrash sia a coloro che prediligevano l'hardcore,ma dal lato prettamente musicale e impegnativo(3 gg per farlo)non vale la pena considerarlo un capolavoro ma solo un'accozzaglia di suoni e provocazioni che dovevi comunque pagare al prezzo di un disco nuovo.
alessio
Sabato 28 Settembre 2013, 13.44.30
7
diciamo che la ricetta di questo disco è stata ripresa poi dai vari napalm Death, terrorizer, heresy ma pure carcass non dico extreme noise terror perché credo che a loro i s.o.d. stessero un pò sulle palle soprattutto milano. nella metà degli anni 80 fino all'87 88 questa era la roba più estrema che l'america poteva far uscire, loro i wehrmacht i cryptic slaughter e i primi dri erano tra i più veloci, poi vabè so arrivati altri dopo ma quella è un altra storia.
Lontano
Sabato 28 Settembre 2013, 13.03.41
6
Ricordo ancora adesso il preciso istante in cui lo ascoltai (sì, sì, era propio il 1985, nel fior fiore dei miei 15 anni). Partito il riff di "March of the SOD" ero partito anch'io, a pestare i piedi camminando in tondo in camera mia, con l'estremo piacere di chi abitava sotto... Ancora oggi, a distanza di "qualche" anno, quando ho imparato a suonarlo quel riff semplice, sciocco, in drop D, mi sono ritrovato a pestare i piedi e girare in tondo. Vabbé stavolta ero in garage e sono riuscito a staccare il jack dalla pedaliera, che si era arrotolato intorno alle gambe facendomi quasi cadere.....
Undercover
Sabato 28 Settembre 2013, 11.35.06
5
Stupendo...
Ra
Sabato 28 Settembre 2013, 10.49.02
4
Questo disco è storia, questo disco è leggenda, questo disco è mito, questo disco è consumato a forza di ascoltarlo. Credo che ancora oggi Scott Ian si stia chiedendo come ?...perchè ?...quando ?...uno scherzo tra amici diventa storia del metal. Grandissimo album. 100 e lode
Sonny
Sabato 28 Settembre 2013, 10.29.31
3
Quoto i commenti qui sotto... Lilker poi ha un gusto per l'estremo inqualificabile, semina caos ovunque vada! Ascoltai quest'album verso i 14 anni, mi fece impazzire... Ignoravo fosse dell'85, pensavo fosse nato una manciatina di anni dopo
xutij
Sabato 28 Settembre 2013, 10.18.32
2
Bella recensione Diego ! Sono concorde con te nell'affermare che Benante è un ottimo batterista,anche se non viene mai citato più di tanto.
vecchio peccatore
Sabato 28 Settembre 2013, 10.10.18
1
Grande disco, grande band, grande recensione.
INFORMAZIONI
1985
Megaforce Records
Thrash Core
Tracklist
1. March of the S.O.D.
2. Sargent "D" & The S.O.D.
3. Kill Yourself
4. Milano Mosh
5. Speak English or Die
6. United Forces
7. Chromatic Death
8. Pi Alpha Nu
9. Anti-Procrastination Song
10. What's That Noise
11. Freddy Krueger
12. Milk
13. Pre-Menstrual Princess Blues
14. Pussy Whipped
15. Fist Banging Mania
16. No Turning Back
17. Fuck the Middle East
18. Douche Crew
19. Hey Gordy!
20. Ballad of Jimi Hendrix
21. Diamonds and Rust (extended)
Line Up
Billy Milano (Voce)
Scott Ian (Chitarra)
Dan Lilker (Basso)
Charlie Benante (Batteria, chitarra su traccia 6)
 
RECENSIONI
90
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]