Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYPTIC BROOD
Outcome of Obnoxious Science

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Fleshgod Apocalypse - King
24/02/2016
( 4976 letture )
I Fleshgod Apocalypse sono, in questo momento, il gruppo nostrano più in voga nel panorama musicale metal; forti anche di una proposta dalle trame sinfoniche, sempre in grado di abbracciare una grande fetta di pubblico e il mai banale partenariato con la Nuclear Blast, la band è riuscita a portare le proprie teatrali rappresentazioni anche al di là dei confini della nostra penisola, diffondendo così il vessillo italico nel vecchio continente e non solo.
King, quarto album della band, cambia il contesto a tinte mitologiche di Labyrinth; con questo lavoro infatti si descrivono forza e debolezza del potere sovrano, di un re appunto che si circonda di un ambiente dove sono soprattutto il vizio e la corruzione a spopolare, ma le cui ambizioni e la sete di gloria non ne escono menomate.
Questo contrasto viene espresso con maestosa teatralità dai Fleshgod Apocalypse, grazie a una formula che non riserva particolari sorprese, ma che merita comunque di essere analizzata.

King si presenta come il lavoro "meno complesso" rispetto a quelli passati, sebbene quanto fatto da Francesco Ferrini per quello che riguarda orchestrazioni e relative composizioni sia davvero notevole. Sicuramente c'è la vivida intenzione della band di focalizzare l'attenzione dell'ascoltatore proprio su questo perché sono i vari elementi connessi con la tradizione classica a conferire quella teatralità all'opera; si passa così dai pindarici trionfalismi in tiratura power con suoni in grado di gonfiare di orgoglio il petto ai momenti di assoluta melodrammaticità abili a scrutare nel profondo l'animo umano.
Per quello che riguarda il lavoro delle chitarre, invece, i Fleshgod Apocalypse hanno fatto un passo indietro rispetto all'esperienza passata; le ritmiche calcano la mano su ritmi più regolari, prevalentemente cadenzati, in modo da conferire al suono quella sensazione di sinistra oscurità ricercata pedissequamente, in particolar modo in questa produzione. Di conseguenza, sono stati evidentemente ridotti i momenti in cui la furiosa rapidità passata riesce ancora a emergere dalle viscere; la traccia Mitra, su tutte, ripropone i vecchi retaggi, oscurando le sinfonie di sottofondo e lasciando spazio a un furioso dinamismo accompagnato dal rabbioso blast beat della batteria.
Nel suo insieme, King non è un disco che si riesce facilmente ad assimilare con pochi ascolti; nelle prime riproduzioni la presenza delle chitarre può sembrare soffocante, vista la riduzione nel merito di varianti e diversità stilistiche; successivamente, entrando sempre più a fondo nelle stanze della corte del sovrano, con una maggiore attenzione ai particolari sinfonici e alla grandezza delle voci liriche che ci spingono sempre di più, si riesce ad apprezzare l'ottimo lavoro fatto.

Entrando sempre più nello specifico, passata la marcia trionfale introduttiva, si entra subito nelle viscere sovrane; in Aeternum si apprezzano le trascinanti voci in sottofondo dei cori e le chitarre che, con i loro riff serrati e granitici, conferiscono sia un grande slancio sia una buona dose di cattiveria. In questo pezzo, come nei seguenti, si apprezza il bilanciamento fra il growl cavernoso di Tommaso Riccardi e il cantato pulito Paolo Rossi. La voce pulita si esibisce in un ritornello pregnante di carica emotiva, grandiosità e epicità, risultando così anche molto orecchiabile.
Stesso discorso vale per la traccia And the Vulture Beholds, più o meno sulle linee ritagliate nella canzone appena descritta, ma qui l'esecuzione complessiva è migliore; è ottimo il fraseggio in cui la chitarra solista riesce finalmente a liberarsi dal coacervo death sinfonico e la prova generale delle sei corde è più dinamica e incisiva.
Il momento più alto di King è sicuramente la traccia Cold As Perfection, di cui si può trovare il video che permette di contestualizzare al meglio il concept dell'album; una canzone in costante crescendo, all'inizio su ritmi regolari, tenebrosi e oscuri, con la voce femminile che dà la percezione di cadere in un horror vacuo senza fondo; con il passare del tempo la canzone è un costante crescendo con il climax finale in cui la voce del soprano Veronica Bordacchini finalmente esplode con una carica emotiva che non ha eguali. Altro momento di grande intensità è la traccia Die Leidenschaft Bringt Leiden; qui è solo la voce del soprano a essere posta su un piedistallo, valorizzata anche dalla assenza delle chitarre e dalla presenza minima e poco invadente delle orchestrazioni.
Passata questa istanza particolarmente aulica, a parte l'episodio costituito dalla traccia And the Vultur Behold, l'album perde freschezza. Gravity si dimostra essere una canzone troppo monotona e le tracce successive non entusiasmano perché ricalcano troppo i manierismi precedenti. Tracce evitabili quindi, simili alle precedenti e che con l'orecchio, in questo momento della riproduzione visibilmente affaticato, risultano di troppo.

Complessivamente la prova dei Fleshgod Apocalypse è di alto livello, fortemente ispirata, precisa e in grado di tirare su una rappresentazione che trova la propria forza nella sua spiccata teatralità.
A parte le perplessità illustrate sul finire del disco e alcune circostanze in cui i suoni sinfonici vengono surclassati da quelli di matrice death, risultando così annebbiati e poco chiari, King è un disco piacevole, intrigante e che si fa apprezzare con l'aumento degli ascolti.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
93.77 su 44 voti [ VOTA]
Macca
Martedì 17 Ottobre 2017, 18.41.33
39
Veramente un album molto valido, a partire dallo stupendo intro fino alla fine nessun calo di tensione. Anche il precedente era bello ma qui secondo me siamo su livelli non distanti dagli ultimi lavori dei Septicflesh, per me indiscussi maestri nel genere, nonostante l'approccio sia molto differente sia nelle melodie che nel songwriting. Molto bello, voto 80
gianmetal
Sabato 18 Giugno 2016, 21.21.29
38
grandissimi,un po di sano death made in italy la stessa sensazione che i cripple bastardsmi fecero la prima volta che li ascoltai
Alcor81
Giovedì 3 Marzo 2016, 10.57.07
37
Ne ho sentito tanto parlare dovrò ascoltare qualcosa, ho visto che hanno anche unottima presenza scenica
d.r.i.
Martedì 1 Marzo 2016, 8.28.13
36
edohard
Martedì 1 Marzo 2016, 0.00.27
35
@dri ok...i gusti poi non si discutono...aspetto a dare un giudizio definitivo all album...molti sono entusiasti lo si evince anche dal voto lettori...sono soddisfatto di questo disco anche se non completamente...ovvio che richieda più ascolti...ripassero per il voto
d.r.i.
Lunedì 29 Febbraio 2016, 10.43.44
34
@edohard: riporto la mia prima frase del commento "Vado contro corrente, per me un gruppo in fase calante in cui la cacofonia nella sua accezzione negativa prevale sulla musica" e parlavo del cd, poi ho detto anche che dal vivo aumenta questo senso di confusione. Forse era poco chiaro il commento ma il senso era che li trovo confusionari anche su cd a partire da Labyrinth compreso. Questa è una mia impressione poi magari sbaglio ma non devo per forza farmelo piacere.
Le Marquis de Fremont
Lunedì 29 Febbraio 2016, 10.15.59
33
Effettivamente hanno cambiato sound, anche se non del tutto, rispetto a Labyrinth. Ma il punto è che lo hanno fatto andando in un'altra direzione positiva, con un songwriting ancora ottimo e con idee. Lo ho ascoltato varie volte, prima di scrivere questo commento ed è stato ogni volta molto piacevole. Ottima band e danno la netta sensazione di avere grandi margini di sviluppo. Gran disco. Au revoir.
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.42.41
32
Minchia...
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.41.56
31
@dri nel tuo post dai 65 ad un album associandolo alla resa live...che c'entra?
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.41.55
30
@dri nel tuo post dai 65 ad un album associandolo alla resa live...che c'entra?
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.41.53
29
@dri nel tuo post dai 65 ad un album associandolo alla resa live...che c'entra?
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.41.48
28
@dri nel tuo post dai 65 ad un album associandolo alla resa live...che c'entra?
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 18.38.55
27
@dri che evolvono è un dato di fatto...ripeto questo album è composto quasi totalmente da mid tempo...il tuo discorso sta in piede se ti riferisci a labirinth a tratti caotico a causa del missaggio...in king il lavoro fatto in studio è nettamente migliore...il songwriting pare anche...dal vivo il discorso cambia anch io al metalitalia.com ci ho capito poco a parte un paio di brani che conoscevo...se si conoscono gli album cambia l ascolto dal vivo...di certo così tanta carne al fuoco non è semplice da riprodurre live...
d.r.i.
Domenica 28 Febbraio 2016, 14.35.19
26
@edohard: hai mai sentito di idee personali? Per te evolvono? Benissimo, per me aumenta la confusione per cui non riesco a sentire la musica come tale ma come mix di suoni indistinti. Poi se hanno successo bene, un vanto italiano che riesce a emergere anche e soprattutto all'estero.
edohard
Domenica 28 Febbraio 2016, 13.46.20
25
Qui c'è gente che definisce la band in calando...ma avete mai sentito parlare di evoluzione? cambio di direzione? I fleshgod hanno semplicemente rallentato i ritmi creando uno stile che definirei personale allontanandosi dal brutal death iniziale presente in molte band anche italiane...può piacere o meno lo stile ma mi pare senza dubbio personale e ciò è di base positivo...
Hellhammer99
Sabato 27 Febbraio 2016, 19.16.12
24
Ottimo album secondo me, anche se il mio preferito rimane comunque Mafia bravi i nostri Fleshgod!
Mr.Darcy85
Venerdì 26 Febbraio 2016, 7.40.09
23
L'ho ascoltato prima su youtube.. poi comprato... ora che lo sto assimilando devo dire che è un vero capolavoro. Sono bravissimi.
xxx
Giovedì 25 Febbraio 2016, 12.44.56
22
Album fantastico, ma il video di cold as perfection è veramente da vomito!!!!! E' troppo pezzenterrimo!
Sicktadone
Giovedì 25 Febbraio 2016, 11.35.21
21
Io non sono lo stesso recensore di Labyrinth, quindi é normale questa incongruenza.
Ombra
Giovedì 25 Febbraio 2016, 11.30.23
20
Anche secondo me questo disco dimostra che sono in fase un pò calante, a mio parere hanno un pò snaturato il loro suono, troppe, troppe orchestrazioni e quasi mai sfuriate velocissime (loro marchio di fabbrica), dopo l'Ep Mafia non mi hanno mai convinto appieno. Ps: un pò di coerenza nei voti non guasterebbe, Labyrinth (voto 80) viene giudicato inferiore a questo anche se hanno lo stesso voto..
Ditark
Giovedì 25 Febbraio 2016, 9.15.08
19
Capolavoro.
Sicktadone
Giovedì 25 Febbraio 2016, 7.52.10
18
Sono d'accordo con la riflessione di dri
d.r.i.
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 22.30.21
17
Io ho solo detto la mia è quando leggo "solo per rispetto bisognerebbe apprezzare" rabbrividisco. Cioè non posso dire la mia su un genere che ascolto spesso e devo dire che sono bravi solo perché italiani? Boh! Poi capisco e concordo che dell'esterofilia si fa spesso una bandiera ma qui parlo di questo gruppo che per me é in calando.
Danimanzo
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 21.09.08
16
Finalmente. Finalmente hanno rallentato i tempi, fatto risaltare le chitarre e ricamato il tutto con maggiore atmosfera. Se non sarà considerato il loro capolavoro ( me lo auguro ), sarà comunque ricordato a lungo. Voto: 90
Rejection
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 19.56.41
15
Se vi annoia probabilmente è perchè non amate molto il genere, i pezzi sono molto vari. Oltretutto c'è anche il "lied" e l'ultima traccia pianistica che oltre ad essere godibilissimi spezzano il ritmo e variano ulteriormente la proposta. Detto questo ovviamente "de gustibus"
Alex Cavani
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 19.37.50
14
Il commento 13 dalla terza riga in poi dovrebbe essere stampato e distribuito. Io non amo molto il death, ma amo le parti sinfonico-orchestrali e questo disco mi piace un sacco, specialmente il lied che loro hanno riadattato. Bravi Fleshgod Apocalypse.
sminkiato
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 19.33.50
13
Bellissimo album, molto più equilibrato tra le parti orchestrali e le parti death metal. Si lascia ascoltare con piacere più volte avendo una struttura dei pezzi molto varia. Dal vivo stanno riscuotendo vari sold out in terra d'America ed in Italia come al solito fanculo, ma come vogliamo pretendere che la scena cresca... lamentarsi sempre, anche dove solo per rispetto bisognerebbe apprezzare.... Complimenti ragazzi. Voto 90
Giangianni
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 19.21.52
12
Fanculo...sto album è bellissimo
sandrometal
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 18.46.08
11
di gruppi italiani ascolto solo deathss, strana officina, tossic e peggior amico.il resto per me non esiste.
Sicktadone
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 18.29.33
10
Si penso che problemi in sede live ci saranno, ma non avendo avuto la possibilità di vederli dal vivo non ho scritto nulla nel merito
galilee
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 16.35.28
9
Almeno una band noiosa a festival è strettamente necessaria.
d.r.i.
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 16.32.07
8
@Galilee: beh almeno ho potuto fare una pausa per esigenze personali senza problemi
Galilee
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 16.13.51
7
Al metalitalia, credo di essermi addormentato. Non posso dire che non siano bravi, ma a me non piacciono e annoiano da morire. Ma per il genere proposto non per le loro qualità. Quindi non mi esprimo.
d.r.i.
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 16.10.17
6
Vado contro corrente, per me un gruppo in fase calante in cui la cacofonia nella sua accezzione negativa prevale sulla musica. Infatti a me al Metalitalia festival non sono piaciuti per niente, solo confusione! Questo dal vivo sarà peggio! Voto 65 massimo
Paolo Brosio è Amore
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 15.05.10
5
E niente, io volevo solo dire che da quando ho impostato Marche Royale come sveglia mi alzo con il pisello duro come un palo della luce.
Hermeppo
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 14.58.00
4
Ascolto quest'album in loop più o meno da quando è stato leakato su Spotify a fine Dicembre. E non mi stanca mai, anzi ad ogni ascolto scopro qualcosa di nuovo. Il migliore dei Fleshgod fino a qui, e se continuano così....
Pippus
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 11.40.47
3
Il migliore dell'era post Mafia, si vede che hanno imparato dagli errori di labyrinth, songwriting e produzione in primis, dosando con cura gli ingredienti tipici del loro sound lasciando respirare tutti ,più o meno, gli strumenti. L'album gode di una buona varietà e le canzoni hanno tutte una propria personalità, anche se Gravity e Million deaths è vero colpiscono meno nel segno ma rimangono comunque ottime. Con questo lavoro hanno veramente messo le cose in chiaro ora Voto 90
Rejection
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 10.54.18
2
Disco stupendo, il migliore dei Fleshgod, non mi annoia per nulla anche dopo parecchi ascolti. Grande equilibrio tra violenza ed epicità, chitarre e orchestrazioni, ritornelli anche orecchiabili e sfuriate death. Gran gusto negli assoli. Secondo me sono migliorati anche a livello di songwriting, è l'album della consacrazione. Voto 90
Punto Omega
Mercoledì 24 Febbraio 2016, 10.27.28
1
Bravi, chapeau.
INFORMAZIONI
2016
Nuclear Blast
Symphonic Death
Tracklist
1. Marche Royale
2. In Aeternum
3. Healing Through War
4. The Fool
5. Cold As Perfection
6. Mitra
7. Paramour (Die Leidenschaft Bringt Leiden)
8. And the Vulture Beholds
9. Gravity
10. A Milion Deaths
11. Syphilis
12. King
Line Up
Tommaso Riccardi (Voce, Chitarra)
Cristiano Trionfera (Chitarra, Orchestrazioni)
Francesco Ferrini (Tastiere, Orchestrazioni)
Paolo Rossi (Basso, Voce)
Francesco Paoli (Batteria)

Musicisti Ospiti
Veronica Bordacchini (Voce nelle tracce 5, 7, 11)
 
RECENSIONI
80
80
85
80
ARTICOLI
23/05/2017
Live Report
FLESHGOD APOCALYPSE + THY LEGION + BOUND TO PREVAIL + REPUGNANCE + ANGELCRYPT
Orpheum Theater, Gzira (Malta), 19/05/2017
30/10/2016
Live Report
FLESHGOD APOCALYPSE + SCREAM 3 DAYS
CAP 10100, Torino, 27/10/2016
22/04/2016
Live Report
ENSIFERUM + FLESHGOD APOCALYPSE + HEIDRA
Fabrique, Milano, 18/04/16
22/10/2014
Live Report
FLESHGOD APOCALYPSE + CADAVER MUTILATOR + RESONANCE ROOM + GUESTS
Zsa Zsa Monamour, Palermo, 18/10/2014
10/05/2013
Live Report
THE GREAT MASS OVER EUROPE TOUR 2013 – SEPTICFLESH + FLESHGOD APOCALYPSE + CARACH ANGREN + DESCENDING
Fillmore, Cortemaggiore (PC), 06/05/2013
27/02/2012
Live Report
FLESHGOD APOCALYPSE + DELIRIUM X TREMENS + LAHMIA
Revolver Club, San Donà di Piave (VE), 24/02/2012
10/08/2011
Intervista
FLESHGOD APOCALYPSE
La genesi di 'Agony' ed alcune curiosità...
07/03/2011
Live Report
DYING FETUS + KEEP OF KALESSIN + CARNIFEX + FLESHGOD APOCALYPSE ed altri
Blackout, Roma, 04/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]