Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
HOUSTON
III

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Sepultura - Dante XXI
( 32632 letture )
La metal band brasiliana più popolare torna dopo tre anni a riaffacciarsi sulla scena musicale con quest'ultima release che, come si può ben capire dal titolo e dall'artwork raffigurante il profilo del sommo Dante Alighieri, è totalmente ispirata dalla Divina Commedia e mossa dalla volontà e dalla coscienza di trovare e rappresentare un ponte di collegamento tra i tempi di Dante ed il nostro attuale secolo.

E' subito evidente un parziale miglioramento del sound rispetto ai recenti precedenti ed al contempo un lieve riavvicinamento a quel death/thrash tribale che aveva fatto le maggior fortune di Arise e Beneath The Remains, album che più degli altri forse avevano consegnato ai Sepultura un ampio apprezzamento dell'universo dell'heavy metal.
La struttura dell'album prevede diverse parti, infatti sono presenti quattro brevi intro strumentali, cinque canzoni dedicate all'inferno, cinque al purgatorio e soltanto una al paradiso, delle tre parti quella relativa all'inferno sembra la più idonea ad essere rappresentata dalle sonorità metal, mentre più innovativa ed al tempo stesso interessante sembra essere la parte relativa al purgatorio, dove assistiamo all'inserimento di corni, violoncelli, parti di piano ed anche orchestrali che contribuiscono a mutare il sound oltre che le liriche.
Esempio di tutto ciò è Ostia, una delle traccie più valide dell'album.
Bisogna però dire anche che Dante XXI alterna buoni brani, che come già detto si riallacciano, almeno in parte, con il periodo d'oro del thrash dei Sepultura, a brani invece che non hanno abbandonato affatto la cattiva strada intrapresa dal combo brasiliano negli ultimi tempi.
Così ci tocca sottolineare da un lato il buon thrash di Convicted In Life, False e Crown And Milter, le più elaborate Ostia e Buried Words, la conclusiva prova tribale ed atmosferica di Still Flame, e dall'altro le scialbe prove di Dark Wood Of Error o Nuclear Seven.

L'ambizioso tentativo di musicare ed attualizzare una delle più grandi opere letterarie di tutti i tempi non ci ha di certo restituito i migliori Sepultura, quelli di Arise per intenderci, ma ha comunque rappresentato un forte passo in avanti rispetto a quella sorta di nu metal o metalcore a cui di recente i brasiliani ci avevano abituato, un album quindi che riesce almeno a strappare una piena sufficienza.



VOTO RECENSORE
64
VOTO LETTORI
69.28 su 240 voti [ VOTA]
Deathland
Lunedì 30 Ottobre 2017, 10.14.37
38
Veramente un grandissimo disco, voto 85
Matteo BTBAM Galli
Mercoledì 26 Ottobre 2016, 16.41.53
37
Disco mediocre. La sezione "thrash" è scontata, banale e innocua, quella "sperimentale" (?) non mi lascia un ricordo degno di nota. Se Ostia è considerato il miglior pezzo, per quanto discreto, non ci siamo proprio. Il sound è freddo, la voce di Green è gracchiante e non va mai a segno, il riffing di Kisser è tra i peggiori mai proposti (la pochezza di Buried Words è disarmante, sembra una scopiazzatura sbiadita di Spit su Roots). Bocciati!
Holy Diver
Mercoledì 18 Maggio 2016, 3.27.15
36
@Deathcrusher: secondo me il problema e' l'opposto: se questo (o Against, o Kairos o...) l'avessero fatto dei debuttanti sconosciuti, ne avrebbero parlato solo amici e parenti. davvero mediocre
Deathcrusher
Martedì 16 Giugno 2015, 17.31.58
35
La maggior parte delle vostre valutazioni negative sono dettate solamente dal fatto che pensate che questo sia ancora il gruppo che ha sfornato album come "Arise" o "Beneath the remains". Non dovete far altro che valutare questo album come se l'avesse sfornato una band "X". Lo trovo un album che scorre bene. Le migliori secondo me Convicted in Life e Buried Words Il mio giudizio è un 80/82.
DGreen
Venerdì 23 Maggio 2014, 18.50.01
34
alert('test'); Mah, a me proprio non è piaciuto...
Almetallo
Lunedì 23 Dicembre 2013, 15.10.46
33
Igor per me rimane il più grande batterista di sempre è questo disco nonostante non sia altro che un buon disco è nulla più dimostra come Igor sia un vero mostro alla batteria , poi sentire Kisser che dice che Casagrande è il miglior batterista con cui abbia suonato mi fa troppo ridere , Casagrande non c' entra niente con questa band e Kisser pur di far pubblcità ai Sepu di adesso dice " Miglior disco" "Miglior prova vocale " " Miglior Batterista" , più ridicolo di Max e suo figlio che intanto ha fatto un buon lavoro in Savages
Almetallo
Giovedì 22 Agosto 2013, 12.00.40
32
Quoto Galilee anche se con A-Lex se la gioca , ottima prova di Green probabilmente la migliore dove non è fastidioso come su Kairos
Galilee
Martedì 23 Luglio 2013, 18.39.51
31
Un buon disco. Per me il migliore post cavalera. Un 75 se lo merita.
enacoid
Venerdì 24 Maggio 2013, 1.18.06
30
A-lex e dante meritano 80/85 come minino
Nu Metal Head
Domenica 14 Ottobre 2012, 0.53.16
29
la batteria iniziale di "convicted in life" è una figata!
antiborgir
Venerdì 7 Ottobre 2011, 12.23.05
28
Ho trovato Dante XXI un disco molto interessante soprattutto per quanto riguarda l'introduzione degli strumenti classici nelle canzoni che trattano il purgatorio..E' un album validissimo come il successivo A-Lex (altra grande prova che i Sepultura sono ancora sulla cresta dell'onda)...Un progetto ambizioso e ben riuscito a mio avviso...Voto 80
Malumbra
Domenica 17 Gennaio 2010, 6.03.09
27
Altro gioiello (insieme ad A-Lex) che non fa rimpiangere Max. Spettacolari Dark wood Of Error , Convicted In Life e Ostia.
Luciferggg
Sabato 16 Gennaio 2010, 23.33.58
26
Fra non molto dovrebbe uscire un live dei nuovi Sep. Convicted iIn Life, con le sue accelerazioni dovrebbe rendere bene. In questo disco Igor è stato superbo: inconfondibile il suo drumming "tamburellante" ed un po' esotico.
Starlight74
Domenica 8 Novembre 2009, 15.36.46
25
Ennesimo disco sottovalutato! Ma lo si ascoltasse bene, con la mente libera da tutti i pregiudizi e soprattutto da Max Cavalera!
I Remember
Lunedì 4 Maggio 2009, 9.09.38
24
Questo disco l'ho comprato solo quest'anno dopo aver ascoltato A-Lex sul Web e trovandolo a fatica. Le tre robe precedenti mi avevano fatto perdere ogni speranza. Non fosse per alcune pecche (tracce che non ho digerito) sarebbe di una grandezza infernale!!!
Nefarious
Domenica 3 Maggio 2009, 18.05.44
23
Questo merita un bel 70. Sound un po' alleggerito e dinamico e qualche nuova e buona idea spunta fuori. Convicted in life (spettacolare il video) e Ostia sono pezzi da 90. Gloria Cavalera può andare a farsi.......................benedire...da quell'imbecille (in senso buono) di suo marito visto che molti dischi li dedica al suo personalissimo concetto di dio.
Luciferggg
Lunedì 20 Aprile 2009, 0.19.10
22
Non basta nominare una volta 'sta Gloria Cavalera! Kevin il tuo intervento è davvero illuminante.
Kevin
Domenica 19 Aprile 2009, 21.43.54
21
-100 sarebbe forse più corretto
I HATE
Domenica 19 Aprile 2009, 21.00.54
20
I HATE GLORIA CAVALERA!!!
hm is the law
Venerdì 17 Aprile 2009, 14.21.53
19
Ragazzi smorziamo le polemiche! I gusti sono gusti e tutto è opinabile soprattutto se si parla di un gruppo che ha fatto la storia del metal e cerca riaffermarsi qualitativamente dopo l'abbandono del loro leader. Questa release secondo me è discreta meglio di tante nefandezze fatte negli anni passati (vedasi recensione Against). Incoraggiamo i Sepultura e non distruggiamoli (arkanoid e savatage) ma evitiamo anche le offese a titolo personale (Luciferggg)
Luciferggg
Venerdì 17 Aprile 2009, 2.00.55
18
Utilissimi i vs ultimi due commenti soprattutto perchè sono motivati. Credo che proviate quella brutta sensazione olfattiva perchè vi ci trovate immersi per chissà quale altra ragione. Questo è un buon disco punto e basta. CHIUSA LA DISCUSSIONE!
arkanoid
Giovedì 16 Aprile 2009, 22.46.31
17
Straquoto con Savatage aggiungerei che puzza proprio! Ma si sciogliessero un volta per tutte
Savatage
Giovedì 16 Aprile 2009, 22.45.02
16
Questo disco è una merda gigante
Roberto555
Giovedì 16 Aprile 2009, 21.32.39
15
Ti assicuro che le stroncature esistono eccome. E' vero non scendono mai sotto il 35/40 ma credo sia una questione più che altro di rispetto per i fans di un dato gruppo. Questo disco potrà non piacerti ma non credo proprio sia da stroncare, tutt'altro. Against e Nation sono gli unici dischi che meritano l'insufficienza a gran voce. Roorback non sarà il massimo ma credo sia da 60 e nulla più, da apprezzare in Roorback lo sforzo innovativo della band e il continuo sperimentare.
stefanù
Giovedì 16 Aprile 2009, 19.48.32
14
Su metallized non c'èuna stroncatura neanche a pagarla. Al massimo mettono un senza voto. Abbiate le palle di dire che un disco fa cagare anche se fatto da (ex)mostri sacri. Non mi riferisco a questo disco in generale (che comunqe è il peggior album che i sepultura abbiano mai fatto)
vale master metal
Giovedì 16 Aprile 2009, 17.44.40
13
indubbiamente suonano bene... certamente un riscatto rispetto al calo seguito ai tempi d'oro... avanti così!
MARAZ
Giovedì 19 Marzo 2009, 20.26.17
12
Li ho conosciuti con questo disco. Per essere morti e sepolti suonano bene...
RossDolan
Giovedì 19 Marzo 2009, 1.00.51
11
Non credo proprio. Ritengo che Dante XXI sia un buon passo avanti; nulla di eccezionale ma rispetto ai 3 dopo Roots...Un ulteriore miglioramento molti come me pensano sia A-Lex. Dopo Roorback ho pensato davvero che fossero arrivati al capolinea, alle soglie del tunnel della morte. In ogni caso penso, ma spero veramente di no, che se dovessero uscire con un nuovo disco difficilmente supererebbe A-Lex.
arkanoid
Martedì 17 Marzo 2009, 22.57.52
10
Ma per carità basta prenderci in giro i Sepultura sono morti e sepolti!!
MARAZ
Mercoledì 11 Marzo 2009, 10.05.11
9
Io il CD lo trovo spettacolare la mia preferita è Convicted In Life
RossDolan
Venerdì 6 Marzo 2009, 10.39.24
8
64 a DANTE XXI?!? Credo che meriti un bel 75 senza ombra di dubbio.
Disorder666
Martedì 3 Marzo 2009, 22.05.36
7
Dimenticavo: sfido chiunque a trovare una copertina più orrida. Forse con una migliore avrebbe venduto qualcosa in più. E porca miseria si tratta del sommo poeta italiano DANTE!!!
Disorder666
Martedì 3 Marzo 2009, 22.01.48
6
Si direi che 64 forse è un po' basso. Rispetto a Nation E Against c'è un abisso. Non cito Roorback perchè ho letto da qualche parte che molti fans lo considerano una sorta di piccola "rivincita" dei Sep; mah. Il disco di cover associato però non era male. Il video di Dante XXI Convicted In Life lo trovo fenomenale!!!
PACCID1A
Sabato 21 Ottobre 2006, 22.22.32
5
GLI CONCEDO UN 70!
PACCID1A
Sabato 21 Ottobre 2006, 22.22.08
4
Dopo il passo falso di Roorback, i Sepultura si sono forse sentiti prossimi all'ultima spiaggia.Così, indecisi se continuare a proporre in modo integrale la loro commistione di suoni brutali e ritmiche tribali oppure tentare nuove strade, hanno optato per un compromesso: mentre chitarra, cantato e sezione ritmica estremamente aggressivi continuano a costituire l'inconfondibile marchio di fabbrica del gruppo (in questo senso, canzoni come Faise, Fighting On e Nuclear Seven dovrebbero soddisfare gli estimatori di vecchia data), la collaborazione con il compositore Andre Moares regala ad alcuni degli episodi momenti di varietà e imprevidibilità.Il risultato migliore scaturito da tale commistione è senza dubbio ostia, dove un'improvvisa apertura orchestrale interrompe il flusso rovente di suoni e parole, mentre il resto del lavoro prosegue in modo lineare, ma anche senza momenti particolarmente memorabili.Insomma, i Sepultura sono tornati, ma forse non sanno ancora dove vogliono andar
Stefano
Giovedì 29 Giugno 2006, 18.46.04
3
Risentendolo, debbo dire che, pur rimanendo lontano dalla qualità che tutti vorremmo dai Sepultura, l'album si rivela come un passo in avanti rispetto alle ultime, deprimenti prove. Credo sia il migliore da "Against" (compreso) in poi. Non che ci volesse molto...
Fri
Mercoledì 28 Giugno 2006, 2.04.24
2
e la copertina? uno schifo... è bruttissima!
Stefano
Martedì 27 Giugno 2006, 11.54.12
1
Non ci siamo per niente. Album troppo hardcore, troppo leggero. Niente metal manco a pagarlo oro. Che si sciolgano.
INFORMAZIONI
2006
SPV
Thrash
Tracklist
1. Lost (Intro)
2. Dark Wood of Error
3. Convicted in Life
4. City of Dis
5. False
6. Fighting On
7. Limbo (Intro)
8. Ostia
9. Buried Words
10. Nuclear Seven
11. Repeating the Horror
12. Enouè (Intro)
13. Crown and Miter
14. Primium Mobile (Intro)
15. Still Flame
Line Up
Derrick Green (vocals)
Igor Cavalera (drums)
Andreas Kisser (guitar)
Paulo Xisto (bass)

 
RECENSIONI
68
60
80
64
57
97
57
50
95
95
98
93
70
s.v.
ARTICOLI
26/02/2017
Live Report
KREATOR + SEPULTURA + SOILWORK + ABORTED
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 21/02/2017
13/11/2013
Intervista
SEPULTURA
La passione di una vita
21/07/2007
Live Report
SEPULTURA + MEDIA SOLUTION + CONCRETE BLOCK + MOTH`S CIRCLE FLIGHT
Altromondo, Elba, 29/06/2007
16/09/2006
Live Report
SEPULTURA + IN FLAMES
New Age, Roncade, 09/04/2006
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]