Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Origin
Unparalleled Universe
Demo

Project Renegade
Cerebra
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/17
ADAGIO
Life

28/07/17
SHADOWSIDE
Shades of Humanity

28/07/17
NEXUL
Paradigm of Chaos

04/08/17
CURSED EARTH
Cycles of Grief Volume 1: Growth

04/08/17
BONEHUNTER
Sexual Panic Human Machine,

04/08/17
SEVEN SPIRES
Solveig

04/08/17
THE NIGHTS
The Nights

11/08/17
THE LURKING FEAR
Out Of The Voiceless Grave

18/08/17
THE NECROMANCERS
Servants of the Salem Girl

18/08/17
ULVEDHARR
Total War

CONCERTI

22/07/17
COLONY OPEN AIR (DAY 1)
PARCO PALA BRESCIA - BRESCIA

22/07/17
DREAM ROCK EVENT
SAN PANCRAZIO SALENTINO - BRINDISI

22/07/17
WINTERAGE
TEATRO BOTTO - SAVIGNONE (GE)

23/07/17
COLONY OPEN AIR (DAY 2)
PARCO PALA BRESCIA - BRESCIA

25/07/17
MARILYN MANSON + GUEST
IPPODROMO CAPANNELLE - ROMA

26/07/17
MARILYN MANSON + GUEST
CASTELLO SCALIGERO - VILLAFRANCA (VR)

26/07/17
UZEDA + SUDOKU KILLER
LA LAMPARA - PESCARA

28/07/17
REBEL CIRCLE FESTIVAL (day 1)
PARCO SAN ROCCO - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

29/07/17
VENOM INC + GUEST TBA
BARDANERIS - THIESI (SS)

29/07/17
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

Die - Rise Of The Rotten
( 3660 letture )
"E ascoltiamoci pure 'sto debutto …"
Mi sono detto con un po' di scetticismo e aria di sufficienza.

"Che suoneranno mai questi Die, i quali in 5 anni di "florida" attività hanno messo a referto la bellezza di due demo (per un totale di quattro pezzi) ed un single? Cosa potrà mai offrirmi una band danese capace di dare alle stampe praticamente un pezzo all'anno?"

E infine…
"Se sono originali nel sound come nella scelta del monicker, bhè allora stiamo messi bene!".

Ho reso tutti voi partecipi delle mie supposizioni, così da non nascondere come le aspettative per questo Rise of The Rotten fossero tutt'altro che esaltanti. Invece mi sono dovuto ricredere (in casi come questi è sempre una fortuna). Terminato l'ascolto ho faticato a riprendermi dallo shock, tant'è che ho cominciato a scrivere usando solo mignoli e indici, in una sorta di stato di trance, con i bulbi oculari praticamente rovesciati. Iconografia a parte, fatico a trovare le parole: senza ombra di alcun dubbio se queste sono le premesse, il quintetto di Aarhus è da tenere sott'occhio perchè destinato, a meno di passi falsi, ad un futuro da protagonista nel panorama mondiale di metal estremo. Sono rimasto totalmente annichilito dal ritmo che riescono a reggere questi cinque danesi per oltre 45 minuti: possenti, contorti, quadrati, freschi nelle sonorità e maturi sotto l'aspetto compositivo, consapevoli come pochi ad un esordio.

Il mio primo pensiero, percepito lo spessore del platter, è volato verso i Decapitated, non tanto per affinità musicale quanto più per la loro storia, i quali appunto con Wings Of Creation fecero gridare al miracolo come new sensation estrema (e poi sappiamo che ottimo percorso musicale hanno intrapreso). I Die, ribadisco, a discapito del nome, sono tutt'altro che banali: dediti ad un brutal ad ampio respiro, pare proprio abbiano tutte le intenzioni di prendere a calci nei fondelli molti mostri sacri, da cui hanno appreso gli innumerevoli insegnamenti al meglio, a cominciare dai Cryptopsy (o di quello che ne rimane), passando per gli Hate Eternal e i Monstruosity, ma anche Behemoth e qualcosa dei già citati Decapitated. Coadiuvati da una produzione brillante che rende tutti gli strumenti protagonisti del platter, conferendogli un suono compatto e chiaro, i Die riescono nell'impresa di centrare e distruggere il bersaglio con tutto il loro deflagrante arsenale. Iniziamo dal cantato davvero azzeccatissimo, che mi ha ricordati in alcuni momenti un certo Mike DiSalvo per intensità e tono (Dread Lord per esempio); proseguiamo con il drumming, assurdo e tiratissimo (Vindictive), per finire nell'enorme lavoro, quasi sempre impeccabile, delle chitarre e del basso, con alcuni riffs davvero stupendi, forti, efficaci, monumentali (Soil Became Flesh ne è un fulgido esempio). Quasi, perché proprio a voler andare a cercare il pelo nell'uovo, la sessione solista di chitarra poteva essere meglio sbrogliata: assoli tiratissimi, piacevoli da ascoltare e per nulla semplici, che in certi momenti fanno il verso a Jon Levasseur, alle volte derivano un pizzico "scolastici" (espressione ovviamente da prendere con le pinze). Ad onor del vero, considerate le ragguardevoli capacità esibite, avrei preferito qualcosa di meno prevedibile, maggiormente personale e criminale, dissonante e malsano nel contempo.

Poco male. Effettivamente col loro primo full-lenght i Die hanno spiazzato per risultato e mezzi, ma soprattutto si congedano lasciando l'impressione (leggasi certezza) di avere in serbo altre positive sorprese per il futuro, nonché ulteriori margini di miglioramento da un punto di vista tecnico-compositivo. Per ora godiamoci Rise of The Rotten, candidato ad essere il debut (e non solo) album brutal/death dell'anno. Dovrà stare molto attenta la band che si porterà questi fenomeni in tournee come spalla, perchè potrebbe fare una magra figura.

E' proprio il caso di dirlo: Buy or… Die!



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
46.87 su 32 voti [ VOTA]
Grendel
Mercoledì 22 Dicembre 2010, 19.53.49
7
debutto brutal dell' anno 2010. Micidiale!!!
viktorward
Giovedì 30 Settembre 2010, 18.36.00
6
Rece efficace il disco l'ho apprezzato
Blackout
Sabato 25 Settembre 2010, 23.20.33
5
Da tenere d'occhio.
Il Cardinale
Sabato 25 Settembre 2010, 18.43.26
4
un bel 99 ci sta tutto
...
Venerdì 24 Settembre 2010, 15.43.32
3
scaricato il demo dal loro sito, e devo dire che non è niente male. vedrò di ascoltare anche questo album. Certo che con questo nome è complicato anche trovarli con google
Gnezz
Venerdì 24 Settembre 2010, 15.35.21
2
La Danimarca ha veramente un'ottima scena
wangel
Venerdì 24 Settembre 2010, 11.18.38
1
gran bella band!!provvederò all'acquisto!!!il pezzo sul loro myspace mi ha convinto in pieno!!!
INFORMAZIONI
2010
Unique Leader Records
Brutal
Tracklist
01. Execution Room
02. Soul Scavenger
03. Soil Became Flesh
04. Dead Flesh Makeover
05. Dread Lord
06. Mors Et Sanguis
07. Rise Of The Rotten
08. Vindictive
09. Gore Monger
Line Up
Søren Teddy - Vocals
Tajs Kolman - Lead Guitar
Rasmus Henriksen - Rhythm Guitar
Bent Bisballe Nyeng - Drums
Jonas Møller - Bass
 
ARTICOLI
05/02/2017
Articolo
GLI OSCURI DIECI
Il black di Norvegia con gli occhi di altri
17/10/2016
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 9 - Le dieci valutazioni del nuovo album dei Metallica
12/06/2016
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 8 - Metal: Il Buio, la Luce
17/04/2016
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 7 - Gli archetipi del commentatore
25/02/2016
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 6 - Gli archetipi del redattore
11/01/2015
Articolo
DIETRO LA MASCHERA
L'autobiografia di Paul Stanley
07/12/2014
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 5 - I dieci modi per arrivare in prima fila ai concerti
28/10/2014
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 4 - Gli archetipi del metallaro
08/10/2014
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 3 - Cattive abitudini e pessimi esempi del metallaro
30/09/2014
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
# 2 - I dieci nemici di un vero metallaro
06/09/2014
Articolo
I DIECI COMANDAMENTI
#1: Cosa fare e cosa non fare ad un concerto metal
11/04/2014
Intervista
EVIL NEVER DIES
Ritratti sulfurei
20/05/2012
Intervista
EVIL NEVER DIES
Parla il chitarrista Fabio Di Tullio
28/12/2011
Articolo
FREDDIE MERCURY
Chi vuol vivere per sempre?
24/11/2011
Articolo
FREDDIE MERCURY
Un vero mito non muore mai
15/02/2011
Live Report
SODOM + DIE HARD + IRREVERENCE
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 10/02/2011
22/08/2010
Articolo
INDIE ROCK: STORIA DI UN FENOMENO
Il nuovo rock di tendenza
26/05/2009
Live Report
RACCONTANDO FREDDIE
Il Musical
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]