Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
DARK SARAH
Grim

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
JET JAGUAR
Endless Nights

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Alice In Chains - Alice In Chains
( 12683 letture )
In the darkest hole,
You’d be well advised
Not to plan my funeral
Before the body dies


Alice In Chains, conosciuto anche come Tripod, è il terzo album in studio della famosa band di Seattle, l’ultimo realizzato fino al ritorno con Black Gives Way To Blue nel 2009. Nato in un periodo tutt'altro che semplice, l'album porta dentro di sé, inevitabilmente, tutti i segni ed i contrasti che stavano minando l'esistenza stessa del gruppo e dei suoi membri. Non che in passato gli Alice In Chains avessero mai negato questa realtà, elevandola anzi spesso a protagonista assoluta in molte delle loro canzoni. La lucidità e la crudezza, unite alla malinconia ed alla fiera disperazione che il gruppo ha sempre posto come manifesto della propria musica e della propria esistenza, fa dei loro dischi e di questo Alice In Chains in particolare, uno degli esempi più veri e sinceri di trasposizione in musica del proprio dolore e della propria incapacità di accettare le dure contraddizioni della vita. La sfacciata arroganza di Facelift e la matura e potente presa di coscienza di Dirt e Jar of Flies, lasciano spazio ad un cupo dissolvimento, una lenta processione sotto la pioggia in un bosco oscuro e malinconico, allucinato e notturno, senza scampo, né salvezza. Durante l'estate del 1994 la band venne allontanata dal tour che avrebbe dovuto intraprendere con Metallica e Suicidal Tendencies, a causa delle sempre più preoccupanti condizioni fisiche e mentali di Layne Staley. Uno stop forzato che alimentò inevitabilmente forti tensioni interne, le quali porteranno il cantante a formare i Mad Season ed il resto del gruppo ad iniziare i lavori per un disco solista di Jerry Cantrell. Fortunatamente, nell'Aprile del 1995 il gruppo tornò in studio col produttore Toby Wright. Cantrell, principale compositore della band, portò in dote alcune canzoni che avrebbero dovuto far parte del suo disco solista: l’opener Grind, Heaven Beside You (dedicata a Kurt Cobain, quanto all'amico Layne) e la conclusiva Over Now; tutte e tre diventeranno singoli e tutte e tre vedono il chitarrista come voce solista. Staley, da parte sua, cercò con forza di contribuire in maniera positiva all’album, scrivendo tutte le liriche e portando in dote una canzone completa, Head Creeps. Di fatto, le registrazioni pur portate avanti in un clima difficile e contrastato, furono senz’altro un momento felice e di riavvicinamento tra i componenti del gruppo. Alice In Chains non fu supportato da alcun tour e, nonostante un ottimo successo iniziale e un doppio disco di platino negli States, mancò di bissare il successo delle uscite precedenti.

La musica prende le mosse da quanto realizzato fino a quel momento, mostrando una evoluzione costante e coerente. Trova conferma la grande statura di Cantrell come autore ed arrangiatore completo e maturo, capace di portare nella musica del gruppo anche influenze blueseggianti e più tipicamente rock, come già sperimentato nel precedente splendido EP Jar of Flies, che qua trovano sfogo nelle citate Heaven Beside You ed Over Now. Al tempo stesso, il trademark consolidato del gruppo, che gira inevitabilmente attorno allo splendido ed unico talento di Staley quanto alla ritmica di livello superiore del duo Inez/Kinney, raggiunge ancora un equilibrio quasi perfetto ed ammaliante, nonostante una certa compiacenza che porta a dilatare alcuni brani forse oltre il proprio limite naturale. Quello che colpisce da subito è la cupezza psichedelica che si infiltra nelle composizioni, evidente sin dalle prime canzoni in scaletta, l’aumento della componente noise e delle distorsioni cariche di fuzz che se da un lato ammorbidiscono leggermente l’impatto dei riff, dall’altro gli conferiscono un’aura fangosa, decadente e disperata assolutamente perfetta. Si fa notare anche il ricorso massiccio all’effettistica sulla voce di Layne Staley che contribuisce a magnificare le atmosfere tese, cupe e decadenti dell’album. Il tentativo di Cantrell di “normalizzare” la musica del gruppo va ad infrangersi contro brani apocalittici e notturni come Head Creeps, Nothin’ Song e Frogs, nei quali la voce di Staley torreggia riempiendo ogni anfratto sonoro della propria disperazione, del proprio malinconico abbandono. L’aura del cantante aleggia ovunque nell’album, contrastando l’intonazione pulita di Cantrell e donando anima e spessore a brani che già di per sé rimangono impressionanti per dinamismo e profondità. Valga per tutti l’angosciante e terribile finale di Head Creeps, al termine del quale si accolgono Again e soprattutto la catarsi melodica di Shame In You come una salvezza necessaria, pur essendo essi stessi tutt’altro che brani di impatto ridotto. Brillante anche God Am, disperata preghiera senza conforto, uno degli apici assoluti degli Alice In Chains, che conduce al break di So Close, altra piccola e deliziosa boccata d’aria prima della citata Nothin’ Song e, soprattutto, del delirio notturno di Frogs. Over Now chiude degnamente l’album spezzandone il ritmo grazie ad una strofa e ad un ritornello quasi spensierati, che conducono per contrasto a break semiacustici dilatati malinconici e quasi “epici”, tutti giocati sulla chitarra di Cantrell che, probabilmente, raggiunge in questo album la sua prestazione più importante.

Alice In Chains è un disco di grandissimo spessore, che completa la prima parte della carriera degli Alice In Chains, i quali troveranno di lì a poco anche la consacrazione dell’Unplugged realizzato negli studi di MTV. Di fatto, una delle ultime esibizioni di Staley con la band. Si tratta di un album oscuro e malinconico, triste e disperato, che non nasconde il grande travaglio interno al gruppo, anche se prova a trovare un ordine, a dare un senso, coniugando ancora la ricerca sonora con l’equilibrio melodico. Le canzoni qua contenute brillano tutte per identità, spessore e profondità assoluta, come anche per il proprio valore musicale, scisso da ogni altra considerazione. Non stiamo infatti parlando di un disco che si regge unicamente sull’emotività, perché al suo interno si trovano brani di livello assoluto, coniugati ad una abilità strumentale ed esecutiva degna di nota. Gli Alice In Chains possiedono –tutt’oggi- quello che la stragrande maggioranza dei gruppi non arriverà mai ad avere: identità e personalità. Impossibile non riconoscere il loro tocco, le armonizzazioni di Staley e Cantrell, le loro melodie uniche, la capacità di coniugare il metal con una propria precisa diversità musicale. Purtroppo, questo equilibrio precario trova qui la sua conclusione, fino all’impensabile ma elevatissimo ritorno, quasi quindici anni dopo. Se Dirt e Jar of Flies restano, probabilmente, i capolavori assoluti degli Alice In Chains, non si può negare che questo terzo autointitolato album sia loro degno compagno e costituisca, di conseguenza, un acquisto pressoché obbligato ed uno degli apici assoluti della musica negli anni '90.



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
82.50 su 129 voti [ VOTA]
VomitSelf
Sabato 2 Febbraio 2019, 0.57.59
45
Disco nero come la pece. Capolavoro assoluto a parere mio. L'ho letteralmente consumato ai tempi, stavo veramente intrippato con loro dopo averli visti live un paio di anni prima. 100 e basta.
Patton76
Sabato 5 Gennaio 2019, 17.37.57
44
Questo album completò la trilogia di capolavori dopo dirt e jar of flies. Più pesante e se possibile ancora più triste dei precedenti, qui jerry raggiunse il top nel suono e negli arrangiamenti (ascoltatevi over now). Grind rimane uno dei miei loro pezzi preferiti, mentre sludge factory e nothin song due dei loro pezzi più geniali. Voto 95
Philosopher3185
Martedì 27 Novembre 2018, 17.15.19
43
Capolavoro ma davvero pesante! ho ascoltato generi estremi eppure il malessere e l'inquietudine che mi ha messo addosso questo album è qualcosa di incredibile..non credo tornero' ad ascoltarlo...
Vittorio
Lunedì 29 Gennaio 2018, 10.30.46
42
Sempre eccellenti le recensioni di Lizard.
simo
Domenica 13 Marzo 2016, 23.05.36
41
E poi leggo su ondarock che heaven beside you sarebbe una canzone inutile senza nemmeno uno straccio di argomentazione...
Undertow
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 12.35.19
40
Molto bello. Ma Dirt resta insuperabile.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 13.54.47
39
Buon epitaffio, ma ritengo che quello che è venuto prima fosse nettamente superiore 75
patrick
Martedì 21 Luglio 2015, 1.25.18
38
l' inizio si god am , mi fa schiantare dal ridere e mi fa venire in mente ozzy nel periodo anni 70 con i suoi proclami a favore della sweet leaf
patrick
Martedì 21 Luglio 2015, 1.15.50
37
A god what powerfull shoot!!!! ahahahaha
MetalMark
Mercoledì 7 Gennaio 2015, 11.43.02
36
Personalmente rimango estremamente legato a "Dirt" come miglior disco degli Alice in Chains, ma questo si avvicina molto al 100 . Complimenti
Carlitos
Sabato 17 Maggio 2014, 1.55.01
35
Questo disco è una delle cose belle della mia vita. Grazie a tutti gli Alice in chains
B.B.
Martedì 2 Luglio 2013, 15.50.45
34
Povero cane...
sgrunf
Lunedì 10 Giugno 2013, 19.16.24
33
Insuperabile .......come il tonno,voto giusto.
Marco
Giovedì 14 Marzo 2013, 11.14.42
32
è il loro album che preferisco di più. Voto: 80
Alessandro Bevivino
Giovedì 14 Febbraio 2013, 20.35.39
31
Questo album degli ALICE IN CHAINS è il più bello a parer mio, il mio voto è 100. Lunico album che si avvicina a questo livello per me è DEGRADATION TRIP versione doppia di JERRY CANTRELL.
freedom
Venerdì 16 Novembre 2012, 12.55.48
30
Lo sto ascoltando proprio ora...che disco! Cupo e decadente. Il testamento di Layne Staley in un certo senso. D'accordo con la recensione ed il voto.
Swan Lee
Lunedì 12 Novembre 2012, 21.57.07
29
Per il sottoscritto, forse il capolavoro degli A.I.C. , nonchè uno dei dischi più belli degli anni '90. Non dimenticherò mai quella sera al Rolling Stone di Milano, 1993...Riposa in pace, Layne.
Giaxomo
Mercoledì 11 Luglio 2012, 20.33.32
28
Ragazzi, qua è la roba che canta! Eccellente anche questo.
Euronymous
Giovedì 2 Febbraio 2012, 19.23.25
27
Inutile replicare ai commenti sulla copertina precedenti. grande disco di una band che non ebbe mai paura di cambiare, la mia preferita tra quelle di Seattle dei primi anni '90... cmq la copertina è bellissima e se vi urta vuol dire che il suo obiettivo l'ha raggiunto.
Sbiriguda
Venerdì 7 Ottobre 2011, 16.41.24
26
Dovunque sia Layne Staley adesso, spero che non possa leggere certi commenti idioti. Ovviamente non mi riferisco a chi si è minimamente documentato sulla copertina ed ha almeno provato ad argomentare il proprio parere sull'album.
Red Rainbow
Venerdì 7 Ottobre 2011, 13.12.33
25
Pronto per la lapidazione, ma è l'album degli AIC che ho amato meno, pur concordando con la recensione, non so, probabilmente non è mai scattata la scintilla di un Jar of Flies, tanto per non fare esempi (forse la "compiacenza che porta a dilatare alcuni brani oltre il proprio limite naturale" per me è stata fatale...) Intendiamoci, si parla sempre di un ottimo lavoro, ma mi tocca restare sotto i 90, e solo perchè Over Now da sola vale 50 .... se vi è rimasta qualche pietra fate pure....
Un Cane
Venerdì 7 Ottobre 2011, 10.03.19
24
ridete pure... voglio vedere se sulla mia ciotola ci fosse un uomo con una gamba sola, vi indignereste... gggrrrr bau bau..
the ripper
Giovedì 6 Ottobre 2011, 23.17.35
23
ha@ tre gambe. al cane manca una gamba e a me una H
the ripper
Giovedì 6 Ottobre 2011, 23.16.42
22
Vabbè, nel retro copertina c'è un uomo a tre gambe.Cantrell spiegò il significato di questo mondo a tre zampe.non è difficile capire che loro erano in tre piu uno.Frogs è un viaggio tra i meandri piu oscuri degli anni '90, l'ultimo decennio "normale" prima del salto verso il vuoto.Fiero di averlo comprato quando usci.
Flag Of Hate
Giovedì 6 Ottobre 2011, 21.40.36
21
vabbè, mica l'hanno amputata loro, la zampa del cane....
BILLOROCK fci.
Giovedì 6 Ottobre 2011, 20.05.20
20
Macbeth: Grazie della info.. !! Che tristezza di band ... tse tse
Macbeth
Giovedì 6 Ottobre 2011, 19.29.12
19
Per chi non lo sapesse era il cane di Cantrell...
Elluis
Giovedì 6 Ottobre 2011, 15.59.37
18
Mi unisco ai commenti di Radamanthis e Billorock: questa copertina mi ha sempre dato molto fastidio, quell'espressione triste e sconsolata che si legge sul volto del cane mi urta parecchio.
BILLOROCK fci.
Giovedì 6 Ottobre 2011, 15.48.30
17
quoto l ultimo post di Radamanthis, povera bestia... Anche se immagino che la cover, abbia un significato particolare nel contesto di quaesto disco che non conosco e quindi non dò giudizi personali !!
Radamanthis
Mercoledì 5 Ottobre 2011, 23.50.04
16
Ah scordavo...parere estetico sulla cover: da amante degli animali ed in particolare degli amici a 4 zampre voto 1 alla copertina...0 si può? Se si allora 0 !!!
Radamanthis
Mercoledì 5 Ottobre 2011, 23.48.42
15
L'acquistai quando uscì...o meglio,fu un regalo di mio cugino e lo conservo per quel ricordo...il resto che dire?la band (che non reputo grunge...lo dirò allo sfinimento) ha fatto di meglio ma anche qui fa un disco di gran classe. Voto forse esagerato ma è solo un mio parere personale. Concludo dicendo che se tutto il grunge fosse di questi livelli (e ripeto, x me non è grunge) il mio parere su questo genere sarebbe diverso. Band grandiosa. Voto: 85
Sbiriguda
Mercoledì 5 Ottobre 2011, 15.58.40
14
Butto lì una proposta: e se il voto dei lettori fosse possibile solo dopo aver postato un commento, oltre che ben visibile in calce al commento stesso? Scommettiamo che certe cime di rapa non sarebbero capaci di argomentare uno zero (o un 99 al gruppetto sfigato del compagno di merende) se vi fossero davvero costrette?
Lizard
Martedì 4 Ottobre 2011, 7.26.52
13
@Undercover: Che vuoi... Non è solo questione di talento e predisposizione, ma anche di tanta applicazione
Undercover
Martedì 4 Ottobre 2011, 0.22.36
12
C'è sempre il coglione che vota 0 eh...
Macbeth
Lunedì 3 Ottobre 2011, 22.44.46
11
In questo disco le continue sovraincisioni vocali servono a coprire la voce di Layne ormai disfatta dalla droga. La prova è la versione di "Another Brick in the Wall" parte 2 dei Class of '99. Quella cazzo di droga lo aveva reso "a fool of me again and again"! Quanto dolore in questi testi.
Ascarioth
Domenica 2 Ottobre 2011, 16.31.10
10
Bello, davvero bello Comunque... quella copertina è molto più inquietante e triste di chissà quante porcate sanguinarie à la Cannibal Corpse (Porcate per modo di dire, alcune sono comunque belle copertine, ma questa è particolare)
Lizard
Sabato 1 Ottobre 2011, 18.32.31
9
Salutamelo discorso lungo e complesso quello dei negozi di dischi, caro Jimi, che purtroppo ci porta lontano dagli Alice in Chains. Ne parleremo in altre sedi, sicuramente. Un saluto!!
Jimi The Ghost
Sabato 1 Ottobre 2011, 18.15.54
8
Conosco il proprietario del barrettino ...è vero quello che dici: 90% sono falliti e chiusi. Nella mia città sono comunque presenti vecchissimi negozi di dischi appartenuti agli "anni d'oro" della musica e delle vendite planetarie. Rimasti volutamente piccoli per passione, ma fortemente di nicchia. Io ci vado di tanto in tanto per scambiare anche due chiacchiere, (anche se il tipo del metal è il classico criticone sapientone...!) e molte volte trovo dei vinili del 68...Bisognerebbe parlarne anche della crisi perenne del mercato musicale, ovviato adesso dai live in continuo aumento...
Lizard
Sabato 1 Ottobre 2011, 18.00.33
7
Ovviamente, come il 90% dei negozi di dischi ormai. Credo che al suo posto ci sia un simpatico barettino d'angolo. Naturalmente non ho mai messo piede neanche lì
Jimi The Ghost
Sabato 1 Ottobre 2011, 17.55.25
6
Ahaha...Chissà se il negozietto avrà fallito alla fine...! Comunque trovo sempre e particolarmente molto istruttive e formative la sezione web dei dischi rispolverati..! Un saluto. Jimi TG
Lizard
Sabato 1 Ottobre 2011, 17.50.27
5
Ma grazie a te!! Io di questo disco ho la versione in cassetta con la custodia verde fluorescente, comprato in un negozio il giorno stesso in cui uscì, in un negozio nel quale non avevo mai messo piede prima e non ce l'ho rimesso mai dopo.
Jimi The Ghost
Sabato 1 Ottobre 2011, 16.54.53
4
E allora...??!! e dai The Doors, e poi con i Nirvana...La smettiamo a rispolverare questi vinili??? Eccolo, Alice In Chains è un album che fu definito "letale" per il grunge poiché tenderà a proiettarlo verso un misterioso stile informe alle regole musicali definito da molti gioralisti dell'epoca: il "grunge progressive" (total guitar 1995) che concordo a pieno in particolare per le ribelli armonizzazioni presenti in questo disco: con pumblee composizioni, pressanti, martellanti, incisive e fatalistische con ipnotiche oniriche infernali raccolte in un incubo chiamato Alice In Chains. E' vero qui c'è personalità. Si, Saverio, un disco con personalità. Dietro al mio disco c'è ancora l'etichetta annerita dalla colla e dal tempo..., ma cos'è...è come una macchia di sugo e olio...(cazzo). Sul dorso penso che ci sia scritto 18 mila lire....Ogni volta che si rispolvera un disco, si rispolverano anche i nostri reconditi ricordi...QUALI??? a non aver trovato "SAP" degli Alice In Chains (cazzo, e son due...) Ciao Lizard e grazie.... Jimi TG
Arvssynd
Sabato 1 Ottobre 2011, 13.46.45
3
Magnifico anche questo
Bloody Karma
Sabato 1 Ottobre 2011, 11.20.16
2
un disco contrastato e controverso...ci sono dei gioielli di pura e nera disperazione (Frogs e Sludge Factory), brani di una dolcezza e melanconia devastanti (heaven beside you e shame in you) e pezzi di puro metallo assolutamente di classe (grind, god am e head creeps). In mezzo, ci sono però anche delle tracce che non riesco a comprendere (over now, again di cui detesto la strofa ma il chorus è diabolico con tutte quelle sovraincisioni vocali, so close ecc...). Eppure, a distanza di anni, il disco che rimetto più spesso è proprio questo, ho sempre la sensazione di essermi perso qualcosa e di trovare nuovi quadri di lettura per diversi brani.
Undercover
Sabato 1 Ottobre 2011, 10.46.57
1
Non riesco a dare neanche un punto in meno a questo terzo album, 95 anche a lui, troppo bello, emozionante, vario nel suo decadere lento e costante, è un'opera sublime di quelle che ormai raramente il rock ci regala.
INFORMAZIONI
1995
Columbia Records
Grunge
Tracklist
1. Grind
2. Brush Away
3. Sludge Factory
4. Heaven Beside You
5. Head Creeps
6. Again
7. Shame In You
8. God Am
9. So Close
10. Nothin’ Song
11. Frogs
12. Over Now
Line Up
Layne Staley (Voce, Chitarra, Cori)
Jerry Cantrell (Chitarra, Voce Principale su 1, 4, 12)
Mike Inez (Basso)
Sean Kinney (Batteria)
 
RECENSIONI
84
87
90
92
95
95
75
85
ARTICOLI
02/07/2018
Live Report
ALICE IN CHAINS
Sherwood Festival, Stadio Euganeo, Padova, 28/06/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]