Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
KEN HENSLEY
My Book of Answers

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Accept - Too Mean to Die
21/02/2021
( 1218 letture )
In questo 2021 tornano a farsi sentire gli Accept, storica band heavy tedesca, attiva dal 1968 e debuttante nel mercato discografico con l’omonimo Accept nel ‘79. Con gli anni sono cambiati parecchi aspetti, basti pensare all’arrivo di Mark Tornillo alla voce, che dal 2009 ha sostituito lo storico vocalist Udo Dirkschneider, o il più recente (2019) cambio di bassista, che vede arrivare Martin Motnik a sostituire Peter Baltes, facendo così restare il solo Wolf Hoffmann tra i superstiti della lineup originale. Lineup che con il nuovo disco diventa un sestetto visto l’arrivo di Philip Shouse alla chitarra ritmica. Nonostante questo gli Accept sono sempre la solita band heavy, capace di regalare buona musica, suonata con una maestosa solidità e la giusta cattiveria, cosa che li ha da sempre contraddistinti e resi (negli anni ‘80) una delle formazioni heavy-speed più influenti, amate e rispettate.

Too Mean to Die, la loro ultima fatica, pubblicata dalla Nuclear Blast, prosegue il loro buon momento, iniziato con la loro ultima riunione, che corrisponde proprio con l’arrivo di Tornillo e la pubblicazione di Blood of the Nations. Dai primi istanti si riesce ad assaporare il classico sound degli Accept, opportunamente portato al passo con i tempi (ovviamente se paragonato con i vecchi album Too Mean to Die risulta sotto questo aspetto più artefatto, meno sporco e “genuino”), grazie a dei suoni carichi e a una produzione curata, che cerca di non far perdere quelle sonorità e quel gusto vecchia scuola, che fa sempre piacere trovare nei lavori degli Accept, anche dopo essere giunti al loro sedicesimo disco.
La partenza è tutto sommato convincente: Zombie Apocalypse e Too Mean to Die sono brani che da subito mostrano quanto detto in precedenza, sia per quanto riguarda i suoni estremamente pompati, sia per lo stile delle composizioni, abbastanza veloci e accattivanti. Si aprono un po’ i suoni con Overnight Sensation, che con i suoi riff e cori dal gusto hard rock in qualche modo risalta, lasciandosi apprezzare. Si torna in carreggiata con No Ones Master, canzone dalle ritmiche incalzanti, quasi speed, che si rivela nel complesso un brano incisivo e ben realizzato, con delle belle chitarre e con un Tornillo dalla voce bella rabbiosa. Segue The Undertaker, canzone dagli arpeggi e dai suoni/cori più cupi e “grossi” (che in seguito ritroveremo nella più rockeggiante How Do We Sleep), che cambia nuovamente lo stile del gruppo, portando (senza sorprendere particolarmente) un briciolo di varietà in un disco che supera i cinquanta minuti (dove quindi ci possono stare soluzioni del genere). Spazio al solito metal degli Accept con Sucks to Be You, Symphony of Pain e Not My Problem, dove Tornillo mostra ancora buoni doti vocali (mettendoci i giusti acuti e graffiando con la giusta cattiveria sui registri più bassi) e dove la band suona sempre impeccabilmente, tra speed ed heavy. Spazio poi a The Best Is Yet to Come, brano lento, che intreccia strofe arpeggiate a un ritornello potente, sorprendentemente credibile nel far trasparire e nel trasmettere un lato più emotivo della musica degli Accept. Il tutto si chiude con la strumentale Samson and Delilah, incalzante brano dal sapore orientale.

Too Mean to Die non è un capolavoro ma si rivela comunque un buonissimo disco, ben suonato da una band incredibilmente in forma. Inevitabilmente essendo un lavoro abbastanza prolisso a tratti può lasciar calare l’attenzione, ma alla fine nella tracklist non ci sono veri passi falsi o filler, anche grazie a una certa varietà, nei generi che contaminano le composizioni e nelle composizioni stesse, che cercano di non risultare troppo compatte tra loro, ma di far variare un po’ lo stile della band, a tratti più duro, a tratti più scanzonato, a tratti più profondo e cupo, a tratti più rapido e incalzante. Per concludere non si può che promuovere e consigliare l’ascolto del disco, che conferma ancora una volta la validità degli Accept nella loro forma “contemporanea”.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
79.18 su 27 voti [ VOTA]
Acce
Venerdì 26 Febbraio 2021, 23.17.02
17
gli Accept ormai sono una garanzia di heavy potente e con tiro. questo lavoro non puo' essere tra i loro top, ma oggi, in. questo momento storico per tutti, e' tanta roba..
Peterhead
Venerdì 26 Febbraio 2021, 0.41.40
16
Questo disco mi ha un po' deluso . La band è in gran forma e l'album scorre bene, a mio parere pero' non ci sono pezzi che spiccano e restano veramente impressi . Comunque l'ho comprato... sono pur sempre gli Accept !!!
HIRAX
Giovedì 25 Febbraio 2021, 12.58.49
15
Onore agli Accept. Buon album di puro Heavy Metal. Zombie apocalypse molto Priest. Acquisto sicuro! Dajeeee
Diego75
Martedì 23 Febbraio 2021, 17.25.59
14
Un acquisto sicuro....non ci sono ne ma ne perche'...ma cosa si puo' pretendere dopo 40 anni da queste band ...come accept e saxon...il solito lp di heavy classico...per gli amanti del genere....comunque sia voto 77.
Massimo
Martedì 23 Febbraio 2021, 14.14.15
13
Buon album ma dell'era Tornillo, che ha rigenerato la band, su 5 album prodotti metto agli ultimi due posti proprio gli ultimi due. Il migliore resta il secondo, Stalingrad, magnifico. Comunque anche questo Too Mean to Die rimane un bel lavoro, ma un po troppo simile a se stesso, secondo m devono ricercare maggiormente una composizione musicale melodica più varia anche se di stampo classico Accept.
Pink Christ
Martedì 23 Febbraio 2021, 10.06.46
12
Amo la chitarra di Hoffmann e amo la voce di Tornillo che ha dato nuova vita alla band. Non il migliore da quando c'è lui dietro il microfono ma un ottimo album di puro heavy metal. 82
jeffwaters
Martedì 23 Febbraio 2021, 8.24.59
11
Heavy Metal ce n'è, non ai livelli di blood of e blind rage, ma il mestiere c'è. Bravi come sempre, 75
InvictuSteele
Lunedì 22 Febbraio 2021, 22.17.04
10
I singoli mi avevano fatto pena, il resto del disco non è che sia migliore. 3 o 4 buoni pezzi, poi tanto mesterie e poca ispirazione, come era stato per i precedenti album. Questo però è il più debole. 63
Sabbracadabra
Lunedì 22 Febbraio 2021, 15.13.58
9
Dei grandi "vecchi" sono gli unici che mi piacciono ancora come negli anni 80, e poi adoro il modo di suonare di Wolf Hoffmann, per me il chitarrista metal per eccellenza.
Aceshigh
Lunedì 22 Febbraio 2021, 14.42.51
8
Leggermente meglio dell’ultimo per me, ma niente di trascendentale. Sempre bello potente e grintoso, da questo punto di vista nulla da dire, ma trovo che i pezzi veramente degni di nota siano 3/4, il resto normale amministrazione. Si fa ascoltare, ma siamo lontani dai livelli di Stalingrad e (soprattutto) Blood of the Nations. Voto 72
Fly 74
Lunedì 22 Febbraio 2021, 14.40.50
7
Intanto quando parte No ones master parte anche l' headbanging.
FFFallen
Lunedì 22 Febbraio 2021, 11.16.31
6
Ormai i dischi per essere considerati buoni non devono scassare il cazzo. Assurdo!
davidgilmour
Lunedì 22 Febbraio 2021, 10.47.29
5
Ad una band come gli Accept oramai non si può chiedere e pretendere più di tanto, hanno già detto tutto in passato, resta comunque sempre un'ottima band che fa del puro e sano heavy metal senza troppi cazzi.. Un buon album che si lascia ascoltare, con qualche calo e con i soliti filler, ma è chiaro che dal loro ritorno con Blood of the Nation (gran disco) siano leggermente calati ad ogni album successivo, questo nonostante sia buono, per me è il più debole.
Davis
Lunedì 22 Febbraio 2021, 10.35.32
4
solita..solitissima..minestra riscaldata...fa specie...
Altered
Lunedì 22 Febbraio 2021, 10.14.38
3
Mi ha fatto compagnia nel tragitto casa-lavoro per un mesetto dall'uscita, questo per dire quanto fosse fluido e difficilmente stancasse. Gli Accept sono, tutt'oggi, sinonimo di qualità per chi cerca un heavy metal diretto e senza troppi fronzoli.
Sonny73
Lunedì 22 Febbraio 2021, 9.50.33
2
Sì in effetti non sarà un capolavoro ma un'album così scorrevole onestamente non me lo aspettavo. Senza filler e una più bella dell'altra. Voto 80.
McCallon
Lunedì 22 Febbraio 2021, 0.28.04
1
Un buon disco, valutazione da me condivisa. I pezzi migliori a mio avviso sono No One's Master (per me la più bella), The Best is Yet to Come e How Do We Sleep?.
INFORMAZIONI
2021
Nuclear Blast
Heavy
Tracklist
1. Zombie Apocalypse
2. Too Mean to Die
3. Overnight Sensation
4. No Ones Master
5. The Undertaker
6. Sucks to Be You
7. Symphony of Pain
8. The Best Is Yet to Come
9. How Do We Sleep
10. Not My Problem
11. Samson and Delilah
Line Up
Mark Tornillo (Voce)
Wolf Hoffmann (Chitarra)
Uwe Lulis (Chitarra)
Philip Shouse (Chitarra)
Martin Motnik (Basso)
Christopher Williams (Batteria)
 
RECENSIONI
75
73
80
79
88
72
75
79
84
90
83
88
79
72
70
ARTICOLI
31/01/2017
Live Report
SABATON + ACCEPT + TWILIGHT FORCE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 25/01/2017
21/08/2010
Intervista
ACCEPT
Il sangue delle nazioni
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]