Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/18
BAD BONES
High Rollers

26/10/18
CHEVELLE
12 Bloody Spies

26/10/18
FIFTH ANGEL
The Third Secret

26/10/18
KMFDM
Live In The USSA

26/10/18
UNLEASHED
The Hunt For White Christ

26/10/18
ENGST
Flächenbrand

26/10/18
WESTFIELD MASSACRE
Salvation

26/10/18
EISREGEN
Fegefeuer

26/10/18
ICY STEEL
Guest on Earth

26/10/18
CARCHARODON
Bukkraken

CONCERTI

25/10/18
KILLING JOKE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

26/10/18
HOLY SHIRE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/18
THOMAS SILVER + SMALL JACKETS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/10/18
AEVUM + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/10/18
LIFE OF AGONY
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/10/18
INFERNAL FORCES
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

27/10/18
GLI ATROCI
SOUND CLUB - MILANO

27/10/18
AFFLUENTE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

27/10/18
BARBARIAN + INGROWN
CSOA ANGELINA CARTELLA - REGGIO CALABRIA

27/10/18
BARBARIAN + LICH
BANDIDOS PLACE - MESSINA

Arkona - Goi, Rode, Goi!
( 6591 letture )
UNA NUOVA SCOPERTA
C'è l'oroscopo occidentale, quello cinese e pure quello indiano; in questi giorni ho scoperto che esiste pure l'oroscopo heavy metal.
L'ho realizzato durante un’accesa discussione riguardante la comunicatività in ambito artistico. Naturalmente, nel mio disquisire, ho prontamente dirottato l’argomento sulla forma che più amo: la musica. Ci si chiedeva: come ed in che modo l’utente finale (ascoltatore nello specifico) percepisce gli intenti dell'autore? Come ed in che modo è possibile mutuare i sentimenti guida nell'ispirazione, ripercorrendoli fedelmente all'atto della "degustazione" auditiva? Compito duro, si diceva, soprattutto per la difficoltà di sorpassare la pregiudizievole caratterizzazione riconosciuta dalla critica ad ognuno dei vari sottogeneri: in buona sostanza, ciò che è scaturito dal ragionamento, è che la diffusione mediatica (nessuno escluso, purtroppo) ha favorito la nascita di stereotipi assiomatici che hanno alimentato fenomeni di clusterizzazione -praticamente astrologici- del tipo “dimmi che metal fai/ascolti e ti dirò chi sei”.
Quella sorta di oroscopo metallizzato di cui vi facevo cenno in apertura.

UN SEMPLICE MECCANISMO
Sei un blackster? Sei un oscuro ed integerrimo idealista.
Un doomster? Un patetico maniaco depressivo.
Un gothster? Un intricato sexy-secchione.
Un rocker? Un frivolo macho sciupafemmine.
Potrei proseguire all’infinito affinando per dicotomia sfumature sempre più realistiche, ma tutto ciò sarebbe ridicolo, nonché inutile incontrando soggetti eclettici e tanto intelligenti da oltrepassare le credenze per lavorare di fioretto sull'anima.

LA PROVA
Quando mi sono trovato in mano il nuovo album degli Arkona ho immediatamente tentato di applicare le varie deduzioni sin qui riportate.
Gli Arkona, forti della loro precedente discografia, che ipotetico "segno zodiacale" dovrebbero rappresentare?
Il folk-metal? Ve lo dico subito: si e no.
Si, perché effettivamente la loro musica trova ragionevoli iniezioni di tradizione popolare.
No, perché esaurire la descrizione dei quasi 80 minuti di Goi, Rode, Goi! in un unico vocabolo (seppure composto) non è davvero concepibile.

È sufficiente lasciarsi rapire dalla dinamica successione di tempos, per rendersi conto che il bilanciamento tra la godibilità e l'avventatezza tecnico-stilistica, di non facile gestione nei miscugli con contemporanea presenza di strumentazione acustica ed elettrica, è praticamente perfetto: la title-track, come i successivi brani, esplode infatti in un’articolazione davvero unica per il panorama a cui siamo soliti confrontare le band folk-metal, fatto di tanti, insulsi fake ideologici convinti di essere portabandiere di culture lontane e sconosciute per il solo fatto di aver azionato un'arpa o un violino. Tutto -in Goi, Rode, Goi!- gira con sovietico rigore, dalle fondamenta agli orpelli decorativi: la ritmica (spettacolare) sostenuta da un drumming ben concepito e da un basso dal tiro pazzesco che non disdegna linee in contrappunto, il riffing micidiale e tagliente ed infine l’ensemble vocale multi-performato, sono il cardine su cui i nostri sviluppano il songwriting. È il gioco tra la profondità dello spettro armonico e la disomogenea varietà nel costruire i refrain principali a rendere interessante questa lunghissima quinta prova del combo moscovita, che -diciamolo- non ha davvero nulla da invidiare all'idolatrata coppia nordeuropea Finntroll/Korpiklaani; tale costrutto logico-esecutivo prende forma nella conduzione strumentale grazie agli innumerevoli apporti timbrici, agli arrangiamenti minuziosamente studiati ed alla produzione curatissima (e costosissima, ne sono certo) che esalta la fluidità complessiva più del singolo contributo, ma anche nel modus operandi del vocalism diviso tra la sua accezione roca ed incalzante (growling), volta a squarciare i tantissimi disegni melodici, e quella tradizionale (corali ed interventi puliti), al contrario parte integrante dei leitmotiv o delle sovrapposizioni verticali. Le soluzioni, naturalmente, sono tra loro incidenti, momenti in cui il contrasto tra le tecniche aggiunge grande potere metallico. Fare folk-metal non significa per gli Arkona astenersi dal dispensare una buona dose di sana violenza: sono infatti frequenti gli up-tempos in un ferale e soffocante blast-beat e le sventagliate -a mò di kalashnikov- della precisa grancassa. È poi l'adozione del profondissimo ed apocalittico growling di Masha a completare l’opera di invigorimento; il suo registro è pieno, potente ed adeguato tanto nelle parti aggressive (pare un uomo dall'infinita cassa toracica) quanto in quelle "canterine", altresì molto colorate e sostenute.

L'iperbole orchestrale degli Arkona assume poi i connotati di un vero e proprio "unicum" pensando alla miriade di strumenti utilizzati in affianco al trio base (chitarra, basso e batteria): cornamuse, flauti, fisarmonica, mandolino, ocarina, arpa, tastiere (un po’ ridotte rispetto al passato) e l'inaspettata ma perfettamente contestualizzata balalaika (presente in Korochun). Le atmosfere ricreate sono vaste quanto l'originaria Madre Russia, ma sempre calde ed accoglienti come un fuoco amichevole e ristoratore. Il sound non sconta alcuna spigolosità armonica, nonostante la (nostra) disabitudine a certe successioni orizzontali, fatto che conferisce la massima fruibilità al prodotto, mai stucchevole o ricorsivo nella sua pur immensa durata. Pure l'utilizzo della lingua madre non interferisce con l'ascolto ed anzi sposa perfettamente tutti quegli abbinamenti tonali tratti dalla leggenda autoctona. Insomma un lavoro di cesello (e di cervello), per nulla fine a se stesso, che quindi convince, gratifica e soprattutto giustifica la spesa budgettizzata per l'acquisto del CD originale.

Lo sviluppo della tracklist aiuta poi a scoprire -dosandole- le tante idee presenti nel platter. Si parte dai suoni gelidi della steppa sonora di Goi, Rode, Goi!, dalle ballate dal profumo baltico alla Yarilo, dal sound black-style iperaccelerato della malefica Tropoiu Nevedanndi e della cantilenata e quasi tediosa Liki Bessmertnykh Bogov, per arrivare ad un ricorrente (ed estremizzato) atteggiamento mittelalter-metal germanico (esaltato nella chiusura della lunghissima Na Moey Zemle e nella successiva V Tsepiakh Drevnei Tainy), nonchè ad isolati passaggi death (avvio di Kolo Navi). Masha ed i suoi ospiti, tra cui componenti degli Obtest, Skyforger, Manegarm, Kalevala, ecc… accompagnano con virtù inaspettate il viaggio nelle tante culture eurasiatiche che sublimano nelle differenti sfumature con cui l'ambientazione è costruita; nello spettro tematico non manca poi un deciso richiamo all'ortodossia pagana e all'amore per le forze della natura, riprodotte -in più parti- anche attraverso il generatore di suoni.
Goi, Rode Goi! è dunque un mosaico scintillante che vi impongo di analizzare con certosino dettaglio.

Insomma, in un momento in cui la domanda appare al suo massimo (in Italia soprattutto) ed in cui qualche band storica aspetta di assestare il colpo (Manegarm) e qualcun'altra (soprattutto teutonica) zoppica sotto i colpi della commercializzazione (Shelmish, Saltatio Mortis, Haggard), gli Arkona, senza dimenticare gli Ensiferum di From Afar e l'esordio dei Finterfrost, piazzano il colpaccio dell'anno.

Goi, Rode Goi! farà scuola, non ho dubbi.
Ho detto scuola, non oroscopo!!
Semplicemente strepitosi!



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
69.73 su 71 voti [ VOTA]
VIKING2000
Lunedì 28 Aprile 2014, 20.16.51
14
Bello,veramente bello... Voto:90
fabriziomagno
Venerdì 10 Agosto 2012, 16.46.19
13
migliorato con gli anni...davvero bello, soprattutto ascoltato tutto di fila.
ecodont
Mercoledì 27 Giugno 2012, 20.07.52
12
a me è piaciuto abbastanza. un 78 ci piò stare
fabriziomagno
Sabato 8 Maggio 2010, 0.20.05
11
disco molto ostico, ho faticato tantissimo per "capirlo"...ma rimane forse un po' troppo complicato e lungo, seppur bellissimo. Gli preferisco i precedenti album, ma certo che Yarilo e la title-track sono miciali. Voto: 81
Renaz
Martedì 16 Febbraio 2010, 0.35.26
10
Molto semplicemente qualche simpaticone ha votato 1/100 o cose simili...
Giasse
Lunedì 15 Febbraio 2010, 23.56.40
9
Media inferiore al 60 dopo 13 voti... Renaz, siamo su scherzi a parte?
Renaz
Giovedì 5 Novembre 2009, 18.45.03
8
Sarà il sovietico rigore di cui parla Giasse, ma sento odore di album folk dell'anno...
Arakness
Martedì 3 Novembre 2009, 14.44.46
7
...non oso immaginare cosa mi tocca a me?!?!
Raven
Martedì 3 Novembre 2009, 8.05.43
6
Neanche male no.....
Renaz
Martedì 3 Novembre 2009, 0.09.51
5
Beh dai, neanche male
Giasse
Lunedì 2 Novembre 2009, 23.37.40
4
Da caporedattore della AP sei "un frivolo macho sciupafemmine" ad interim...
Renaz
Lunedì 2 Novembre 2009, 23.33.54
3
Ancora me lo chiedo!
Giasse
Lunedì 2 Novembre 2009, 23.33.03
2
E tu?
Renaz
Lunedì 2 Novembre 2009, 23.28.29
1
Max, sei un patetico maniaco depressivo.
INFORMAZIONI
2009
Napalm Records
Folk Metal
Tracklist
1. Goi, Rode, Goi!
2. Yarilo
3. Nevidal
4. Na Moey Zemle
5. Pritcha
6. V Tsepiakh Drevney Tainy
7. Tropoiu Nevedannoi
8. Liki Bessmertnykh Bogov
9. Kolo Navi
10. Korochun
11. Pamiat
12. Kupalets
13. Arkona
14. Nebo Hmuroe, Tuchi Mrachniye
Line Up
Masha "Scream" (Voce)
Sergei "Lazar" (Chitarra)
Vladimir "Volk" (Strumenti etnici a fiato)
Ruslan "Kniaz" (Basso)
Vlad "Artist" (Sintetizzatori, Batteria)
 
RECENSIONI
80
80
65
83
87
80
70
78
ARTICOLI
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
02/02/2018
Intervista
ARKONA
Caos e templi interiori
06/11/2014
Live Report
ELUVEITIE + ARKONA + SKALMOLD
New Age Club, Roncade (TV), 31/10/2014
06/11/2014
Live Report
ARKONA + ELVENKING + DIAVENT
Halloween Fest - Day 1
21/12/2013
Live Report
THERION + ARKONA + COMA + SOUND STORM
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO),17/12/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]