Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/18
MADDER MORTER
Marrow

23/11/18
ACCEPT
Symphonic Terror – Live at Wacken 2017

23/11/18
SINBREED
IV

23/11/18
SONS OF LAZARETH
Blue Skies Back To Grey

23/11/18
EMBRYONIC CELLS
Horizon

23/11/18
CORPSESSED
Impetus of Death

23/11/18
UNEARTH
Extinction(s)

23/11/18
KALIDIA
The Frozen Throne

23/11/18
TRAGODIA
Before the Fall

23/11/18
WARPATH
Filthy Bastard Culture

CONCERTI

20/11/18
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

21/11/18
MUDHONEY + PLEASE THE TREES
LOCOMOTIV - BOLOGNA

22/11/18
MUDHONEY + PLEASE THE TREES
LARGO VENUE - ROMA

23/11/18
MUDHONEY + PLEASE THE TREES
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/18
METHEDRAS
THE OLD JESSE - SARONNO

23/11/18
CORELEONI + UNDERSKIN + REDEEM
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

23/11/18
PUNITION BABEK + LAST RITES + ASTRAL FIRE
EXENZIA - PRATO

24/11/18
TESSERACT + BETWEEN THE BURIED AND ME + PLINI
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

24/11/18
ASPHYX
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

24/11/18
NOTHING
LOCOMOTIV - BOLOGNA

Aborted - The Archaic Abattoir
( 11509 letture )
100, perché gli Aborted hanno raggiunto vette inimmaginabili. 100, perché se il grind è in continua evoluzione il merito è soprattutto di questi macellai belgi, che con la loro immensa classe e tecnica, hanno letteralmente devastato il genere, combinando death, thrash e grind. 100, perché questo disco non ha pecche, segni di rallentamento o quant'altro.
The Archaic Abattoir va oltre quello che ci si poteva aspettare. Gli Aborted segnano il tempo, Purity Of Perversion seguiva le operazioni a cuore aperte iniziate su Reek Of Putrefacion dei Carcass, Engineering The Dead dava lo scossone al movimento brandendo carne umana ad un ritmo insostenibile, Goremageddon: The Saw And The Carnage Done era l'antitesi, la reincarnazione dello splatter più malsano, la base della devastazione sonora, un concentrato di Exhumed, Nasum, Dying Fetus e Skinless.
Ora ci troviamo di fronte a quello che tutti i fan aspettavano. Tre ospiti da brivido, Michael Bogball dei tecnicissimi Mnemic, Bo Summer degli Illdisposed e soprattutto (scusate, ma in questo caso sono di parte) Jacob Bredahl dei devastanti Hatesphere (leggersi recensione di Ballet Of the Brute). I tre, con la classica timbrica swedish thrash, aumentano di netto il valore del platter, alternando le loro liriche con quelle disumane di Sven, sempre più vicine ad una lavatrice in disuso. Impressionanti, per potenza stilistica, le isteriche ritmiche, vicine per certi versi al thrash qui sopra menzionato. Un crudo attacco, reso ancora più tecnico dall'incredibile lavoro del nuovo drummer, tal Gilles Dellecroix, che imperversa su tutta la linea con un'impressionante precisione e devastazione. Il macellaio sprezzante e galante di Goremageddon, trasporta il suo lavoro in riva al fiume, dove ad aspettarlo c'è una graziosa ed accogliente casetta. Inutile descriverne l'interno ed inutile accennarne i testi. Il nostro lavoratore usa la mannaia come Sven usa i grugniti. Senza limitazioni o rallentamenti. Ed ecco, in questo inquitante contesto di cadaveri maleodoranti, Dead Wreckoning, pezzo che permette ai nostri di aprire il mattatoio. Il pezzo risulta essere uno dei più belli scritti dal combo belga, un duetto con il già citato Michael Bogball, spinge la ritmica verso matrici thrash, mentre rallentamenti improvvisi equilibrano il massacro messo in atto. Blood Fixing The Bled segue a ruota, con l'ugula di Sven che ottura le già dissacranti ritmiche. Il grind degli esordi è stato in parte dimenticato, per precisissime e cadenzate sezioni thrash/death/brutal. E l'alchimia creata rende davvero giustizia al combo belga. The Gangrenous Epitaph e The Inertia ospitano, come detto, il frontman deathster degli Illdisposed, Bo Summer, ed il risultato è decisamente devastante. Ma è con Threading On Vermillion Deception che gli Aborted creano la propria nuova identità. Doppia cassa impazzita, ritmiche che ricordano il vecchio thrash anni '80, Sven che sventra le malcapitate liriche e il posseduto Jacob Bredahl che vomita i resti di Ballet Of the Brute. Un pezzo spaventoso, per precisione stilistica e rabbia. Chiude Descend To Extirpation, pezzo vicino alle idee di Goremageddon, ora grind, ora death.
Con The Archaic Abattoir, gli Aborted hanno decisamente raggiunto l'apice della loro carriera. Non sappiamo se questo platter sarà un apripista per altre band, ma la sensazione è molto forte e decisamente palpabile. Al momento il trono è loro ed in attesa di altri figli dei Carcass, date loro il giusto tributo.



VOTO RECENSORE
100
VOTO LETTORI
69.03 su 86 voti [ VOTA]
ObscureSolstice
Sabato 3 Novembre 2018, 16.58.09
20
il 100 di questo può essere per i brutallari e non per i deathster. Concordo in parte col post 8, poi ognuno tira le cifre come meglio crede ma da capolavoro assoluto neanche l'ombra, è un attribuzione fin troppo esagerata. Ascoltato ancora oggi questo lavoro -core e non è veramente di tale cifre numeriche, altrimenti cosa dovremmo dare a Suffocation o Cannibal Corpse
lisablack
Venerdì 20 Luglio 2018, 17.44.14
19
Che massacro, che goduria..!! Annichiliti, ecco come si resta! Ahahah. Però il 100 forse è troppo..anche per me 85 ci può stare.
Steelminded
Sabato 12 Maggio 2018, 17.41.36
18
Galilee, beh però non mi sembra un disco che necessiti diversi ascolti questo. E' abbastanza immediato, o piace o non piace Cmq bello, sul giudizio sono abbastanza d'accordo con te.
Galilee
Sabato 12 Maggio 2018, 14.32.43
17
Io l'ho dovuto ascoltare almeno 5/6 volte prima di capirlo. Addirittura lo abbandonai e lo ripresi più in la nel tempo. Comunque anche per me il 100 lo vede col binocolo. 85 /100 direi.
Steelminded
Sabato 12 Maggio 2018, 14.27.07
16
Al secondo ascolto cinfermi che é un album più che disvreto, ma non é che mi abbia presi chissa poi quanto... No, 100 no... Non ci va neanche vicino. Bello da 75-80, ma non giustifica i toni enfatici usati nella recensione. Io ho la versione con le bonus track è arrivato alla 12 quando hanno suonato drowned degli entombed ho avuto la certezza che i capolavori sono altri. Evviva!
Doom
Venerdì 3 Marzo 2017, 15.49.44
15
Altro album grandioso per il Sor Svencho e company! Massacro ad alti livelli qualitativi...non penso sia forse il loro migliore ma di certo se la gioca con il masterpiece Global Flatline e Goremageddon. Quando poi decidono di metterci quel groove allora non hanno davvero rivali. 8,5 secco.
Pink Christ
Lunedì 2 Maggio 2016, 9.33.46
14
100 un pò esagerato perchè ci son album death metal che meriterebbero più di questo ma sicuramente è uno dei migliori album di metal estremo in circolazione 93 ci sta tutto.E cmq @qwertyuiop ha perfettamente ragione: Altar of madness è da 100
valerio
Domenica 22 Marzo 2015, 10.06.50
13
@qwertyuiop c'hai perfettamente ragione
valerio
Domenica 22 Marzo 2015, 10.06.50
12
@qwertyuiop c'hai perfettamente ragione
qwertyuiop
Lunedì 23 Febbraio 2015, 13.36.45
11
Non é da 100 perché se dai ad altars of madness 93 100 non lo dai a niente però un 85 lo prende.
Nihilistic decadence
Venerdì 29 Agosto 2014, 3.12.33
10
@Reek Beh, i Cannibal non hanno mai avuto evoluzioni particolari, però sono sempre rimasti fedeli alla loro proposta originaria.. Il death, ma anche il black, odierni sono oramai nella gran parte dei casi (non tutti eh!) privi d'anima, con produzioni super-ultra-pompate che nascondono la mediocrità che affligge il metal estremo negli ultimi anni.. È una visione molto critica, lo ammetto, ma quando mi ascolto i grandi classici sia death che black, mi risale la bile fino ai capelli pensando alla scena odierna! Le band veramente buone e, più o meno, sincere sono relativamente poche, soprattutto tra quelle venutesi a formare nell'ultimo decennio..
Reek
Mercoledì 27 Agosto 2014, 13.33.29
9
@Nihilistic decadence cavolo, non sono l'unico allora a pensarla così (anche se i Cannibal Corpse come sono riusciti ad andare molto in alto, son scesi nella mediocrità più bassa). A vedere le valutazioni che ci sono su questi siti sembra uno di quei gruppo che ha fatto la storia del metal estremo.
Nihilistic decadence
Giovedì 21 Agosto 2014, 15.00.20
8
Bah, gli Aborted sono sempre stati abbastanza mediocri, a parte forse per Engineering the dead e Goremageddon.. Dopo Strychnine, che è un vero abisso, questo è un altro album che evidenzia la pesante influenza -core che li ha sempre caratterizzati, soprattutto deathcore: vocals in primo piano, breakdown ogni 10 secondi, batteria abbastanza anonima.. Se questo vale 100, allora io death è morto.. Personalmente, ritengo che l'album più mediocre dei Cannibal Corpse sia in grado di spazzare via tutta la loro discografia.. Poi, ovviamente, rispetto il punto di cosa del recensore e di coloro che lo ritengono un "capolavoro", ci mancherebbe!
Galilee
Lunedì 26 Maggio 2014, 20.26.15
7
Alla fine, l'ho riascoltato a dovere e devo ammettere che finalmente l'ho capito e l'ho apprezzato. Gran bel disco, un 80 se lo merita tutto.
LAMBRUSCORE
Lunedì 26 Maggio 2014, 19.38.09
6
Ottimo disco con una sua personalità , 100 per me è troppo, però un 85 se lo merita.
Galilee
Lunedì 16 Settembre 2013, 10.57.46
5
Io ce l'ho ma non mi ha mai preso un granché, mi sa che devo riascoltarlo meglio...
killing
Venerdì 10 Marzo 2006, 23.00.37
4
non se la tira nessuno...non preoccuparti
zak
Giovedì 9 Febbraio 2006, 10.47.32
3
non mi sembra che abbia usato parole offensive o insultato qualcuno. tiriamocela di meno
Dario
Lunedì 30 Maggio 2005, 22.37.28
2
Ho semplicemente parlato di evoluzione. Goremageddon era ed e' un ottimo disco,ma era un grind\death di carcassiana memoria.In questo album si sperimentano tante nuove soluzioni,inimmaginabili agli inizi.Sono stato il piu' onesto possibile,credo che questo album sia il punto massimo raggiiunto dal gruppo belga.Lo credo io,non e legge.,Se non sei d'accordo mi va benissimo,pero' cerchiamo di limitare certe parole...
Il professor Morte
Martedì 24 Maggio 2005, 16.37.19
1
Sei fuori. Questo album, paragonato al precedente, è spompato e noioso. Se prende 100, allora Goremageddon sarebbe cosa? 170? Mah... la perplessità sulle recensioni di questo sito aumenta...
INFORMAZIONI
2005
Listenable Records
Death
Tracklist
1. Dead Wreckoning
2. Blood Fixing The Bled
3. Gestated Rabidity
4. Hecatomb
5. The Gangrenous Epitaph
6. The Inertia
7. A Cold Logistic Slaughter
8. Threading On Vermillion Deception
9. Voracious Haemoglobinic Syndrome
10. Descend To Extirpation
Line Up
Gurgloroth Sven (vocals)
Niek (guitar)
Christophe (guitar)
Koen (bass)
Frank (drums)
 
RECENSIONI
77
s.v.
82
80
80
100
90
85
76
ARTICOLI
26/02/2017
Live Report
KREATOR + SEPULTURA + SOILWORK + ABORTED
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 21/02/2017
01/02/2013
Live Report
VADER + ABORTED + BONDED BY BLOOD + FHOBI + BLOODSHOT DAWN
Colony Club, Brescia, 27/01/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]