Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

19/09/20
REQUIEM OF DESTRUCTION FEST
24 CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

19/09/20
MOONLIGHT HAZE
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/20
PREMIATA FORNERIA MARCONI
AREA EXP - CEREA (VR)

19/09/20
ARCANA OPERA + GUESTS
OL MULI' - PALOSCO (BG)

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

Steve Hackett - Genesis Revisited: Live at the Royal Albert Hall
15/09/2020
( 376 letture )
Mesi fa il panorama dei dischi live veniva arricchito ulteriormente da una release di altissima caratura artistico-storica, ovviamente mi riferisco a Electric Castle Live and Other Tales, dei magnifici Ayreon. Quest’annata non si fa scappare però altre succulente occasioni per i fan di lunga data della musica progressive e non, accontentando veramente chiunque abbia voglia di rinnovate vesti di performance live impacchettate ad hoc per i nostri impianti casalinghi di tutto rispetto. I più giovani -volendo restringere ottusamente il target- staranno già spolpando il nuovissimo Alive in Color dei Redemption, i più nostalgici invece rispondono con l’edizione rimasterizzata in vinile e digitale di quel Live at the Royal Albert Hall del 2014 di casa Hackett… insomma in un periodo in cui di concerti se ne sono visti pochi, li rievochiamo nelle nostre abitazioni nel modo più dignitoso possibile.

Il prodotto in sé è identico a quello appena citato, insomma una perla per i fan dei Genesis del periodo Gabriel/Hackett. Il Royal Albert Hall, il leggendario Royal Albert Hall, fu il setting scelto per questa ulteriore rievocazione nostalgica di Hackett e di quei dischi che hanno aizzato all’inverosimile la band il cui nome è identificativo della loro imprescindibilità, la quale sarà fondante per i musicisti dei decenni a venire. Abbiamo -o meglio avevamo, ma ora abbiamo in vinile per chi riuscirà ad accaparrarselo- due ore di musica metafisica, i lavori più iconici e ben riusciti dei Genesis. Certo qualche pezzo più di nicchia ed estremamente ben riuscito ci sarebbe stato bene, ma la scaletta portata nel 2014 fu fin troppo ad ampio respiro e capace di soddisfare chiunque nonostante lo sterminato vado di Pandora da cui attingere. Sono presenti capolavori da A Trick of the Tail, Selling England by the Pound, The Lamb Lies Down on Broadway, Nursery Cryme, Wind & Wuthering e dall’incredibile Foxtrot come la più che famosa Supper’s Ready. Il divertimento è assicurato, ogni estimatore del grande primo periodo della band britannica sentirà rievocate le sonorità storiche del gruppo in un prodotto registrato con una maestria invidiabile.

Bisogna dire che non molti apprezzarono già all’epoca la scelta di Nad Sylvan al microfono, ma è doveroso dire che da qui -una condizione quasi comprensibile- ad etichettare la sua prestazione come scadente… ce ne vuole. Hackett alla chitarra non ha bisogno di parole, tra l’altro in ottima forma e di una pulizia esecutiva veramente ottima se analizzata nel complesso; Roger King si comporta bene, parliamo infatti di un tastierista più che qualificato; Rob Townsend istituzione di scuola blues e rock/blues dal tocco magico alle percussioni, ma che qui dà il meglio negli strumenti a fiato; Lee Pomeroy alle quattro corde fa il suo dovere senza sbavature di sorta e infine O’Toole alle pelli, caro al buon Hackett (e non solo). La formazione insomma è di tutto rispetto e tira su una performance veramente indimenticabile sotto ogni punto di vista. A questi poi si aggiungono John Wetton (Asia e King Crimson per citarne due di poco conto), Amanda Lehmann e Ray Wilson alla voce -quest’ultimo non ha di certo bisogno di presentazioni per i fan.

Il prodotto in questione è sicuramente dalla doppia faccia. Da un lato è sicuramente una release di nicchia se si considera la versione rimasterizzata in vinile: sia per il semplice fatto che parliamo di un’edizione limitata e, nei giorni in cui scrivo queste parole, già di difficilissimo reperimento; sia perché è molto probabile che una parte di chi abbia acquistato anni fa l’edizione in CD/DVD non acquisti anche questa versione, per un mercato poi come quello del vinile sostenuto dallo zoccolo duro dei fan e che fatica a sostenersi. Nella sua versione digitale è d’altro canto molto accessibile per tutti coloro che si persero l’edizione del 2014 e se la volessero rigodere in digitale persino con il proprio telefono mentre si è in giro. Insomma questo live londinese si ripresenta 6 anni dalla precedente edizione in una nuova veste poliedrica ma ben mirata, una veste adatta a tutti coloro i quali desiderano (e bramano) ascoltare ancora una volta le produzioni iconiche di una delle band imprescindibili del rock progressivo e della musica tout court. È infatti inutile consigliarlo con ulteriori orpelli, chi era disposto ad acquistare anche questa versione per collezionismo e affettività… l’avrà già anche spolpato, come d’altronde chiunque abbia deciso di amare i Genesis senza elargire denaro e utilizzare la nostra tanto amata/odiata tecnologia.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
fasanez
Mercoledì 16 Settembre 2020, 18.11.10
3
Quoto i messaggi precedenti, classe e qualita che abbondano. La storia del prog e della musica passa anche da questi immortali pezzi.
progster78
Mercoledì 16 Settembre 2020, 14.43.59
2
Eh si la qualita' non manca, mi accodo a Micologo. John Wetton grande r.i.p.
Micologo
Mercoledì 16 Settembre 2020, 14.18.15
1
Qui siamo nell'invalutabile...i pezzi in sé sono monumenti della musica degli ultimi 50 anni. La prestazione dei musicisti è ottima, a me Sylvan non dispiace affatto (emulativo certo, ma buon interprete)...poi va beh c'è sua Maesta Hackett che dona emozioni ad ogni singola nota...via i Genesis, viva il progressive, viva la grande musica!
INFORMAZIONI
2020
Inside Out Music
Prog Rock
Tracklist
1. Dance on a Volcano
2. Dancing With the Moonlit Knight
3. Fly on a Windshield
4. Broadway Melody of 1974
5. Carpet Crawlers
6. Return of the Giant Hogweed
7. The Musical Box
8. Horizons
9. Unquiet Slumbers for the Sleepers
10. In That Quiet Earth
11. Afterglow
12. I Know What I Like
13. Firth of Fifth
14. Ripples
15. The Fountain of Salmacis
16. Supper's Ready
17. Watcher of the Skies
18. Los Endos
Line Up
Nad Sylvan (Voce)
Steve Hackett (Chitarra)
Roger King (Tastiera)
Rob Townsend (Sassofono, Flauto e Percussioni)
Lee Pomeroy (Basso)
Gary O'toole (Batteria, Percussioni)

Musicisti ospiti
John Wetton (Voce)
Amanda Lehmann (Voce)
Ray Wilson (Voce)
Roine Stolt (Chitarra)
 
RECENSIONI
75
75
85
83
88
89
87
91
86
92
ARTICOLI
04/05/2019
Live Report
STEVE HACKETT
Europauditorium, Bologna, 30/04/2019
14/07/2018
Live Report
STEVE HACKETT
Anfiteatro del Vittoriale, Gardone Riviera (BS), 08/07/2018
25/03/2017
Intervista
STEVE HACKETT
Viaggi, spiritualità e aurore boreali.
27/05/2014
Live Report
STEVE HACKETT
Auditorium Conciliazione, Roma, 22/05/2014
17/05/2011
Live Report
STEVE HACKETT
Teatro Tendastrisce, Roma, 13/05/2011
27/05/2010
Intervista
STEVE HACKETT
From Genesis to Istanbul
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]