Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Black Stone Cherry - Folklore and Supertition
( 2848 letture )
Questa è una delle poche volte che scrivo una recensione sapendo già che probabilmente ben pochi lettori saranno d’accordo con me, ma riguardo questo tipo di proposte ho un mio punto di vista abbastanza preciso, e non credo che sarà condiviso dalla maggioranza.
Il fatto è che il precedente primo omonimo album dei Black Stone Cherry mi era veramente molto piaciuto, così sporco, stradaiolo, americano, libero, irriverente, odoroso di fumo, (BSC è appunto una marca di sigari del Kentucky), e di bourbon di marca incerta, ma dannatamente forte.

In un passaggio della recensione avevo addirittura parlato di una band che suona “come avrebbero dovuto suonare gli Audioslave se avessero avuto un po’ più di coraggio”, ma avrei potuto aggiungere anche come i Nickleback incazzati neri; ed ora?
Ora mi ritrovo una band cresciuta, maturata, che riesce a incanalare in maniera più equilibrata la rabbia e l’irriverenza del profondo Sud Statunitense con un attento lavoro di produzione ed in studio, insomma: una band a metà tra Audioslave e Nickleback, anzi, proprio come loro, per esempio Things my Father Said infatti sembra proprio essere presa di peso da un album dei Nickel, e la cosa non mi soddisfa per nulla.

Ai BSC è passata la sbornia, i fumi dell’alcool si sono dissipati, ed è rimasta la capacità e la lucidità di produrre un album indubbiamente buono, indubbiamente godibile, indubbiamente capace ancora di graffiare, - Blind Man, Please come in, The Bitter End, ma che lo fa in maniera “istituzionale”, senza quella carica fuori dalle regole che conferisce ad un buon gruppo quel qualcosa che lo rende spesso un cult.
Abbondano adesso i coretti “regolari”, ci sono due lentoni d’effetto – o pallosi, fate voi - Peace is Free, You, anche una apertura Reggaeggiante in Sunrise, insomma: è sicuramente un buon lavoro e questa recensione non intende affatto stroncarlo, ma secondo me si è edulcorata troppo quella vena bastarda che deve essere la qualità principale di questo tipo di proposta.
Una proposta che non può certo puntare sull’originalità, e che quindi deve serbare gelosamente quel profumo di “fuorilegge” e di immediatezza che è la sua qualità principale.

Ho aspettato a lungo prima di scrivere questa recensione per vedere se l’album “saliva” col tempo, ed in effetti lo apprezzo di più adesso che non nei primi giorni di ascolto, ma l’impressione di troppo costruito, troppo limato non mi ha abbandonato.
L’acquisto di Folklore and Supertition non è certo da sconsigliare, ma il loro primo album probabilmente rimarrà, dal mio personale punto di vista, la loro cosa migliore.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
39.59 su 27 voti [ VOTA]
Aquarius27
Mercoledì 18 Marzo 2015, 20.05.52
4
Things my Father Said sarà anche una canzone in stile Nickelback, ma cavolo che testo....
Diddi Verni
Domenica 5 Giugno 2011, 19.11.00
3
però c'è una vena southern + consolidata per chi la apprezza, cmq è vero.. ritornelli troppo smielati
Raven
Martedì 3 Marzo 2009, 12.44.42
2
Si....non è certo brutto, però.......
Rob
Lunedì 2 Marzo 2009, 16.14.32
1
Boh... a me sono piaciuti tutti e due... questo è sicuramente meno grezzo, come dici tu... Si è persa un pò di furia... però mi piace lo stesso...
INFORMAZIONI
2008
Roadrunner
Hard Rock
Tracklist
1. BLIND MAN
2. PLEASE COME IN
3. REVEREND WRINKLE
4. SOUL CREEK
5. THINGS MY FATHER SAID
6. BITTER END
7. LONG SLEEVES
8. PEACE IS FREE
9. DEVIL’S QUEEN
10. KEY
11. YOU
12. SUNRISE
13. GHOST OF FLOYD COLLINS
Line Up
Chris Robertson - Lead vocals, guitar
John Fred Young - backing vocals
Ben Wells - Guitars backing vocals
Jon Lawhon - Bass backing vocals
 
RECENSIONI
73
72
75
ARTICOLI
20/02/2016
Live Report
BLACK STONE CHERRY
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/02/2016
30/10/2011
Live Report
ALTER BRIDGE + BLACK STONE CHERRY
Atlantico, Roma, 25/10/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]