Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

Caliban - The Opposite From Within
( 4172 letture )
Se questo cd fosse uscito un paio di anni fa un sonante “100” nella valutazione finale non glielo avrebbe tolto nessuno. Purtroppo non è così, e con questo nuovo prodotto i Caliban vincono il premio come “gruppo plagio dell’anno”. Dalla struttura dei pezzi alla produzione ( davvero di altissimo livello, bisogna dirlo!), dagli arpeggi di chitarra alla voce pulita, dallo screaming del singer al culto sviscerato per la corda di MI basso, tutto fa venire in mente un solo nome: Killswitch engage. Davvero deludente quindi questo “The opposite from within”, per lo meno dal punto di vista della personalità del sound, soprattutto considerando la qualità del precedente lavoro il quale, pur non godendo di una produzione adeguata, aveva una propria identità ben definita e sicuramente di notevole impatto. La piaga che affligge il panorama metal odierno si sta diffondendo e questa stagnazione compositiva non è che il risultato della dilagante necessità di sfondare nel mercato discografico e di trasformare la musica da arte in merce ed i fans da “seguaci” a consumatori. Tuttavia è bene fare una precisazione: il disco in se è di ottimo livello e non lascerà sicuramente insoddisfatti i fan accaniti del genere, grazie come ho già detto ad una produzione di altissimo livello che conferisce ai brani l’adeguata dose di potenza con un rapporto volume/equalizzazione perfetto e grazie anche alle indubbie doti canore del cantante che sia nel clean che nello screaming si prodiga in performance di primissimo livello immediatamente riscontrabili nella splendida Goodbye, forse la traccia più rappresentativa dell’intera opera, o in The beloved and the hatred, dove però l’ombra dei “maestri” risulta davvero troppo ingombrante tanta è la vicinanza emotiva con When darkness falls dei già citati Killswitch engage, elemento oltremodo fastidioso soprattutto per un gruppo che nonostante abbia tutte le carte in regola per diventare leader si limita ad essere follower confezionando songs tanto accattivanti e potenti quanto ripetitive e monocorde. Promosso ma con notevoli riserve...


VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
28.51 su 41 voti [ VOTA]
Qoqqo
Giovedì 27 Gennaio 2011, 19.06.54
6
@hsb: non per fare il precisino, ma in 6 anni (è uscito nel 2004) certe cose le senti e le risenti quasi per forza, gli stessi KSE hanno cannato le ultime uscite, parlare di sentito e risentito così tanto tempo dopo mi sembra troppo facile.
hsb
Mercoledì 15 Dicembre 2010, 2.48.49
5
molto melodico, canzoni bellocce, cmq solita roba sentita e risentita.... 70 glielo do
Valar morghulis
Martedì 29 Luglio 2008, 15.52.11
4
non so per quanto riguarda il confronto con i KSE, ma l'album in sè lo considero uno dei migliori del gruppo.. ottime le parti melodiche, come in salvation!! 85 non glielo leva nessuno
Peppe
Mercoledì 5 Luglio 2006, 22.02.48
3
album da 90 di voto... PS:ho scoperto da poco metallized ed è spettacolare...tranne per qualche commento
Satanasso di vallo lù
Mercoledì 29 Dicembre 2004, 17.00.37
2
Bhè 69...mi sembra un pò troppo poco...secondo me meritano un 80, se nn di +....
ilsegugio
Venerdì 19 Novembre 2004, 21.20.41
1
Concordo pienamente con il giudizio di Vortex, a parte per la produzione, che mi sembra l' ennesimo esempio di "quattro salti in padella production" tipica delle gesta del 99% dei dischi nu-metal. Cy!
INFORMAZIONI
2004
Roadrunner Records
Hardcore
Tracklist
1. Goodbye
2. I`ve Sold Myself
3. Standup
4. Senseless Fight
5. Stigmata
6. Certainty... Corpses Bleed Cold
7. My Little Secret
8. One Of These Days
9. Salvation
10. Diary Of An Addict
11. 100 Suns
Line Up
Andreas Dorner – vocals
Marc Gortz – guitars
Denis Schmidt – guitars
Boris Pracht – bass
Patrick Grun - drums
 
RECENSIONI
49
65
40
60
70
69
ARTICOLI
31/12/2010
Live Report
ALL THAT REMAINS + SOILWORK + CALIBAN + BLEED FROM WITHIN + NEAERA
Magazzini Generali, MIlano, 14/12/2010
11/02/2009
Live Report
KREATOR + CALIBAN
Rolling Stone, Milano - 03/02/2009
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]