Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
THE RED COIL
Himalayan Demons

CONCERTI

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
RHAPSODY OF FIRE
PIAZZA MATTEOTTI - GENOVA

23/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

23/06/18
VIRGIN STEEL FEST
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

23/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + DAEMUSINEM
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
LACHESIS
THE ROCKER PUB - BARZANA (BG)

PESTILENCE - La biografia
06/10/2005 (11998 letture)
Mi risulta difficile credere che chi, come me, ha amato la musica dei Death di Chuck Schuldiner e la loro crescita evolutiva a partire da "Human" fino all'ultimo "Sound Of Perseverance" (insieme a "The Fragile Art of Existence" dei Control Denied) non abbia mai sentito parlare dei Pestilence. Il gruppo olandese non ha avuto una storia molto lunga, con solo quattro album all'attivo, ma ha contribuito moltissimo all'evoluzione della scena death metal nei primi anni '90. Il gruppo nasce nel 1986 come un trio composto dal chitarrista Randy Meinhard, il drummer Marco Foddis e il chitarrista-cantante Patrick Mameli, vero frontman del gruppo. Il gruppo inizia a farsi starda nell'underground europeo nel 1987 con un primo demo, "Dysentry", forti di un death metal grezzo e ruvido (vedi come esempio "Scream Bloody Gore" o "Leprosy" dei Death). Successivamente entra in line-up il bassista Martin Van Drunen che assume anche il ruolo di cantante. Con questa formazione, lo stesso anno il gruppo sforna il secondo demo "The Pennance". Nell'arco di due anni il gruppo da alle stampe prima "Malleus Malificarum", nel 1988, e "Consuming Impulse" nel 1989, due album incredibilmente death grind che riscossero un buon successo: sulla linea di Obituary e Morbid Angel e Death in America, i Pestilence rispondevano in Europa. Tra i due album Meinhard viene sostituito da Patrick Uterwijk, chitarrista dei Theriac. Le cose iniziano a cambiare dopo "Consuming Impulse" con l'uscita dal gruppo di Van Drunen che andrà a creare gli Asphix, i Submission e successivamente i Bolt Thrower. Al suo posto viene assoldato l'allora bassista dei Cynic Tony Choy, e Mameli torna a rivestire i panni di cantante. Con questa formazione esce nel 1991, il periodo di vera esplosione del genere death, "Testimony of The Ancients": i riff non sono così ruvidi come nei precedenti due album, Mameli e Uterwijk cercano un groove un attimo più melodico, inoltre ogni canzone dell'album è preceduta da un intro di tastiere, strumento mai utilizzato in precedenza dai Pestilence. Testimony indica l'apice di popolarità del gruppo, ma non quello tecnico. Dopo la partenza di Choy, tornato in Florida per formare gli Atheist, entra in gruppo il bassista Jeroen Paul Thesseling. L'evoluzione intrapresa dal gruppo però sarà anche la sua rovina. Nel 1993 esce "Spheres", un album forse troppo avanti coi tempi: "Spheres" infatti offre un tipo di approccio nuovo al death, mescolando metal, jazz,fusion, con largo uso di sintetizzatori nelle chitarre e con la produzione affidata ad un estraneo del genere death. Per molti fan, quelli più legati al vecchio stile, il cambiamento stilistico viene visto come una sorta di tradimento. Inoltre tutto il rumore smosso dalla critica negativa sfocia in tensioni all'interno del gruppo. L'anno successivo, il 1994, segna l'uscita di un best of, "Minds Reflections", e lo split ufficiale del gruppo. Il frontman Patrick Mameli, frustrato e disgustato dalla scena del tempo, rimane fermo per diversi anni, ritornando solo verso il 2000 con un progetto chiamato Gestalt, sempre un fusion-jazz-metal project, e attualemte sta lavorando assieme a James Murphy nella realizzazione del tribute album al defunto Chuck Schuldiner. Degli altri membri del gruppo si sono perse le tracce. A mio parere con "Spheres" i Pestilence hanno, si raggiunto l'apice tecnico, ma anche fatto il passo più lungo della gamba; rimane comunque la testimonianza di un gruppo che ha cambiato ed evoluzionato il genere, eredità raccolta dai Death, che con "Human", nello stesso '93, iniziarono anche loro il loro processo di tecnicizzazione del genere, e dai Cynic eclissatisi dopo "Focus".


Shonny
Lunedì 22 Giugno 2009, 12.07.25
12
Sono a mio parere la migliore death metal band(anche se la prima sarebbero i death),io cazzo sono andato a sentirli in emiglia ad aprile e sono stati fenomenali!!!!!!!!!! PESTILENCE
Francesco Nuclear Simphony
Mercoledì 17 Dicembre 2008, 0.17.28
11
Reunion dei Pestilence (praticamente la line-up di Testimony con Choy e Uterwijk tranne sfortunatamente Marco Foddis che lascerà il posto a Peter Wildoer) e nuovo album nel marzo 2009: a detta di Patrick Mameli sarà tecnico come Testimony e innovativo come Spheres.... non vedo l'ora di ascoltarlo!
francesco
Lunedì 3 Marzo 2008, 12.06.20
10
Aggiungo anche above the light dei sadist e the key dei nocturnus...
francesco
Lunedì 3 Marzo 2008, 12.03.00
9
'93 un annata sfortunata/fortunata per elements degli atheist, focus dei cynic e appunto per i pestilence con spheres... fortunata per aver partorito queste chicce. sfortunata per il semplice motivo d'ESSER AVANTI ANNI LUCE PER QUEL PERIODO...
Pires
Mercoledì 6 Giugno 2007, 11.45.07
8
Il problema é che il metallaro, come tutto il resto del pubblico di massa, rimane fondamentalmente conservatore. Sperimentazione? Sì ma non troppo... Tecnica? Sì, ma solo se significa suonare sweep a 200 di metronomo... Facile dire oggi che Spheres é un grande album. Ri-uscisse oggi con altro monicker resterebbe nell'indifferenza. Poi scusa cosa vuol dire fare il passo più lungo della gamba? Che avrebbero dovuto fare un altro paio di dischi di insulso death metal? Allora non staremmo qua a parlare della loro genialità...
simone
Mercoledì 14 Dicembre 2005, 12.24.11
7
Pestilence.......grande gruppo....suoni spaventosamente belli......Spheres capolavoro
Donzauker
Lunedì 21 Novembre 2005, 22.09.49
6
Spheres un capolavoro assoluto, come del resto focus dei cynic, elements e unquestionable presence degli atheist, sadist dei tribe. la loro sfortuna che si sono scontrati con un pubblico troppo conservatore. Quegli anni secondo me con la svolta dei death sono stati il punto più alto del metal
Tonino
Venerdì 28 Ottobre 2005, 16.22.12
5
Io insieme a cynic, atheist, pestilence e death, ci metto anche i nocturnus. Che ne dite?
Gofro
Lunedì 17 Ottobre 2005, 11.41.35
4
mi scuso x l'errore di Human, sono andato a memoria senza scartabellare niente su internet, quindi a volte capita che mi confondo. per i synth, forse mi sono spiegato male, non ci sono nè tastiere ne synth in Spheres, ma sia Mameli che Uter usano un effetto chiamato guitars-synth o midi-guitar.
andreuccio
Domenica 16 Ottobre 2005, 14.47.34
3
secondo me tra Death e cynic,pestilence,atheist e compagnia non ci sono paragoni da fare...mettere un bassista che suona il basso fretless e cambiare qualche riff inaspettatamente non può esser paragonato a quel che viene fatto in Spheres, che è un album intricatissimo e sperimentalissimo. Human è del '91,comunque. Per me il miglior album dei Pestilence è Testimony of the ancients, il più equilibrato della carriera ( i primi troppo rozzi e l'ultimo troppo troppo sperimentale)
andreuccio
Domenica 16 Ottobre 2005, 14.40.55
2
infatti ha scritto "sintetizzatori nelle chitarre"
anders
Martedì 11 Ottobre 2005, 12.03.54
1
E' presente un grosso errore nella biografia. In Spheres non usano nessun sintetizzatore ed è pure scritto a caratteri cubitali nel disco.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Pestilence
RECENSIONI
55
55
65
90
90
90
76
ARTICOLI
18/02/2018
Live Report
PESTILENCE + GUESTS
Elyon Club, Rozzano (MI), 10/02/18
29/05/2011
Live Report
PESTILENCE + ANTROPOFAGUS + CORPSEFUCKING ART
Init Club, Roma, 20/05/2011
06/10/2005
Articolo
PESTILENCE
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]