Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Necrodeath - Neraka
14/04/2020
( 1791 letture )
Se c’è una thrash band italiana dalla solida reputazione anche all’estero, la quale può vantare un corposo Curriculum Vitae che racconta circa 35 anni di musica e già solo per questo potrebbe anche prendersela un po’ comoda, si tratta certamente dei Necrodeath. Proprio perché si parla di loro, invece, la presenza sul mercato del gruppo è sempre ottima e abbondante, come ribadito dal loro nuovo EP. Edito a un anno esatto dall’album Defragments of Insanity, a sua volta degna celebrazione di Fragments of Insanity uscito trent’anni prima, il nuovo parto musicale qui analizzato presenta tre canzoni nuove, una versione live di un vecchio pezzo tratto da Mater of All Evil del 1999 e una cover che non ti aspetti. Questo il materiale inserito dai quattro musicisti in Neraka, parola indonesiana che traduce “inferno”.

Copertina d’effetto con in primo piano tre figure direttamente correlate con le canzoni inedite presenti in scaletta indicate come "canti" – da sinistra a destra: la Succube, Lucifero e Medusa, impersonate da Jacob Angel e Monica Tomaino - a loro volta da interpretare in chiave dantesca, un tema già affrontato in The 7 Deadly Sins, il CD è aperto proprio da Inferno. Un pezzo che davvero caratterizza il prodotto e il suo messaggio, qualificandolo subito come classicamente made in Necrodeath. Ciò dati i toni oscuri, i bpm elevati sostenuti dal lavoro di GL e Peso che rallentano ad arte quando serve creare pathos, la chitarra di Pier Gonella a macinare col suo tocco il riff di base ed a rasoiare gli assolo, la voce maligna di Flegias e un testo adeguato che parla del riscatto degli ultimi tramite la metafora di Lucifero. Insomma: tutto ciò che serve a definire nettamente un sulfureo pezzo dei Necrodeath. Petrify racconta di come il Sommo Poeta e Virgilio giungano alle porte della città di Dite, per essere fermati da Tisifone, Aletto e Megera - le tre furie - con l’aiuto di Medusa, la protagonista. Brano un po’ più ragionato del precedente, sempre oscuro e necrodethiano fino al midollo, ma con finale ben diverso da quello dantesco. Interessante il break centrale, decisamente maligno. Gli inediti terminano con Succubus Rises, altra discesa nel nostro inferno interiore a base di velocità non priva di melodia tipicamente thrash, che non mi stupirei di vedere proposta spesso in concerto vista la sua struttura concepita esattamente per scatenare il pubblico. Completano la scaletta una versione live di Flame of Malignance estratta da un’esibizione in Belgio e una cover piuttosto alcolica di California Uber Alles dei Dead Kennedys, scelta dietro suggerimento di un amico durante una cena che suppongo sia stata appunto condita da vari bicchieri di vino. Teoricamente lontana dalle sonorità di questo gruppo, ma in realtà meno di quel che si pensi di solito, la canzone è comunque divertente e metallizzata come d’uopo.

Concepito essenzialmente in sala prove e registrato presso il MusicArt Studio di Rapallo alla vecchia maniera come il gruppo usa fare da alcuni anni a questa parte - ossia in presa diretta, molto rapidamente ed evitando metronomi, trigger e "correzioni" varie - Neraka è legato a The Age of Dead Christ per quanto attiene alla costruzione dei nuovi brani, risultandone così una specie di propaggine. Anche la scelta di Flame of Malignance segue questa logica, mentre l’inserimento di una canzone dei Dead Kennedys riflette la scelta di completare il prodotto con qualcosa di inconsueto da incidere sull’onda dell’entusiasmo, anche per presentare al pubblico un lavoro di formato finale più che sufficiente. Non arrivare ai venti minuti circa di durata avrebbe probabilmente limitato l’impatto commerciale e il peso di Neraka, la cui valutazione prettamente numerica non può comunque superare un certo range proprio a causa della sua natura e del doveroso rapporto tra album completo ed EP. Tuttavia, si tratta un lavoro crudo, feroce e tenebroso che, per richiamare il titolo di un vecchio disco della band peraltro contenente a sua volta precisi richiami all’Alighieri, è ciò che deve essere: 100% Necro.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
76 su 7 voti [ VOTA]
thrasher
Domenica 19 Aprile 2020, 20.23.39
9
Sarò un nostalgico e riconosco la superiorità tecnica di Pier, ma con Claudio i necrodeath erano un altro gruppo
Aceshigh
Domenica 19 Aprile 2020, 17.34.10
8
Sempre in forma! Tre inediti di gran livello (Petrify è quello che mi è piaciuto di più), stilisticamente più o meno in linea con quanto ascoltato nelle ultime release. Cover dei Dead Kennedy molto riuscita a mio avviso. Voto 80
Riccardo
Sabato 18 Aprile 2020, 18.54.38
7
@Filippo spero che i Necrodeath abbiano parecchi fondi da investire allora, perché più ascolto Neraka e più penso che stiano vivendo un momento di forma notevole. Se votassi adesso il mio voto salirebbe a 80.
Filippo
Sabato 18 Aprile 2020, 14.36.25
6
I Necrodeath, per usare il glossario pugilistica, sono un pò journeymen del metal. I tre pezzi nuovi sono ottimo thrash con influenze death e black, ma il prodotto in sé ha lo scopo di fare un pò di cassa da investire per i prossimi progetti.
Raven
Venerdì 17 Aprile 2020, 14.34.32
5
Grazie e te per aver letto.
Riccardo
Venerdì 17 Aprile 2020, 13.55.18
4
P.S. Grazie a Raven per le note sulla copertina. Da solo non ci sarei arrivato ad interpretare i simboli.
Riccardo
Venerdì 17 Aprile 2020, 13.11.47
3
Sono sinceramente affezionato ai Necrodeath e, fosse per me, tutti i loro dischi sarebbero da 100, anche solo per quello che quei 4 ragazzi rappresentano per il metal di casa nostra. Si tratta di un bel disco (voto 75) che, come giustamente puntualizza il recensore, si mantiene nel solco di “Dead Christ”. Mi piace molto come è stato registrato, hadei bei suoni. Generalmente non sono molto per le cover, tranne per pochi specifici casi, ma la cover dei DK (pezzo che non sentivo da chissà quanto!) è comunque piacevole. Spendo una parola sul supporto: è da parecchio che dico che, visti gli esigui numeri di vendita, nessuno dovrebbe sentirsi obbligato ad incidere 50 o 60 minuti di musica se non ci sono idee a sufficienza. Basta con i dischi zeppi di filler o con le poche idee musicali diluite su troppe tracce. Hai 15 minuti di musica? Registrali al meglio che puoi e poi pubblicali! Non so voi, ma io davanti ai 20 minuti di Neraka penso di aver speso bene i miei soldi.
Kiodo 74
Martedì 14 Aprile 2020, 23.13.36
2
Onore e gloria ai Necrodeath!! Peso per anni in gioventù è stato il mio eroe nazionale...... Ossequi!
CUJO
Martedì 14 Aprile 2020, 22.47.44
1
ORGOGLIO ITALIANO E GRANDI PROFESSIONISTI.
INFORMAZIONI
2020
Black Tears of Death
Thrash
Tracklist
1. Inferno
2. Petrify
3. Succubus Rises
4. Flame of Malignance (live version)
5. California Uber Alles (Dead Kennedys cover)
Line Up
Flegias (Voce)
Pier Gonella (Chitarre)
GL (Basso)
Peso (Batteria)
 
RECENSIONI
80
75
72
72
71
70
79
69
84
77
84
85
86
83
ARTICOLI
02/05/2018
Intervista
NECRODEATH
Gli anni di Cristo
20/04/2018
Live Report
NECRODEATH + LAPIDA + WHISKEY & FUNERAL
Defrag, Roma, 14/04/2018
29/05/2015
Live Report
NECRODEATH + PATH OF SORROW + SINPHOBIA + MOLOSSO
261, Genova, 22/05/2015
08/08/2014
Intervista
NECRODEATH
Peccati Capitali
30/03/2013
Intervista
NECRODEATH
The Rocky Road to Dublin
11/10/2012
Intervista
NECRODEATH
Tra passato e futuro
26/09/2012
Live Report
NECRODEATH + CO2 + UNTORY + ESCAPEINOUT
Insomnia - Scordia (CT) 15/09/2012
02/04/2012
Live Report
NECRODEATH + EXCRUCIATION + DEATH MECHANISM ed altri
Lo-Fi, Milano, 24/03/2012
04/03/2012
Intervista
NECRODEATH
Into The Macabre, 1987 - 2012
13/12/2011
Intervista
NECRODEATH
Quando il thrash si tinge di pulp...
10/03/2011
Live Report
NECRODEATH + RAZA DE ODIO + DATAKILL + SHAKE WELL BEFORE
Bulldog, Serra Riccò (GE), 05/03/2011
09/01/2010
Live Report
NECRODEATH + DEATH MECHANISM + SHINING FEAR
Resoconto di una grande serata
04/01/2010
Intervista
NECRODEATH
Venticinque anni di furia metallica
01/12/2007
Live Report
NECRODEATH + CRIPPLE BASTARDS
Target Club, Bari, 23/11/2007
29/07/2006
Intervista
NECRODEATH
Parlano Peso e Flegias
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]