Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
DOMINANZ
Let The Death Enter

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

In Flames - Whoracle
( 7767 letture )
Whoracle uscì nel Novembre del 1997. Si trattava del terzo album della band, ai tempi in cui Björn Gelotte suonava la batteria e gli In Flames erano poco più che una sconosciuta band proveniente dal sud della Svezia. Quello che in seguito diverrà il “Göteborg-Metal” era poco più che alla sua fase embrionale, ma sebbene si trovassero anni luce dal successo che li travolgerà definitivamente con album del calibro di Clayman, i tre mastermind svedesi (Fridén, Strömblad e Gelotte) seppero cogliere l’opportunità di avvicinare il grande pubblico con una prima virata stilistica. Non l’hanno mai negato gli stessi In Flames, che in una vecchia intervista rilasciata al sottoscritto definirono il concept elaborato nel titolo come “l’unione della parola Oracolo e Prostituta […] il fatto di trovarsi a dover fare qualcosa per denaro, per poter sopravvivere”. Ed ecco allora la macchina da guerra conosciuta con Lunar Strain e The Jester Race spiegare le sue grandi ali per abbracciare un primo flusso di successo.

L’evoluzione alla quale assistono i fan della band, lascia l’amaro in bocca solo fino ad un certo punto. Le canzoni si fanno ora più assimilabili, la complessità dei brani cala insieme alla velocità degli stessi, in quello che si rivela l’olimpo del mid-tempo. Pezzi stupendi come Gyroscope, World Within the Margin, Jotun o la stessa Everything Counts (cover di ottantiana memoria), fondano la loro impareggiabile bellezza non sulla velocità pura e semplice, ma su chitarre melodiche e ritornelli di una epicità rabbiosa. Non mancano certo rasoiate più dirette, ma queste sono costrette a ritagliarsi una propria dimensione, all’interno del quale brillano di luce bollente Food For the Gods e The Hive, recentemente rispolverata dai cinque di Göteborg per il A Sense of Purpose European Tour. La voce di Fridén poi, lontana dalle sperimentazioni melodiche degli album post-Clayman, grezza, violenta e in qualche modo ancora acerba, mostra i primi segni di un progressivo miglioramento.

In un certo senso, spaventa pensare che uno dei chitarristi attualmente più ispirati nel panorama estremo, solo undici anni fa fosse impiegato, a causa di problemi di line-up, come batterista di una band di discreto successo. Gelotte non hai mai fatto segreto della sua predilezione per lo strumento a sei corde, ma seppe in quel periodo farsi carico (con buoni risultati) delle necessità di un gruppo messo in difficoltà da una scena musicale estremamente viva, ma altrettanto instabile. In quella seconda metà di anni novanta finirono infatti per militare negli In Flames diversi artisti che raggiungeranno la notorietà in formazioni di successo, ed altri personaggi meno fortunati. Tra questi Niklas Engelin, attualmente in forza agli Engel, Johan Larsson, bassista dei Seance e già membro degli esordienti Hammerfall insieme a Glenn Ljungström, prima spalla di Strömblad negli stessi In Flames.

Whoracle segna la prima rottura nella carriera discografica della band. Con Colony e Clayman gli In Flames si incammineranno lungo il sentiero che inevitabilmente li porterà sino al gioiello/disastro Reroute to Remain, ma è a partire da quest’album che le cose cominciarono a cambiare. Le sperimentazioni si riducono alle splendide contaminazioni acustiche che tutti conosciamo, toccando proprio su questo disco l’apoteosi della meraviglia in uno degli spunti più ispirati dell’intera loro carriera. Dialogue With the Stars giunge come un magico dono del notturno cielo di Svezia. La canzone, una strumentale di appena tre minuti, violenta le percezioni emotive dell’ascoltatore con melodie tanto preziose da costringere al silenzio, mentre chitarre, prima distorte, poi acustiche, ed ora fuse in vivido fervore, tracciano lunghe pennellate sulla volta celeste, come ad unire gli astri in un disegno divino di effimera perfezione.

Un album fondamentale per chi conosce gli In Flames, capolavoro forse non assoluto, ma certamente degno di un posto d’onore nella vostra collezione privata. Per chi ha la sfortuna di non amare ancora questa band, rimane un disco da possedere in ogni caso. Chiunque siate, qualunque sia la vostra storia, non farete alcuna fatica a trovare il vostro modo di apprezzare questo gioiello.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
77.25 su 74 voti [ VOTA]
Daniele
Giovedì 7 Giugno 2018, 10.06.29
23
bellissimo, da avere
jesterhead
Mercoledì 2 Agosto 2017, 22.53.29
22
I testi degli In Flames sono spesso molto criptici, la cosa può non piacere, ma che siano brutti no.
Silvia
Venerdì 31 Marzo 2017, 20.27.36
21
Scoperto grazie ad un un mio carissimo amico che mi portò questo e The Mind's I dicendomi "ti piaceranno tantissimo"! Non si era sbagliato, due albums che ascolto tuttora e non mi stancano mai. Whoracle è il mio preferito degli In Flames con The Jester Race, un mix di aggressività e melodia che però secondo me non è rottura col passato ma piuttosto naturale evoluzione. I pezzi sono molto freschi, la voce deve ancora maturare e le linee melodiche sono magnifiche. Jotun mi piace tantissimo e si riconosce la mano di Niklas Sundin nel testo, ma l'apice è Episode 666 di cui fra l'altro incisero un'altra versione che gira su Youtube ed è persino migliore, più grezza e aggressiva. Insomma x un album fantastico, la fiamma era ancora ardente ma in seguito inizierà a diventare sempre più debole fino a estinguersi (x me) totalmente qualche anno prima della dipartita dell'immenso Jesper
Nergal
Sabato 12 Novembre 2016, 20.47.54
20
@Ilvino Di nulla!!! E di nulla anche su altre band che vi ho fatto conoscere a te e ai tuoi soci e a tutti in paese(Type o negative,dark tranquillity,summoning,dream theater,forest stream,amorphis ecc ecc ecc).
Ilvino
Martedì 17 Novembre 2015, 8.48.52
19
Nn ho specificato nel commento di prima che comprai a scatola chiusa whoracle dopo che grazie ad un mio amico che ha scoperto questa magnifica band e che aveva gia lunar strain,subterranean,jester race e whoracle,ho avuto l onore di ascoltare l album e conoscere gli in flames che nn sapevo nemmeno che esistessero.magnifici!grazie nergal
Diego
Mercoledì 3 Dicembre 2014, 17.14.50
18
In buona sostanza, musica splendida, testi orrendi. Motivo per cui sugli In Flames ho sempre più di qualche riserva.
Sambalzalzal
Sabato 13 Settembre 2014, 17.15.39
17
Un bellissimo album senza dubbio! Lo lego ad un grande periodo della mia vita ed ancora oggi non posso che considerarlo come uno dei migliori dischi made in sweden di sempre. Sono D'accordo con TheLastBaron@ in definitiva... album sicuramente più maturo ed originale di the jester race.
TheLastBaron
Sabato 13 Settembre 2014, 17.10.07
16
In assoluto il più bello. Lo preferisco anche a Jester Race.
Matteo
Mercoledì 4 Dicembre 2013, 21.23.01
15
Album eccezionale,non mi stanco mai di ascoltarlo!
ilvino
Giovedì 27 Giugno 2013, 12.52.14
14
lo comprai l'estate del 98 "a scatola chiusa" ed è diventato uno dei miei dischi preferiti di sempre. Stupendo
Alexus Pries
Lunedì 22 Aprile 2013, 21.11.45
13
Lo adoro!!! Album Magnifico!!!! Adoro Food for the gods e gyroscope!!!!!!!
Gyroscope
Martedì 11 Dicembre 2012, 19.15.21
12
Album stupendo..come senti la prima nota non riesci a non proseguire fino al finale. Meno complesso di the jester race (che ancora risentiva di lunar strain e subterranean..ps: a quando una recensione? ) ma più diretto, il punto di partenza per l'evoluzione che ha portato a colony e clayman e base per tutto il metalcore che si sviluppò dopo (il riff di the hive fu palesemente copiato dagli atreyu)
Macca
Mercoledì 12 Settembre 2012, 19.07.35
11
Splendido...
Malleus
Giovedì 8 Dicembre 2011, 10.14.03
10
non sono un grande amante degli in flames ma secondo me questo e jester sono 2 capolavori, forse questo è anche un filino più maturo del precedente
Enrideath
Domenica 25 Settembre 2011, 10.24.38
9
L'album degli In Flames più vecchio che ho. Nelle mie preferenze è secondo solo a The Jester Race, ma siamo comunque su livelli assurdi!!
Undercover
Sabato 23 Luglio 2011, 16.03.00
8
Io l'ho sempre reputato e continuo a reputarlo la copia ben fatta ma sbiadita di "The Jester Race" troppo similari in più d'un occasione. Detto questo, è uno dei dischi che vale la pena di possedere del combo svedese.
fabriziomagno
Sabato 23 Luglio 2011, 15.40.30
7
quoto il commento di khaine
Oswald
Sabato 23 Luglio 2011, 15.20.55
6
Album bellissimo, a mio parere molto meglio di the jester race.
enry
Domenica 26 Settembre 2010, 9.45.51
5
Disco bellissimo che l'unico 'difetto' di essere uscito dopo un disco immenso come 'The Jester Race'. 85/100
Franky1117
Sabato 25 Settembre 2010, 21.57.08
4
x me il migliore degli in flames
Arakness
Sabato 10 Gennaio 2009, 12.12.15
3
Null'altro che non sia già stato scritto dal bravissimo Marco e dai Vs commenti. Paga dazio solo con "The Jester Race"!
maiden1976
Venerdì 9 Gennaio 2009, 10.08.26
2
Concordo in toto con il recensore. Resta il fatto che il loro capolavoro rimane "The Jester race"
Khaine
Giovedì 8 Gennaio 2009, 20.09.25
1
Sono convinto che Whoracle sia uno dei dischi metal più belli di sempre, senza fare tanti paragoni inutili con altre band: è semplicemente un disco riuscito alla perfezione. Grandi In Flames, per questo e altro ancora vi sono grato!
INFORMAZIONI
1997
Nuclear Blast
Death
Tracklist
01. Jotun
02. Food For the Gods
03. Gyroscope
04. The Hive
05. Dialouge With the Stars
06. Jester Script Transfigured
07. Morphing Into Primal
08. Worlds Within the Margin
09. Episode 666
10. Everything Counts (Depeche Mode cover)
11. Whoracle
Line Up
Anders Fridén - vocals
Bjorn Gelotte - drums, lead and acoustic guitar
Johan Larsson - bass
Glenn Ljungström - rhythm guitar
Jesper Strömblad - lead and acoustic guitar
 
RECENSIONI
50
50
86
84
65
80
80
88
96
88
97
91
84
ARTICOLI
24/11/2016
Intervista
IN FLAMES
Crediamo in quello che facciamo
30/09/2011
Live Report
IN FLAMES
Alcatraz, Milano, 27/09/2011
08/03/2008
Intervista
IN FLAMES
Parla Daniel Svensson
13/11/2006
Intervista
IN FLAMES
Parla Peter
16/09/2006
Live Report
SEPULTURA + IN FLAMES
New Age, Roncade, 09/04/2006
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]