Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/06/18
THORIUM
Blasphemy Awakes

01/06/18
BLACK CRUCIFIXION
Lightless Violent Chaos

01/06/18
LIPZ
Scaryman

01/06/18
GRUESOME (USA)
Twisted Prayers

01/06/18
MAGICAL HEART
Another Wonderland

01/06/18
MORTIIS
Perfectly Defect - ristampa

01/06/18
NERVOSA
Downfall Of Mankind

01/06/18
ALIEN WEAPONRY
Tū - Album Cover

01/06/18
WOLFSSCHREI
Rise Dead Ember

08/06/18
DEVIN TOWNSEND
Eras

CONCERTI

27/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 3)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

27/05/18
BARBATOS + MANZER + INSULTER
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

29/05/18
ROCK TEMPLE FESTIVAL
LEGEND CLUB - MILANO

01/06/18
SUUM + THE OSSUARY + GUESTS
DEFRAG - ROMA

01/06/18
WIEGEDOOD + CALVARIO
SPAZIO LIGERA - MILANO

02/06/18
DESTRAGE + DESPITE EXILE + SLANDER
SOLIDAR ROCK - CASSANO D/ADDA (MI)

02/06/18
SHORES OF NULL + PÁRODOS
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

02/06/18
WIEGEDOOD
FREAKOUT - BOLOGNA

02/06/18
NODE + GUESTS
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

05/06/18
DEAD CROSS
ESTRAGON - BOLOGNA

Sepultura - Under A Pale Grey Sky
( 8964 letture )
Un grande rimpianto ed un senso di vuoto misto a rabbia è ciò che sento interiormente ogni volta che ascolto Under A Pale Grey Sky, magistrale testimonianza live dell’ultimo show dei Sepultura con il grande Max Cavalera.
Il disco, l’ultimo pubblicato dalla Roadrunner Records, uscì il il 24 settembre 2002 e non è stato mai riconosciuto dal combo carioca quale facente parte della discografia ufficiale della band.
Contiene la registrazione del memorabile concerto tenutosi alla Brixton Academy di Londra il 16 dicembre 1996.
Quella stessa sera, di fatto, si sancì la fine di uno dei gruppi metal più significativi della storia; troppe le incomprensioni tra il leader storico ed il resto della formazione e pesanti le responsabilità di Gloria, moglie di Max, paragonata acidamente a Yoko Ono, la consorte di John Lennon che contribuì non poco allo scioglimento dei Beatles.
Appare superfluo evidenziare i motivi prettamente commerciali per i quali la vecchia casa discografica, a distanza di ben sei anni dall’evento, decise di pubblicare l’album.
Tanta acqua era nel frattempo passata sotto i ponti: Max Cavalera aveva fondato i Soulfly raccogliendo un giusto e meritato successo, mentre i Sepultura con il sostituto Derrick Green alla voce non riuscivano a liberarsi dai fantasmi del passato ristagnando in una crisi creativa che durerà ancora a lungo.

Questo live, contenente complessivamente 28 pezzi, ripercorre praticamente tutta la storia del gruppo: dai primi passi death (Necromancer tratta dall’EP Bestial Devastation) al thrash che li ha resi famosi in tutto il mondo (Arise/Dead Embryonic Cells, Beneath The Remains/Mass Hypnosis, Troops Of Doom, Desperate Cry, Inner Self), passando al groove di Chaos A.D. (Territory, Slave New World, We Who Are Not As Others, Refuse/Resist, Biotech Is Godzilla, Kaiowas) per arrivare, infine, alla sapiente commistione tra metal estremo e sonorità etniche di Roots (Itsari (Intro), Dusted, Ratamahatta, Straighthate e, naturalmente, il loro manifesto Roots Bloody Roots eseguita indefessamente ancora oggi sia dai Soulfly che dagli stessi Sepultura).
Straordinarie anche le cover We Gotta Know del gruppo hardcore punk Cro-Mags e la spettacolare Orgasmatron degli immarcescibili Motörhead.

L’album è violento, profondo, magico, a tratti spirituale ed impressionante per intensità.
La tecnica proposta da ogni singolo musicista è sopraffina, l’esecuzione dei brani impeccabile; il gruppo è oliato alla perfezione, ormai un’autentica macchina da guerra in movimento ed il motore è Max, nessuno come lui canta e suona con la sua stessa rabbia primitiva.
Fare una disamina “track by track” è, in questo caso, davvero superfluo perché sono tutti brani famosi e non c’è davvero un momento di pausa; l’ascoltatore è inebriato da tanta compattezza sonora e la sensazione di carica interiore ti permane dentro al cuore dalla prima all’ultima song.

Nonostante le diatribe sulla valenza ed opportunità di questa release, ritengo fortemente che Under A Pale Grey Sky sia uno dei migliori live metal della storia al pari di Live After Death degli Iron Maiden, No Sleep ‘Til Hammersmith dei Motörhead e Unleashed In The East dei Judas Priest.
La mia non è una esagerazione e ve lo dice uno che non ha mai avuta troppa simpatia per i dischi postumi, sia live che in studio, o per le raccolte di successi; tuttavia in questo caso -una delle poche eccezioni che confermano la regola- esorto tutti coloro che non lo conoscessero a procurarsi di corsa Under A Pale Grey Sky perché siamo di fronte ad un vero e proprio capolavoro del metal moderno.



VOTO RECENSORE
97
VOTO LETTORI
75.44 su 63 voti [ VOTA]
Alessio
Giovedì 17 Maggio 2018, 13.08.05
26
Per me sto live è spettacolare. Unica cosa che non mi piace, sono i medley che hanno troncato i pezzi arise/dead embryonic e Beneath/ Mass hypnosis. Quei pezzi meritavano interi. A parte questo, i Sepultura alla massima potenza, anche se per me avendo visto entrambi, il tour di Chaos AD fu anche migliore, per me il top.
Mulo
Venerdì 20 Aprile 2018, 15.26.43
25
Questo è il concerto alla Brixton Academy del dicembre 1996,proprio la sera che Max lasciò,dunque Igor aveva 26 anni. In quel tour cambiò proprio modo di suonare i pezzi,semplificandone le strutture e inserendo più groove. X me fu una scelta,non era “scoppiato” ai tempi.
Silvia
Venerdì 20 Aprile 2018, 15.10.30
24
@Hieiolo, scusa ho frainteso il tuo precedente messaggio, chissa’ perche’ pensavo che ti riferissi a Igor in generale... x quanto riguarda questo album credo che la sensazione di pezzo snaturato che senti su Innerself dipenda soprattutto dalle chitarre pero’... I riff sono proprio suonati in modo diverso. X quanto riguarda i pezzi di Chaos AD sicuramente dal vivo sono piu’ semplici perche’ Igor ha usufruito di sovraincisioni se non ricordo male. Hai ragione, Lombardo oggi e’ incredibile, persino piu’ di allora (cosa gia’ inimmaginabile) ma io sono di parte perche’ mi piace qualunque cosa faccia, dagli Slayer ai Dead Cross, è il mio preferito in assoluto, adoro proprio il suo stile (oltre al fatto che voglia sempre lanciarsi in nuovi generi). Comunque tornando a questo disco, x me è superbo nel suo insieme.
Hieiolo
Venerdì 20 Aprile 2018, 14.17.34
23
@Silvia, puo' essere vero quanto dici, ma le registrazioni di questo live sono del periodo dal 96 al 2000, quando igor aveva non piu' di 30 anni...pensa cosa riesce a fare tuttora un Lombardo, o cosa puo' fare Dirk Verbeuren che ha già 43 anni.. Il problema è che igor suona da autodidatta e non ha mai studiato tecniche del piede per il pedale della cassa!!
Silvia
Venerdì 20 Aprile 2018, 12.34.21
22
@Hieiolo, vero, le parti di batteria sono semplificate, almeno lo erano nei video recenti che ho visto, molto evidente in pezzi come Attitude. Non ho approfondito e non so se la cosa dipenda da problemi fisici (alcuni batteristi che soffrono di mal di schiena con l'eta' sono costretti a "tagliare" la doppia cassa), scelte o altro. Comunque resta uno dei miei batteristi preferiti, stile e tiro unico
Hieiolo
Venerdì 20 Aprile 2018, 12.25.24
21
Scusate, ma solo io critico la prestazione di Igor Cavalera? dal vivo semplifica di molto i patterns di batteria, soprattutto per quanto concerne la doppia cassa, non riuscendo a riproporre a velocità maggiore i tappeti creati su disco gli elimina totalmente snaturando le canzoni. Tremenda la parte iniziale di Inner self senza la doppia cassa non è la stessa canzone. non sempre maggior velocità è sinonimo di maggior potenza, anzi.
R.i.p LEMMY
Sabato 20 Gennaio 2018, 0.15.31
20
Praticamente il loro best of versione live.
Mulo
Sabato 26 Novembre 2016, 17.56.01
19
TERREMOTOOOOO!!! Live molto bello dove anche i pezzi di Roots spaccano di brutto. Li vidi nel'96 all'olimpico di Roma con Sex Pistols,Iggy Pop ,Slayer,Bad Religion e Paradise Lost........ Gran concerto
hermann 60
Giovedì 9 Giugno 2016, 17.34.48
18
Magico come riportato sulla recensione.
Holy Diver
Mercoledì 18 Maggio 2016, 3.46.44
17
concordo, i sepultura post max mettono tristezza. Se penso quanto li adoravo all'epoca... ricordo i concerti del 93 e 96, spaventosi. Tristissima invece l'esibizione del 98 con Slayer. Max si e' portato via l'anima, avrebbero dovuto cambiar nome.
black
Domenica 21 Febbraio 2016, 23.33.04
16
Immenso! Kaiowas però mi sembra sia su Chaos ad.non su roots.. Voto 100
Christian Death Rivinusa
Venerdì 21 Agosto 2015, 15.05.49
15
un treno di energia…… a furia di ascoltarlo mi ha distrutto le casse… .dello stereo… non scherzo… incredibile!Peccato che poi si sono divisi i fratelli cavalera… proprio quando erano arrivati alla maturita' compisitiva e strumentale completa… Oggu accontentiamocci dei cavalera cospiracy… soulfly ecc… .basterebbe solo unirsi ad kisser… il bassista non e' mai stato un fenomeno… potrebbero fare un disco fenomenale insieme e un live mondiale di grande impatto e sostanza… .io ci spero… magari… .
TheGodfather
Mercoledì 20 Maggio 2015, 11.43.17
14
Io non sono così entusiasta di questo live, perché odio i mediey delle vecchie songs, tipo "Beneath The Remains/Mass Hypnosis" e soprattutto i 3 capolavori di "Arise", title-track compresa, che vengono riproposti n versioni iperaccelerate e semplificate che a mio modo di vedere li deturpano. La carica, la rabbia, il groove non si discutono, ma personalmente avrei preferito magari qualche song in meno, ma con esecuzioni più precise e rispettose degli originali. Mi sento più vicino al voto dei lettori che a quello del recensore: 75.
EMILIANO
Sabato 14 Giugno 2014, 18.38.03
13
sepultura , soulfly, cavalera conspiracy,
Wolverine
Giovedì 13 Marzo 2014, 5.45.09
12
Un vero peccato non siano più insieme, erano i miei preferiti insieme ai Pantera. E' stupefacente come in questo live brani già velocissimi nelle versioni originali, siano eseguiti a velocità tripla...quando ho sentito Troops of Doom sono rimasto a bocca aperta! Per fare un esempio...
manaroth85
Lunedì 8 Luglio 2013, 12.08.45
11
stupendo..acuistato ai tempi, letteralmente bruciato, mi identificavo tantissimo nei sepu, come tanti spero presto nella reunion!!
Odino
Domenica 5 Settembre 2010, 21.38.41
10
Pazzesco i Sep al loro meglio|
BRUTAL
Domenica 1 Agosto 2010, 22.11.33
9
Under A Pale Grey Sky Un ottima istantanea di uno dei gruppi che ha fatto storia nel metal, a cui tutti i fan non possono mancare. L'essenza dei veri Sepultura capitanati da Max Cavalera.
sssss
Domenica 1 Agosto 2010, 16.51.39
8
ssssss
Er Trucido
Sabato 25 Luglio 2009, 13.36.28
7
Gran bel disco che ha una enorme importanza storica per il metal, però a livello esecutivo preferisco le canzoni live contenute nel secondo disco di The Roots of Sepultura, che praticamente sono quelle del video Under Siege live in Barcellona in cui c'una versione di Altered State eccezionale
AL
Mercoledì 22 Luglio 2009, 8.50.42
6
album mostruoso. uno dei live metal che preferisco in assoluto insieme a Alive in Athens degli Iced Earth e Live After Death dei Maiden... che gruppo che erano questi... quelli di adesso sono solo una malriuscita cover band.... Max e Igor sono dei fenomeni!!!
Khaine
Martedì 21 Luglio 2009, 20.28.41
5
Si insomma, i conti tornano
Khaine
Martedì 21 Luglio 2009, 20.28.15
4
Sepultura + Max Cavalera + Igor Cavalera x [(thrash metal/death metal) x (live version + rabbia e cattiveria)] = Under A Pale Grey Sky
Nighblast
Martedì 21 Luglio 2009, 20.18.34
3
Sepultura=Max Cavalera.
El Feroce
Martedì 21 Luglio 2009, 20.04.30
2
Quando ascolto quella Spit suonata in quel modo, penso che non ci sia niente di più violento sulla terra, maremoti compresi.
Embedded
Lunedì 20 Luglio 2009, 13.25.50
1
Grandissimo live! Epici alcuni brani che sono letteralmente la storia del thrash
INFORMAZIONI
2002
Roadrunner Records
Thrash
Tracklist
Disco 1
1. Itsari (Intro)
2. Roots Bloody Roots
3. Spit
4. Territory
5. Monologo Ao Pé Do Ouvido
6. Breed Apart
7. Attitude
8. Cut-Throat
9. Troops of Doom
10. Beneath the Remains/Mass Hypnosis
11. Born Stubborn
12. Desperate Cry
13. Necromancer
14. Dusted
15. Endangered Species

Disco 2
1. We Who Are Not As Others
2. Straighthate
3. Dictatorshit
4. Refuse/Resist
5. Arise/Dead Embryonic Cells
6. Slave New World
7. Biotech Is Godzilla
8. Inner Self
9. Polícia
10. We Gotta Know
11. Kaiowas
12. Ratamahatta
13. Orgasmatron
Line Up
Max Cavalera - Chitarra, Voce
Andreas Kisser - Chitarra
Paulo Jr - Basso
Igor Cavalera - Batteria
 
RECENSIONI
68
60
80
64
57
97
57
50
95
95
98
93
70
s.v.
ARTICOLI
12/03/2018
Intervista
SEPULTURA
Un nuovo inizio
26/02/2017
Live Report
KREATOR + SEPULTURA + SOILWORK + ABORTED
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 21/02/2017
13/11/2013
Intervista
SEPULTURA
La passione di una vita
21/07/2007
Live Report
SEPULTURA + MEDIA SOLUTION + CONCRETE BLOCK + MOTH`S CIRCLE FLIGHT
Altromondo, Elba, 29/06/2007
16/09/2006
Live Report
SEPULTURA + IN FLAMES
New Age, Roncade, 09/04/2006
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]