Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nile
Vile Nilotic Rites
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
IN OBSCURITY REVEALED
Glorious Impurity

13/12/19
HALPHAS
The Infernal Path Into Oblivion

CONCERTI

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

14/12/19
LEAVES` EYES + SIRENIA + FOREVER STILL + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

14/12/19
FOLKSTONE
DRUSO - RANICA (BG)

14/12/19
SAIL AWAY + ALLUME
ROCK HEAT - AREZZO

Helloween - 7 Sinners
( 8075 letture )
Poche band, nella storia del metal, sono state oggetto di pareri discordanti quanto gli Helloween: chiunque conosca la storia del power metal non può non aver ascoltato i primi tre masterpieces delle Zucche di Amburgo, quel Walls of Jericho caratterizzato dalla voce giovanile ultra-nasale di Kai Hansen ed i due Keeper, scanditi da un sound epico e potente, da riff ed assoli memorabili e dalla voce squillante di Michael Kiske. Quei tre album, soprattutto i Keeper, sono l'ABC del power metal, che dalla Germania si è presto diffuso in Europa, trovando terreno fertile in particolar modo nel Nord (ricordiamo almeno gli Stratovarius), ma anche in Paesi come il nostro (i Labyrinth, i Rhapsody of Fire). Non riassumerò poi la storia successiva degli Helloween, con la dipartita di Kai Hansen ed il suo nuovo gruppo Gamma Ray, l'abbandono di Michael Kiske, il conseguente reclutamento di Andi Deris e le successive release della band tedesca, a tratti buone, a tratti terribili. Dirò solo la mia: Deris non è Kiske, ma sarebbe come pretendere di trovare un sostituto adeguato a Rob Halford o Bruce Dickinson nei Judas Priest o negli Iron Maiden... il nostro Andi, dunque, non ha mai avuto né tantomeno avrà mai la potenza e la chiarezza del suo predecessore, ma se non altro raggiunge anche vette più che accettabili. Allo stesso modo, gli Helloween post-Hansen hanno sempre avuto il problema di non riuscire a raggiungere livelli qualitativi buoni per tutta la durata dei loro lavori, a parte The Time Of The Oath e The Dark Ride, che personalmente ritengo le migliori uscite dell'era Deris.

Cosa dire, pertanto, su questo 7 sinners? Innanzitutto, una nota: gli Helloween del 2010 non sono quelli di Unarmed, il best of/ri-registrazione orchestrato che ha fatto mettere le mani nei capelli anche ai più accesi fan dell'era-Deris, e di questo già possiamo essere felici. Weikath e compagni hanno definitivamente optato per un sound moderno, veloce ed aggressivo, senza però per questo perdere il buon gusto delle melodie. Ma vediamo meglio di cosa si tratta: Where The Sinners Go è un mid-tempo discretamente appassionante, che poggia su un riff iniziale vagamente orientale e che ricorda parecchio (almeno a me) il riff introduttivo di A Rite of Passage dei Dream Theater; il brano dispone inoltre di un ritornello abbastanza classico, ma non per questo non apprezzabile. Are You Metal?, primo singolo dell'album, si mantiene su questa riga, con chitarre abbassate di tonalità ed un cantato aggressivo: ancora una volta l'originalità non è particolarmente brillante, ma il livello complessivo è più che soddisfacente. Who is mr. Madman? riprende la melodia iniziale di Perfect Gentleman e, difatti, l'intera canzone è la prosecuzione di quel brano, che è decisamente più power-oriented rispetto ai precedenti due. Tuttavia, almeno a mio giudizio, le prime due tracce sono migliori proprio per la loro pesantezza senza tanti fronzoli. Raise the Noise riporta alla mente gli Helloween tipicamente allegri e festosi, con un sound più leggero rispetto ai pezzi precedenti ed un ritornello melodico. La nota più curiosa del brano, tuttavia, va all'inatteso intermezzo di flauto. Se sia pacchiano o meno, lo lascio decidere al vostro gusto. World of Fantasy si conferma su questo livello, è un mid-tempo dalla struttura classica e melodica con un discreto sottofondo di tastiere, con un tipico assolo alla Helloween irrobustito dalla doppia cassa di Dani Loeble. Long Live The King è invece un pezzo sorprendentemente aggressivo, con una doppia cassa martellante, un basso incisivo ed una parte di chitarra iniziale che può tranquillamente essere definita thrash. Il ritornello è quantomai semplice nella sua potenza, anche se il coro introduttivo stona un po' con il resto del brano. Giudizio positivo, in ogni caso. The Smile Of The Sun, quasi a voler compensare la violenza della precedente traccia, è invece una ballad con un bel pezzo di pianoforte introduttivo, che lascia poi spazio ad un riff cupo che accompagna la voce di Deris; il ritornello è invece sostenuto da un riff più vibrante ed aggressivo e, pur non raggiungendo i livelli di ballad precedenti, convince proprio per la sua diversità con la parte più lenta e melodica del brano. You Stupid Mankind procede nel diversificare il più possibile la parte musicale, in questo caso discretamente aggressiva, dalla parte cantata, specie nel ritornello, che però stavolta, nonostante l'apprezzabile acuto di Deris, appare un po' meno ispirato. If A Mountain Could Talk è uno dei pezzi più puramente power metal dell'album, che si basa su un riff canonico ma convincente e si evolve in un ritornello piacevole, seppur non memorabile. The Sage, The Fool, The Sinner spicca soprattutto per il ritornello, probabilmente il più "commerciale" e classico dell'album, con la parte musicale che fa da sottofondo ordinario, ma riuscito. My Sacrifice si basa su una potente cavalcata iniziale, sostenuta da un'eccellente doppia cassa, per poi sfociare in un'altra parte vocale tipicamente Helloween, con le tonalità più alte che Deris raggiunge nel disco. Not Yet Today è un breve ed etereo pezzo in cui riecheggia lontana la voce di Deris, che fa di fatto da intoduzione all'ultimo pezzo dell'album. Far in the Future chiude per l'appunto il disco: è il brano più lungo e, come già hanno fatto in gran parte del disco, gli Helloween si divertono a variare la miscela all'interno della canzone, che vanta un riff iniziale molto thrash metal, una parte cantata sincopata che sfocia in un ritornello molto ampio, una parte successiva molto aggressiva, un intermezzo più classico e melodico ed una nuova parte aggressiva. Il calderone forse è eccessivo, ma nel complesso il brano è godibile.

Che dire dunque al tirar delle somme? 7 sinners non passerà alla storia per aver dato alla luce dei capolavori, dato che, a parte forse Are You Metal? e Long Live The King, le altre tracce nel complesso si muovono su livelli non di eccellenza. Ma, al tempo stesso, è sicuramente uno degli album più convincenti dell'era-Deris, dal momento che mescola sapientemente momenti power a tiratissime strofe thrash, ritornelli melodici ed assoli virtuosi a momenti cupi e pesanti, con un livello complessivo sicuramente più che accettabile, per non dire elevato.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
70.66 su 109 voti [ VOTA]
Christian death rivinusas
Giovedì 23 Novembre 2017, 21.10.40
75
Album rivalutato proprio dopo aver sentito e visto nel live are you metal....ad assago con il team reunion....e’ spda due giorni che lo ascolto e devo dire che 75 li vale tutti....ha almeno 5/6 pezzi di valore
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Lunedì 31 Ottobre 2016, 12.30.30
74
Esatto ahahahah...ormai è diventato un'istituzione
ivancarli86
Lunedì 31 Ottobre 2016, 10.51.53
73
Così...solo perchè oggi è Halloween e Radamanthis lo scriverà sicuro: happy happy Helloween!!!
matt2
Martedì 31 Maggio 2016, 22.38.57
72
quest'annomi tocca rivalutare7 sinners. a causa della latitanza del (purtroppo) deludente my god give right , gli helloween restano una delle band della mia vita e ogni tanto devo sentir roba nuova da loro quindi recupero sto disco che nel 2010 avevo ascoltato e buttato da una parte perché non mi era piaciuto. ad oggi la situazione è totalmente rivalutata : tanti ottimi brani che lo portano quasi sul livello di gamblin (il migliore dal 2000 ad oggi ) . per apprezzare appieno gli helloween di oggi bisogna (1 dimenticare kiske e (soprattutto) kusch / grapow 2) capire na bona volta che oramai al timone c'è andi -che- se come cantante non è il migliore al mondo (ne straccia comunque tanti) come compositore da un sacco di piste a migliaia di chitarristi . spettacolari where the sinners go, long live the king e far in the future che mi era rimasta indigestissima 5 anni fa .voto 77 amen
manaroth85
Domenica 8 Maggio 2016, 23.00.42
71
Grande ritorno al.passato! Ottimo album! Non un punto basso il migliore assieme a gambling e dark ride dai tempi di master of the ring!
Muz
Lunedì 16 Febbraio 2015, 12.00.09
70
Condivido in pieno quello scritto da Mirkotass (mi sa che siamo coetanei)...
Radamanthis
Venerdì 31 Ottobre 2014, 15.07.21
69
Come lo scorso anno: Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
Master Killer
Lunedì 11 Novembre 2013, 23.31.32
68
grande album è stato il primo album che ho ascoltato dell'era Deris le prime due canzoni sono giusto da cantare mentre Who is Mr. Madman?, Raise the Noise, Long Live the King, If Mountain could Talk, Far in the Future hanno qualcosa in più rispetto al resto delle canzoni (anche se The Smile of the Sun mi garba) questi sono gli Helloween ed è meglio per tutti che rimangono così Voto 75
enzo
Lunedì 4 Novembre 2013, 19.05.54
67
per me e un gran disco come tutti quelli registrati con andi deris che e un cantante mostrosuamenete sottovalutato con lui sono unici li riconosci subito a parte rabbit don t come easy hanno fatto tutti signori dischi e anche 7 sinners lo e
Radamanthis
Giovedì 31 Ottobre 2013, 10.53.52
66
Così...solo perchè oggi è Halloween: happy happy Helloween!!!
Alexus Pries
Lunedì 22 Aprile 2013, 19.04.26
65
A me non è piaciuto.
Steelminded
Sabato 29 Dicembre 2012, 21.39.35
64
Secondo me è un gran bel disco, per me sicuramente il migliore da The Time of the Oath. Attendo con curiosità il nuovo. Voto 85. Evviva!
Gamma
Giovedì 13 Settembre 2012, 3.46.22
63
Cari Helloween, io vi amo con tutto il cuore.....m ho una vaga impressione, ovvero non avete più nulla da dire!!!
AlinoSky
Domenica 15 Aprile 2012, 14.01.44
62
cd spettacolare , forse un pò troppo duro da capire all'inizio ma a distanza di anni non mi stanco mai di ascoltarlo! Voto 85
Maurizio
Lunedì 9 Gennaio 2012, 17.39.41
61
Non mi strappo di sicuro i capellli ma è un cd che si lascia ascoltare più che volentieri. Personalmente preferisco Gambling di un'incollatura ma qualche giorno in ascolto ci rimane tranquillamente. I primi due Keeper sono di un'altra galassia ma questa è tutta un'altra storia e le epoche sono ben differenti.
Viktorward
Lunedì 27 Giugno 2011, 17.51.45
60
Anche Keeper III mi piacque decisamente più di questo...
Radamanthis
Sabato 11 Giugno 2011, 0.31.40
59
Non riesco piu' a toglierlo dal lettore (e non perchè si è rotto il tasto eject...)!!! Spettacolare...il mio voto si alza sempre di piu' e mi rimangio alla grande i miei giudizi precedenti causati dall'eterno desiderio di rivedere gli Helloween in formazione originaria! Quello certo sarebbe il massimo, (Kiske e Hansen però ora sono tornati in una stessa band e questo mi basta e mi esalta di brutto) ma di certo non sono da sottovalutare questi Helloween sempre pronti a dire qualcosa di nuovo!
Radamanthis
Sabato 21 Maggio 2011, 11.57.34
58
Dopo mesi che gira nel mio lettore lo sto apprezzando sempre di piu'...Certo confermo che qualche brano è un riempititvo un pò noioso ma la qualità è alta e il voto si sta alzando notevolmente e mi rimangio alla grande il mio precedente giudizio su Who is Mr. Madman...E' tra l'altro molto bella la bonus track (I'm free) che avrebbe fatto davvero bella figura nel disco! Gli Helloween per me resteranno quelli zuccherinosi degli esordi ma l'evoluzione che han preso (pur non facendomi impazzire) è dimostrazione di una band sempre pronta a creare qualcosa di nuovo di disco in disco! Bravi Helloween...
BFS
Martedì 8 Febbraio 2011, 21.15.35
57
Bel disco. Voto 75. Le migliori sono: Raise the noise, world of fantasy, the smile of the sun, e "I'm free", che sarebbe la bonus track che purtroppo non è stata inserita nel disco normale
Arekusu
Martedì 14 Dicembre 2010, 18.28.16
56
Gli ho dato qualche ascolto. Purtroppo, nonostante il mestiere, sembra che ormai non abbiano davvero più nulla da dire.
Painkiller
Martedì 14 Dicembre 2010, 18.17.50
55
@Zakka: ocio, perchè Chameleon è un capolavoro...
Zakka
Martedì 14 Dicembre 2010, 17.59.29
54
un disco patetico di heavy metal con ritornelli pessimi...era meglio chamaleon
Sandro70
Lunedì 13 Dicembre 2010, 21.42.26
53
Ho apprezzato ,in parte ,il tanto vituperato to the metal ma devo dire che 7 sinners è superiore. La qualità delle canzoni è più costante e mediamente ottima. Il disco dei Gamma ray è troppo altalenante ( il fondo si tocca con l'orrida title track ).
mariamaligno
Sabato 27 Novembre 2010, 22.29.21
52
@G'mork: la frase che virgoletti e' solo di risposta ai due commenti precedenti al mio (13 e 14 appunto), non e' fanboismo ma compiacimento del fatto che non sono l'unico a ritenere i Gamma Ray non inferiori agli Helloween, difesa personale e del mio pensiero dunque, non di Kai Hansen
Pirox
Martedì 23 Novembre 2010, 12.28.03
51
Altro grandissimo disco delle zucche tedesche, forse leggermente inferiore a 'Gambiling...' in termini di varietà, ma siamo di fronte ad un disco che spacca di brutto e penso che resterà a lungo nelle mie cuffiette. Su tutte spiccano 'World Of Fantasy', 'Long Live The King' e soprattutto la maestoso 'If A Mountain Could Talk'. Se potete recuperate le bonus track della versione giapponese: 'Aiming high' è fantastica, peccato non l'abbiano inserita tra le 13 tracce "ufficiali", magari al posto di 'You Stupid Mankind' che ho trovato un po' "insipida". Spero proprio di poterli vedere dal vivo a gennaio assieme agli Stratovarius..! PS: pessima idea quella di non mettere i testi nel libretto del cd (nemmeno nel digipack), comunque si può recuperare il .pdf sul sito ufficiale.
enry
Lunedì 22 Novembre 2010, 16.50.04
50
Avendoli visti nascere sono più legato all' era Kiske, ma a parte qualche passo falso per me si sono mantenuti su buoni livelli anche con Deris, e 'Better than raw' è un signor disco, inferiore solo ai primi tre. Di questo '7 Sinners' non ho ascoltato ancora una sola nota (ormai le zucche non sono più una mia priorità da tanto tempo) ma se è sulla scia di BTR lo prendo sicuro.
G'mork
Lunedì 22 Novembre 2010, 12.12.41
49
@mariamaligno: "da sostenitore di Kai Hansen apprezzo che a livello di "metallized sito" tra "7 sinners" e "to the metal" ci sia quantomeno un pareggio"........se non è "fanboismo" questo...sembra che stai a parlà di roma-lazio! Mi sa che invece t'ho inquadrato proprio bene!
Radamanthis
Lunedì 22 Novembre 2010, 11.56.00
48
Ok, avevo inteso mle io...effettivamente non è mai stato un grande compositore e anche nei suoi dischi solisti, a parte qualche sua ballad (Always, Do I remember a life su tutte) i brani migliori glieli hanno scritti (Hansen e Smith in Instant clarity, Ward e Reitenauer nel duo Place Vendome e Sinner e Karlsson in Kiske/Somerville) quindi ci può stare l'osservazione fatta!
Mirkotass
Lunedì 22 Novembre 2010, 8.53.35
47
E allora, chiarisco meglio, sono uno di quelli che crede che canzoni come eagle fly free o the chance, tanto per citare i primi due titoli che mi vengono in mente, dovrebbero essere insegnate nelle scuole primarie per educare la gente a quello che è musica e a come si canta. Nessuno mette in discussione la grandezza dei due keepers, io adoro pure pink, figuratevi. Il punto è se è giusto attaccare un gruppo anche se fa ancora dischi straordinari, o un cantante soltanto perchè ha una diversa cifra stilistica. E' indubbio che vi sia una posizione pregiudiziale, ma del resto lo sport nazionale di noi fan italiani è quello di attaccare le bands degli anni ottanta per quello che fanno oggi, a prescindere se sia valido o meno. Sul Kiske di oggi...Un cantante è grande anche quando riesce ad esprimersi fuori dalla sua band originaria, vedi Dio o Dickinson, non mi pare si possa dire lo stesso per Michael, in primis perchè non ci crede lui, che vive un dramma (in questo senso parlo di penoso) perchè vorrebbe cantare pop rock e non trova un pubblico. Infiine: io adoro ogni nota suonata dagli Helloween e dai Gamma Ray, e non mi importa di ingessarli ad un determinato periodo.
Zarathustra
Domenica 21 Novembre 2010, 23.42.37
46
@Radamanthis: come artista, non come cantante: la voce c'è ancora, i dischi.................
Radamanthis
Domenica 21 Novembre 2010, 22.58.32
45
Certo che dire che Kiske è penoso mi fa in parte ridere, dall'altra mi sconcerta...E non aggiungo altro!
Mirkotass
Domenica 21 Novembre 2010, 22.10.23
44
Tutta questa gente che rimpiange Kiske, artista oggi penoso, che non crede in quello che fa, non ama il metal e l'Hard Rock. L'ultima sua release si regge soltanto su di una grandissima cantante come Someville, fosse per lui... Ma fatemi il piacere, l'ultimo Helloween è un disco splendido, come lo era, a suo tempo, THe Dark Ride... ed Andi Deris è un grandissimo cantante, estremamente versatile, degno erede dei grandi maestri anni 70. Io non sono un ragazzino, ho vissuto pienamente l'era dei due Keepers, ma perchè negare, solo per partito preso, che gli Helloween hanno fatto, successivamente, dischi altrettanto interessanti, ma scusatemi, Better Than Raw, ad esempio, da un punto di vista oggettivo, sfrondato dai soliti luoghi comuni, che cosa ha da invidiare ai primi dischi? La verità è che, quando esce un disco di una grande band (oggi c'è il deserto) a difenderne le scelte artistiche sono sempre i vecchi fan.
Claudio
Venerdì 19 Novembre 2010, 13.50.38
43
mariamaligno il tuo non sara fanboismo ma sicuramente cattivogusto lo e 7 sinners e immensamente bello invece to the metal appena accetabile
Painkiller
Venerdì 19 Novembre 2010, 10.04.47
42
@LadyDeris: non vedo quale sia il problema, per te l'album peggiore, o meno bello, sarà un altro. E quindi?
mariamaligno
Giovedì 18 Novembre 2010, 23.30.14
41
*anni )
mariamaligno
Giovedì 18 Novembre 2010, 23.28.52
40
@G'mork: hai detto delle scemenze. Premesso che non sono stato l'unico a tirare in ballo il "raggio gamma"(vediti commenti 13 e 14), io non vivo affatto come una sfida calcistica l'uscita di due dischi power metal tedeschi. Mi piacerebbe infinitamente che tutte le band che amo producessero continui capolavori, non farebbero altro che giovarne le mie orecchie. Io, semplicemente, preferisco di gran lunga quanto fatto dai Gamma Ray negli ultimi danni rispetto alla coeva produzione delle Zucche, sono fan di Kai Hansen, certo, ma se gli Helloween creassero un disco di mio gradimento sarei il primo a festeggiare proprio perche' sono anche un loro fan, un loro fan molto deluso, si delusissimo, che c'e', non posso? Questa e' la rece di 7Sinners e non di To The Metal?? Embe'? Se guardiamo tutte le divagazioni a cui si puo' assistere su una serie di post la mia non e' stata certo la piu' fuori luogo mi pare, mi e' venuto di dirla perche' ho sentito gente vomitare su TTM (non Metallized tra l'altro) e poi osannare sta banalita' di disco dai ritornelli pietosi. Dire che To The Metal e' meglio di 7 Sinners non e' "fanboismo" e' semplicemente il mio gusto.
Curte
Giovedì 18 Novembre 2010, 14.31.04
39
Fantastico! Gli Halloween vanno sempre a segno! Non riesco a toglierlo dal lettoreee!
G'mork
Giovedì 18 Novembre 2010, 12.40.46
38
Il "problema" degli helloween sono i fan di Hansen. Questi infatti, mariamaligno ne è un esempio lampante, vivono la musica come una sorta di confronto politico/calcistico per cui c'è chi deve vincere e chi deve perdere. PENOSI. Si parla di 7S...perché tirare in ballo TtM? Per chi ipotizza poi un ritorno di Kai negli Helloween come un fatto che SICURAMENTE possa riprodurre l'alchimia del passato dovrebbe quantomeno interrogarsi sullo stato di "salute artistica" del guitrsinger dei GR. Sono anni ormai che Hansen ha la creatività a zero e va avanti scopiazzando a destra e a manca. Perlando di 7S...bell'album ma ascoltatevi anche le 3 bonus escluse dal cd. A mio parere valgono + di altre presenti sul disco.
Claudio
Mercoledì 17 Novembre 2010, 23.10.38
37
Ma Basta co ste critiche a prescindere questo album e bellissimo un vero capolavoro e l'unica band storica che abbia ancora qualcosa da dire e per cui valga la pena spendere dei soldi, 7 sinners straccia tutte le uscite di power metal e metal classico di quest anno (gamma ray, iron maiden,blind guardian, kamelot, rage rhapsody, avantasia......). Un album senza filler di una potenza devastante che vi fare headbanding dalla prima all'ultima nota con una prestazione strumentale immensa uno su tutti Dani lobe(batteria) un rullocompressore. in sostanza per parafrasare gli helloween ARE U Metal? se si amerai questo 7 sinners . Per i recensori di questo e di tutti gli atri magazine metal non se ne puo piu di sti pistolotti sul passato degli hellowwen e il riassunto della loro storia per iniziare i vostri articoli la conosciamo tutti ormai avete stancato come tutti le persone a cui non piace qulasiasi cosa facciano gli helloween perche c'e' Deris alla voce non sprecate il vostro tempo ad ascoltarli e a criticarli e cosi difficile? Grazie Helloween per regalarci ancora dell'ottima musica dopo 25 anni di carriere
LadyDeris
Mercoledì 17 Novembre 2010, 15.07.37
36
No scusate...fatemi onoscere questo genio che ha detto che The time of the oath è l'album peggiore degli Helloween !! Ma stiamo scherzando!?!?! Ritornando a 7 Sinners, io lo ritengo veramente un bell'album...sicuramente superiore agli ultimi due (il The legacy per me è quello "peggiore", esclusi i capolavori di King 4 1000 years, Occasion Avenue e qualche altra canzone per me è veramente inutile come album.....) E basta con i paragoni tra Kiske e Deris ! Son roba vecchia ormai !se li volete tanto massacrarli ancora aggiornate il repertorio.
Painkiller
Mercoledì 17 Novembre 2010, 14.20.03
35
@Radamanthis: per carità, concordo, tre chitarre poi.......basta che non produca Kevin Shirley......
Radamanthis
Mercoledì 17 Novembre 2010, 12.16.48
34
@Painkiller: io invece lo rivvorei proprio negli Helloween...sono felice delle sue collaborazioni con Avantasia, Gamma Ray. Edguy, Tolkki e via dicendo ma sarebbe ora che tornasse alla casa madre...e insieme a lui il duo Hansen / Grapow. Dai...immaginatevi gli Helloween stile Iron a 3 chitarre (Hansen, Grapow, Weikath), Markus al basso, Loebe (grande drummer) alle pelli e Kiske al microfono! Da brividi se ci penso....
Painkiller
Mercoledì 17 Novembre 2010, 10.57.02
33
@Nightblast & wonderghio: concordo con voi, mi basterebbe che Kiske tornasse a cantare metal, anche non negli helloween.
Painkiller
Mercoledì 17 Novembre 2010, 10.55.12
32
@Alexi: negli ultimi due tour dal vivo Sacha Gernster ha suonato decisamente meglio di Weikath...
AL
Mercoledì 17 Novembre 2010, 10.54.07
31
quoto in toto danny boy al commento 23..
Alexi
Mercoledì 17 Novembre 2010, 10.38.44
30
Il disco devo ancora sentirlo bene,però concordo in pieno sulla prima parte della recensiore...parole sante su deris e sui cambi di formazione a volte terribili!!!! non voglio illudermi...ma mi "accontenteri" anche del ritorno di R.Grapow! Chi è quel nerd capellone alla chitarra odierna degli Helloween? Bah.
Rob
Martedì 16 Novembre 2010, 19.54.12
29
Gran bell'album, tirato, e più heavy di quello che mi sarei aspettato. Direi che questo ritorno in pompa magna mi fa seriamente pensare di fare una capatina al loro concerto....
Alex
Martedì 16 Novembre 2010, 18.53.43
28
Io farei parte del 90% di sicuro...Kiske e Hansen assieme farebbero tornare la band ai fasti di un tempo. detto questo ho scritto sotto che l'album mi è piaciuto anche se preferivo gli helloween del passato e spero che questo passato torni un un breve futuro!
Nightblast
Martedì 16 Novembre 2010, 18.49.19
27
Per accontantare il 90% del popolo Metal dovrebbero riprendere Kiske e magari anche Hansen...Facendo così un errore clamoroso...Questi sono gli Helloween, una band capace di scrivere buona musica, personale e non scontata. Una band che è stata capace di non vivere all'ombra di quanto proposto in passato, una band che seppur non brillante come un tempo sa sempre spaccare il culo a molti...Anche grazie a Deris.
wonderghio
Martedì 16 Novembre 2010, 18.39.49
26
non capisco sono 16 anni che la gente rimpiange kiske,smettetela! a me è piaciuto molto questo album,ispirato e diverso dagli standard degli helloween, non so cosa debbano fare sti 5 qui per potervi accontentare...
viktorward
Martedì 16 Novembre 2010, 16.22.11
25
lavoro sufficiente. bella rece però
Alex
Martedì 16 Novembre 2010, 13.47.45
24
un album potente, ispirato e bello violento. forse il piu' tendente al thrash della discografia degli helloween. preferivo gli helloween piu' melodici con kiske e hansen ma questo album è veramente valido. peccato per qualche canzone di riempimento non proprio riuscita
danny boy
Lunedì 15 Novembre 2010, 17.37.04
23
i problemi degli helloween post Kiske sono tre: 1- dopo una certa età ti sfrangi i maroni di ascoltare power metal tedesco e preferisci i classici di gioventù che almeno ti ricordano com'era bello senza un mutuo sul groppone. 2- con Kiske e Hansen hanno perso la parte più creativa e caratterizzante. Sono rimasti un gruppo di gregari e tutti i dischi sucessivi (chi più chi meno) ne risentono. 3- Deris ha una non voce! non si sente, non esce per niente e quando dal vivo prova gli acuti diventa tutto rosso. Una voce che non esce come dovrebbe non è bene nell'economia di un gruppo. questi tre motivi ne segnano l'inesorabile declino! magari prima o poi faranno un reunion tour e tutti a vederli (me compreso) poi il nulla.
Painkiller
Lunedì 15 Novembre 2010, 16.21.36
22
in ogni caso la mia impressione è che non osino nulla e che si siano fossilizzati nella loro formula di songwriting. Ecco perchè mi piace tanto l'ultimo dei Kamelot, perchè si distacca molto dai precedenti...
Painkiller
Lunedì 15 Novembre 2010, 16.20.20
21
ok, messaggio recepito, attendo che vada in nice price tra due o tre mesi... . Time of the oath ha il brutto difetto della pessima produzione (non so se la versione estesa sia stata rimasterizzata) e di avere 5 canzoni (le prime tre, mission motherland e anything my mama...) che ritengo banal, scontate e noiose. Poi con quello schifo di suono non riesco proprio più ad ascoltarlo. Chissà cosa sarebbe la title track con una registrazione fatta a dovere...
Barry
Lunedì 15 Novembre 2010, 16.12.50
20
Dunque, diciamo che allora probabilmente alla lunga ti stuferebbe anche queso, nel senso che le somiglianze fra 7 Sinners e gli ultimi album dehli Helloween, soprattutto proprio con Gambling, sono evidenti...quanto a Time of the oath, personalmente lo ritengo un buon album, specialmente rispetto ad altre uscite fra cui Rabbit don't come easy che, esclusa Hell was made in Heaven, non ha avuto il mio personale gradimento
Painkiller
Lunedì 15 Novembre 2010, 15.21.36
19
Scusate...aiutatemi a capire: ho amato alla follia gli Helloween dei primi tre album, mi piace tantissimo anche Chameleon e nonostante apprezzi molto anche gli Helloween del post Kiske voglio capire se spenderei bene i miei dindi. E dai commenti non ci capisco nulla, perchè c'è chi, come Barry, scrive che Time of the Oath è il migliore della discografia post kiske con the dark ride, chi dice che uè un mix tra dark ride e bette t.r.. Time of the oath per me è il punto più basso della discografia...gambling alla lunga mi ha stufato......mi sa che è un album da fan sfegatato.....
IWANTOUT
Lunedì 15 Novembre 2010, 14.05.54
18
Bel disco, di certo supeirore all'ultimo GAMMA RAY....e lo dico da fan scatenato di KAI HANSEN, ma non si puo' sopportare piu' il continuo rip-off di altre canzoni da parte di zio KAI...altro che plagio, si tratta di cover!
Barry
Lunedì 15 Novembre 2010, 0.43.54
17
Grazie a tutti per il benvenuto e per i commenti, è bello vedere che un esordio da recensore riceve tanta attenzione anche se devo dire che l'album scelto aiuta non poco
Khaine
Domenica 14 Novembre 2010, 23.24.08
16
@ Quorth_On: boia, era ora che ti facessi vivo! passa dal foro a salutare ogni tanto eh!
mariamaligno
Domenica 14 Novembre 2010, 18.29.16
15
E' evidente che ogni recensore abbia i suoi gusti e parametri e che ogni rece faccia storia a se', ma da sostenitore di Kai Hansen apprezzo che a livello di "metallized sito" tra "7 sinners" e "to the metal" ci sia quantomeno un pareggio))
Zarathustra
Domenica 14 Novembre 2010, 17.34.42
14
@Quorth_on: non ci piove, Hansen è in netto svantaggio ultimamente.
Quorth_on
Domenica 14 Novembre 2010, 17.21.54
13
Signori, questo è POWER con i controcoglioni. Disco potente, fresco e accattivante. Ancora uno smacco al Raggio Gamma.
Zarathustra
Domenica 14 Novembre 2010, 17.06.21
12
Disco che si lascia ascoltare bene, a questo punto hype per il concerto romano di gennaio!
Blindgamma
Domenica 14 Novembre 2010, 16.09.07
11
un disco che mi ha colpito subito, ma che è cresciuto ascolto dopo ascolto. Il passato è passato, i nuovi Helloween sono questi e fanno ancora il miglior power in circolazione... divertenti si, ma più oscuri e maturi.
P2K!
Domenica 14 Novembre 2010, 14.01.44
10
Era da un po che non mi impegnavo nell'ascolto di un disco degli Helloween (dopo la cocente delusione di Rabbit) ma questo mi ha divertito per ora... COncordo con chi ha detto che è un mix tra le influenze di "Better..." e "Dark Ride" (Gambling non posso dirlo perché l'ho ascoltato una volta sola distrattamente). Però sarebbe bello leggere un giorno una recensione degli Helloween (e di altrio gruppi storici) senza sentire i soliti paragoni con i loro masterpiece e gli ex membri....
mariamaligno
Sabato 13 Novembre 2010, 20.41.07
9
Che Kiske ridicolizzi Deris e' come scoprire l'acqua calda, tuttavia il divario abissale tra la produzione con Michael e quella con Andi e' da imputarsi alla qualita' del songwriting piu' che alle doti dei due singer, gli Helloween post Keepers semplicemente non sono piu' stati Helloween. Questo disco non fa eccezione, a tratti e' quasi imbarazzante, ormai le zucche fanno il power metal piu' scontato immaginabile, una qualsiasi band di ragazzini principianti devoti ai piu' stucchevoli cliche' del genere sa far di meglio, posso citare decine di gruppi power "derivativi" dai primi Helloween che da anni urinano in testa ai loro ormai ex-maestri. Gli stessi, criticatissimi, Gamma Ray degli ultimi anni sono superiori, To The Metal l'album distrugge questo disco e To The Metal il brano fa lo stesso col cugino Are You Metal. Pareri ovviamente personali e discutibili ma che mi sentivo di dover esprimere nei confronti di una band autrice di due tra i piu' grandi capolavori del metal tutto(non solo del power) e oggi, semplicemente, ridicola.
Radamanthis
Sabato 13 Novembre 2010, 19.01.04
8
Ma assolutamente Krok, io non ti insulto di certo, hai espresso un tuo parere, ci mancherebbe! De gustibus! Io ritengo che Deris sia migliorato spaventosamente come singer e infatti, il mio giudizio sulla sua prova nel mio post n. 5 è buono. Poi, a mio parere, Kiske è di un livello assolutamente superiore a Deris e non sono minimamente paragonabili. Non ci sta molto il tuo paragone con Pavarotti poichè sia Kiske che Deris sono due rock singers mentre Big Luciano fa tutt'altro. Il punto debole dell'album non è certo la voce di Deris secondo me, ma numero di buone canzoni realmente basso per gli standard del 2010. Un saluto
krok
Sabato 13 Novembre 2010, 18.46.22
7
Ottimo disco davvero!!!Comunque continuo a sostenere che Deris è un signor cantante ,assolutamente non inferiore a Kiskeono due cantanti completamente diversi...è come voler paragonare Pavarotti a Bon Scott (tanto per citare due personaggi bravi nel loro ruolo)...non ha senso.Poi Deris lo trovo decisamente più vario rispetto a Kiske anche se non possiede la sua estensione e il suo timbro cristallino (ma è così grave poi non avere queste caratteristiche?)Certo Deris non è adatto a cantare le canzoni di Kiske,(e viceversa) ma l'errore non è suo...Ora insultatemi pure...
Radamanthis
Sabato 13 Novembre 2010, 17.46.43
6
Ah, colgo l'occasione x chiedere ai recensori quando faranno la rece di Kiske - Somerville....l'attendo con ansia...
Radamanthis
Sabato 13 Novembre 2010, 17.29.34
5
Innanzitutto un saluto al recensore, benvenuto e complimenti x la bella rece! Mi sono studiato l'album in ogni minimo dettaglio (da fan assoluto della band) e sono arrivato a questa considerazione personale: album di sufficiente fattura, di quelli dell'era Deris a mio avviso è comunque inferiore a Master - Time - Dark e Gambling; non ha un capolavoro come King for a 1000 years / Occasion avenue o una ultra easy song come Mrs God dal Legacy e quindi, a mio avviso, è sopra solamente a Rabbit (inascoltabile). Nel dettaglio le top songs per me sono: Where the sinners go, World of fantasy, If a mountain, Raise the noise, Long live the king e Far in the future; scandalose The smile of the sun, The sage, fool... e you stupid mankind, un pò banalotta Are you metal, inutile Not yet today e irriverente (in confronto a Perfect gentleman) Who is mr madman. Non credo si possa giudicare piu' che con una sufficienza un album con solo 6 songs di livello. Deris, senza paragonarlo con Kiske poichè ne uscirebbe DISINTEGRATO ha fatto un buon lavoro, su tonalità adatte a lui e con una buona dose di aggressività. I capolavori della band sono ben altri e 7 sinners non passerà alla storia di certo, purtroppo. Rivorrei gli Helloween zuccherinosi di un tempo e questa evoluzione nel loro suono non mi aggrada, eppure continuerò a seguirli con la stessa passione, in attesa di un ritorno ai tempi migliori, magari con Kiske, Hansen e Grapow. Scusate x la lunghezza del mio post...ma gli Helloween meritano comunque 2 parole in piu'...
Salvo
Sabato 13 Novembre 2010, 15.50.02
4
per me è un buon album. lo preferisco nettamente agli ultimi due lavori.
Nightblast
Sabato 13 Novembre 2010, 14.37.22
3
Saluto il recensore...Il disco è piacevole, un mix tra Dark Ride e Gambling...Qualche cosa che da sull'inutile c'è, però nell 'insieme sono d'accordo con il voto e con la recensione...
Er Trucido
Sabato 13 Novembre 2010, 14.33.34
2
Anzitutto benvenuto! Ho potuto ascoltare una volta sola il disco sino ad ora e concordo nel dire che mi sembra uno dei più convincenti con Deris. Nei prossimi giorni lo risentirò meglio comunque
Khaine
Sabato 13 Novembre 2010, 14.22.05
1
Ufficialmente, benvenuto
INFORMAZIONI
2010
SPV/Steamhammer
Power
Tracklist
1. Where The Sinners Go
2. Are You Metal?
3. Who Is Mr. Madman?
4. Raise The Noise
5. World Of Fantasy
6. Long Live The King
7. The Smile Of The Sun
8. You Stupid Mankind
9. If A Mountain Could Talk
10. The Sage The Fool The Sinner
11. My Sacrifice
12. Not Yet Today
13. Far In The Future
Line Up
Andi Deris: voce
Michael Weikath: chitarra
Sascha Gerstner: chitarra, voce
Markus Großkopf: basso
Dani Löble: batteria
 
RECENSIONI
70
77
40
75
72
74
55
58
68
75
80
80
70
64
67
82
90
95
90
ARTICOLI
23/11/2017
Live Report
HELLOWEEN
Mediolanum Forum, Assago (MI), 18/11/2017
27/07/2015
Intervista
HELLOWEEN
La vita è più facile se ascolti gli Helloween!
19/08/2012
Articolo
HELLOWEEN
La biografia
24/01/2011
Live Report
HELLOWEEN + STRATOVARIUS
Atlantico, Roma, 19/01/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]