Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
The Secret
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

The Secret - Solve Et Coagula
( 4733 letture )
Che la nostra scena hardcore/grind/crust sia vivissima e attivissima, non è una novità. La novità venne fuori un paio di anni fa, quando i The Secret rilasciarono Disintoxication. L'effetto era quello di aver trovato la risposta italiana ai Converge (soprattutto quelli di You Fail Me e di No Heroes), e l'idea di mescolare quel tipo di grind con porzioni mathcore, innestando campioni di sludge e noisecore, si era rivelata subito ben azzeccata; anche perché i nostri triestini sono dei maestri nell’assemblare tutti questi tasselli, creando un puzzle veramente organico e omogeneo.

Dopo due anni dal fortunato album, i passi in avanti sono stati molteplici. Intanto l'attenzione ricevuta da parte di Kurt Ballou (chitarrista co-fondatore dei Converge), il quale ha invitato i The Secret a registrare il nuovo album nei suoi GodCity Studio; poi l'ingresso (fortunato e meritato) nel roster della Southern Lord che si è presa la briga di promuovere proprio questo Solve Et Coagula. Infine, la cosa più importante: il lato artistico della band si è trasformato adattandosi osmoticamente alle nuove esigenze. Analogamente ai francesi Celeste, i nostri triestini si sono notevolmente avvicinati al mondo black metal, e soprattutto a quello dissonante e cacofonico dei Deathspell Omega.
Via quindi una grossa parte di riff mathcore semi-distorti (in stile Converge appunto); dentro -invece- una notevole dose di blast-beat, arpeggi debitori delle due band francesi sopracitate e una distorsione e produzione molto più black-style, avvalorata anche da una migliore resa degli screaming.
Le atmosfere più sludge e ipnotiche si concentrano solo nei brani più lunghi (Cross Builder, Bell of Urgency), mentre tutti gli altri, continuano a mantenere una durata ancora di stampo grindcore. L'album è infaricto di tracce corte -sui due minuti scarsi (anche una fucilata targata Where it ends, che segna i cinquanta secondi)-, ma la mattonata che ci danno i The Secret è veramente pesante e di lunga e perentoria durata.

Mentre i Celeste hanno puntato su un effetto distruttivo monolitico e opprimente, e mentre i Deathspell Omega hanno tratto la loro potenza da un immaginario veterotestamentario e ritualistico, il combo triestino gioca il tutto e per tutto sulla violenza e sulla velocità, sull'impatto e sulla mancanza di ossigeno.
Così, mentre la sezione ritmica gode ancora dei lidi dell'hardcore contemporaneo (Pursuit Of Discomfort, Antitalian, Double Slaughter), le chitarre riprendono le ultime prove dei Converge, ricordando chiaramente l'esperienza "religious", portata però all'ennesima potenza.
Le bellissime e nuove esperienze black metal possono sentirsi appieno in Where it Ends e nell'ultima -pesantissima- 1968. Qui i The Secret attingono più dagli esempi celestiani, emulsionando la corposa pienezza della produzione con la freddezza matematica che è insita, da sempre, nel loro songwriting.

L'ennesima eccezione che conferma la regola: i dischi più estremi e piacevoli degli ultimi anni vengono da territori extra-metal.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
53.91 su 37 voti [ VOTA]
Mickey
Sabato 3 Novembre 2012, 15.57.08
12
La prima volta che ho iniziato l'ascolto ho spento il lettore dopo tre secondi. Il volume era troppo alto e mi si sono sfasciati i timpani. Poi ho ripreso l'uso dell'udito e ho riavviato (abbassando il volume è ovvio XD)....fantastici! Ottima fusione tra black e grind. Piccola pecca secondo me è il rischio di ripetitività,è un po' difficile riuscire a ricordarsi i pezzi. Tuttavia l'ho apprezzato veramente molto. Un discone!
DaniAraya
Martedì 13 Settembre 2011, 0.44.14
11
Davvero un cd coi fiocchi! Assolutamente fantastici, visti live giusto 2 settimane fa e li rivedo tra altre 3 assieme proprio ai Celeste. Disco diretto, ottimo. Aumenterei di qualche punticino il voto, e salirei ad un bel 90!
Viktorward
Giovedì 21 Ottobre 2010, 11.38.21
10
oops... tra i piu' efficaci ed acuti
Viktorward
Giovedì 21 Ottobre 2010, 11.36.55
9
Ho davvero apprezzato quest'ultimo lavoro. Il recensore si conferma come uno tra i efficaci ed acuti
luca
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 10.16.15
8
grandissima band..secondo me è un pò bassa la valutazione..
Moro
Martedì 19 Ottobre 2010, 22.54.48
7
nessuna polemica Mordecai. Alla fine è un disco che si commenta ascoltandolo. Le tracce sono corte e sarebbe una cazzata analizzarle una per una. Non ci sono brani che prevalgono sugli altri, o meglio: quelli più sludge sono molto interessanti, ma personalmente mi sono più saltati all'orecchio quelli più "blackmetal" (1968 e Where it Ends).
mordecai
Lunedì 18 Ottobre 2010, 18.01.01
6
moro, senza polemiche, ma è una mia impressione o hai speso più parole nella comparazione piuttosto di parlare dei "nostri triestini"? poi, considerare luce più hc standard..mmmhhhh ciau, m
Moro
Lunedì 18 Ottobre 2010, 11.56.25
5
@Sandman: perchè ti sarebbero girate ? meglio no ! hanno cambiato moltissimo lo stile. Cmq hanno fatto 1 lavoro simile agli ultimi converge (il primo full, Luce, è più hardcore standard). Poi non credo che Kurt li abbia "assunti" per fargli registrare un disco simil-Converge...
sandman
Domenica 17 Ottobre 2010, 4.01.35
4
cioè queti qua vanno dal tizio dei converge dopo aver fatto lavori simili ai converge, e appena cominicano ad incidere l album fanno un qualcosa di totalmetne diverso? hahaha, vabbè che i converge non è che mi appassionionino, ma fossi kurt mi sarebbero girate XD
FURIO
Sabato 16 Ottobre 2010, 16.05.46
3
Ottima scoperta, non li conoscevo... Grazie!
neuende
Sabato 16 Ottobre 2010, 13.55.04
2
Gran gruppo, live spaccano di brutto!
enry
Sabato 16 Ottobre 2010, 13.15.25
1
Ottimo, sia nei brani sparati che in quelli più lenti. Anzi, forse quelli più sludge sono anche migliori. 80/100
INFORMAZIONI
2010
Southern Lord
Black
Tracklist
1. Cross Builder
2. Death Alive
3. Double Slaughter
4. Where It Ends
5. Antitalian
6. Weatherman
7. Pleasure In Self Destruction
8. Eve Of The Last Day
9. Pursuit Of Discomfort
10. Bell Of Urgency
11. War Desire
12. 1968
Line Up
Marco Coslovich - Vocals
Michael Bertoldini - Guitar
Enrico Uliana - Bass
Tommaso Corte - Drums
 
RECENSIONI
83
ARTICOLI
06/02/2013
Live Report
THE SECRET + GRIME + THE HARDEST SEASON
INIT Club, Roma, 31/01/2013
04/12/2011
Intervista
THE SECRET
Da sempre contro il mainstream
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]