Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

28/01/20
SABATON + APOCALYPTICA + AMARANTHE
ALCATRAZ - MILANO

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

FM - Indiscreet
07/12/2019
( 335 letture )
Lo stato di salute di un movimento (letterario, cinematografico, musicale, sportivo, ecc.) non si vede dai grandi nomi; si vede dalle seconde linee. I grandi nomi, in misura più o meno numerosa e più o meno qualitativamente significativa, ci sono sempre, in ogni settore e in ogni momento; ma, quando un movimento è in salute, accanto a questi sorgono, e trovano modo di esprimersi e di emergere, numerosi epigoni, seguaci, o imitatori che riescono a trovare la loro voce personale e il loro posto nel cuore degli appassionati. Viceversa, quando al di là degli elementi più conosciuti e affermati vi è il deserto, vuol dire che la situazione non è delle migliori; soprattutto in ottica futura.
Pensiamo, per fare un esempio, alla situazione del movimento hard rock/metal classico nella prima metà degli anni ’90, quelli del periodo grunge per intenderci: i grandi nomi c’erano ancora, e, seppure con qualche difficoltà in più, non hanno mai mancato i primi posti delle classifiche; ma le seconde linee, ossia tutte quelle band nate e sviluppatesi nel solco dei capifila, e a volte in grado di eguagliarli o persino superarli, qualitativamente parlando, sono state pressoché interamente spazzate via. Il risultato finale è stato un periodo, durato almeno un paio di lustri, quasi del tutto sterile, dal punto di vista dello sviluppo del genere.
Basta tornare indietro a pochi anni prima, e la situazione si presenta diametralmente opposta.
Nello specifico, l’anno in questione è il 1986; il luogo è la Gran Bretagna, Londra per la precisione; e già questi due dati dovrebbero far capire al volo lo stato di grazia in cui il movimento si trovava. È infatti nella capitale inglese che i fratelli Overland iniziano a creare la propria band, definendone fin da subito le coordinate stilistiche in maniera inequivocabile: il solco da seguire è quello dell’hard rock/AOR di puro stampo radiofonico, in quegli anni portato al suo apice qualitativo e commerciale da nomi quali Toto, Bon Jovi, Bryan Adams, Europe o Journey. Suono tipicamente di stampo americano, ma matrice europea. A suggellare il tutto, la scelta del nome: i nostri si chiameranno FM, esattamente come l’acronimo (frequency modulation) che definisce la tipologia di onde radio, mediante le quali la grande musica di quegli anni entra nelle case di tutti gli ascoltatori.
Indiscreet è il primo album del quintetto inglese, e costituisce il primo passo verso un itinerario, che seguirà in maniera fedele la traiettoria comune a molti altri gruppi o progetti del settore: buon primo album, passaggio contrattuale su major (Epic, nel caso specifico), secondo album che “fa il botto” commerciale, tour mondiale di supporto a qualche big, primi screzi e relativi abbandoni fra i componenti (il chitarrista Chris Overland), successivi album che fanno flop, scioglimento (1995), e successiva reunion (2010) a seguito della quale il gruppo “vivacchia” su circuiti decisamente più ristretti rispetto agli anni d’oro.

Di tutto questo, quando la band inizia a definire il contenuto di Indiscreet, ancora non vi è nemmeno il sentore; tuttavia è indubbio che nella mente del quintetto i brani del loro primo album avrebbero dovuto avere tutto il necessario per “esplodere” a livello commerciale sin da subito.
Detto e fatto: questi nove brani sono un sunto completo di tutto quanto doveva avere la “perfetta band AOR” a metà degli anni ’80 per conquistare pubblico e critica: ottimo livello compositivo, arrangiamenti sofisticati e di gran classe, un cantante dotato di voce potente e timbro cristallino, un chitarrista in grado di suggellare ogni brano con riff azzeccati e assoli melodicissimi e tecnici, partiture tastieristiche ariose e ficcanti, sfruttando a dovere le magnifiche timbriche dei synth dell’epoca, sezione ritmica giustamente (come da canoni del genere) in secondo piano, ma in grado di fare il suo per dare adeguata spinta alle canzoni.
Di tutto questo è impossibile non accorgersi durante l’ascolto degli episodi migliori quali Other Side Of Midnight, American Girls e soprattutto That Girl.
Quest’ultimo è forse il brano più famoso del disco, al punto che (forse non tutti lo sanno) sarà rifatta e ripresentata nientepopodimeno che dagli Iron Maiden, nello stesso anno 1986, come b-side nel singolo Stranger In A Strange Land.
In grande evidenza è spesso il vocalist Steve Overland, protagonista di una eccellente prova in ogni parte del disco, nel quale la sua voce si distingue in particolar modo negli episodi più ammiccanti e sentimentali, quali le ballad Love Lies Dying e Frozen Heart, la più movimentata Face To Face e la già citata That Girl, episodi nei quali emerge un gusto melodico tipicamente europeo.
Il disco quindi non è semplicemente buono, è ottimo; cosa di cui si accorsero subito le principali case discografiche mondiali, che ben presto fecero a gara per portare nelle proprie scuderie gli FM; se li aggiudicherà la Epic, ma questo avverrà successivamente.
Perché dunque trovate un voto indubbiamente positivo, ma non elevatissimo? Essenzialmente per due ragioni, che poi in ultima analisi sono due facce della stessa medaglia.
La prima è che Indiscreet è sì un album validissimo, ma non al punto da emergere rispetto ad altri numerosi capolavori usciti negli anni a lui contemporanei o limitrofi. Mi spiego meglio: uscisse oggi un album del genere andrebbe di diritto fra i top album dell’anno; ma confrontato con pietre miliari quali Slippery When Wet (Bon Jovi), Reckless (Bryan Adams), The Seventh One (Toto), The Final Countdown (Europe), Hysteria (Def Leppard), o con piccole perle meno conosciute quali Out Of The Silence (Dare; se non lo avete mai sentito procuratevelo subito…) è costretto a cedere il passo. Quindi, per chi voglia farsi una “cultura di base” sul movimento hard rock/AOR ottantiano, questo disco non è sicuramente la prima scelta su cui puntare.
La seconda è che a livello di scelte compositive ed esecutive gli FM hanno voluto inserire tutto ciò che ritenevano, non a torto, necessario per produrre il “perfetto disco AOR di metà anni’80”; il problema è che all’ascolto questo si sente. In diversi punti il disco sembra davvero un perfetto “prodotto di studio”, cui però manca quel tocco di genialità e di imprevedibilità che a volte fa la differenza fra un semplice buon disco e un capolavoro in grado di rimanere negli anni.
Aggiungiamoci infine il fatto che la produzione, seppur valida, non è logicamente all’altezza dei top album del periodo (gli FM non erano ancora su major, quindi non avevano di sicuro accesso a budget milionari), ed è facile comprendere come questo album sia un’ottima scelta anche oggi per tutti gli appassionati del genere, ma che non possa essere inserito fra le pietre miliari del rock.

Considerazione finale, che si ricollega al punto da cui si era partiti: il fatto che un gruppo come gli FM, e un album come Indiscreet, siano rimasti sostanzialmente relegati nel ristretto gruppo degli amanti dell’AOR, e siano oggi poco conosciuti al pubblico rock di massa, fa capire due cose: che il livello medio delle produzioni dell’epoca era veramente eccelso, e che, purtroppo, oggi non solo le seconde linee, ma gli stessi nomi più blasonati difficilmente sarebbero in grado di produrre qualcosa di qualitativamente paragonabile. Lo stato di salute del movimento hard rock/AOR attuale quindi non può dirsi certamente ottimale; è sempre bello quindi evadere dal quotidiano per un’oretta, riascoltare i dischi dell’epoca, e ricordarsi di quando il mondo, non solo musicalmente parlando, era diverso da ora.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
85 su 3 voti [ VOTA]
cowboy big 80
Mercoledì 18 Dicembre 2019, 22.59.47
6
il capolavoro di questa band e' il successivo, voto 80 piu' o meno uguale ai Rio
Graziano
Mercoledì 11 Dicembre 2019, 19.17.12
5
Piccolo capolavoro AOR, e sinceramente gli FM anche negli ultimi 10 anni hanno regalato delle perle!! Band immensa, meno nota, ma meravigliosa comunque.....
InvictuSteele
Mercoledì 11 Dicembre 2019, 18.38.10
4
Grande album aor, un cult. Io preferisco il secondo album degli FM, ma anche qui tanta roba.
DP
Domenica 8 Dicembre 2019, 11.18.16
3
Questo album è da 90 e loro non erano seconde liee erano solo meno famosi….
Rob Fleming
Domenica 8 Dicembre 2019, 10.07.55
2
Piacevoli. E bellissime I belong to the night, Hot wire e American Girls. 75. Ma è una vita che non lo riascolto
duke
Domenica 8 Dicembre 2019, 7.41.53
1
...bel disco....
INFORMAZIONI
1986
Portrait Records
Hard Rock
Tracklist
1. That Girl
2. Other Side of Midnight
3. Love Lies Dying
4. Frozen Heart
5. American Girls
6. Hot Wired
7. Face to Face
8. I Belong to the Night
9. Heart of the Matter
Line Up
Steve Overland (Voce, Chitarra)
Chris Overland (Chitarra)
Merv Goldsworthy (Basso)
Pete Jupp (Batteria)
Didge Digital (Tastiere)
 
RECENSIONI
62
86
75
ARTICOLI
13/07/2019
Live Report
WOLFMOTHER - LARS ROCK FEST 2019
Giardini pubblici, Chiusi Scalo (SI), 07/07/2019
10/10/2018
Live Report
SAXON + FM + RAVEN
Live Music Club, Trezzo sull’Adda (MI), 05/10/2018
27/08/2016
Live Report
WOLFMOTHER + GIUDA + ONELEGMAN
Festareggio, Campovolo Reggio Emilia (RE), 24/08/2016
13/05/2016
Live Report
WOLFMOTHER + ELECTRIC CITIZEN
Alcatraz, Milano, 08/05/2016
04/08/2015
Live Report
PFM + LOSCOMOBILE
Nuvolari Libera Tribù, Cuneo (CN), 31/07/15
14/08/2013
Live Report
PFM
Canta De André - Spazio Ente Fiera, Messina, 07/08/2013
21/07/2012
Live Report
WOLFMOTHER + BUD SPENCER BLUES EXPLOSION
10 Giorni Suonati!, Castello Sforzesco, Vigevano (PV), 10/07/2012
25/08/2009
Live Report
PFM
Canta De André - Galluccio (CE) 18/07/2009
21/03/2009
Live Report
PFM
Canta De Andrè - Teatro Augusteo, Napoli 10/03/2009
24/01/07
Intervista
PFM
Parlano Patrick e Franz
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]