Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

CONCERTI

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
LEGEND CLUB - MILANO

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

26/01/19
DISTRUZIONE + ERESIA + DESCEND INTO MAELSTROM
THE FACTORY - AZZANO VENETO (VERONA)

In Flames - Soundtrack To Your Escape
( 7991 letture )
Con gli In Flames si ripropone il dilemma "evoluzione/conservazione" comune alle band storiche del panorama metal: c'è chi apprezza il tentativo di un gruppo di distaccarsi dalle origini per dirigersi verso nuove sonorità e chi lo bolla come la più grave dell'infamia (esempi sparsi: Anathema, Paradise Lost, Ulver), c'è chi impazzisce per album fotocopia (esempio recente: ultimo dei My Dying Bride, praticamente un puzzle senza capo né coda della loro pluriennale carriera) e chi per i vari gruppi che fanno molto metallaro-trendy-avantgarde-d'orizzonti aperti (gli incensatissimi Opeth) .
Oh, e poi ci sono gli In Flames.
Quegli In Flames amati e odiati, quegli In Flames che quasi "inventano" un sottogenere del metal e poi se ne allontanano irrimediabilmente, quegli In Flames che sfornano capolavori uno dietro l'altro e poi piazzano una patata bollente come Reroute To Remain, un figlioccio tanto indesiderato quanto intuibile, scavando fra le righe dell'altrettanto bistrattato Clayman, questi In Flames sono ritornati e, come sempre, la loro creazione dividerà e farà discutere.
Soundtrack To Your Escape, ingredienti: death (per modo di dire...)/thrash ultramelodico, sprazzi di nu-metal, un pizzico di elettronica, gli ormai standard chorus "da stadio", reminiscenze di The Passenger (l'ottima Evil In A Closet) e Korn (in certi passaggi il plagio di Jonathan Davies effettuato da Friden è alquanto imbarazzante), echi di At The Gates sparsi qua e là (specie nei tempi di batteria e a volte nel riffing, In Search For I docet), mescolate bene il tutto e cospargetelo con una spruzzata di "Classic In Flames" aroma, infornate e aspettate che il tutto si compatti.
Ascoltate.
Il risultato? quando tutti questi elementi si combinano a dovere e nessuno prevale sull'altro, le canzoni si fanno notevolmente apprezzare, come nel caso di The Quiet Place, dalla melodia semplice ma graffiante, della già citata Evil In A Closet, canzone che parte tranquilla per poi esplodere in un favoloso chorus o nella potente Superhero Of The Computer Age, le ombre invece cominciano a spuntare quando si decide d'ascoltare tutto d'un fiato l'album: con un ascolto attento infatti ci si accorge della grande ripetitività del prodotto e della sua eccessiva lunghezza, (problema che d'altro canto affliggeva anche Reroute To Remain) una ripetitività così accentuata che rende praticamente necessario uno skip di tracce a corrente alternata, per non cadere vittima dell'effetto-sbadiglio che aleggia greve sul platter; se si togliessero tre o quattro filler, Touch Of Red e Borders And Shading su tutti, il valore del disco sarebbe notevolmente più elevato.
Anche se mi rendo conto che sia una cosa impossibile, la cosa migliore da fare con un disco del genere è quella di predisporsi all'ascolto chiudendo un occhio sui lavori passati del gruppo, solo così si riusciranno a cogliere, obbiettivamente, pregi e difetti di questo Soundtrack To Your Escape.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
45.26 su 83 voti [ VOTA]
Claudius
Mercoledì 28 Maggio 2014, 19.33.26
13
Troppo cattivi, non è un capolavoro ma è un disco molto più che discreto.
Macca
Lunedì 13 Maggio 2013, 17.48.27
12
Il loro disco che ho ascoltato per ultimo. A me l'evoluzione/involuzione melodica avuta dalla band non è dispiaciuta, ritengo abbia tolto la furia e la creatività del passato ma abbia introdotto nuovi aspetti...ad esempio trovo Come Clarity un buon disco perchè seppur ruffiano mi piace come suona, così come trovo stucchevole Sounds Of A Playground Fading perchè non ci trovo un'idea buona che sia una. Questo? Sicuramente inferiore a Reroute che secondo me è spettacolare, ma contiene buoni pezzi (su tutte My Sweet Shadow) e tutto sommato è un album che ci sta.
Ghraal Vakarian
Lunedì 26 Dicembre 2011, 22.26.38
11
Suvvia, se ne salvano parecchie! The Quiet Place, Dial595-Escape, My Sweet Shadow, F(r)iend, Bottled, Superhero Of The Computer Rage e Evil In A Closet. Non è poi tanto male. Aggiungo che nessun album degli In Flames è uguale al precedente e cercare di paragonare questo ai vecchi è una pazzia (tanto quanto per SOAPF).
Jandekser
Venerdì 2 Dicembre 2011, 15.43.57
10
Comprato quando uscì, cioè 7 anni fa; ogni volta che lo ascolto è sempre la stessa impressione: piatto. Do però la sufficienza perchè su questo piattume riesco a salvare The Quiet Place, My Sweet Shadow e Superhero Of The Computer Rage.
Enrideath
Sabato 1 Ottobre 2011, 18.35.37
9
Non male, certo superiore di molto a Reroute to Remain. Rispetto a quest'ultimo, infatti, ho notato maggiore equilibrio nel combinare il nuovo sound, con tanto di elettronica (che non disprezzo in toto), al vecchio, complice lo stile inconfondibile di Jesper Stromblad, anche se lo scream di Fridén è calato molto da Clayman. Su tutte The Quiet Place, Dead Alone (dal riff fenomenale) e Evil in a Closet
RootSic
Venerdì 29 Luglio 2011, 10.56.40
8
E' un bel disco, che comunque reputo un lavoro totalmente diverso da Reroute To Remain, RtR infatti era molto più melodico di questo, o per lo meno, lo era in modo diverso.. In questo Soundtrack to your escape la melodia è quasi sinonimo di elettronica, è un ottimo album, ma devo ammettere che credo sia il meno riuscito del nuovo ciclo degli InFlames, nonostante i miei lavori preferiti sono quelli appartenenti a quest'ultimo, non riesco a considerarlo Eccellente come altri lavori, o forse sono io che ancora l'ho ascoltato troppo poco.
PanTheoN
Lunedì 2 Maggio 2011, 17.39.21
7
A me è piaciuto molto. The Quiet Place e Dial 595-Escape sono semplicemente stupendi... A quando la recensione di Clayman?
Gz
Sabato 20 Novembre 2010, 19.30.16
6
Non capisco come si possa considerare Touch of Red un pezzo bruttino che potrebbe essere tranquillamente cancellato dalla tracklist.. In generale sto per chi fa quel che vuole..gli InFlames spaccano in ogni disco in maniera diversa, questo dovrebbe già bastare a riconoscere l'indiscusso loro valore.
Khaine
Venerdì 28 Agosto 2009, 23.31.02
5
beh... beh... uno dei migliori non direi proprio eh....ci sono alcuni pezzi che mi piacciono molto, come The Quiet Place o Touch Of Red o My Sweet Shadow, ma siamo anni luce distante da quei capolavori di Lunar Strain, Subterranean, The Jester Race e Whoracle...
hm is the law
Venerdì 28 Agosto 2009, 19.00.19
4
Sono totalmente in disaccordo: il disco è stupendo è uno dei migliori della loro discografia 65 è un voto veramente assurdo.
Defunct
Mercoledì 1 Febbraio 2006, 14.01.45
3
Ogni...canzone è bellissima...si....magari verso meta pezzo diventano tutte uguali ma comunque un disco bello e godibilissimo!!! GRANDI IN FLAMES!!!!
RobynhoMetal
Venerdì 23 Aprile 2004, 17.18.28
2
Questo album significa che gli In Flames sono totalmente cambiati!! Mi hanno deluso, ora sono troppo commerciali! Rimpiango i bei tempi di Whoracle e Colony
Anders
Domenica 4 Aprile 2004, 17.31.22
1
Solo 65 ??? non sono più gli "Infiammati" di una volta ,ma questo è un album che merita davvero MOLTO!!!! grandi In Flames. Voto : 91
INFORMAZIONI
2004
Nuclear Blast
Death
Tracklist
1) F(r)iend
2) The Quiet Place
3) Dead Alone
4) Touch Of Red
5) Like You Better Dead
6) My Sweet Shadow
7) Evil In A Closet
8) In Search For I
9) Borders And Shading
10) Superhero Of The Computer Age
11) Dial 595-Escape
12) Bottled
Line Up
Anders Friden - vocals
Jesper Strömblad - guitar
Bjorn Gelotte - guitar
Peter Iwers - bass
Daniel Svensson - drums
 
RECENSIONI
50
50
86
84
65
80
80
88
96
88
97
91
84
ARTICOLI
24/11/2016
Intervista
IN FLAMES
Crediamo in quello che facciamo
30/09/2011
Live Report
IN FLAMES
Alcatraz, Milano, 27/09/2011
08/03/2008
Intervista
IN FLAMES
Parla Daniel Svensson
13/11/2006
Intervista
IN FLAMES
Parla Peter
16/09/2006
Live Report
SEPULTURA + IN FLAMES
New Age, Roncade, 09/04/2006
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]