Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

Accept - Metal Heart
( 6715 letture )
Una spinta ulteriore alla definizione di ciò che oggi definiamo heavy metal, oltre che un assist fondamentale per la nascita di nuovi generi, come il power: questo è ciò che rappresenta Metal Heart, che nel 1985 incarnò la sesta fatica in studio degli Accept, seminali e leggendari metallers di Solingen, seguito di elo-quenti dichiarazioni d’intenti come Restless and Wild (1982) e Balls to the Wall (1983). Prodotti che contribuirono ad evolvere il sound dell’act sorto nel 1978, meglio definendone i contorni e indirizzandoli in maniera indiscutibile verso il movimento heavy metal piuttosto che lasciarli propendere verso il rock simil-AC/DC de-gli esordi. L’album viene edito dalla CBS e copre quaranta minuti di durata, la-sciando presagire un irrobustimento sonoro già nel titolo, a dir poco significativo: il messaggio cromato che da tempo veniva promulgato in Terra d’Albione, per mano dei tanto cari Judas Priest era il fine ultimo per il quale questi ragazzi della Renania Settentrionale marciavano allineati, schiacciando sotto i propri temibili cingoli ogni ostacolo che si parasse di fronte. La parabola acceptiana aveva forse già toccato vertici capaci di garantire un posto nella leggenda, per cui questo album fu una specie di surplus, una scintilla ulteriore capace di sospingere ancora più in alto una corazzata che già così sarebbe rimasta nella storia: il messaggio visionario tramandato nelle liriche, incentrato sull’imminente dominazione delle macchine a cui sarebbe stato sottoposto il nostro pianeta, profetizzava l’estinzione della razza umana nel 1999. Più metallizzati che mai, sospinti da un drumworking compatto, quadrato, solido e dai suoni nitidissimi, i cinque panzer teutonici sferrano una serie di marce e inni da paura, triturando i timpani attraverso le bordate tipiche dell’hard’n’heavy tedesco e, soprattutto, attraverso il vetriolo gracchiante sputato dal carismatico Udo Dirkschneider, che a 33 anni era ormai una sorta di guru, nonostante la sua timbrica irritante si discostasse dallo screaming più nobile e blasonato alla Rob Halford, non a caso considerato la sua fondamentale fonte di ispirazione e riconosciuto come heavy metal singer per antonomasia.

La performance del tarchiato borchiato di Wuppertal, inevitabilmente, o la si ama o la si odia: per alcuni potrebbe essere addirittura fastidiosa -come su tutti i dischi precedenti e successivi al qui presente- eppure, a suo modo, è un manifesto storico indiscutibile di un heavy rock stradaiolo, primordiale, verace e abrasivo: quel sapore, insomma, che fa fottutamente Accept, che lo si voglia o meno. Potente e roccioso nel riffing anthemico, caldo e avvolgente nelle sezioni soliste, fulgide ed ampiamente melodiche, il sound del five pieces mitteleuropeo sciorina una tracklist costituita da dieci pezzi, dei quali la sola Wrong Is Right possiede le caratteristiche di tipica fast-song devastante e implacabile: il resto è costituito da potenti mid-tempos, alcuni intimidatori e corposi (Metal Heart, Living for Tonite e Bound to Fail) ed altri più rockeggianti (Up to the Limit, Screaming for a Love-Bite, Too High to Get It Right, Dogs on Leads, Teach Us to Survive), che fedelmente sintetizzano la consueta direzione stilistica mossa da questa band. Il tutto viene completato dalla più easy-listening Midnight Mover, il biglietto da visita più catchy e, forse, conosciuto dai seguaci meno specializzati e fedeli del combo europeo. Ci si potrebbe aspettare dieci serrate incalzanti e sfrenate, ma è bene chiarire subito che non è così; gli ascoltatori più giovani, che si avvicinano per le prime volte a questa formazione -magari proprio attraverso un masterpiece come quello qui analizzato, che per molti è stato il primo contatto con Udo e compagni- deve tener ben presente che, pur avendo ispirato ed influenzato in grandi dosi il power metal e qualche altra manciata di nuovi generi, gli Accept non possedevano certo le caratteristiche che oggi associamo per tradizione a quel filone: ecco allora la presenza di tanti brani pesanti ma non velocissimi, l’ispirazione hard rock che si fa palese in altre tracce decisamente più moderate e, infine, una tecnica di base schietta e ancora distante dalle evoluzioni più ricche di arazzi riscontrabili nelle generazioni successive. Tutto ciò è anche sintomo della grande fascia di stili e potenzialità abbracciata da questa realtà, che nel 1985 poteva effettivamente riunire sotto un unico tetto tutte le peculiarità compositive che ne avevano segnato la carriera, passo dopo passo. Del guitarism di Wolf Hoffmann si è, in parte, già detto: eppure è essenziale spendere ancora qualche parola sulla capacità di traslare dalle rocciose e arcigne soluzioni ritmiche, tipicamente teutoniche, alle più morbide sfumature presenti in assolo, tanto avvincenti quanto capaci di toccare le corde giuste nel gusto dell’ascoltatore medio: insomma, perfettamente congegnate nonostante la loro essenzialità e semplicità globale, soprattutto se ponderate con i canoni dei giorni nostri. L’opera si avvia sospinta dal riffato corposo e minaccioso della titletrack, Metal Heart, mid-tempo marziale sul quale si staglia la voce acidissima di Udo, che la traina fino ad un refrain corale semplicemente da brividi; l’assolo di chitarra è emozionante e nel complesso il brano possiede tutte le caratteristiche per essere considerato un autentico inno, nonché un classico intramontabile, grazie alla sua atmosfera tesa e intimidatoria. Midnight Mover, altrettanto possente nel giro di chitarra portante, risulta assai più catchy nel refrain, canticchiabile e radiofonico: l’intero andamento del brano è più orecchiabile ed agile, ancora una volta arricchito da un valido guitar solo. Se la successiva Up to the Limit è un inno da stadio che tende prevalentemente all’hard rock, lento nelle strofe e più dinamico nel chorus, Wrong Is Right lascia finalmente spazio alle classiche folate acceptiane, regalando dosi copiose di velocità e potenza: adrenalina a mille e ritmiche da headbanging la rendono il cazzotto più virulento della tracklist, peraltro dotato anche di un valido ed incalzante ritornello.

L’operato con il doppio pedale del batterista è eccellente, mentre l’ampia sezione solista riflette uno spettro molto vasto, passando dalla corsa a perdifiato ad altre sezioni più musicali. Con Screaming for a Love-Bite si torna a strizzare l’occhio all’hard rock fortemente ottantiano, nelle atmosfere spensierate come nei cori quasi glam: anche in questo caso, è il lavoro alle sei corde -pur se eccessivamente breve- che fa la differenza, confermandosi su Too High to Get It Right (un esercizio di heavy rock lineare e supportato da cori esaltanti) e Dogs on Leads. Questi ultimi due pezzi sembrano leggermente perdere un po’ di mordente, anche se con Teach Us to Survive si riguadagna parzialmente in velocità (anche se solo in sparuti frangenti); molto più convincenti sono Living for Tonite, un altro grosso calibro dalle coordinate mid-tempo che si ricollega ai toni solenni e al riffato-macigno della titletrack ed è impreziosito dall’ennesimo assolo fibrillante, e Bound to Fail, anch’essa debitrice di melodia suadente e struttura d’acciaio. Hoffmann dichiarerà, in seguito, di non possedere un grande ricordo legato a questo lavoro: infatti, il produttore Dieter Dierks era malvisto da tutti i componenti della band, in quanto “lento, spocchioso ed eccessivamente rigido”. Il pregio principale di quest’opera va ricercato, probabilmente, nei trepidanti assoli di chitarra, a volte veramente deliziosi, unitamente al riffato incisivo e possente; con un singer rappresentativo come Udo è inevitabile aspettarsi anche qualche refrain da knockout, di quelli capaci di restare ben impressi nella memoria, che infatti non mancano affatto. Se proprio dobbiamo trovare dei difetti in quest’opera, diremmo la presenza troppo nutrita di brani eccessivamente rock-oriented, così come l’assenza di qualche up-tempo in più, che avrebbe certamente giovato alla dinamica del platter: ma sono solo piccole note a margine, perché la qualità qui presente è veramente elevata e Metal Heart va a rimpolpare quella frangia di dischi chiave, imprescindibili, che non bisognerebbe nemmeno ascoltare prima dell’acquisto, tanta è l’importanza che riveste all’interno della prosopopea metallica da noi tanto amata. Per quanto abusata e scontata, la classica formuletta che si usa in queste circostanze calza ancora una volta a pennello: album obbligatorio per ogni appassionato degno di tale nome, probabilmente il miglior prodotto discografico in assoluto degli Accept (anche se poi, ovviamente, ognuno ha le sue preferenze) il più eloquente, significativo, simbolico.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
82.66 su 65 voti [ VOTA]
Area
Venerdì 12 Luglio 2019, 15.14.29
29
Il mio album preferito degli Accept insieme a Balls! Concordo con la recensione che lo definisce il miglior album del gruppo. Andando contro corrente, la mia canzone preferita dell'album é Midnight Mover, il cui video spettacolare (e che fa il mal di testa) oltretutto all'epoca sarà stato avantissimo!
Aceshigh
Lunedì 16 Luglio 2018, 15.47.04
28
Metal Heart è la prima canzone degli Accept che ho ascoltato, indubbiamente sono molto legato a quest'album. Non so se è il migliore, è dura a scegliere... ma comunque da Breaker a Roussian Roulette sono tutti album da conoscere assolutamente. Storia del metal (non solo teutonico). Voto 88
lisablack
Domenica 10 Dicembre 2017, 11.50.36
27
Ahahahah..mi fai morire! No, non lo sono..
Steelminded
Domenica 10 Dicembre 2017, 11.31.18
26
Lisa non sarai mica innamorata?
lisablack
Domenica 10 Dicembre 2017, 11.15.55
25
Stamani sono in vena di heavy metal come si deve..cosa di meglio di questo classico? Album bellissimo, title track da sogno, un vero inno.
Argo
Martedì 25 Ottobre 2016, 8.48.08
24
Restless and wild e Balls to the wall sono in arrivo....
Metal Shock
Martedì 25 Ottobre 2016, 2.49.35
23
@Argo: molto male, non aver mai ascoltato gli Accept, una delle migliori band metal di sempre. Questo, Restless and wild, Ball to the wall, Russian roulette e gli.ultimi tre da comprare a scatola chiusa. THIS IS HEAVY METAL!!!!!!!!!
Argo
Lunedì 24 Ottobre 2016, 11.30.30
22
Appena arrivato il cd... prima volta che ascolto gli Accept in vita mia: ah, grave errore non averlo fatto prima! Grande album!
nat 63
Martedì 3 Maggio 2016, 18.28.23
21
Hard 'n' heavy teutonico di prima classe. "Midnight mover", "Screaming for a love bite" e "Livin' for tonight" apici di un album fantastico. Che voce il colonnello Udo, e che chitarrista Wolf Hoffmann. Per me, gli Accept sono quelli con Udo Dirkschneider: quelli di "Eat the heat" , del 1989, con alla voce David Reece(peraltro ottimo vocalist, in seguito nei Bangalore Choir) non sembrano gli Accept, perdono completamente la loro identità.
Philosopher3185
Venerdì 29 Gennaio 2016, 21.46.49
20
Una cosa che mi piace di questa band è che anche quando alleggerisce i toni,e va a ripescare nell'hard rock,vedi Living for tonight,too high to get it right,riescano a non perdere nulla in potenza,rispetto ai judas che reputo a livello di sound,inferiori agli accept(le chitarre e la batteria in particolare sono favolose,forse superiori ad ogni altra band metal dell'epoca),ma sopratutto non suonano come una copia sbiadita degli acdc..i Judas,hanno avuto come vizio quello di tentare ben piu' di una volta,di scrivere un pezzo simile ai fratelli young,senza però averne la stessa classe compositiva,cosa che invece è sempre riuscita meglio agli accept.
Metallo Berico 1984
Martedì 23 Dicembre 2014, 21.37.40
19
Comprato oggi. Già ascoltato 5 volte di fila. Grandiosi!
Philosopher3815
Domenica 27 Luglio 2014, 14.34.01
18
Altro grandissimo album..credo che gli Accept,siano una band sottovalutata,ma che non aveva nulla da invidiare a maiden e Judas priest,anzi..forse era anche superiore in quanto a ferocia..solo i maiden del primo periodo avevano questa carica stradaiola,con un influenza netta dell'hard rock piu' classico,con Chitarre Metal.
peppe
Giovedì 5 Giugno 2014, 22.00.07
17
peccato nn ricordare russian roulette!
fabio II
Venerdì 20 Aprile 2012, 12.37.02
16
Stefano, credo, ma chiedo conforto anche ad altri utenti, che nell'85 HM non c'era ancora, se non ricordo male il primo numero è dell'86. Ok su Tuttifrutti, ma non aveva una rubrica. 'RR' infatti è sempre uno dei migliori come anthem metal, ma preferisco leggermente 'Metal Heart'.Ciao!
Stefano
Giovedì 19 Aprile 2012, 14.11.22
15
Sorry, Fabio II, ma mi pare che ci fosse anche HM se non erro, e c'era (o era appena sparito, non ricordo) Tuttifrutti che anche se trattava rock in generale dedicava sempre buoni spazi e recensioni al metal... Comunque, a parte questo, mi permetto di dire la mia: Metal Heart è un gran bel disco però Russian Roulette è ancora superiore...insomma, uno scontro tra titani...averne adesso di dischi così!!!
fabio II
Martedì 17 Aprile 2012, 10.56.14
14
Come i più anzianotti di noi ricordano, nell'85 le uniche pagine ufficiali erano quelle di Rockerilla, e il decano Riva valutò quest'album quasi come fosse di routine; sinceramente non ero e non sono d'accordo, per il semplice fatto che, probabilmente, dal punto di vista vocale questo 'Metal Heart' 'rischia' di essere il migliore dei tedeschi,come anthem metal; i cori sono quasi tutti irresistibili e freschi ancora oggi. Poi 'R&W' resta di un altro pianeta, d'accordo.
Masterburner
Lunedì 16 Aprile 2012, 13.34.08
13
che voce ha UDO.... tra le tante cose che mancano oggi al metal sono voci incredibili e fuori dagli schemi come la sua
Ra
Lunedì 16 Aprile 2012, 12.30.45
12
...da poco le mie orecchie avevano dimenticato il suono pop delle band/tuttibelli per scoprire chitarre pesanti e batterie. Il tramite fu 1984 dei Van Halen, poi un nano con i capelli da velina gridando Two minutes to midnight usci dalla tomba e fu Live after death, ma il contagio fu totale solo quando il grande Amadeus Mozart reincarnandosi cominciò a farsi chiamare Wolf e imbracciando una chitarra.......
Doomale
Domenica 15 Aprile 2012, 13.51.21
11
Uno dei loro capolavori insieme a Balls to the wall...Per me comunque da restless a Roussian roulett non hanno mai toppato...e comunque con UDO erano i veri Accept che hanno fatto la storia dell'Heavy teutonico!! Mitici
Subhuman
Sabato 14 Aprile 2012, 17.30.54
10
Questo e 'Restless...' sicuramente i miei preferiti!
Maurizio
Sabato 14 Aprile 2012, 16.26.22
9
Semplicemente divino. Fa parte dell' Olimpo in compagnia dei Painkiller, dei Master of puppets, dei Killers,degli appetite for destruction; cioè di quelli che tutti devono avere sullo scaffale per non sentirsi come privi di una costola.
Captain Wild
Sabato 14 Aprile 2012, 13.51.42
8
Disco perfetto,impossibile dargli meno di 100!
jek
Sabato 14 Aprile 2012, 13.40.32
7
Anche se per motivi sentimentali resto sempre più affezionato a Breaker devo dire che questo disco segna anche lui la storia del metal. L'ottima ed esaustiva recensione spiega bene la forza degli Accept contestualizzandola nel tempo. Voto giusto.
Celtic Warrior
Sabato 14 Aprile 2012, 13.27.30
6
Gran bel disco di classic metal .
Autumn
Sabato 14 Aprile 2012, 13.09.37
5
Lo consumai. Bound to fail è imho uno dei momenti più epici dell'heavy metal tutto.
Undercover
Sabato 14 Aprile 2012, 12.57.55
4
Uno dei pochi lavori che riesco ad amare e apprezzare degli Accept per valore affettivo e storico, musicalmente non li ho mai adorati.
The Nightcomer
Sabato 14 Aprile 2012, 11.05.00
3
Complimenti per la recensione, che mette bene in evidenza lo spirito che animava il metal in quegli anni, generalmente contraddistinto da un approccio più semplice e genuino, sia compositivamente che per quanto riguarda le produzioni. Mancavano i mezzi di oggi (allora, ascoltando alcuni dischi pensavo a come avrebbero potuto elevarsi qualitativamente), ma tutto suonava meno freddamente, senza lasciar percepire le sensazioni di omogeneità ed appiattimento che diverse releases odierne tradiscono, neanche fossero fatte con lo stampino.
Flag Of Hate
Sabato 14 Aprile 2012, 11.01.36
2
Disco meraviglioso, tutte le tracce hanno un gran tiro, emozionanti e ben scritte. Le migliori sono la prima e l'ultima, con due assoli da manuale. Poco da aggiungere alla recensione molto ben scritta di Rino, condivido anche il voto 90/100. Giusto tributo per una band essenziale per lo sviluppo del metal europeo, che ancora oggi, nonostante l'abbandono di Udo, spacca ancora culi a ripetizione (leggasi: "Stalingrad è un disco spettacolare"). Giù il cappello davanti agli Accept!
Electric Warrior
Sabato 14 Aprile 2012, 10.39.11
1
La vetta compositiva degli Accept e un capolavoro da ascoltare almeno una volta nella vita.
INFORMAZIONI
1985
CBS Records
Heavy
Tracklist
1. Metal Heart
2. Midnight Mover
3. Up to the Limit
4. Wrong Is Right
5. Screaming for a Love-Bite
6. Too High to Get It Right
7. Dogs on Leads
8. Teach Us to Survive
9. Living for Tonight
10. Bound to Fail
Line Up
Udo Dirkschneider (Voce)
Wolf Hoffmann (Chitarra)
Herman Frank (Chitarra)
Peter Baltes (Basso, Seconda voce)
Stefan Schwarzmann (Batteria)
 
RECENSIONI
80
73
79
88
72
75
79
84
90
83
88
79
72
70
ARTICOLI
31/01/2017
Live Report
SABATON + ACCEPT + TWILIGHT FORCE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 25/01/2017
21/08/2010
Intervista
ACCEPT
Il sangue delle nazioni
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]