Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
JOE BONAMASSA
Live at the Sydney Opera House

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
ZONAL
Wrecked

25/10/19
EDELLOM
Sirens

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
EXMORTUS
Legions of the Undead

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

CONCERTI

20/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Casa della Musica - Napoli

20/10/19
DEFLORE + MOLOTOY
WISHLIST CLUB - ROMA

20/10/19
NECROFILI + DISEASE
VILLAGGIO CULTURA - ROMA

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

Essence - Last Night of Solace
( 879 letture )
Li avevamo lasciati nel 2011 i danesi Essence, forti del sorprendente debut album Lost In Violence che aveva aperto loro le porte del giro che conta, suonando praticamente ovunque in Europa e aprendo alcune date in esclusiva persino per gli In Flames. Consci delle proprie potenzialità e dell’aver intrapreso la strada giusta i ragazzi di Nordjylland, orfani purtroppo del bassista originale Nefer, nel 2013 si chiudono in studio sotto la supervisione del guru Peter Tägtgren (non vi sto nemmeno a dire chi è, giusto?) e della sempre attenta NoiseArt Records e sfornano un’altra gemma thrash dal titolo Last Night of Solace, davvero meritevole di essere riscoperta perché certifica l’ottimo stato di salute dei danesi ma soprattutto l’evoluzione stilistica del songwriting.
Rimasti quindi in tre, il mastermind Lasse Skov in studio di registrazione decide di imbracciare pure il basso e di spararci una dietro l’altra dieci mitragliate mortali che abbatterebbero un dinosauro in corsa.

Dopo una Intro che si presenta come una breve ma efficace dichiarazione d’intenti si scatena tutta la furia cieca di Final Eclipse, traccia ricca di melodica adrenalina che non lascia respiro alcuno tanto incalza l’ascoltatore, ricordando nel suo complesso una fusione stellare tra Kreator, Death e Forbidden: la voce di Lasse Skov rispetto al precedente album si è fatta più acida, un mefitico connubio tra Mille Petrozza e Chuck Schuldiner ma altamente personale nella timbrica, la chitarra solista del geniale Mark Drastrup esplode letteralmente di scale cromatiche talmente variegate da riportare alla mente i migliori assoli del forbiddeniano LoCicero, il tutto sapientemente cementato da un Martin Haumann davvero in stato di grazia. Si prosegue immediatamente con Arachnida, in cui l’influenza kreatoriana di fondo ben si sposa con un gusto tipicamente death, soprattutto nei controtempi e nei tappeti di doppia cassa. La produzione è davvero stellare, ogni suono è al posto giusto e nonostante questa apparente e fredda perfezione sonora ogni brano suona di una freschezza travolgente, risultando coinvolgente e di assoluto livello. For The Fallen è indubbiamente un tributo dei danesi ai Kreator, in senso positivo sia chiaro, perché questo brano è così perfetto e ha un chorus talmente ben assemblato che sembra provenire direttamente dalle sessions di Violent Revolution, tanto da risultare uno degli highlights dell’intero album. Children of Rwanda mantiene vivo il ricordo della band tedesca di riferimento e ci dimostra tutta la violenza sonora di cui siano capaci gli Essence: “tupa-tupa” serratissimi alternati a controtempi impossibili, voce al vetriolo e stacchi melodici armonizzati alla perfezione, tanto che la successiva Gemstones (mai titolo fu più azzeccato per definire la qualità di un brano), di chiara matrice schuldineriana, continua a far scapocciare l’ascoltatore aggiungendo anche inaspettate partiture puramente heavy. L’oppressiva e violenta Dark Matter è talmente incalzante che sembra essere uscita da Individual Thought Patterns, senza paura di esagerare con questa citazione, perché in una composizione di più di sei minuti i danesi riescono a non stancare mai ma anzi tengono altissima l’attenzione mostrando una perizia tecnica e un gusto estremo davvero secondi a nessuno. Fa notizia che la title-track, nonostante risulti la più lunga e complessa, scivoli via con una facilità disarmante ma ci mostri l’anima più thrash dei nordeuropei (con cambi di tempo e assoli che rimandano ai tempi d’oro dei Metallica) sapientemente fusa con un martellante death americano di altissimo livello. Opium conclude ufficialmente questo esplosivo album ma in verità risulta essere la miccia accesa che porta all’esplosione della ciliegina sulla torta di commiato, ossia la bonus-track Fractured Dimensions, un brano in puro stile Master of Puppets in cui i ragazzi si avvalgono dello stesso Peter Tägtgren al basso.

La grafica curata dall’affermato Eliran Kantor (Testament, Sodom, Atheist, Hatebreed) non fa altro che dare l’ultimo tocco di classe a un prodotto di pregevole fattura, specialmente con una cover art tanto semplice quanto efficace come un pugno in faccia. Da recenti notizie si sa che Haumann ha lasciato la band ed è stato rimpiazzato dietro le pelli dall’altrettanto talentuoso Nikolaj Kjærgaard, che le redini del basso sono state prese in mano da Rasmus Kalke e infine che la band è pronta a rilasciare il nuovo album a settembre 2015, forte di un contratto mondiale da poco siglato con la blasonata Spinefarm/Universal. Nell’attesa di un possibile top album di fine anno date più di un attento ascolto a questo Last Night of Solace e ne rimarrete folgorati. Esaltante.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
85 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2013
NoiseArt Records
Thrash
Tracklist
1. Intro
2. Final Eclipse
3. Arachnida
4. For The Fallen
5. Children Of Rwanda
6. Gemstones
7. Dark Matter
8. Last Night Of Solace
9. Opium
10. Fractured Dimensions
Line Up
Lasse Skov (Voce, Chitarra, Basso)
Mark Drastrup (Chitarra solista e acustica)
Martin Haumann (Batteria)

Musicisti Ospiti
Peter Tägtgren (Basso sulla traccia 10)
 
RECENSIONI
85
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]