Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/06/19
MONARQUE
Jusqu-à la Mort

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
RHODIUM
Scream into the Void

28/06/19
MAJESTY
Legends

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
JBO
Wer Lässt Die Sau Raus?!

CONCERTI

24/06/19
THE MELVINS + RED FANG
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

24/06/19
THE AMITY AFFLICTION
TUNNEL - MILANO

24/06/19
ANATHEMA + guests
Live Club - Trezzo sull'Adda

24/06/19
CARACH ANGREN + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

ITALIA HARDCORE PUNK - # 4 - Le band: il Nord - Parte Prima
01/06/2016 (2905 letture)
Esaurito -si fa per dire- l'argomento "band del centro-sud", passiamo adesso ad esaminare per sommi capi la situazione che esisteva in una parte del Nord. Anche in questo caso, però, è assolutamente opportuno sottolineare come quello che state per leggere non è certo un articolo che si pone come obiettivo quello di citare tutti i gruppi esistiti, un'impresa letteralmente impossibile, quanto quello di restituire una piccola parte di quell'effervescenza musicale ribelle che, in un dato momento storico, ha prodotto risultati importanti anche per la scena metal. Il dato più importante, però, è che quel florilegio di gruppi sempre "contro", è stato l'ultimo capace di segnalare l'Italia come nazione in grado di produrre un movimento musicale e culturale importante a livello internazionale. Anche stavolta, per la cronaca, nel mucchio troverete alcune band non propriamente o completamente HC, ma utili a delineare il quadro generale.

TOSCANA
Terra tradizionalmente sempre in prima linea quando si tratta di fermenti musicali, la Toscana è stata parte più che attiva della scena tramite il Granducato Hardcore (G.D.H.C.), una delle realtà più attive del periodo. Non è questa l'occasione per approfondire in maniera analitica una attività che si concentrava in parte maggioritaria presso il Victor Charlie di Pisa, ma impossibile è non ricordare la storica manifestazione battezzata The Last White Christmas, con i Raw Power ed altre undici band a mettere a ferro e fuoco San Zeno e la sua chiesa sconsacrata. Un'esperienza dalla quale sarà tratta una compilation che troverete citata tra queste righe. Queste, ad ogni modo, alcune delle realtà principali operanti nella terra di Dante, all'epoca madre di una miriade di gruppi antisociali ed anarchici. La Toscana, insomma, fu tra le regioni chiave del movimento.

FIRENZE - Tantissime le realtà partorite da una città da sempre in prima fila sul versante "rock e derivati". Gli Anti, inseriti in una delle raccolte del tempo e culla dei Putrid Fever, uno dei gruppi più importanti del momento esaminato, dei quali si ricorda principalmente un "sette pollici" extended play con cinque pezzi. Il chitarrista Fefo, militerà poi anche negli statunitensi Toxic Reasons. Figure minori come i Dead Pope (nella compilation L'Indiano) o di primissimo piano come I Refuse It! (la fanzine Nuove dal Fronte, poi GHDC, prendeva spunto da un loro pezzo), autori di tre uscite singole tra 84 ed 89. Quindi Juggernaut (un LP postumo ed un live su nastro, tra le altre cose), Basta e una pletora di band minori.

PISA - Anche qui gruppi di grande importanza: C.C.M (Cheetah Chrome Motherfucker) -tra i prime movers della scena- Senza Sterzo (direttamente dal giro del Victor Charlie e noti anche in Germania e Spagna fin da subito), ed i Lanciafiamme, forse meno noti, ma molto rispettati all'epoca dei fatti. Dal pozzo dei ricordi emergono inoltre anche nomi quali Upper Jaw Mask e Useless Boys.

LIVORNO e SIENA - A parte una serie di gruppi mai giunti ad incidere ufficialmente, tra quelli più importanti a Livorno agirono i Traumatic, i quali suonarono anche con i Discharge e furono autori di Last Kids From Nowhere, oltre ad essere particolarmente rilevanti per il GDHC, ma anche gli Urla dal Silenzio. In zona Siena (Poggibonsi), importanti gli Stazione Suicida, che potevano vantare in curriculum l'album su nastro Sangue Nel Muro!!, uno split con i Putrid Fever e l'album Stazione Suicida. Detto di loro, da ricordare almeno gli Allarme.

LUCCA e GROSSETO- Altre città molto vive, anche come province, Lucca e Grosseto fornirono molti gruppi. In particolare, da Lucca Brontosauri, Wardogs (presenti, tra le altre cose, nella compilation Last White Christmas I e tra le band più violente ed impegnate dell'epoca) e NoFun, da ricordare almeno per il 12" Personal War. Da Viareggio, basilari gli Auf'schlag, anche loro presenti su Last White Christmas I ed autori di iniziative profondamente DIY, come quella di prendere uno a caso dal pubblico e scaraventarlo sul palco per fare da batterista per un concerto all'Anarchy Center di Londra. Da Grosseto, poi, Dements e Stato di Polizia. Per i primi ancora da citare Last White Christmas I, mentre per i secondi il 45 giri con quattro pezzi Uccidi Tuo Fratello. Anche loro erano molto politicizzati.

EMILIA-ROMAGNA
Altra regione-chiave, forse addirittura la più importante dal punto di vista storico (mentre da quello organizzativo, tanto per cambiare, fu probabilmente la Lombardia a fare le cose più importanti, come la breve stagione del Virus) L'Emilia-Romagna partorì un numero sconcertante di gruppi e idee, molte delle quali destinate ad incidere profondamente a livello musicale, ma ancor di più su quello sociale. Il tutto non solo in quella Bologna ribelle che si agglutinava al Cassero ed attorno alla Attack Punk Records (vedi puntata due della serie), ma un po' in tutta la regione. Ad esempio presso il Tuwat di Carpi.

BOLOGNA - Davvero impossibile condensare tutto e tutti in poche righe. Bologna, infatti, fu probabilmente il nucleo principale della ribellione al sistema e della sua codificazione. Non solo Helena Velena, i Raf Punk e la Attack Punk Records, ma una scena eterogenea, variopinta e capace di proporre un enorme numero di band diversissime tra loro, che andavano dai Gaznevada ed i Windopen ai Nabat, passando dal via per omaggiare l'icona Skiantos. Nell'ottica di questo scritto, da ricordare i poco noti Aaargh!, ma soprattutto gli Anna Falkss, presenti come molti altri nella storica compilation Schiavi Nella Città Più Libera Del Mondo -vedi ancora puntata uno della serie- come del resto i Bacteria. Gli Irha, invece, produrranno in particolare lo split Né Buoni Né Cattivi... Soltanto Incazzati con gli Stalag 17. Non particolarmente HC, ma autori di una buona carriera i Disciplinatha, dei quali, negli anni 80, è da annotare l'uscita di Abbiamo Pazientato 40 Anni: Ora Basta!. A parte, i "mostri sacri" Rip Off, OI! band vicinissima ai Nabat con i quali produsse un famoso split; gli stessi Nabat di Steno, l'incarnazione dell'OI! italiano e, ovviamente, i già citatissimi R.A.F. Punk devono occupare un posto di rilievo. E' del tutto ovvio che i gruppi presenti erano molti di più, (Vxidi d.c., Youth, Hex, etc.), ma è impossibile ricordarli qui tutti, per le ragioni già ripetutamente spiegate.

FORLI'/CESENA-MODENA-RIMINI - Non tantissime band da questo raggruppamento di città, ma Bologna tendeva a fagocitare la maggioranza della scena. Ad ogni modo, nessuno di questi centri è rimasto a guardare. Da Forlì gli Anti-Cops, il cui nome è già un programma ed i S.I.B.; da Rimini i Dioxina, OI! band del giro Nabat la cui opera più importante è l'LP Nessuna Pietà dell'85; da Modena gli Acid Cocks (Raptus - Negazione & Superamento compilation), Hydra, Menti Alternative, Nessuna Inibizione, Tossic Toys ed i Clinique Bellewue (Carpi). Tra i più importanti, però, gli Stigmathe, nati nel 79 e via via sempre più pesanti e politicizzati (Lo Sguardo Dei Morti su tutto) e gli Infezione, eredi naturali dei Wretched, pesanti e pienamente dentro la politica del movimento. Di loro, da ricordare in particolare l'album Chiediti il Perché.

FERRARA - Da Ferrara gli Accidia, pur abbastanza tardi (Uomini Contro con gli Eversor), Liberation Life, ma soprattutto i Disarmo Totale. Anche loro pienamente nell'ambito delle rivendicazioni anarco-pacifiste della scena ed autori della fanzine Fanghiglia Cristiana -vedi puntata prima linkata sull'argomento- e del demo Opzione Zero, erano in realtà provenienti dalla provincia di Rovigo. Tuttavia, sono ugualmente da ascrivere alla realtà ferrarese, città più vicina al loro paese: Stienta. La loro attività si legò profondamente a quella degli Impact, il gruppo più importante di tutti e dal respiro internazionale. Dell'85 il celeberrimo Solo Odio.

PIACENZA - Anche la Primogenita ha dato il suo contributo ad esempio con Alpha Round, Disprezzo, Leucemia, Tear, con i Babylon's Wall (Assillo Politico compilation), ma soprattutto con gli importantissimi Chelsea Hotel di We'Re All Gonna Die!!!, importanti anche per la storia dei Raw Power.

PARMA - Non solo formaggio pregiato da queste parti, ma anche gruppi HC/Punk. Da Monticelli i Biafra a rappresentare l'hinterland, ed in città Idiotones, FSH e, in campo OI!, i Donald Duck's Skins, autori di un demo su nastro. Inoltre: Boito Kids, F.S.H., Slash ed alcuni altri.

REGGIO EMILIA - Si scrive Reggio Emilia, ma si pronuncia in parte maggiore Poviglio. Non considerando i C.C.C.P., poco dentro al mood della nostra serie e citando a titolo di esempio Blank Gen, Mitropank e No Jap, è proprio il paesino di Puvì ad aver dato i natali non solo alla band probabilmente più rappresentativa dell'Italia all'estero, ma ad una vera e propria scena povigliese che ha prodotto più di una band di rilievo e realtà editoriali DIY. Disaster e Distress (un demo autoprodotto dell'84), dalle cui ceneri nacquero i Violent Charge (un "tour" nei paesi baschi e lo zampino nella fanzine Urla dalla Fogna della quale ci siamo già occupati), S.S.P e, ovviamente, l'icona Raw Power. Attiva dal 1981, la band dei fratelli Codeluppi ha semplicemente scritto pagine fondamentali dell'HC/Punk, portando altissimo il vessillo dell'Italia in ogni dove, con riconoscimenti principalmente negli U.S.A. e sempre all'insegna della coerenza assoluta.

LIGURIA - Grande movimento anche in una regione come la Liguria la quale, del resto, può vantare tradizioni d'avanguardia in più di un settore musicale. Per quanto forse numericamente inferiore rispetto ad Emilia-Romagna e Toscana, la scena locale partorì varie band di assoluto rilievo.

GENOVA - Grande vivacità nella città della lanterna, con i Crapping Dogs ad inizio anni 80, i quali incisero un demo nell'83 e parteciparono ad un paio di compilation già citate altrove. Da una loro costola nacquero i Lost. Da ricordare poi i Contrattacco, i Dirty Actions di Rosa Shocking (in realtà più punk-rock che HC), ma anche Disarmo, Gangland, Tribù Libera, Presagio di Morte e vari altri gruppi, tutti con diverse sfumature musicali.

SAVONA - Forse in proporzione ancora più attiva fu Savona, con gruppi quali 102 Truffe -da Albenga, in realtà, ed usciti fuori a fine decennio, ma con la partecipazione a tre compilation tra l'89 ed il 90- Bitch Boys e, ovviamente, Klasse Kriminale. Di questa OI! band nata a metà del decennio, da ricordare sicuramente Odiati e Fieri!, oltre al resto della carriera post anni 80. Citati loro, una parola va spesa anche per i Drull (Raptus compilation), nei quali militava il fondatore dei Klasse Kriminale. Ad Alassio, poi, operavano i NoiseNoiseNoise P.N., successivamente C.G.B..

LA SPEZIA - Già nel 1979 i Fall Out si segnalavano per la loro presenza e per il loro impegno sociale in città. Nel 1982 incidono un 7" e nell'85 un demo intitolato Zona D'insurrezione, quindi l'LP Mondo Criminale!. Continueranno anche negli anni a seguire, diventando delle vere leggende HC tricolori. Oltre a quella riservata ai Ranxerox, una citazione è doverosa anche per gli Holocaust di Gianluca Lerici, poi grande fumettista con lo pseudonimo di Professor Bad Trip morto nel 2006, presenti nella scaletta di varie compilation.

IMPERIA - Oltre al noto Festival, Sanremo produsse anche suoni meno sdolcinati, come quelli proposti dagli A.I.D.S. - Anarchia Indecifrabile Del Suono, ma soprattutto di gruppi quali i già richiamati Crime Gang Bang. Partiti nell'87, realizzano in breve un importante mini intitolato Figli Della Rabbia, Figli Del Dolore. Si sono riformati negli anni 2000. A titolo di cronaca, aggiungiamo anche i Grey Shadow di S. Bartolomeo al Mare, inclusi nella compilation Goot From The Boot, gli Spasmo di Bussana di S. Remo e gli Ulcera di Diano Castello.

DI BUONE INTENZIONI NON E' PIU' LASTRICATA LA VIA DELL'INFERNO
Questo, ancora una volta molto per sommi capi, lo stato dell'arte nella zona Nord della penisola trattata in questa puntata. Una marea di band, molte delle quali decisamente importanti, altre meno, ed una coscienza sociale e politica che infonderà linfa vitale di ribellione a schemi ritenuti inaccettabili e restrittivi della libertà personale e di creazione. Le regioni che ancora mancano alla nostra lista, come vedremo, non furono da meno rispetto a quelle già esaminate, ma questi saranno argomenti che tratteremo nella prossima puntata. Una prima indicazione, però, è già possibile trarla da queste quattro regioni: di quello spirito ribelle che portava anche all'azione, non è rimasto quasi nulla, se non sul piano delle dichiarazioni di facciata e delle buone intenzioni; ed è davvero un peccato.



Elluis
Martedì 24 Luglio 2018, 17.25.04
30
@Raven hahaha !! Un modo gentile per dire "nun rumpete 'o cazz, che fa caldo e si suda...."
Raven
Martedì 24 Luglio 2018, 14.09.45
29
Vedi commento 21
TheSkullBeneathTheSkin
Martedì 24 Luglio 2018, 13.58.17
28
due precisazioni.... la prima per lambruscore: tolto Ceccherini escluderei proprio del tutto i toscani dal "porco xxx contest" mentre per i rimanenti concorrenti direi che la radice comune è il delta del fiume po... leggermente sopra o leggermente sotto lo stesso dialetto è quasi uguale la seconda per la reda: se parlate specificamente di realtà toscane guai a sbagliare l'attribuzione di 500metri
Raga
Lunedì 23 Luglio 2018, 22.27.30
27
i Dementz erano di Lucca. Unico concerto al LWC. Formati da persone appartenenti ad altri gruppi lucchesi.
Raven
Sabato 16 Luglio 2016, 16.36.20
26
E' vero, provvederemo. Grazie per la segnalazione.
jonny
Sabato 16 Luglio 2016, 16.34.34
25
Non per fare il puntiglioso, ho cercato di farlo notare ma i Brontosauri sono nati a Lucca, mentre qui sono inclusi nella citta' di Pisa.
jonny
Sabato 16 Luglio 2016, 15.18.12
24
Non vorrei sbagliare ma in Last White Christmas c'erano anche i lucchesi Brontosauri, poi presenti anche in Urla del Granducato Vol.2.
ok
Martedì 7 Giugno 2016, 17.36.25
23
stay IT and stay free ... grande lambru grande cugino testaquadra per averci dato i raw power e i cccp , eternamente grato kkkk
LAMBRUSCORE
Domenica 5 Giugno 2016, 12.05.43
22
@Jek, bel termine, non lo conoscevo, ahah. Restando IT questo è il posto giusto per ricordare 2 amici scomparsi a 10 anni di distanza esatta l'uno dall'altro, cioè Giuseppe Codeluppi, detto Paco e Luca Carpi, detto Lupus, chitarristi dei Raw Power, R.I.P. ragazzacci !!!
Raven
Domenica 5 Giugno 2016, 10.55.18
21
Dai ragazzi, non fatemi ripetere di restare IT
jek
Domenica 5 Giugno 2016, 10.52.18
20
@LAMBRU lascia perdere quel baciabanconi li sotto, ti assolvo io
LAMBRUSCORE
Domenica 5 Giugno 2016, 2.21.11
19
@Klostri...mi andrò a confessare in tuo onore. ahahah
klostridiumtetani
Sabato 4 Giugno 2016, 20.39.41
18
@ Raven, se @LAMBRU vuole che il "primato" della Bestemmia, sia assegnato all' Emilia, piuttosto che al Veneto (io sono Veneto),glielo lascio molto volentieri. E' un primato di cui non vado fiero, ma lui (evidentemente) si! quindi: "A ognuno il suo". Fine OT.
Raven
Sabato 4 Giugno 2016, 20.14.53
17
Stay IT , please
LAMBRUSCORE
Sabato 4 Giugno 2016, 20.13.43
16
@ok, in emilia trovi anche alcuni tra i più grandi bestemmiatori, la varietà è infinita, nonostante molti credano che si smadonni di più in veneto e toscana... io non sono mai stato d'accordo...
ok
Sabato 4 Giugno 2016, 15.37.05
15
Emilia Uber Alles !!!!
LAMBRUSCORE
Sabato 4 Giugno 2016, 13.57.59
14
@Jek, poi una volta mi ricordo che il suo cantante ha chiesto dei soldi in beneficenza... una raccolta fondi per la costruzione della sua nuova villa.. erano troppo fuori...
jek
Giovedì 2 Giugno 2016, 21.42.38
13
@Lambru saranno vent'anni e più che non lo vedo
LAMBRUSCORE
Giovedì 2 Giugno 2016, 21.36.01
12
@Jek ,Devoti l'ho conosciuto anch'io, anni fa lui e Helder, ex batterista dei Raw Power, venivano a suonare in un locale vicino a casa mia, il mulino, se lo vedi digli se si ricorda, lì però facevano cover...
jek
Giovedì 2 Giugno 2016, 21.23.41
11
Si Davide Devoti siamo stati legati da una ottima amicizia per anni poi ci siamo persi era un fenomeno con la Gibson Les Paul, aveva suonato anche con Vasco.
Raven
Giovedì 2 Giugno 2016, 21.17.03
10
parli di Devoti? E' per questo che ho scritto "importanti anche per la storia dei Raw Power."
jek
Giovedì 2 Giugno 2016, 21.08.41
9
Nei Chelsea Hotel ci suonava un mio grande amico chitarrista da paura che poi ha anche suonato coi Raw Power. Non li ho mai seguiti perché non mi piaceva il genere. Aveva una velocità impressionante mi fece conoscere Malmsteen quando suonava negli Alcatrazz.
mario
Mercoledì 1 Giugno 2016, 18.12.33
8
Non so se ce la faro' ad approfondirli tutti, sto ascoltando piano piano i Raw Power, e sono veramente ottimi.
Raven
Mercoledì 1 Giugno 2016, 17.31.57
7
Contattami in privato, qui andiamo OT
Galilee
Mercoledì 1 Giugno 2016, 17.27.18
6
Raven, se tI servono delle dritte su Aosta posso darti qualche contatto interessante.
Unia
Mercoledì 1 Giugno 2016, 13.37.59
5
Solo le città di Pisa, Bologna (questa in particolare per le diverse scene musicali), Ferrara, Poviglio... Erano un tumulto di gruppi, immagino poi quando dovrai trattare l'altra faccia del Nord.
Alex Cavani
Mercoledì 1 Giugno 2016, 12.50.07
4
Nel modenese ci sono ancora locali e centri sociali che portano avanti la scena HC con discreti risultati. Ormai ho visto i Nabat talmente tante volte che siamo diventati ottimi amici ahah. Sempre degli articoli interessantissimi questi!
d.r.i.
Mercoledì 1 Giugno 2016, 11.24.52
3
Raven, sarò noioso ma ad ogni puntata di I.H.C. ti ringrazierò per il lavoro che fai. Ribadisco un concetto, ho i miei cicli di ascolti ma il sano H.C. non manca mai! E' l'unico genere che mi riporta ad una dimensione che mi compete, che mi rallegra nei momenti tristi, che mi fa reagire quando sono apatico.
Raven
Mercoledì 1 Giugno 2016, 10.30.13
2
In effetti Piemonte e Lombardia saranno ostacoli ardui. Vedremo cosa verrà fuori
LAMBRUSCORE
Mercoledì 1 Giugno 2016, 10.28.00
1
Bell'articolo, ricordo bene quando mi parlarono del concerto dei Raw Power in una chiesa sconsacrata, anche se sarebbe stato meglio in una chiesa ...booo, come si dice, normale?? Poi per il prossimo articolo, Raven, sulla scena piemontese, credo che dovrai fare uno speciale a parte, chi conosce l'hc italiano come te e tanti altri che leggono,sa cosa sto scrivendo, eheh..
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
ARTICOLI
18/11/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 6 - I Centri Sociali
07/07/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 5 - Le Band: il Nord - Parte seconda
01/06/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 4 - Le band: il Nord - Parte Prima
02/05/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 3 - Le band: il Centro-Sud
24/03/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 2 - Case discografiche e fanzine. Una breve ricognizione
16/02/2016
Articolo
ITALIA HARDCORE PUNK
# 1 - Buy or diy
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]