Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
SEPTEKH
Pilgrim

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

27/08/18
EMINENCE
Minds Apart

CONCERTI

21/08/18
ORIGIN + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

22/08/18
DYING FETUS + TOXIC HOLOCAUST + GOATWHORE
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/08/18
ORIGIN + GUEST
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

23/08/18
PICTURE + SØNDAG
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
BLAZE BAYLEY + WHITE SKULL + I AM LETHE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
SEXPERIENCE + STONEDRIFT
I MERCENARI BIRRERIA - VIADANA (MN)

25/08/18
ANGEL WITCH + METHEDRAS + ANGUISH FORCE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

25/08/18
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - REGGIO CALABRIA

25/08/18
BEERAPOCALYPSE NIGHT
IL CHIRINGUITO 2.0 - PRATO

28/08/18
FLOGGING MOLLY + STREET DOGS
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Darkthrone - Arctic Thunder
14/10/2016
( 5295 letture )
Un fuoco da campeggio ardente stagliantesi sullo sfondo del cielo nordico, trafitto dalle geometrie spettrali delle conifere: questa è la veste in cui ci è stato offerto, sin dal suo annuncio, l’ultimo lavoro dei Darkthrone. Una veste che, per molti fan della prima, ora non potrà che assumere immancabilmente la fisionomia di un sudario, essendo svanita ogni possibilità di assistere al riproporsi di un platter avente le sembianze rassicuranti di Transilvanian Hunger o di Under a Funeral Moon. E tale presunto presagio di sventura viene rafforzato da un nome, Arctic Thunder, che conserva intatto il sapore degli anni Ottanta, immergendoci ancora una volta in quella temperie in cui tutto sarebbe divenuto possibile, quale radiazione cosmica di fondo che avrebbe riecheggiato incessantemente, sopravvivendo al brodo primordiale dal quale era stata generata. L’eterna frequentazione del passato, messa in atto dal duo norvegese nelle release più recenti, opera ancora una volta in maniera possente ed assurdamente schietta, facendosi esplicitazione del non scritto e non detto -eppure intimamente presente- nel verbo di nomi quali Hellhammer e Celtic Frost. Di più, il combo forza i limiti di quell’inespresso sino a consegnarci un full-length che, nonostante i presupposti, è un grandioso affresco vivo e pulsante, tratteggiato con tocchi semplici e, a un tempo, decisivi. Esso è l’esito di un iter che origina dalla spregiudicata scelta di registrare i brani in autonomia -utilizzando peraltro lo stesso studio che li aveva ospitati nel 1988, The Bomb Shelter- e culmina nell’affidare totalmente il microfono a Nocturno Culto, al fine di conferire alle composizioni nuances solenni ed introspettive.

Quanto sinora delineato è immediatamente palpabile ascoltando l’opener, Tundra Leech: il riff ferale che dischiude il brano, adagiato su un caustico mid-tempo -in cui i più maliziosi non faticheranno a scorgere un omaggio ai Dream Death di The Elder Race- si innesta armoniosamente su movenze heavy e thrash, indubbiamente trascinanti e catchy. La chiusa sfumata offre il destro a Burial Bliss, animata da una sezione ritmica maggiormente serrata nonché abitata da pulsioni punkeggianti e da suggestioni vagamente riconducibili -inaspettatamente- persino a Transilvanian Hunger. La seguente Boreal Fiends -probabilmente uno dei brani più godibili e multiformi del platter- si snoda sinuosamente tra rallentamenti quasi doomeggianti e reprise funamboliche che non stonerebbero in un disco NWOBHM, fino all’articolato e suadente assolo conclusivo. E se Inbred Vermin non può celare una certa fascinazione per i Motörhead, avvertibile in un riff ricorsivo sin dal primo minuto della traccia, successivamente deflagrante in uno slow tempo saturo di pathos, un incedere genuinamente thrash ci trascina nella spumeggiante titletrack, martellante e sostenuta da capo a fine. La presenza di un tale arabesco di influenze più o meno esplicite nel tessuto di Arctic Thunder non implica affatto il dissolvimento dell’afflato marcatamente seminale e black, presente in qualsiasi release targata Darkthrone. Sebbene una simile matrice pervada quale corrente carsica l’intera tracklist, è in episodi quali Throw Me Through the Marshes e Deep Lake Tresspass che essa si fa maggiormente evidente, omaggiando -almeno in parte- l’operato di Tom Gabriel Warrior e soci. La scanzonata e vivida The Wyoming Distance, anch’essa efficacemente ondeggiante tra metriche serrate e sezioni dilatate, fa calare il sipario su una tale incredibile prova.

Ben poche band sarebbero difatti capaci di inoculare e veicolare in maniera tanto organica siffatta mole di influssi. Ancor meno riuscirebbero nell’impresa di plasmare un sound così fortemente peculiare, senza scadere nell’ovvio e nell’abusato, attingendo a riferimenti lontani nel tempo. Soltanto i Darkthrone avrebbero potuto realizzare tutto ciò nella foggia di un’opera corale -infinitamente stratificata alla stregua di un tesseract- eclettica eppure, allo stesso tempo, intimamente coerente ed irrimediabilmente riconducibile alla loro firma. Incuranti delle contrastanti emozioni che scuotono la fanbase ad ogni release, Fenriz e Nocturno Culto proseguono dunque per la propria strada, guidati da una inesausta e genuina ispirazione che, con Arctic Thunder, mette capo ad uno dei full-length più appassionanti e meglio realizzati della loro carriera. E se pensate che in questi tempi -afflitti da una stancante ipertrofia di nuove uscite- nulla o ben poco possa emozionarvi, è decisamente il caso di far vostro questo album.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
76.17 su 29 voti [ VOTA]
Bast1a
Lunedì 4 Giugno 2018, 23.06.42
39
A me questo album è piaciuto moltissimo, voto 80
lisablack
Venerdì 4 Agosto 2017, 7.08.26
38
D'accordo con te quando dici che i Darkthrone non si sono snaturati troppo, anche se il cambiamento c'è stato..ovviamente io preferisco com'erano ai tempi di A blaze in the Northern Sky, tanto per intenderci! Comunque dai, anch'io ho vissuto gli anni d'oro del Black Metal, ero in adorazione di questa musica, una "fede" quasi..Ancora oggi ci sono album validi, anche Metal..Il passato è glorioso e tutti lo sappiamo, ma non me la sento di dire che il Metal è morto, finito, almeno spero non succeda mai.
Hisho Hakurei
Venerdì 4 Agosto 2017, 2.43.22
37
Ho sempre amato gli anni '80, con tutto me stesso. Quando il Black Metal iniziò a diventare un mio ascolto assiduo non ho mai osato paragonarlo ai miei miti, perchè ho sempre cercato di prenderlo per quello che realmente era: una reale e ribelle risposta innovativa, a qualcosa che ormai aveva già fatto la storia, il Metal. Ho apprezzato il Black Metal e le sue band, così come tutt'ora continuo a farlo, ma ormai non più con l'occhio del ragazzo affascinato quale ero, e di frequente ormai sorrido ripensando a certe interviste, a certi poster, e a certi ascolti addirittura. Ma il bello è il brutto del Black Metal, cosi come di tutte le cose, era ed è proprio questo, ovvero il rovescio della medaglia. Sono passati tantissimi anni ormai e siamo giunti niente poco di meno che nel 2017; il Black Metal così come gran parte del Metal è ormai una cosa sbiadita, un ricordo quasi. E io che ho vissuto parte delle migliori decadi di questo grande affresco oggi adulto guardo indietro e mi accorgo di come il passato resti ancora il "grande padre" di tutto portandosi dietro la sua potenza e la sua aura. Un grande preambolo per dire che mai avrei pensato che i Darkthrone, ormai adulti anche loro e maturi, potessero chiudere il cerchio nel migliore dei modi, appunto tornando alle origini senza per questo snaturare il loro trademark, segno che contraddistingue solo i grandi. E mai mi sarei aspettato di dire, nonostante la grande stima che ho sempre nutrito per i Darkthrone, che ad oggi i Darkthrone sono diventate una delle mie band preferite di sempre. Grandi Darkthrone, e scusate se è poco.......
Typhon
Lunedì 19 Giugno 2017, 1.34.30
36
Burial Bliss ha quel riff malinconico e quasi sognante che mi fa pensare troppo ai vecchi album...e poi il titolo, davvero fantastico, peccato che Nocturno non abbia voluto pubblicare i suoi testi...comunque gioiello del disco insieme a tundra leech. Per me il loro disco migliore degli anni 2000 insieme al precedente.
Sburrazza
Lunedì 19 Giugno 2017, 0.55.39
35
Una forte stretta di mano, anzi un caloroso abbraccio per il loro contributo su questa terra. Certo roba per pochi, inspiegabile bellezza, spiraglio per chi decide di vivere le proprie preferenze essendo non capiti e derisi, o peggio, compatiti. Grave errore l'autodefinirsi, l'autocelebrarsi. Da sempre ascolto metal ma il metallaro in sè l'ho sempre trovato sciocco. Anche il metal l'ho sempre trovato sciocco, con tutti quei gridolini e vocioni che manco le comiche. Mi viene da dentro non ci posso fare niente. Per questo avrò per sempre un'adorazione per tipi come Fenriz, che metallari non lo sono mai stati.
Lethean
Giovedì 16 Marzo 2017, 19.52.40
34
L'ho trovato davvero noioso.
Morlock
Martedì 31 Gennaio 2017, 13.54.00
33
Ho accettato ben volentieri la svolta punk in particolare Circle the vagon per me rimane un masterpiece,sono al secondo ascolto di quest'ultimo e come dicevo per il singolo non essendo tanto amante dei mid tempos avrei preferito qualcosa di più tirato,cmq sia un buon 70 se lo merita!!
Doomale
Venerdì 18 Novembre 2016, 21.59.55
32
A distanza di qualche settimana dall'uscita non solo confermo quanto ho scrtitto in precedenza, ma devo dire che mi sta piacendo davvero molto..Lo ascolto spesso e volentieri. Un bell'album...semplice, diretto, grezzoi, midtempo con poche accelerazioni ma mai noioso. Al prossimo giro di acquisti prendo la copia fisica sennò non ha senso. Alzo il voto a 7,7. Grandi
lisablack
Venerdì 11 Novembre 2016, 16.52.54
31
Ne parlavo stamani, e finalmente mi ha chiamato il mio negozio di fiducia, dicendomi che è arrivato. L'ho ascoltato e l'impressione è quella che sia un buon album, anche se devo risentirlo più volte. Per me qui, la definizione black è un po' stretta..nel senso che siamo lontani dall'epoche di A blaze in the northern sky o Transilvsnian hunger..comunque riescono sempre ad essere validi. Io per motivi strettamente di gusti personali, preferisco i Darkthrone degli anni 90, perché sono legata a quel tipo di black metal, e loro mi hanno fatto conoscere questo genere di musica. Voto album 70.
terzo menati
Giovedì 3 Novembre 2016, 20.46.50
30
...con una fortissima componente Classic metal
terzo menati
Giovedì 3 Novembre 2016, 20.38.17
29
Secondo me si assesta su un buon 70, dopo diversi ascolti ovviamente. Lo stile e' quello di ravishing grimness o di hate them
Rejection
Martedì 1 Novembre 2016, 20.48.18
28
Mi sta piacendo un sacco. Bellissimo sound potente e grezzo. 85
Thulsa Doom
Venerdì 21 Ottobre 2016, 22.08.22
27
Ascoltandolo ora mi prende veramente bene...Inutile girarci intorno: le canaglie norvegesi,dopo il penultimo mezzo passo falso,hanno tirato fuori un signor disco.Io poi mi sono preso il vinile arancione e mi sono ritrovato pure il 2 promo in cassetta...quindi mezzo voto in più
Tatore
Lunedì 17 Ottobre 2016, 12.36.51
26
Non sono un esperto di black, e non conosco tutta la discografia dei Darkthrone, ma posso senz'altro dire che questo album (come il precedente) mi piace, e neanche poco. Lo trovo perfetto per la mattina Voto giusto.
Doomale
Domenica 16 Ottobre 2016, 22.53.14
25
Bene...Mi ci sono dedicato un bel pò sia a casa sia in macchina...quindi posso dire la mia. Album davvero figo, che a primo impatto mi piace sicuro di più del suo predecessore (che cmq ho in parte rivalutato!). Secondo me ci sarebbe stata bene però qualche accellerazione in più..quelle tipiche di fenriz! Infatti l'album è per lo più improntato su comunque buonissimi midtempo. Io gli dò un buon 7,5. Bentornati pure voi.
Ra
Sabato 15 Ottobre 2016, 22.22.01
24
Lo compro, non lo compro, e poi quando arrivano i Metallica, e inTestAment, e poi ci sono i Korn.....e se poi a sorpresa Max Cavalera mi esce con un nuovo gruppo condominiale Prima lo ascolto bene non posso sbagliare, e i Testament li salto.
God of Emptiness
Sabato 15 Ottobre 2016, 22.11.15
23
A prescindere dalla qualità degli album recenti dei Darkthrone, che secondo me restano pur sempre molto validi, sono la mia Black metal band preferita in assoluto. Questo lo devo ancora ascoltare quindi non voto. Bella recensione cmq. Dei primi lavori Transilvanian Hunger é veramente incredibile.
terzo menati
Sabato 15 Ottobre 2016, 19.19.35
22
Più che insultare non sa leggere visto che sono state scambiate due battute per un post errato. Il solito fenomeno maleducato di passaggio
Mulo
Sabato 15 Ottobre 2016, 18.49.01
21
Rubicon999 ti potrei rispondere con un "chi è sto cojone che anziché commentare il disco insulta altri utenti "ma preferisco evitare. Disco che sta crescendo con gli ascolti
ObscureSolstice
Sabato 15 Ottobre 2016, 18.38.52
20
ho ascoltato la prima traccia e già mi è piaciuta parecchio
lisablack
Sabato 15 Ottobre 2016, 18.00.05
19
Che male c'è? Sempre di metal si tratta...
rubicon 999
Sabato 15 Ottobre 2016, 17.52.56
18
ma chi sono sti scemi che parlano dei testamenti sotto una recensione dei darkthrone?
Alcibiade 70
Sabato 15 Ottobre 2016, 12.08.18
17
Allora non sono l'unico che ci ritrova rimandi con gli autori di Journey into mistery,non saranno piu i Darkthrone dei tempi che furono ma a me piacciono e non poco
VomitSelf
Venerdì 14 Ottobre 2016, 22.14.16
16
Non li seguo più come un tempo, anche se loro rimangono grandi. Le loro ultime cose, seppur più che dignitose, non entrano molto nelle mie corde. Anche invogliato dalla recensione in questione l'ascolterò. Chissà. Naturalmente non mi aspetto il folle e sublime putridume di vette quali 'Under a Funeral Moon' o di 'Panzerfaust'. Album figli di tempi altri, quelli. Quindi giustamente irripetibili.
Lemmy
Venerdì 14 Ottobre 2016, 16.34.50
15
La recensione ed il voto sembrano buoni, vedo pure una Imbrid Vermin che spizzica i Motorhead, vedremo, le finanze non sono molto buone ed ho altri album in mente, vedremo più in la, comunque è molta la curiostà , cercherò quanto prima di ascoltarlo o farmelo prestare, in qualche modo farò.
gianmarco
Venerdì 14 Ottobre 2016, 16.31.55
14
grazie Costanza "Nattleite" Marsella per avermi fatto scoprire i Dream Death e la canzone The Elder Race .
sans
Venerdì 14 Ottobre 2016, 16.09.56
13
Mi arriverà lunedì, che ho ordinato il vinile. Per ora lasciatemi esprimere ammirazione per la recensione, sono colpito dalla bravura della redattrice!
lisablack
Venerdì 14 Ottobre 2016, 15.31.12
12
Non l'ho ancora sentito, ma lo compro di sicuro, appena posso..non vedo l'ora.
terzo menati
Venerdì 14 Ottobre 2016, 15.12.57
11
Beh i testament li prendo alla MediaWorld
Mulo
Venerdì 14 Ottobre 2016, 15.03.57
10
Terzo,il nuovo Testament spacca. Cresce con gli ascolti,all'inizio non mi pigliava ma dopo 2 giorni che lo sento m'ha preso. Gli anni che finiscono x 6 non si smentiscono eh eh. A questo dei Darkthrone ho dato un paio di ascolti rapidi ma nn sembra un granché... Vediamo se credce con gli ascolti
Doomale
Venerdì 14 Ottobre 2016, 15.02.38
9
Preso oggi lo ascolto con calma e poi mi esprimo. L'anteprima cmq mi era piaciuta..ma secondo me c'è di più..Oltretutto 82 per il mio metro di giudizio e' davvero un voto importante quindi sono fiducioso e mi fido di Costanza che ha gia' dimostrato di essere preparatissima in materia. Vedremo...tra l'altro pure il titolo e' un tributo agli Arctic Thunder cult thrash band della loro terra. Rispetto!
terzo menati
Venerdì 14 Ottobre 2016, 13.33.10
8
Sorry il commento era per i testament, fa nulla
terzo menati
Venerdì 14 Ottobre 2016, 13.32.26
7
I blast beast vanno di moda, specie tra i più giovani, un tentativo di lifting musicale
Pacino
Venerdì 14 Ottobre 2016, 13.20.09
6
Disco bello bastardo, da un paio di settimane lo ascolto almeno una volta al giorno, grande Nocturno Culto alla voce e sei corde, voto 85
Alex Cavani
Venerdì 14 Ottobre 2016, 11.10.51
5
Cazzonissimo questo disco. E me lo sto ascoltando almeno una volta al giorno. Adoro i suoni di chitarra e la batteria che in questo contesto suona come i fustini del Dixan ci sta alla grande!
terzo menati
Venerdì 14 Ottobre 2016, 10.05.41
4
Comprato adesso sulla baia...13,€ con spedizione. Fenriz Nobel per la letteratura subito
freedom
Venerdì 14 Ottobre 2016, 9.17.19
3
D'accordo con la recensione. Album veramente bello, non ho ascoltato altro per una settimana.
.:alekos:.
Venerdì 14 Ottobre 2016, 9.11.32
2
Album più serioso e monolitico degli immediatamente precedenti, che recupera, almeno in parte, l'attitudine cupa e a suo modo meditativa dei vari "Ravishing Grimness", "Hate Them" e "Sardonic Wrath"... Piace il mantenimento della componente vintage, sia a livello meramente citazionista, sia per quanto riguarda le atmosfere evocate.
terzo menati
Venerdì 14 Ottobre 2016, 8.23.21
1
Non sapevo fosse già uscito. Dovrò ordinarlo perché sono dei grandi
INFORMAZIONI
2016
Peaceville Records
Black
Tracklist
1. Tundra Leech
2. Burial Bliss
3. Boreal Fiends
4. Inbred Vermin
5. Arctic Thunder
6. Throw Me Through The Marshes
7. Deep Lake Trespass
8. The Wyoming Distance
Line Up
Nocturno Culto (Voce, Chitarra, Basso)
Fenriz (Batteria)
 
RECENSIONI
78
s.v.
69
70
72
80
60
s.v.
74
70
94
85
99
87
74
ARTICOLI
05/11/2016
Intervista
DARKTHRONE
Slow heavy metal
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]