Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

CONCERTI

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Sylosis - Cycle of Suffering
05/05/2020
( 1231 letture )
Reading, Berkshire.
Tempo uggioso, case a schiera, strada bagnata. Un sound ruvido, tecnico e magniloquente irrompe nel nostro salotto: aggiustiamo le cuffie, alziamo il volume e ci immergiamo nel nuovo capitolo targato Sylosis che, comodamente e dopo una pausa programmata di cinque anni, piove dal cielo come riso al matrimonio del diavolo.

Sono passati diversi anni dal mastodontico Dormant Heart e otto dal fan-favorite Monolith (2012), album che hanno evoluto il sound della band, settando nuovi standard tecnico-compositivi. La band capitanata dal talentuoso front-man Josh Middleton , che ricordiamo essere anche il “nuovo” chitarrista dei bravi ma sfortunati Architects rientra in gioco con muscoli e caparbia, componendo dodici composizioni che pescano a piene mani delle influenze passate della band senza sperimentazioni di sorta, ma con un focus impressionante e una qualità spesso molto elevata. Perché spesso? Cycle of Suffering è -specifichiamo- un album complesso, lungo (anche se di minutaggio inferiore rispetto al passato) e con qualche colpo a vuoto. Senza fraintendere, quello che ci troviamo tra le mani è un ottimo album di death / thrash piuttosto variegato: i gusti disponibili sono sì limitati, ma gestiti alla perfezione, a partire dal primo singolo-anteprima I Sever, brano che presenta scintillanti standard qualitativi, con la sua progressione thrash e i brevi break squadrati, il ritornello che ci colpisce a suon di martello e il doppio assolo che -a parer mio- è un piccolo capolavoro di tecnica emotiva. Josh Middleton è un compositore bravissimo e ha un gran gusto, così come la formazione della band, al 50% rimaneggiata con gli innesti di Ali Richardson alla batteria e Conor Marshall al basso, entrambi molto bravi e tecnici. Il sound non è innovativo, ma fresco: dalla velocità preponderante della title-track fino agli influssi oscuri e tetri di Calcified, che si destreggia abilmente tra metallo tecnico e ultimi Paradise Lost. Le influenze britanniche si fanno sentire (come ovvio che sia) per tutta la durata dell’album, che parte in quarta grazie a un tris impegnativo, capitanato da Empty Prophets, con una struttura non comune in bilico tra intro preparatorio e sfrontatezza metal-core. In meno di tre minuti passiamo la mano alla favolosa I Sever, che oltre ad entusiasmarci sempre di più a ogni nuovo ascolto, presenta un codino acustico-epico da brividi, di cui Middleton ne è l’indiscusso mattatore. Cycle of Suffering e Shield proseguono il tiro sconquassante delle tracce precedenti, esemplificando i concetti (la brevità sembra aver giovato alla band) a suon di tecnici stop’n’go, coadiuvati da linee melodiche di ottima fattura. La velocità e i riff grattugia di Shield ci spazzano via facendoci muovere a dovere durante le strofe ipertrofiche, stemperate dai chorus ruvidi ma cantabili e da un reparto ritmico davvero sostanzioso e groovy. Tecnica al servizio del brano che -in questo caso- riprende il concetto di struttura circolare grazie a una scrittura più tradizionale.
Mentre l’incipit e la parte finale dell’album ci regalano perle a go-go, alcuni passaggi centrali rischiano di appesantire l’impalcatura sonora del lavoro (Invidia
e Idle Hands, comunque piacevoli). Poco male, perché ci pensa l’acrobatica e nevrotica Apex of Disdain a rimettere tutto in quadro, calibrando per bene le linee-guida del sound - Sylosis. Thrash, death, tecnica e velocità vanno a braccetto per tutta la durata del brano, giocato su un graffiante riff primordiale, amabilmente doppiato da rallentamenti doom decantati dall’ottimo Middleton, a suo agio in ogni situazione, sia vocalmente che con la sei corde.
E tra riff abrasivi, stacchi stemperati e soli fenomenali, ci godiamo le mine vaganti Arms Like a Noose e Devils in Their Eyes, dove la prima ci accoglie con un falso abbraccio acustico prima di scaraventarci in un limbo speed di schegge metalliche e fragranti riff destrutturati. Una vera perla sopra la media, che non disdegna influenze moderne e un groove irresistibile, così come la successiva Devils in Their Eyes, simile al sound degli Insomnium ma non per questo meno valida e accattivante, soprattutto all’altezza del primo, tecnico breakdown, che anticipa una bella ripartenza e da un dominante assolo melodico.
Il giudizio finale di questo nuovo, atteso lavoro dei Sylosis viene positivamente influenzato anche dalla splendida chiusura del lavoro, lasciata alla melanconica Abandon, che mostra ancora una volta le influenze nordiche. Josh Middleton si sbottona accarezzandoci, almeno in parte, con una vellutata voce melodica. Accenni prog e tecnica ben bilanciata si affermano mano a mano che i minuti scorrono, tra aperture grevi e parentesi acustiche. Davvero un bel viaggio finale, che non deve niente a nessuno ma che, invece, si auto-crea la sua fortuna e la sua triste melodia, che in qualche modo conforta e avvolge. Non c’è bisogno di confermare nessuna abilità, nemmeno all’altezza del breve e progressivo solo e durante la ripresa epicissima, che chiude il sipario definitivamente.

Cycle of Suffering è un eccellente proseguo di Dormant Heart con focus sull’immediatezza, volutamente tralasciata in un lavoro come Monolith. In poco meno di un’ora ritroviamo una band al top, validissima sotto tutti i punti di vista, umile e brillante. Album da ascoltare a ripetizione.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
84.88 su 9 voti [ VOTA]
Silvia
Martedì 14 Luglio 2020, 21.13.04
6
Scoperti da poco, mi stanno piacendo col loro thrash pennellato di melodie che strizzano l'occhio un po' al melodeath e al metal moderno. Molto bella I Sever. Gruppo che approfondiro' di sicuro
bradipo666
Giovedì 7 Maggio 2020, 17.27.02
5
grande album e grande band. Li seguo da parecchio e non sbagliano un colpo. D'accordo anch'io, meno brani avrebbero fatto acquistare un po piu di grinta al disco, però rimane comunque un ottimo disco. 80 pieno.
Pikko
Mercoledì 6 Maggio 2020, 12.11.03
4
Scoperti da poco quasi per caso. Mi piacciono parecchio. Forse un numero minore di tracce su ogni album avrebbe tolto quella sensazione di monotonia o prolissità. Difetto che sto bypassando ascoltando solo i pezzi migliori di ogni album. In questo disco Sever e Apex stupende.
Metallycra
Mercoledì 6 Maggio 2020, 11.54.57
3
Quoto il commento precedente. Prolissi. alla fine i loro album se capit li ascolto, ma dopo un po' mi annoiano, sia per la lunghezza che per la monotonia della proposta. Insomma me non fanno impazzire. Li reputo uno di quei gruppi bravini ma a cui manca quel quid per fare un salto di qualità.
Enrico Bustaffa
Martedì 5 Maggio 2020, 19.36.32
2
continua ad avere il solito difetto su lp: troppo proliossi. Pero sono una grande band senza dubbio. Mi sento di confermare il voto della recensione
Halo
Martedì 5 Maggio 2020, 18.18.43
1
Gran disco, alzo di un paio di punti il voto. le linee melodiche mi ricordano molto gli in flames e in generale il filone melo-death
INFORMAZIONI
2020
Nuclear Blast
Death / Thrash
Tracklist
1. Empty Prophets
2. I Sever
3. Cycle of Suffering
4. Shield
5. Calcified
6. Invidia
7. Idle Hands
8. Apex of Disdain
9. Arms Like a Noose
10. Devils in Their Eyes
11. Disintegrate
12. Abandon
Line Up
Josh Middleton (Voce, Chitarra)
Alex Bailey (Chitarra)
Conor Marshall (Basso)
Ali Richardson (Batteria)
 
RECENSIONI
75
77
75
73
ARTICOLI
29/11/2015
Live Report
CHILDREN OF BODOM + SYLOSIS + HELL`S GUARDIAN
Alcatraz, Milano (MI) , 24/11/2015
22/01/2015
Intervista
SYLOSIS
Cuori Passivi
08/03/2012
Live Report
TEXTURES + SYLOSIS + DESTRAGE
Rock N' Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 02/03/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]