Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
CIRITH UNGOL
I’m Alive

25/10/19
VISION DIVINE
When All Heroes Are Dead

25/10/19
RINGS OF SATURN
Gidim

25/10/19
NOVERIA
Aequilibrium

25/10/19
CREST OF DARKNESS
The God Of Flesh

25/10/19
MELTDOWN (NOR)
Deadringer

25/10/19
CLOAK
The Burning Dawn

25/10/19
DAWN RAY`D
Behold Sedition Plainsong

25/10/19
VELVET VIPER
The Pale Man Is Holding A Broken Heart

CONCERTI

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

26/10/19
INTER ARMA
FREAKOUT - BOLOGNA

King Diamond - Conspiracy
( 4499 letture )
King è un uomo adulto ormai: sono passati ben 18 anni dall’atroce incubo che ha sconvolto per sempre la sua esistenza, condannandolo fra le altre cose a trascorrere metà di quel lasso di tempo in un manicomio, assistito dal luciferino Dottor Landau. Ora è un giovane uomo che tenta di vivere la sua vita, per quanto possibile, in modo normale. Ma, una sera piovosa, il telefono della sua abitazione squilla e, dall’altra parte della cornetta, King ascolta di nuovo una voce rauca che pensava di aver seppellito per sempre negli abissi oscuri della sua mente: è sua nonna, uccisa proprio da lui 18 anni prima. E, all’improvviso, gli orrori che il giovane aveva tentato di relegare negli abissi più oscuri del proprio subconscio tornano nuovamente a galla in tutta la loro violenza.

Con questa agghiacciante telefonata dall’Oltretomba si chiudeva l’edizione speciale dello stupendo Them, uno dei capolavori solisti del geniale King Diamond: il leggendario ex cantante dei Mercyful Fate, dedito in quegli anni ad un’eccellente carriera solista, aveva difatti espressamente voluto aggiungere al suo truculento concept album la traccia Phone Call come prequel di Coming Home, in origine episodio conclusivo di Them, per spiegare cosa avesse spinto un King ormai adulto a tornare nella lugubre abitazione di famiglia. Ed è proprio con questo ritorno, che mai l’uomo avrebbe voluto affrontare, che si apre il successivo capitolo discografico del nostro amato artista danese, Conspiracy: un sottofondo di dolci ma al tempo stesso lugubri tastiere ci accoglie all’inizio di At the Graves, mentre la voce del cantante incarna appieno il dolore del protagonista nel ricordare la sorella, brutalmente uccisa dagli spiriti 18 anni prima.

Missy I miss you so.
Oh little sister
I wish you’d come back to me
And sit by my side
We'd laugh and we'd play again,
If only you'll try
You know "THEY" would show the way
From the other side
Rise from your grave little sister


Successivamente la traccia muta ed acquista velocità, sostenuta dalle chitarre affilate di Andy LaRocque e Pete Blakk e dalla terremotante batteria di Mikkey Dee: King, dopo tanti anni di dolore e di follia, vuole delle risposte, vuole capire cosa ci sia davvero dietro al mistero di Amon (il nome della dimora) e, soprattutto, vuole sapere qualcosa in più sul mefistofelico Dottor Landau e su un eventuale coinvolgimento di sua madre nella vicenda che gli ha rovinato la vita per sempre. Una serie di assoli come sempre splendidi da parte di Andy LaRocque chiude alla perfezione quella che è una delle migliori tracce dell’artista danese, conducendoci a Sleepless Nights. Musicalmente la traccia si gioca tutta sull’alternanza fra un riff ai limiti con il thrash metal ed un arpeggio malinconico, che punteggiano perfettamente quelli che sono i sentimenti del protagonista dell’opera, poi magistralmente enfatizzati dalla voce del Re Diamante; King è tormentato ancora una volta dalle voci degli spiriti e, alla fine, acconsente a siglare con loro un patto scellerato: lascerà loro il pieno controllo della casa in cambio di un ultimo suo incontro con il fantasma della sorella. Ma, a questo punto, un personaggio finora rimasto piuttosto nell’ombra, pur nella sua importanza, fa la sua comparsa: il riff quadrato di Lies ci presenta infatti il Dottor Landau, che in una delle abituali sedute di controllo del suo piccolo paziente si congratula con lui per la sua ormai completa guarigione e gli chiede cosa ne pensa di una visita da parte della madre, che non vede ormai da tempo immemorabile. Ma, ironia della sorte, il primo membro della famiglia che King rivede è proprio la giovane sorella defunta, l’incontro con la quale è descritto nella splendida A Visit From The Dead: i delicati arpeggi di chitarra suggellano difatti la commozione dell’uomo nel vedere comparire la silhouette di Missy, ma verso metà brano il ritmo accelera all’improvviso, come ad accompagnare la foga di King nel chiedere risposte, nel desiderare finalmente una verità che gli è stata negata per 18 anni. Missy lo mette in guardia avvertendolo di un diabolico complotto ordito da tempo alle sue spalle ed annunciando che gli invierà un sogno per fargli comprendere meglio le proprie parole. Arriviamo dunque a The Wedding Dream, introdotta naturalmente dalla marcia nuziale e poi puntellata dai soliti riff compatti, da assoli al fulmicotone e da una batteria in sottofondo magistrale. E’ qui che l’orribile verità viene finalmente rilevata allo sconvolto King: il Dottor Landau è perfettamente a conoscenza delle presenze che infestano Amon ed intende sposare la madre di King, verosimilmente concorde con il piano, per impadronirsi per sempre dell’abitazione. Il tutto, naturalmente, dopo aver messo il giovane uomo nelle condizioni di non nuocere per l’eternità. King tenta di spiegare alla madre, in un fiume di parole a tratti deliranti, che ormai la casa appartiene agli spiriti (Amon Belongs To Them), ma è tutto inutile: le tastiere oscure di Something Weird preludono al dramma della successiva Victimized, in cui ’uomo viene sedato dal Dottor Landau ed affidato alle mani del Reverendo Sammael. Quest’ultimo, sviato dalle melliflue parole del dottore, si convince che King sia posseduto da un demone, forse da Satana stesso e che, pertanto, sia inevitabile fare ciò che è necessario.

From what you tell me
We cannot save him
It could be Satan himself
Or some evil demon
Let us not waste any time,
The demon might twist our minds
We must go and do what must be done


Il complotto è dunque giunto al compimento e, mentre King grida tutta la sua disperazione per esser nuovamente stato usato come burattino, il Dottor Landau se la ride sotto i baffi, pregustando finalmente il possesso di Amon. La sentenza di morte è ormai stata decisa ed il Reverendo Sammael suggerisce che siano proprio il diabolico dottore e la sua futura consorte ad appiccare il fuoco alla pira sulla quale è stato posto il povero King, per liberare per sempre la sua anima dalla possessione demoniaca. Ma, mentre il suo corpo arde fra le fiamme e le chitarre unite alla tastiera testimoniano il tutto, King leva il suo braccio e, in un ultimo folle grido di dolore e rabbia, urla in faccia ai suoi assassini che ritornerà dal mondo dei morti per perseguitarli entrambi a vita.

Whenever the dark is near
I will return from the grave
To haunt you...Godforsaken whore


Si chiude così, con questa feroce promessa di eterna vendetta, la turbolenta storia di King e di Amon, la lugubre dimora infestata. Si chiude altresì il quarto album solista di King Diamond, che conferma ancora una volta le indiscusse qualità dell’artista danese come musicista, compositore, ma anche e soprattutto come formidabile narratore dell’orrore. La coordinazione fra musica e racconto, difatti, è come sempre estremamente ben fatta ed estremamente vivida, facendoci a tratti percepire quasi sulla nostra pelle il dolore e la rabbia dello sfortunato protagonista dell’opera. Eccellente altresì, come sottolineato più volte, è la prestazione dei compagni del Re Diamante, che forse si concedono persino qualche spazio solista di troppo. Le uniche pecche ascrivibili a questo lavoro, proprio a voler essere pignoli fino all’ultimo, risiedono per l’appunto in qualche passaggio strumentale un po’ troppo prolisso e nell’inevitabile sensazione di già sentito causata dalla riproposizione della storia già trattata in Them: il sequel, in sostanza, non riesce ad essere migliore del primo episodio, ma in ogni caso ci si avvicina in maniera sensibile e rappresenta comunque un album di splendida qualità.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
76.60 su 51 voti [ VOTA]
Vecchiothrasher
Giovedì 16 Novembre 2017, 13.06.03
24
Tanti metallari lo sottovalutano.. King diamond e molto particolare nei suoni e a quella voce in falsetto che spacca! io adoro fatal portait e abigail e them!
terzo menati
Domenica 7 Maggio 2017, 10.37.20
23
Giusto Osvaldo
Osvaldo
Domenica 7 Maggio 2017, 6.52.33
22
Ottimo album, per me superiore anche ad abigail e them. Purtroppo è anche l'ultimo con mikkey dee dietro le pelli.... anche se king diamond sfornerà altri capolavori qualcosa nel sound cambierà per sempre. .. Tutto bellissimo: la lunga opener è un misto di teatralità ed heavy metal come non si era mai sentito, il singolone sleepless night assolutamente ben riuscito, The wedding dream altro brano in bilico tra teatralità e grande impatto. Come non citare anche le bellissime victimized ed Amon 'belongs To them'... un apice assoluto nella carriera di King diamond
gianmetal
Martedì 14 Marzo 2017, 0.33.29
21
Andy Laroque in una forma super.Il mio preferito del re assieme ad Abiigail
sgabello secs
Venerdì 1 Gennaio 2016, 16.37.37
20
Epico.
Mulo
Giovedì 18 Giugno 2015, 21.05.50
19
I cannot sleepless niiiiight.... Sleepless niiiight! Sleepless niiiiight!! Capolavoro assoluto!! Il mio preferito della sua discografia ( son tutti belli e da avere). Diamond,LaRoque,Dee tris d'assi! Buy or die!!
Iron maiden
Venerdì 6 Marzo 2015, 22.25.13
18
Album da brividi dall'inizio alla fine. Caspita ke genio KD
Argo
Lunedì 20 Ottobre 2014, 19.42.56
17
TOP ASSOLUTO!!! il 10 non glielo toglie nessuno, amo questo cd con un solo ascolto di più di tutti gli altri che ho già!
Argo
Lunedì 20 Ottobre 2014, 19.07.53
16
Lo sto ascoltando per la prima volta adesso, ho i 2 cd precedenti ma mi dà l'impressione che questo sia prodotto/suonato/cantato molto meglio, tecnicamente siamo a livelli mistici, un voto completo lo metto a fine cd, ma per ora è già da 8.
clem70
Lunedì 11 Agosto 2014, 10.46.50
15
mamma mia santa !! lo ascolto da anni e ogni volta è una scarica di potenza incredibile. che tecnica , che melodie , che figata di album !!!!!
HZ
Sabato 25 Maggio 2013, 23.14.57
14
Penso sia il suo album migliore, il più completo..un leggero gradino su tutti, alcune canzoni potrebbero sembrare forzate ma sono perfettamente create ad arte per risaltare il teatrale racconto di questo magnifico concept. Perfetto.. quindi perchè non dare un bel 100!!
Chris Wild
Giovedì 5 Luglio 2012, 22.02.50
13
Che dire, per me King Diamond è un dio!!! Questo disco è almeno da 95 perché 99 lo glielo do a ABIGAIL
DIMMONIU73
Giovedì 5 Luglio 2012, 9.45.18
12
BEST OF THE BEST!!! 99 e ho detto tutto!!!
Orso
Martedì 3 Luglio 2012, 22.42.54
11
Capolavoro!!! Direi il mio preferito di King Diamond. Incredibilmente contorto e malato: tanto di cappello a tutto il gruppo! At The Graves quella che più mi esalta.
N.I.B.
Martedì 3 Luglio 2012, 12.01.38
10
C A P O L A V O R O . . ! !
Carlo
Lunedì 2 Luglio 2012, 11.50.57
9
Per me il capolavoro di zio King. Qua tutto è portato aimassimi livelli. Una valanga di riff uno più fantasioso dell'altro, assoli a profusione ispiratissimi, linee vocali che ti si stampano in testa: tutto perfetto. E' un album che ho consumato e ancora consumo. Probabilmente la mia preferita è A visit from the dead, con uno degli assoli più belli di LaRoque!!
pip
Sabato 30 Giugno 2012, 18.44.51
8
King Diamond il Maestro del Metal
Undercover
Sabato 30 Giugno 2012, 14.16.43
7
Quanti passaggi in tape nello stereo, devo ancora prenderlo in cd ma la vecchia tdk d60 gira ancora di tanto in tanto.
xXx
Sabato 30 Giugno 2012, 13.27.20
6
mamma che disco favoloso...l'ennesima perla di KD...
Doomale
Sabato 30 Giugno 2012, 13.22.42
5
Una delle tante perle del Re. Diamante..e quel ritratto in copertina ha fatto la storia dell'heavy metal! Sarà.... ma per me non ha mai toppato....Lunga vita al Re!
Lizard
Sabato 30 Giugno 2012, 12.59.13
4
Il mio preferito, senza dubbio. At the Graves, A Visit From the Dead e Wedding Dream, sono capolavori assoluti, cosi' come l'arpeggio di Sleepless Nights. Disco splendido.
Bloody Karma
Sabato 30 Giugno 2012, 12.41.07
3
come non si fa' ad amare un disco del genere??
Radamanthis
Sabato 30 Giugno 2012, 12.06.33
2
Altra gemma del Re Diamante; certo che una band con King alla voce, Andy alla chitarra e Dee alla batteria...brividi!!!! The wedding dream capolavoro!
Federico95
Sabato 30 Giugno 2012, 12.00.55
1
Il mio preferito di King DIamond! In particolare The Wedding Dream credo sia la sua miglior canzone da solista... 92
INFORMAZIONI
1989
Roadrunner Records
Heavy
Tracklist
1. At The Graves
2. Sleepless Nights
3. Lies
4. A Visit From The Dead
5. The Wedding Dream
6. 'Amon' Belongs To Them
7. Something Weird
8. Victimized
9. Let It Be Done
10. Cremation
Line Up
King Diamond (Voce, Tastiere)
Andy LaRocque (Chitarra)
Pete Blakk (Chitarra)
Hal Patino (Basso)
Mikkey Dee (Batteria)
 
RECENSIONI
83
82
78
77
89
85
90
95
85
ARTICOLI
05/09/2011
Articolo
KING DIAMOND
Melissa ed Abigail - Le donne nei testi di King Diamond
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]