Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/08/20
STEVE VON TILL
No Wilderness Deep Enough

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

CONCERTI

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

Deicide - Deicide
( 8757 letture )
1990.
Le picconate di Cossiga. La Tedeschia vince i mondiali di calcio in Italia. Gorbacev vince il Nobel per la pace. Escono Edward Mani di Forbice, Ghost, Mamma Ho Perso l’Aereo, It e tanti altri. I Pooh vincono Sanremo. E cosa ben più importante, accadde che Irastrana aveva 8 anni.
Ah sì, giusto, dimenticavo. I Deicide pubblicano il loro omonimo e primo album.
Affrontare l'argomento Deicide è sempre un po' ostico: molte persone detestano l'estro eccentrico del frontman Glen Benton e ne affossano l'intero mondo musicale.
Altri sorridono vedendo il suo egocentrismo commerciale e vanno oltre, facendolo scivolare via lungo il loro sound.
Io.
Sdoganati i vari "Glenny ti lovvo" e gli sfarfallosi occhietti a cuoricino, infilo gli occhiali da medico e provo attraverso un’analisi, a giungere a una diagnosi il più chiara e obbiettiva possibile.

Viene aperto un cancello, come se un lucchetto cadesse per terra.
E si entra nell’Inferno.
Deicide è un album visceralmente death che presenta quel guizzo in più che aggiunge punti di fronte ad altri lavori dello stesso genere.
Un album imponente e completo, un lavoro che segna una variazione nel sound death, dal risultato esplosivo e delirante.
Non troviamo inerzie, riempitivi, sonnolenze né accidie compositive. Macchè. Genialità, potenza, distruzione. Una lavorazione precisa, dall’atmosfera malefica e appropriata.
Il sound complessivo avvantaggia l’ascolto, il quadro ritmico ringhia e decolla in una ferocia insaziabile; un sistema atonale guida le composizioni rabbiose e tormentose.
Più nel dettaglio, i fratelli Hoffman ispessiscono il suono, le linee di chitarra creano una barbaria di fondo incessante e soffocante. Il lavoro alle corde è importante, veloce, tecnico, gli assoli hanno ritmiche accecanti. Le angolature dei pattern srotolano un humus fangoso thrash; la loro abilità nell’esecuzione di riffiche death è innegabile. E invidiabile. Come d’altra parte è lampante l’insufficienza di originalità negli stessi assoli, scale death ripetute a velocità altissime su una whammy bar in delirio. Ma poi succede che realizzi sorridendo che questa mancanza di creatività ha generato uno stile. L’Hoffman style, inconfondibile. Doppi attacchi di chitarra, tuoni di accordi cromatici, sovrapposizioni armoniche che annientano.
Asheim non delude le voci che circolano su di lui: uno dei migliori batteristi death, un drummin’ qualitativamente elevato, multiforme, chiaro, tonico, un processo di scrittura devastante e ricco, due bacchette dalla prova grandiosa, dinamica e scattante. Non ne sbaglia uno e infila blastbeats intensi e taglienti, dal battito incalzante e muscoloso, che ti lasciano addosso la sensazione che tutto giri intorno ai tamburi, che suonano ipnotici e godibilissimi. È sicuramente uno dei batteristi della scena death che più apprezzo.
Il basso di Benton è elementare e spesso seppellito nel mix. Non aggiunge né toglie e il più delle volte viene ignorato nell’ascolto. La forte distorsione delle chitarre lo sprona un po’ dal letargo, ma la produzione francamente non lo aiuta. E il basso d’altro canto non si fa aiutare.
Ma Benton di certo non è conosciuto per le sue capacità tecniche alle quattro corde.
E’ la voce di Glen Benton a spiccare: è efficace, giocata su una puntualità di linee vocali ancorata alla ritmica pressante e incisiva.
Il growl è comprensibile e netto, arrotolato sulle originali, innovative, inedite e studiate tematiche anticristiane (sto scherzando).
Vero è che il cantato veste bene la metrica semplice delle liriche; l'abuso di sovraincisioni screamin'/ringhia potrebbe stancare, ma non dimentichiamo che siamo nel 1990, e questo è uno dei vocalism più estremi della scena metal.
(Diamogli qualche anno e svincolerà questa tecnica…)
Innegabile, gli strati massicci di grida e grugniti (e arriviamo a contare fino a 3 tracce vocali) aggravano la fluidità e smagriscono l'impatto sonoro.
Ma oggettivamente il growl è ben definito, compatto, orecchiabile e tutte le parole vomitate sono assolutamente comprensibili. Il che non è affatto da sottovalutare in un genere quale il death.
Colpi assillanti e indistruttibili ai doppi tamburi, blast beats indiavolati, doppie voci sovraincise di cingolate mefistofeliche, cori shoutalong in un letto di growl fangoso e grave, corde viscerali, impazzite, infuocate.
Questa la ferocia inesorabile di un classico death, che scalfisce le nostre impressioni senza dissolversi mai, nonostante 22 anni successivi di death ci abbiano spinto verso retrovie impensabili per l'epoca.
Una brutalità resa al meglio da una produzione spietata e amalgamata, Scott Burns miscela sapientemente tutti gli strumenti (pur rimandendo il basso arduo a sentirsi), l'insieme prodotto è coeso e sodo, una buona produzione death targata 1990, sebbene a volte un po' troppo livellata.
È sporca quanto basta e funziona, perché crea un'aria viziata e malevola difficile da trovare in quegli anni. È il giusto equilibrio tra nefandezza, lordura e chiarezza sonora.
Un album simile merita di spendere qualche parola in più con un rapido scorcio alle tracce.
Lunatic of God's Creation, dal ritmo costante che infuria per tutto il brano, gli Hoffman danno la loro prima impronta stilistica, inziano gli screamin' di Benton.
Sacrifical Suicide è più pachidermica della precedente, i toni qualitativi sono leggermente inferiori ma questo non ne pregiudica l'efferatezza.
In Oblivius to Evil la batteria pesta pesante e incessante, espande le sue ritmiche dando ampio respiro alla whammy bar degli Hoffman Bros., per poi ridimensionarsi in un groove più comodo.
Dead By Dawn è a mio avviso la canzone migliore dell'album e - sempre a mio avviso - una delle mie canzoni preferite dei Deicide. Asheim ha le ali al posto delle mani e vola sulle pelli in un drummin' fulmineo e brutale, Benton si dimostra perfettamente abile in un growl acido e velenoso e il cambio del riffin' in parte finale costruisce un ponte ritmico difficile da dimenticare, come le urla "Dead By Dawn!", un coro memorabile nell'intera scena death. Canzone grandiosa, terribilmente death in ogni sua nota.
Blaspherereion apre i sipari con un intro di chitarra che introduce la solita esplosione godibilissima di bestialità.
In Deicide troviamo una buona prova al microfono, delle riffate dal retrogusto slayeriano, uno Steve Asheim con un click auricolare naturale. Merita.
Carnage in the Temple of Damneds ha un'ottima rigatura ritmica, performance luminosa per Benton, e assoli che fasciano le partizioni ritmiche in maniera ottimale.
Mephistoles evidenzia nel drummin' una lontana influenza grind, e sono gli slow-tempos che ci rimandano a questa magmatica sfumatura. Una traccia diversa dalle altre ma che di certo non abbassa il risultato qualitativo dell'intero prodotto.
Day of Darkness è un brano collerico e rabbioso, le grida di Benton risuonano nitide e concise.
E chiudiamo l'album con Crucifixation, un tradizionale death, con una corpulenta riffatura in apertura, una batteria che non smentisce il suo potenziale tecnico e un vocalism che non vira le intenzioni del totale mestiere.
In definitiva, nonostante qualche riff riciclato, il basso sepolto e dei testi giusto un tantino banali e ripetitivi, quest'album è un grande album death.
Qualcuno dice sia l’album death più venduto in assoluto. Se lo fosse, lo è a ragion veduta.
Leggevo in giro nei vari forum le discussioni sul death in generale. C'è chi preferisce album più freddi, estremi, e tecnici e chi invece per il genere preferisce gettare le attenzioni su componenti quali la corporatura, la struttura, la forma, il feeling.
Onesta? Deicide e Deicide mettono d'accordo tutti.

Questo è quanto, disamina fatta cercando di lavarmi via di dosso la palese affezione che provo.
Ce l'avrò fatta? Non lo so, ce l'ho messa tutta, ma il risultato non cambia: Glenny ti lovvo!
;) … sto scherzando…



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
86.55 su 105 voti [ VOTA]
Kiodo 74
Sabato 4 Aprile 2020, 20.32.51
66
Ehi.... I cattivissimi Deicide....gli antichi antagonisti dei Morbid Angel....allora pur aver sempre nutrito una forte antipatia per Glen Benton ed aver sempre preferito i secondi ammetto che questo è un discone nel genere....una vera e propria bolgia di violenza e blasfemia..... Anche loro hanno fatto scuola.....Ossequi!
David D.
Sabato 4 Aprile 2020, 19.58.21
65
Un Capolavoro di rara violenza. perfetot, dalla prima all'ultima nota. Benton e soci erano in forma inaudita in quegli anni, i primi secondi di Lunatic Of God's Creation li ho sempre percepiti come la chiusura di una porta che ti spalanca davanti l'inferno. Uno dei pochi dischi a cui dò 100, epocale.
Philosopher3185
Venerdì 20 Dicembre 2019, 19.13.46
64
Gran bel lavoro! pur essendo ispirato da i Morbid Angel,la band è capace di differenziarsi grazie ad uno screaming allucinante e parti di chitarre affilate come rasoi che richiamano gli Slayer.
attila
Lunedì 19 Agosto 2019, 12.43.41
63
io ho letto la recensione di metal hammer nel lontano 1990 e cera solo cause of death degli obituary e molta roba glam in uscita e stato un album che ha cambiato lo stile death lo ha portato a livelli di potenza e malvagita'' mai arrivati......ed e' tuttora un album che eguaglia o se supera anche di poco reign blood per writing e malvagita'.....grandissimo album
Compagno di Merende
Mercoledì 9 Gennaio 2019, 8.50.33
62
Questa recensione mi ha ricordato perché non venivo a leggere qui da tempo, non desidero insultare né denigrare chi la ha scritta, ma ho provato un sincero imbarazzo ad arrivare alla fine.
Aceshigh
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 10.02.27
61
Pietra miliare!!! A tutt'oggi rimane il mio preferito dei Deicide (anche se magari Legion è più rappresentativo, Deicide al 100%). Nel 1990 era tra le cose più brutali in circolazione. Da avere!
Irastrana
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 9.05.36
60
Che Dio m'aiuti, i postumi di festività ad altissimo contenuto glicemico!! Ahahahahah! Perdonatemi!
Mulo
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 9.00.34
59
#54 è il numero del commento. Sei perspicace Irastrana 🤣🤣🤣
Irastrana
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 8.53.49
58
Ciao Bestial Invasion, mi spiegheresti il perché del tuo voto 54? Grazie
Bestial Invasion 98
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 0.15.24
57
La penserò per sempre come scrissi qualche mese fa, #54.
lisablack
Domenica 28 Ottobre 2018, 12.32.24
56
È vero nel 90 non erano ancora così conosciuti..iniziava un periodo per il death metal tra i più " rosei" almeno fino al 95/96, una miriade di capolavori, tra cui questo, disco fondamentale.
dome
Domenica 28 Ottobre 2018, 11.27.31
55
io ho comprato il vinile un minuto dopo che è uscito (per puro caso ovviamente, chi li conosceva i deicide nel 90??) sono matti per il satanismo e a me fanno un po' cascare i coglioni con sta fissa, però il disco a quei tempi mi sembrava una bella botta di estro creativo, un po' monocorde ma piuttosto personale gli do un 80, un po' affettivo, e anche un po' per la copertina, che mi sbrega!
Bestial Invasion 98
Martedì 20 Marzo 2018, 0.53.58
54
Questo è il mio Death Metal album preferito! Le Lyrics non mi piacciono molto, non condivido tutto questo marcio satanismo, ma al di là di questo, quello che importa è la musica e le emozioni che essa trasmette, Bhe a me fa impazzire sto album, dalla prima all’ultrima traccia. Voto 99 (perché il 100 non si può dare)
Steelminded
Domenica 17 Settembre 2017, 1.19.15
53
Comunque grande platter, d'accordissimo con valutazione di lux chaos e Lisa. Evviva!
Steelminded
Domenica 17 Settembre 2017, 1.17.24
52
Che sciocchezza scopiazzato, dai please...
lux chaos
Sabato 16 Settembre 2017, 22.58.31
51
Ci sono delle influenze, ma di certo non è scopiazzato, punto. Poi se a te non piace ne hai tutto il diritto. Saluti
duke
Sabato 16 Settembre 2017, 21.47.51
50
lux chaos.?....ma vada via ai ciap....ci vai tu ! e' scopiazzato ...e come si sente....poi se uno vuole tanti cloni nella sua discografia ...affari suoi! io preferisco variare...e pure tanto!
lux chaos
Domenica 20 Agosto 2017, 14.27.41
49
Scopiazzato??? Ma vada via ai ciap, va , al massimo influenzato, ma mi sembra che la loro personalità sia ben evidente, se distruggiamo anche questa bomba del death dobbiamo buttare via un bel po di roba...questo è una bomba, per me enormemente superiore al (troppo) monolitico successore
lisablack
Domenica 20 Agosto 2017, 14.19.23
48
Son d'accordo, album storico obbligatorio per ogni deathers che si ritiene tale!! Miglior album dei Deicide..scontato dirlo..
Mulo
Domenica 20 Agosto 2017, 14.01.12
47
Viste le tante uscite in ambito death mi sto risentendo anche i classici. Questo è un grande disco pieno di ottimi pezzi,certo c'è l'influenza di Slayer/Possessed/Morbid Angel ma i Deicide la reinterpretano a modo loro. Anche nel thrash la "base"è Kill em all ma le band la reinterpretarono a modo loro aggiungendoci chi più tecnica,chi più brutalità.
duke
Martedì 25 Aprile 2017, 22.12.52
46
disco scopiazzato dai lavori di slayer,morbid angel e simili,voce esagerata sgradevole.....assoli di chitarra che non sono un granche'......ma come tutti i dischi supertrasgressivi e' destinato ad essere un classico,boh?
lux chaos
Martedì 25 Aprile 2017, 22.07.01
45
Capolavoro assoluto
terzo menati
Lunedì 14 Novembre 2016, 21.33.03
44
Devastante? Ma va?
lisablack
Lunedì 14 Novembre 2016, 21.16.26
43
Capolavoro del genere, crudeltà pura, devastante..
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Venerdì 7 Ottobre 2016, 0.35.00
42
Capolavoro assoluto,non riusciranno mai a ripetere la malvagità che proviene da quest'album.Insieme a Altair of Madness l'apice del genere in quel periodo e ancora oggi uno dei capolavori indiscussi del Death...aperto il cancello si entra all'inferno,ormai sempre una garanzia nelle recensioni"Irastrana"
MetallaroRosso
Martedì 30 Agosto 2016, 20.41.09
41
non sono un grande fan dei deicide, ma devo dire che questo album mi piace un casino gli do un 80.
Interstellar Overdrive
Mercoledì 3 Settembre 2014, 18.28.54
40
Nel suo genere è un capolavoro. I pezzi sono tiratissimi, ma l'inserimento di parvenze di linee melodiche li rende tutti riconoscibili, evitando l'effetto polpettone che rischia di rendere indigesti gli album di questo tipo. Grande registrazione. Un esordio super. E infatti mi pare che sia il primo o il secondo album più venduto nella storia del Death Metal.
LAMBRUSCORE
Mercoledì 3 Settembre 2014, 16.24.06
39
@Cris83, sei cinese?
cris83
Mercoledì 3 Settembre 2014, 15.47.36
38
CAPOLAVOLO INARRIVABILE
Blackster
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 18.11.31
37
Deicide brucia come le fiamme dell'Inferno. Capolavoro.
Jack
Sabato 30 Giugno 2012, 18.27.17
36
Uno dei dischi death metal più cattivi della storia. Grandissimi Deicide.
Er Trucido
Giovedì 14 Giugno 2012, 18.57.53
35
Caposaldo del death metal, senza se e senza ma. Gli ultimi Deicide non mi dispiacciono, anche se la nera magia di questo e di Legion è ben lontana
Ad astra
Giovedì 14 Giugno 2012, 13.56.31
34
letti i commnti di neurath, irastra e mi fate venire in mente un concerto di anni anni fà vicino a cortemaggiore... il locale non ricordo(c'era carpathian forest e tsjuder come bill) c'era un tipo che mi disse io adoro tutto dei deicide non mi interessa qull oche bttano fuori, io adoro a precindere... ora son come neurath a parte quei due dischi li adoro tutto quindi non potrei essere svaforevole. la frittatas i è rivoltata
piggod
Mercoledì 13 Giugno 2012, 12.57.26
33
Vabbé, è quasi inutile commentare un disco fondamentale per tutta la scena death metal.
l'Accademico
Martedì 12 Giugno 2012, 2.00.27
32
voto DEICIDE 100!!! con lode voto Legion 100 voto Once Upon The Cross 99 Voto tutto il resto 23!
Alcibiade il Maialino
Lunedì 11 Giugno 2012, 14.50.14
31
Questo E' il death metal di stampo americano e da qui e' nata tutta quella schiera di mediocri imitatori di Glenn e soci, se non si e' ancora capito adoro questo lavoro tanto da dover ricomprare la versione cd causa usura del vinile. Anche Legion non scherza ed il successivo Once upon the cross che segna secondo me l' apice qualitativo della band dopo di che lavori buoni ma nulla di eccelso anche se l' ultimo a me piace moltissimo.
fabio II
Lunedì 11 Giugno 2012, 13.19.25
30
il '90 è un anno formidabile per il death, 'Deicide' e 'Cause Of Death' sono tra i miei preferiti di sempre. Non stupisce nemmeno che tale scena sia nata in Florida, lo stato del sud da sempre meno protagonista in musica; ecco il death riempì il vuoto con un macabro rito che sa tanto di magia voodoo da bayou. 'Deicide' è un classico, come lo stile del death della Florida del resto.
SIXX ENRI
Lunedì 11 Giugno 2012, 12.30.53
29
VOTO 90 TUTTO PIU' CHE MERITATO
SIXX ENRI
Lunedì 11 Giugno 2012, 8.52.50
28
GRANDISSIMO ALBUM AI TEMPI QUANDO USCI' QUESTO ALBUM E LEGION LI HO FUSI AFFORZA DI ASCOLTRLI , GRANDISSIMI DEICIDE FINO A ONCE UPON SOLO ALBUM CAPOLAVORO DEL GENERE DOPO IL NULLA .
Breadinho
Domenica 10 Giugno 2012, 20.17.37
27
...dunque mi associo ai sostenitori di Once Upon ... però in effetti il primo disco è quello che forse metteresti sempre tra i primi posti, di tutti i gruppi che preferisci, perchè generalmente è quello con cui un gruppo fa l'esordio, il più sincero, quello con cui si ha l'obbligo di farsi sentire sulla scena musicale e hai l'obbligo di spaccare... Recensione assolutamente perfetta e Ira si, sei riuscita a fare la disamina lavandoti via di dosso la palese affezione!... tant'è che il voto avrei alzato un pochino
Irastrana
Domenica 10 Giugno 2012, 17.50.36
26
come Neurath, anche io sono legata al once upon a livello affettivo, forse per questo lo peferisco agli altri. legion è di una tecnicità paurosa, amato da molti, apprezzatissimo da me ma lo sento un po' più freddo degli altri. personalmente metto al primo posto il once upon, poi deicide, poi legion poi il serpents e poi il when satan...
Undercover
Domenica 10 Giugno 2012, 16.03.35
25
Eh io ho già commentato, meglio degli ultimi Deicidi di sicuro ma mi santo di B-sides.
NeuRath
Domenica 10 Giugno 2012, 16.00.26
24
@Under: Mah a me sinceramente dei Deicide piace tutto, tolti giusto Till Death e In Torment In Hell, gli altri li adoro (compreso anche Insineratehymn, che piace solo a me a quanto pare), per cui non sono un buon giudice. Però è innegabile che When Satan Lives fa da spartiacque fra "i capolavori" e "il resto"... fra l'altro x chi amava i vecchi Deicide, vi segnalo il debutto appena uscito degli Amon (con i fratelli Hoffman alle chitarre)... un disco non perfetto ma buono per un ascolto nostalgico...
Undercover
Domenica 10 Giugno 2012, 15.55.12
23
@Neurath "Serpent Of The Light" è la fine col botto dei Deicide, "Once Upon A Cross" la conferma di maturità, andando a ritroso "Legion" è l'unione fra la blasfemia becera e una crescita compositiva evidente, il mix migliore mai proposto, questo "Deicide" però è il frutto della terra appena raccolto e subito divenuto marcio, è una sfida oltranzista all'esorcismo, è tutto ciò che il bigottismo clericale rifiuta sparatogli contro da una band che se ne fotte con l'incoscienza/coscienza di ragazzini puri pronti a farsi volutamente corrompere, lo spirito e la volontà di una band che era una band, uno dei pochi dischi a cui ripeto do 99 e sul quale se uno si permettesse di discutere potrei seriamente pensare di mandarlo a fanculo, è intoccabile. Dei primi quattro non si butta via nulla per come la vedo io, dopo si può fare un bel falò in memoria dei vecchi tempi.
NeuRath
Domenica 10 Giugno 2012, 15.38.46
22
@Ira: In realtà anch'io preferisco Once, forse perchè ho "scoperto" i Deicide con quello e l'ho adorato, e ho confrontato (inconsciamente) con quello tutti gli altri album man mano che li recuperavo... ad esempio a me anche Serpents of the light piace un botto, anche se molti lo considerano "l'inizio della fine"...
irastrana
Domenica 10 Giugno 2012, 15.24.24
21
ma solo io preferisco il once upon a quest'album? senza nulla togliere a questo che è un album maestoso...
Bloody Karma
Domenica 10 Giugno 2012, 11.44.44
20
mi accodo in tutto ciò che dice undercover...questo disco è l'essenza piena dei Deicide, marciume e satanismo becero (ridicolo si ma pienamente serio nel risultato finale del disco), dove la blasfermia vomitata dalla band ti sfregia in continuazione. Legion è probabilmente più maturo con songwriting, ma già quella furia risulta più mitigata...capolavoro...
Nightblast
Domenica 10 Giugno 2012, 0.59.29
19
Prendere gli Slayer e mettete dietro il microfono Benton anzichè Araya...Deicide sarà il risultato. Disco storico, ottmo esordio, ma il meglio arriva con i due capolavori successivi...
francesco
Sabato 9 Giugno 2012, 17.48.11
18
ottima rece ilaria! complimenti per la competenza!!
Undercover
Sabato 9 Giugno 2012, 16.59.34
17
Santolla è una piaga, Dio lo inviò sulla terra per uccidere il death metal, forse è la volta buona che qualche fanatico religioso lo inviti a casa sua per fargli dire il rosario, o seguire il ramadan o qualsiasi altra cosa voglia basta che lo allontani dal mondo death, ha ucciso tutto ciò che lo ha visto presente... Obituary compresi ovviamente. Sarà mica una spia del vaticano in incognito?
Sambalzalzal
Sabato 9 Giugno 2012, 16.14.35
16
Solo 89? Uno degli albums più fondamentali del death? male, molto male...
CauldronBorn
Sabato 9 Giugno 2012, 16.10.30
15
C'è da dire sicuramente non c'entrava molto lo stile di un pur ottimo Santolla con quello a cui i fans erano stati abituati per anni.
Doomale
Sabato 9 Giugno 2012, 16.05.13
14
Pilastro assoluto del Death primi '90. Veramente qui cè la malvagità fatta Death metal...Cè poco da dire st'album ha influenzato una generazione di gruppeti e metallari a venire...ma i maestri sono stati solo loro (fino a Once upon the Cross) e i Morbid Angel (fino a Covenant)! 99/100
Undercover
Sabato 9 Giugno 2012, 15.56.15
13
Cesare è morto con 44 coltellate, le stesse che ho ricevuto io dai Deicide dal 98 in poi, quell'album per me fa pena quanto gli altri usciti dopo quella data, è un'accozzaglia d'idee, non sono i Deicide.
Ad Astra
Sabato 9 Giugno 2012, 15.29.29
12
in merito alla recensine: ottimale fredda..grlaciale come l'album stesso. spiega a fornisce la chiave per aprire i cancelli, uno dei miealbum preferiti? NO ma ha il merito della storia che ha creato e di un mito spento negli anni ( ilaria ..dici che ha superato covenant come vendite?...non so che dire...mmmm..) ai commenti... piccoa precisazione definire i deicide MORTI e far uscire STENCH OF REDEMPTION è un pò paradossale... diamo a cesare quel che è di cesare
Dave Insane
Sabato 9 Giugno 2012, 15.05.38
11
Scusate, ma se non prende 99 questo disco, quale altro album death metal dovrebbe meritarlo? Tutto questo come sempre per la precisione, Massimo Alfredo Giuseppe Maria
CauldronBorn
Sabato 9 Giugno 2012, 13.54.26
10
Capolavoro. Non solo il loro album migliore, entra di diritto in un ipotetica top ten degli album Death old school di sempre. Le vocals nonostante tutto sono la parte meno scioccante. Il drumming è infernale, i riff malvagità pura. E quando partono i soli sembra debbano aprirsi improvvisamente vortici dimensionali demoniaci. La cattiveria in musica.
lux chaos
Sabato 9 Giugno 2012, 13.26.49
9
Capolavoro, quoto undercover, per me di gran lunga superiore anche al pluri(troppo)osannato Legion!
Undercover
Sabato 9 Giugno 2012, 12.23.42
8
anche perché gli ultimi dischi sono uno scherzo, non sono i Deicide, quelli veri sono morti nel 97... poi qualcuno ne ha riesumato la salma e stuprato quanto di buono avevano fatto.
therox68
Sabato 9 Giugno 2012, 12.19.47
7
L’Hoffman style è una estremizzazione di quello che il duetto King/Hannemann faceva già da alcuni anni.
enry
Sabato 9 Giugno 2012, 12.08.41
6
Molto semplicemente uno dei migliori album Death metal di sempre, gli ultimi dischi in confronto a questo e a Legion spariscono quasi del tutto...90.
MrFreddy
Sabato 9 Giugno 2012, 11.41.42
5
Non l'ho mai ascoltato con la dovuta attenzione, sarà che Benton assolutamente non lo sopporto. Prima o poi dovrò farlo. Recensione eccellente.
LAMBRUSCORE
Sabato 9 Giugno 2012, 11.25.41
4
Anch'io amo un Glen ....(Grant) comunque disco che ha fatto storia, ancora oggi ottima produzione, per me migliore rispetto alle ultime uscite.
Undercover
Sabato 9 Giugno 2012, 11.10.33
3
Album perfetto e per me superiore anche al pluriosannato "Legion", vado controcorrente su "Sacrificial Suicide" che per me è l'inno incontrastato della carriera Deicide, pezzo che ho macinato e rimacinato mentre invece a "Oblivious To Evil" preferisco nettamente la versione degli Amon intitolata "Oblivious To Nothing". Qui per me il 99 ci sta tutto.
il vichingo
Sabato 9 Giugno 2012, 11.07.36
2
Per quanto non abbia mai sopportato i Deicide, questo disco è una bomba, sicuramente entra di diritto in un'ipotetica top 20 del death metal. Ottima la disamina e giusto il voto.
Khaine
Sabato 9 Giugno 2012, 11.03.52
1
Boia, l'attacco di questa recensione e della mia su Murphy hanno alcuni punti di contatto spettacolo!
INFORMAZIONI
1990
Roadrunner Records
Death
Tracklist
1. Lunatic of God's Creation
2. Sacrificial Suicide
3. Oblivious to Evil
4. Dead by Dawn
5. Blaspherereion
6. Deicide
7. Carnage in the Temple of the Damned
8. Mephistopheles
9. Day of Darkness
10. Crucifixation
Line Up
Glen Benton (Voce, Basso)
Brian Hoffman (Chitarra)
Eric Hoffman (Chitarra)
Steve Asheim (Batteria)
 
RECENSIONI
78
85
75
84
80
49
75
90
91
89
ARTICOLI
18/12/2014
Live Report
ROCK HARD FESTIVAL - CORONER + DEICIDE + BULLDOZER
Live Club 13/12/2014 Trezzo Sull'Adda
17/12/2014
Live Report
DEICIDE + SVART CROWN + SAWTHIS
Padova/Roma, 11-12/12/2014
26/01/2009
Live Report
DEICIDE + SAMAEL + VADER
Rolling Stone, Milano, 18/01/2009
08/11/2004
Articolo
DEICIDE
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]