Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/10/18
P.O.D.
Circles

19/10/18
GUARDIANS OF TIME
Tearing Up the World

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
SILENT BULLET THEORY
Divine Ways of Chaos

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
NORTHWARD
Northward

CONCERTI

16/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ORION - ROMA

17/10/18
TARJA + STRATOVARIUS
ALCATRAZ - MILANO

17/10/18
LUCIFER
VINILE - BASSANO DEL GRAPPA (VI)

17/10/18
CARNIVAL OF FLESH + RABID + DANNATI
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

David Bowie - Aladdin Sane
( 5072 letture )
In qualche intervista lessi che Aladdin Sane si può concettualmente riassumere come il viaggio in america di Ziggy Stardust, tant'è vero che ogni canzone di quest'album contiene il nome di una diversa città degli Stati Uniti e vennero composte durante il tour del 1972 che portò il leggendario Thin White Duke a spasso per gli States.

Non starò qui a spiegarvi chi è David Bowie, figura essenziale per la musica contemporanea, quasi “mistica” per le sue complicate simbologie e l'atmosfera mitica che l'avvolge ancora oggi. Siamo qui al cospetto del suo sesto lavoro in studio, una complessa amalgama di sonorità rock e pesanti contaminazioni blues, un ricettacolo di tematiche glam e oniriche, cui fanno contorno passaggi sublimi e autentici colpi di genio che immediatamente elevano questo album tra i più significativi lavori della discografia del nostro. E se è vero che in qualche parte si sentono forti echi dell'ingombrante già citato predecessore, il platter non manca di certo di una sua anima e di una forte personalità: quella potenza rock che è ora più marcata che mai ed è accompagnata da quel sottile velo di sogno che permea tutta la tracklist e ci trasmette una debole sensazione di sottigliezza, quasi avessimo tra le mani il candido tessuto dei sogni e ne avvertissimo la fragilità. È palese infine l'influenza della musica dei Rolling Stones, sottolineata anche dalla presenza della cover di Let's Spend The Night Together.

Watch that man! Oh honey, watch that man
He talks like a jerk but he could eat you with a fork and spoon


Colpisce fin da subito la potente e spiazzante carica di Watch That Man, opener riuscitissima, divertente e frizzante. Si distingue come uno dei passaggi dove è più evidente che la nuova “base” su cui Bowie lavora per questo album sia il rock degli Stones. Inutile ribadire come il risultato sia di eccezionale qualità.

Wholl love Aladdin Sane
Battle cries and champagne just in time for sunrise
Wholl love Aladdin Sane


La tile-track è un ricettacolo di influenze blue e jazz che culmina nella parte centrale dove assistiamo all'apoteosi del “sogno” in cui veniamo immersi. La dissonanza del geniale passaggio di pianoforte ci trasmette benissimo l'ambiguità del processo onirico, dove un piccolo particolare o una leggera sensazione mutano l'idillio in incubo. È la nascita del nuovo personaggio: successore di Ziggy Stardust da cui non prende le distanze, anzi si avvicina moltissimo per stilistiche e simbologia.

She's uncertain if she likes him (got got du aaah aah aah)
But she knows she really loves him
It's a crash course for the ravers (got got du aaah)
It's a Drive-in Saturday


Bisogna ascoltare questo pezzo per cogliere la nostalgia che lo permea, i coretti apparentemente “insensati” sono un autentico tocco di classe, che non fa altro che migliorare l'ambientazione quasi “noire” in cui siamo piombati.

Panic in Detroit, I asked for an autograph

Il viaggio continua, arriviamo al punto in cui il nostro decide di abbandonare quasi completamente per un momento la rassicurante figura di Ziggy che tanto gli ha dato soltanto un anno prima per fiondarsi in un rock 'n roll intransigente, perfetto nella composizione, divertente, conciso e immediato. Che quell'autografo sia un velato “tributo” agli Stones che sembrano comparire qua e là? Di sicuro c'è che Bowie non sembra aver bisogno di lezioni da nessuno in materia di rock “duro e puro”.

Crack, baby, crack, show me you're real
Smack, baby, smack, is that all that you feel
Suck, baby, suck, give me your head
Before you start professing that you're knocking me dead


Rimaniamo fermi nel territorio rock e godiamoci quest'ennesimo grande pezzo. Nient'altro da aggiungere, possiamo cogliere facilmente il momento in cui è stata probabilmente composta questa parte dell'album, durante il tour, poiché soprattutto in questi due pezzi ci investe la frenesia e l'inevitabilità di un viaggio che non può fermarsi mai.

Time - He's waiting in the wings
He speaks of senseless things
His script is you and me boys

Time - He flexes like a whore
Falls wanking to the floor
His trick is you and me, boy


Eccoci al culmine compositivo del platter: Time è un pregevolissimo viaggio nei ricordi, un salto nel passato accompagnato da quel piano che sa tanto di vintage e si fonde con passaggi che hanno un delizioso retrogusto jazz (per quanto il mio orecchio sia profano a riguardo). Sublime in ogni suo episodio, potrebbe tranquillamente durare 10 minuti senza mai stancare.

How you moved is all it takes
To sing a song of when I loved
The Prettiest Star


Fanno ora ritorno la nostalgia e le note di sax suonate nella notte, un altro episodio di classe che però questa volta non si distingue perdendosi nel mare di capolavori che abbiamo già potuto ascoltare.

A small Jean Genie snuck off to the city

Non tardiamo a tornare a grandi livelli con un altro momento rock, Jean Genie si ricollega più al blues degli Yardbirds e risulta quindi molto originale rispetto al resto del platter, distinguendosi a sua volta come uno degli episodi più riusciti.

And when the clothes are strewn don't be afraid of the room
Touch the fullness of her breast. Feel the love of her caress
She will be your living end


Chiude il platter questa pregevole e leggera canzone, perfetto intreccio di piano e chitarra classica con una grandissima prova anche dello stesso Bowie. Una perfetta chiusura per un platter davvero indimenticabile nel suo insieme.

È con supremo dolore che sono costretto a dare a quest'album un voto oggettivo (fosse per me, gli darei 100 ad occhi chiusi). Senza dubbio questo lavoro contiene alcuni dei pezzi più significativi dell'intera carriera delThin White Duke e non si può non elogiare la quantità di episodi davvero sublimi. Pur non essendo un vero e proprio concept, risulta una completa immersione nella musica, dove vengono coinvolti tutti i sensi, un'arte totale che solo pochissimi hanno saputo richiamare.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
76.82 su 34 voti [ VOTA]
Awake
Giovedì 12 Ottobre 2017, 0.26.08
18
Mi taccio su Lady Grinning Soul...che neanche Banks in The Lamb... (si scherza eh?).
Awake
Giovedì 12 Ottobre 2017, 0.17.28
17
Ma il pianoforte di Mike Garson nella title-track. Cioè... ma il pianoforte di Mike Garson nella title-track. Voglio dire... ma il pianoforte di Mike Garson nella title-track.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 12.21.49
16
Furbo e geniale sin dal titolo: Aladdin Sane o A lad insane? Tra cabaret (Time) sperimentazioni (Aladdin Sane), anni '50 e rock più o meno duro dimostra di saper spaziare in ogni genere grazie anche e soprattutto a musicisti di caratura superiore. Voto: 80
fabio II
Venerdì 15 Giugno 2012, 14.57.52
15
Personalmente si, ma per il lavoro che faccio è un casino...poi ti spiegherò privatamente...cavolo appena preso il tablet ho avuto problemi anche con quello e solo ieri sono riuscito ad attivare la posta, se riesco ti scrivo due righe già stasera, ciao & stay tune!
waste of air
Venerdì 15 Giugno 2012, 14.49.25
14
Meglio! Se no devo intasare le recensioni altrui per comunicare! spero che li sia tutto a posto!
fabio II
Venerdì 15 Giugno 2012, 14.45.38
13
Grazie mitico Waste! peccato davvero! comunque ti contatto sulla tua mail al più presto, negli ultimi giorni sono davvero troppo preso...e la causa è la medesima del tuo concerto. Un grosso saluto!!
waste of air
Venerdì 15 Giugno 2012, 14.39.38
12
@fabio: ciao amico, ti contatto qua perché non ho altro modo! Stasera niente concerto: il terremoto ha bloccato ogni cosa!
fabio II
Venerdì 15 Giugno 2012, 14.24.54
11
Grandissimo lp, lo preferisco anche al pluriacclamato Ziggy, il duca bianco per me non si discute
BILLOROCK fci.
Giovedì 14 Giugno 2012, 18.18.02
10
Adema: beh oddio, onestemente non mi ricorda Vodevil, per quel che concerne che ricordi lo stile di bowie può essere, tutti noi ci ispiraimo a qualcuno, da quando eravamo bambini sino ad ora...
Syd
Giovedì 14 Giugno 2012, 10.47.01
9
@L'Antipatico: beh lo ha sempre detto che con Mechanical Animals riprende lo stile di David Bowie.
L'Antipatico
Mercoledì 13 Giugno 2012, 23.20.03
8
ma tu guarda... la copertina di quest'album mi ricorda vagamente qualcosa... che sia forse la copertina di mechanical animals di marilyn manson?!? ma no, forse mi sbaglio... marilyn manson di solito non copia mai da nessuno...
AdemaFilth
Mercoledì 13 Giugno 2012, 22.34.47
7
Intendevo che Vodevil è ispirata a Cracked Actor
BILLOROCK fci.
Mercoledì 13 Giugno 2012, 21.20.50
6
Adema: vodevil tutta la vita... poi i gusti son gusti ovviamente !!
AdemaFilth
Mercoledì 13 Giugno 2012, 21.08.58
5
Azz' leggero, vatti a sentire Cracked Actor. Dopo ascolta Vodevil di Manson e fammi sapere.
BILLOROCK fci.
Mercoledì 13 Giugno 2012, 19.34.41
4
rock piacevole e leggero altra perla del duca bianco, " let' s spend the the night togher " oh si...
Electric Warrior
Mercoledì 13 Giugno 2012, 19.12.19
3
Un altro capolavoro di Bowie, nonchè mio preferito in assoluto insieme a The Man Who Sold The World. Favoloso!
Undercover
Mercoledì 13 Giugno 2012, 17.45.51
2
Ecco questo è il mio preferito di Bowie... uno dei pochi che riascolto sempre con piacere.
Straisand
Mercoledì 13 Giugno 2012, 17.42.08
1
CAPOLAVORO
INFORMAZIONI
1973
RCA Records
Rock
Tracklist
1. Watch That Man
2. Aladdin Sane
3. Drive-in Saturday
4. Panic in Detroit
5. Cracked Actor
6. Time
7. The Prettiest Star
8. Let's Spend The Night Together
9. The Jean Genie
10. Lady Grinning Soul
Line Up
David Bowie (voce, tastiere, sax, chitarra)
Mick Ronson (chitarra, piano)
Trevor Bolder (basso)
Mick Woodmansey (batteria)
Mike Garson (piano)
 
RECENSIONI
85
81
87
90
88
94
90
70
89
90
90
89
82
90
80
75
ARTICOLI
10/04/2011
Articolo
DAVID BOWIE
A New Carrier In A New Town
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]