Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Obey the Brave - Mad Season
29/09/2017
( 312 letture )
A quattro anni dal precedente Salvation, tornano gli Obey the Brave. La band di Alex Erian, anche nei Despised Icon, ha costruito la propria carriera nel segno della linearità, seguendo il motto Not trying to reinvent the wheel. We keep it simple. We keep it real. Una chiara linea di pensiero, d’altronde pienamente confermata nei primi due capitoli discografici. Insomma, l’innovazione non è propriamente di casa presso i canadesi. Il loro terzo album, il qui presente Mad Season, segue la regola, ma non solo.

La musica degli Obey the Brave potrebbe essere paragonata ad un allenatore di fitness, qualcuno che mostra i muscoli e che attorno ai muscoli ci ha costruito una carriera, ma che è allo stesso tempo pettinato, se vogliamo fighetto, ma soprattutto positivo e motivazionale. Questa metafora prende la forma di un hardcore/metalcore moderno e dei più tamarri, in cui sono presenti tutti gli ingredienti base. Breakdown, gang vocals in quantità, cantato aggressivo e declamato, talvolta al limite del rap, si alternano a cori dal sapore pop-punk e ritornelli melodici che si stampano in testa al primo ascolto. Ne sono esempio manifesto On Thin Ice, la title track e On Our Own, brani che seguono una formula non originale ma efficace e consolidata. Come in precedenza poi, i Canadesi includono una traccia in francese, Les Temps Sont Durs, nella quale Erian sfoggia il proprio accento québécois. Nulla di nuovo dunque. Fino a qui, perché questa volta la band introduce un paio di piccole novità in grado di dare un pizzico di dinamismo ad una proposta altrimenti stantia. Il lato più emozionale, ultimamente tanto in voga nel genere ed espresso da gruppi quali Comeback Kid e Ghost Inside, è accentuato rispetto al passato ed è ben riscontrabile in Drama, 97 Again e This is it. Più interessante è RIP, brano nel quale la band canadese collabora con il rapper Loud Lary Ajust. Nulla che non sia mai stato fatto, ma con una sottile differenza: gli ospiti sono dediti alla trap, la nuova e controversa corrente di hip-hop che sta spopolando negli ultimi tempi e che ben si distingue dal rap old-school tipico del rap metal tout-court. Al di là dei gusti personali, bisogna riconoscere agli Obey the Brave di aver operato una scelta a suo modo inedita, sicuramente in linea coi tempi.

In conclusione, Mad Season ha il grande pregio di essere iscritto in un percorso lineare e coerente, senza però risultare troppo ripetitivo. Da una band che della staticità e della coerenza ha fatto la propria bandiera, è difficile aspettarsi cambiamenti sostanziali, ma a Mad Season bastano i piccoli elementi sopra citati per scongiurare la sorte di album-fotocopia. Lontano dall’essere rivoluzionario, riesce comunque a svecchiare una proposta consolidata e per natura non incline all’evoluzione. Si tratta di un buon modo di uscire dall’impasse provocato dall’eterna tensione fra coerenza e novità, riuscendo potenzialmente a soddisfare tutti.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Domenica 1 Ottobre 2017, 13.10.40
1
Questo NON è hardcore, poi in molti si fanno idee sbagliate, basta dai....
INFORMAZIONI
2017
Epitaph Records
Metal Core
Tracklist
1. On Thin Ice
2. Drama ft Steve Marois
3. On Our Own
4. Mad Season
5. 97 Again
6. Les Temps Sont Dures
7. Low Key
8. Feed the Fire
9. The Distance ft Kevin McCaughey
10. Way it Goes
11. RIP ft Loud Lary Ajust
12. This is it
Line Up
Alex Erian (Voce)
John Campbell (Chitarra)
Terrence McAuley (Chitarra)
Cory Wilson (Basso)
Stevie Morotti (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]