IN EVIDENZA
Album

Lucifer
Lucifer V
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/03/24
TURBULENCE
Binary Dream

08/03/24
ALTERIUM
Of War and Flames

08/03/24
KIM GORDON
The Collective

08/03/24
SLIMEFORD
Chytridiomycosis Relinquished

08/03/24
EXHORDER
Defectum Omnium

08/03/24
GOST
Prophecy

08/03/24
WADE BLACK`S ASTRONOMICA
The Awakening

08/03/24
ASTRONOMICA
The Awakening

08/03/24
PANTHEIST
Kings Must Die

08/03/24
MERRIMACK
Of Grace and Gravity

CONCERTI

04/03/24
SHAWN JAMES
LOCOMOTIV CLUB, VIA SEBASTIANO SERLIO 25/2 - BOLOGNA

04/03/24
ADAM BOMB + I GLAM?AM!
TEPEPA, VIA GORIZIA 2 - SACILE (PN)

05/03/24
IDLES
ALCATRAZ - MILANO

05/03/24
AVATAR
SANTERIA TOSCANA 31 VIALE TOSCANA, 31 - MILANO

06/03/24
ADAM BOMB + I GLAM?AM!
BLAH BLAH, VIA PO 21 - TORINO

06/03/24
PSYCHEDELIC PORN CRUMPETS
SANTERIA TOSCANA 31, VIALE TOSCANA, 31 - MILANO

07/03/24
CRYPTOPSY + ATHEIST
ALCHEMICA MUSIC CLUB, VIA DEI LAPIDARI 8/B - BOLOGNA

07/03/24
THE PINEAPPLE THIEF
ALCATRAZ VIA VALTELLINA, 25 - MILANO

07/03/24
N*O*Y*S*E
REVEL, VIA ROGGIA VIGNOLA 9 - TREVIGLIO (BG)

08/03/24
CRYPTOPSY + ATHEIST
Revolver, San Donà di Piave (Venezia)

Dokken - Shadowlife
( 4674 letture )
Registrato durante l'estate del 1996 a Phoenix, l'album doveva inizialmente intitolarsi Syzygy, ma infine venne scelto il nome Shadowlife. E proprio nell'ombra finirà per cadere in brevissimo tempo, a causa di alcuni cambi di sonorità, sicuramente influenzati dal nuovo produttore Kelly Gray, poco graditi ai fan della band.
Mentre nel precedente Dysfunctional (anch'esso non amatissimo) tutte le tracce erano già pronte e George Lynch si era limitato ad aggiungere qualche assolo qua e là, Shadowlife è stato il primo tentativo da parte dei Dokken di arrivare ad una composizione condivisa da parte di tutti i membri del gruppo.
Un progetto nobile e comprensibile -non c'è che dire- ma purtroppo fallito: le idee, gli spunti di ogni singolo musicista non riescono a fondersi in un connubio armonico e piacevole.

In questa confusione di fondo emerge, in negativo, la prestazione di George Lynch: il chitarrista statunitense, dalla carriera e dalle qualità insindacabili, appare spento e svogliato, molto probabilmente già deciso a lasciare il gruppo di lì a breve per rifondare i Lynch Mob. Shadowlife mette infatti la parola fine al tormentato rapporto tra George e Don Dokken, due elementi dotati di grande personalità e capaci in passato, nonostante parecchie frizioni, di partorire dei classici assoluti, delle pietre miliari del genere (tutto ciò mi ricorda qualcosa, vero Bruce e Steve?); e solo per questo merita di essere ricordato, dato che la qualità intrinseca del prodotto in questione è davvero deludente.
Un album anonimo, non ci sono delle tracce terrificanti ma allo stesso tempo si fa troppa fatica a trovare qualcosa di entusiasmante, che sia un assolo di livello superiore o un refrain coinvolgente. Possiamo concedere una sufficienza discreta soltanto a Bitter Regret, la migliore traccia dell'album oltre che -guarda caso- la più fedele alle sonorità ottantiane dei Dokken, anche se da un gruppo storico credo sia lecito aspettarsi qualcosa di più di una semplice ballata costruita su canoni classici ed un po' troppo ruffiani.
Per quanto riguarda le restanti tracce, il mio consiglio è quello di sceglierne una a caso: basterà infatti un solo ascolto per farsi un'idea riguardo alla loro pochezza (un recensore cattivo la chiamerebbe inutilità).

Una piccola curiosità: dopo l'insuccesso di Shadowlife, Don Dokken scaricherà in maniera non molto elegante ogni responsabilità su George Lynch: ennesima prova di quanto difficile ed improduttivo fosse il proseguimento del rapporto fra le due teste calde del gruppo.
Un progetto musicale grandioso terminato nel modo peggiore. I nuovi Dokken, privi di un membro fondamentale come Lynch, perderanno parecchi fan e si assesteranno su un livello musicale di media qualità; Lynch riuscirà a produrre della buona musica anche con i Lynch Mob ma ovviamente non riuscirà a tornare ai fasti degli anni Ottanta. Consiglio l’acquisto dell’album soltanto a coloro i quali continuano ad augurarsi una reunion, affinchè si rendano conto che il binomio Dokken – Lynch sarebbe ormai soltanto una forzatura commerciale. Capolinea, non c’è altro da aggiungere.



VOTO RECENSORE
49
VOTO LETTORI
42.59 su 27 voti [ VOTA]
Mich
Sabato 22 Maggio 2021, 21.53.48
8
... rinforzo il mio commento...grande album...ma lo ascoltasse chi ascolta gli anni 70...non Chi è un Defender...o oltranzista dell' hard rock...non c'entra nulla... secondo me album intelligente suonato bene...grandi tutti...non aspettatevi Guitar Hero o simili ma qualcosa di lezzepeliniano...il recensore non può scrivere cose simili...sono ingiuste...se è vero che è frutto di Lynch questo lo...Grazie George...ascoltare con calma e non skippare
Mich
Mercoledì 19 Maggio 2021, 21.08.31
7
Quando è uscito non mi è dispiaciuto... certo avrei preferito gli acuti di qualche anno prima...ma quando ero ragazzino io la musica aveva un valore e non cestinavi un album con uno skip... anche perché era la mia band preferita...e aspettavo ogni loro lavoro come un evento... qualcosa di bello c'era sempre...Un emozione te la dava sempre e se qualcuno osava dire il contrario erano cazzi suoi... d'altronde sarebbe stato impossibile fare altro...de qualcuno vuole i dokken di una volta vada negli anni 80 o ascolti up grom.the ashes di don
Vitadathrasher
Mercoledì 29 Luglio 2020, 10.23.13
6
Magari avessero fatto qualcosa di retrò, anni 80, qui si sono proprio involuti anche a causa di un sodalizio ormai finito, tra i due galli.
Luka2112
Mercoledì 29 Luglio 2020, 6.08.20
5
Il problema principale dei Dokken oltre al fatto che la voce di Don se ne è andata molto presto, è che la band non riuscita a convincere i propri fans che gli anni 80 erano finiti, così ogni tentativo di rinnovare il sound ed evolversi era destinato a fallire.
AzazA
Giovedì 6 Luglio 2017, 18.07.09
4
Disco non adatto alle teste quadre del metal (non a caso vengono citate sempre le tracce più monotonamente uguali al passato e si dimenticano grandi pezzi come Deep Waters), gli altri invece avranno una piacevole sorpresa, al contrario di quello che è avvenuto con gli stantii lavori successivi: non sempre ascoltare i die-hard fans è utile e tornare sulle proprie orme è solo involuzione. Questo detto dal sottoscritto, che con i primi Dokken ci è cresciuto e poi ha apprezzato molto anche Dysfunctional. Se avessi dato retta a rece come queste mi sarei perso un grande disco.
LAMBRUSCORE
Martedì 6 Ottobre 2015, 10.19.17
3
Oddio mama....L'ho ascoltato stamattina, skippando varie volte, non ce l'avrei fatta a sentirlo tutto, ahah, non ho trovato niente di interessante, mi stava prendendo il riff iniziale di Sweet Life, mi dava l'idea almeno di qualcosa simile allo stoner più leggero...poi niente, credo non lo riascolterò più, non fa per me.
P.P
Giovedì 18 Ottobre 2012, 10.27.16
2
pura porcheria..pure Don in una recente intervista ha rinnegato sta porcata
Frankiss
Sabato 2 Aprile 2011, 13.58.52
1
album inutile, evitabile....i veri Dokken erano già finiti anni prima ....in seguito senza Lynch e con vari chitarristi editeranno qualche album discreto, ma la magia ormai è persa da decenni...e nn tornerà mai più!!
INFORMAZIONI
1997
CMC International
Hard Rock
Tracklist
01. Puppet On A String
02. Cracks In The Ground
03. Sky Beneath My Feet
04. Until I Know
05. Hello
06. Convenience Store Messiah
07. I Feel
08. Here I Stand
09. Hard To Believe
10. Sweet Life
11. Bitter Regret
12. I Don't Mind
13. Until I Know (Slight Return)
Line Up
Don Dokken (vocals and guitar)
George Lynch (guitar)
Jeff Pilson (bass guitar and backing vocals)
Mick Brown (drums, percussion and backing vocals)
 
RECENSIONI
55
55
65
78
49
68
83
97
95
72
71
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]